A cosa serve una guida MTB in carne ed ossa?

8

Turista fai da te?
Quando si va in un posto nuovo in bici si hanno due alternative: organizzarsi da soli cercando itinerari in internet, come su Training.Camp, oppure affidarsi alle guide del luogo. È quello che abbiamo fatto ad Aosta con Aosta Valley Freeride, e ne è valsa veramente la pena, non solo perché ci hanno mostrato dei sentieri che non conoscevamo, ma anche perché una guida può raccontarti la storia e le particolarità dei posti in cui si passa, arricchendo l’esperienza.

Una guida inoltre nota il livello di riding del suo gruppo e sa dunque dove portare i clienti per evitare di far percorrere loro itinerari troppo difficili o, all’estremo opposto, noiosi. Se poi qualcuno dovesse farsi male o ci fossero dei problemi tecnici, chi meglio di una guida del posto saprebbe tirarci fuori dai guai?



.

Insomma, è chiaro che il servizio costa qualche eurino, ma si va ben oltre la condivisione di un giro che magari non si conosce. Gli stessi ragazzi di Aosta Valley Freeride non hanno come priorità quella di tenere segreti i sentieri, tanto che hanno pubblicato ben due cartine con tutti i tour che propongono ai loro clienti.

I giri del video contengono risalite con lo shuttle di Aosta Valley Freeride, che si può prenotare qui. Li trovate fra i miei allenamenti,

La bici nel video é la nuova Scott Genius.

Commenti

  1. Probabilmente con un gruppo di amici la guida è un'ottima opzione per girare in sicurezza senza spendere un capitale e fare i trail più belli e panoramici.
    Quando ero in vacanza sul Monte Conero, dove ho noleggiato un'ebike, facevano anche giri organizzati con guida.
    Ma sono andato da solo e a naso, sui trail ho conosciuto un biker del posto e mi ha portato in giro per il monte evitando i tratti da "enduro" perché non voleva farsi male... alla fine mi sono divertito lo stesso.
  2. Ho fatto spesso giri con guide locali e li ho sempre graditi, anche se a volte mi piace creare i miei giri o fare quelli proposti dagli amici. Una guida ti porta sempre sui sentieri più belli, ti fa fare qualche deviazione interessante, ti dà una mano se sei in difficoltà e qualche dritta su come goderti la vacanza. Purtroppo, se non si è almeno in tre o quattro, il costo non è indifferente e spesso ho dovuto rinunciare.
  3. Io ho fatto la guida per un estate intera, per me la guida ha senso in 2 casi:
    - gruppo di persone non esperte di MTB che noleggiano e-bike e vogliono conoscere il territorio senza rischiare quasi nulla
    - gruppo di persone esperte di enduro che cercano trail naturali o quasi con buon quoziente tecnico, il problema di questi gruppi è che qualcuno spesso si fa male e devi gestire l infortunio oppure che si rompa una bici. Rimane comunque il senso di far conoscere trail a gente che se si trova bene ritorna poi da sola e comunque anche senza guida spende soldi nel territorio in cui precedentemente sono stati accompagnati dal sottoscritto.
    Poi capita anche che becchi gente che ha più manico di te e allora impari anche tu qualcosa.
Storia precedente

Öhlins presenta un ammortizzatore e una forcella da XC

Storia successiva

Monte Calvi Trail Area

Gli ultimi articoli in Viaggi e uscite in mountain bike

Bikepacking nel Caucaso

Il report di viaggio bikepacking di Henna e Sabine nel Caucaso della Georgia settentrionale, da Stepantsminda…

Il roccioso ligure

Di solito quando vado in Liguria ci vado per fare enduro nelle solite località, ma in…

Bike Park Tajarè

Oggi vi vogliamo presentare il Bike Park Tajarè, situato in bassa Valle Stura (CN), interessa i…