[Video] Troy Brosnan si mette alla prova sui ripidi(ssimi) di Morzine

15

Chi frequenta assiduamente il comprensorio di Portes du Soleil sa che la vera sfida è al di fuori del bike park e più precisamente a Morzine. Vengono chiamati “trail illegali”, poiché tracciati “in autonomia” dai rider al di fuori delle aree del bike park, e solo i local più accaniti li conoscono tutti, dato che molti sono difficili da trovare ma soprattutto perché sono veramente molto, molto ripidi e incazzati e non sono assolutamente alla portata di tutti, soprattutto considerando che il più delle volte sono coperti di fango. Troy Brosnan ci mostra come anche i pro possano trovarsi in difficoltà…

 

Commenti

  1. frenk:

    Mont Chéry in generale è piuttosto ripido come versante e c'è roba bella divertente, tecnica ma comunque alla portata di chiunque sappia andare in bici, ma la roba nel bosco di Morzine è veramente su un altro livello. Trail stretti, assurdamente verticali, spesso anche un po' in contropendenza, canalina scavata a traccia singola in mezzo allo sporco, intervallati da radici a volte enormi... e il tutto il più delle volte condito dal fango, quindi vietato frenare. 100% stile inglese. Per chiunque altro è veramente una roba da ansia e chiappe strette. Due o tre giri così e a livello di adrenalina, stanchezza, concentrazione mentale, jolly e tecnica hai fatto il pieno per tutto il giorno, pronto per i giri di birra. Alla fine i local (che a Morzine sono gli inglesi) di girare tra le sponde del park ne hanno a nausea presto (soprattutto quando iniziano a sfondarsi di brake bumps), se non per tirare qualche salto, quindi vanno a godersi la vera guida inglese cercando e a volte aprendo questi trail al limite dell'estremo... e a girarci a gas spalancato. Poi in quei trail così incazzati ci girano talmente forte che quando ci portano i pro (e a Morzine se ne vedono molto spesso), li devono aspettare.
    anche di là è lo stesso ;-)

    E condivido il tutto...
  2. Proprio non ne capisco il divertimento.
    Considerata la fatica media che faccio per arrivare in cima, bruciarmi tutto su un dritto (col terrore di schiatarmi), proprio no, grazie

    Poi loro sono buffi da sentire
  3. meliobike:

    Proprio non ne capisco il divertimento.
    Considerata la fatica media che faccio per arrivare in cima, bruciarmi tutto su un dritto (col terrore di schiatarmi), proprio no, grazie
    Siamo in due. Fare tratti di 10 metri alla volta scivolando sul fango anche no. Evidentemente qualcuno lo apprezza ma è esattamente quello che vorrei evitare a tutti i costi quando imbocco un trail.
Storia precedente

[Test] Maglie in lana merino Mons Royale Redwood Enduro VT

Storia successiva

TransMadeira X Cannondale: contribuisci al trailbuilding e vinci

Gli ultimi articoli in News