Arriva il sistema a doppia camera DeanEasy


Vi avevamo già presentato il sistema DeanEasy: l’alternativa italiana al sistema a doppia camera Schwalbe Procore.

deaneasy

Oggi ci è stato detto che il sistema è pronto per essere applicato:

Installare il sistema doppia camera sulla propria MTB, ed avere quindi tutti i vantaggi del caso, non è mai stato più semplice. E’ possibile modificare la tua ruota con il nostro sistema. I requisiti sono:
– cerchio interno compreso tra 22mm a 25mm (ideale 23mm);
– compatibilità Tubeless o Tubeless Ready;
– formato 27,5″.

valvola

Ricordiamo che il sistema DeanEASY è retrocompatibile con camera d’aria e Tubeless quindi non vincola l’utente in nessun modo all’uso con tubolare interno. Se il cerchio rispetta questi requisiti, contatta il centro DeanEASY più vicino a te. Prezzo di lancio, a ruota, di 110€ (comprensivo di tubolare)+eventuali spese di spedizione!

Trovate tutte le informazioni sul sito deaneasy.it

    1. Da super fans del sistema (uno dei primi ad usarlo abitando nella stessa provincia dell’inventore) dico delle cose. Schwalbe è leggermente più concorrenziale rispetto a DeanEASY ma mi permetto di dire che è un progetto molto più macchinoso rispetto a quello italiano (quando ti troverai a montare un kit Schwalbe te ne accorgerai (camera d’aria+copertone interno+copertone esterno+valvola per il flusso dell’aria, specie in caso di foratura su sentiero che può sempre capitare. Basti pensare che al punto 5 del loro sito scrivono ‘ Un po’ di pazienza e destrezza per il montaggio’).

      Altro punto di forza è che è pienamente retrocompatibile con camera d’aria e tubeless, quindi basta togliere il tubolare interno ed usarlo con camera d’aria o tubeless. Quando un biker sa montare una camera d’aria correttamente a tutte le competenze per usare il nostro sistema.

      Il peso è la metà del Schwalbe (con il deaneasy non aumenta il peso rispetto ad una configurazione standard) ed è compatibile con qualsiasi copertura UST/TR.

      W il made in Italy e quando le cose funzionano e le facciamo bene (parlo noi come Italia) crediamoci! Il progetto è unico a livello mondiale e brevettato quindi a Cesare quel che è di Cesare

      (1)
  1. L’idea è sicuramente valida, ma vedendo la sezione della valvola mi sorgono dei dubbi, non fugati dalle risposte precedenti. Come faccio a regolare o conoscere la pressione della gomma se ho il tubolare gonfiato? Devo sgonfiarlo? Nella nuova valvola ho una presta, una schrader e una discreta quantità di alluminio. Mi toccherà equilibrare? E il lattice, andrà a tappare il passaggio necessario per gonfiare il tubeless? Boh! Poi è vero che non avrò due fori nel cerchio, ma mi sa che la valvola è comunque più larga della presta e il foro andrà allargato. Paura!

    (0)
    1. è 2 anni che questo sistema viene testato sui campi gara (sottocornola e milivinti ci hanno corso il superenduro) quindi sono problemi già passati e risolti. La pressione della gomma è come se avessi un tubeless, niente di più, i 2 canali di gonfiaggio sono separati, non è che quando gonfi il tubolare si tappa l’entrata. Logico che il lattice tappa e non ci sono perdita d’aria, idem per gli altri problemi che hai sollevato, altrimenti non sarebbe in commercio 🙂

      (0)
    2. Qui trovi anche la risposta…
      Le differenze tra Schwalbe ProCore eil sistema DeanEasy
      Dai commenti che si leggono in giro nei vari siti e forum abbiamo visto come la gente, giustamente, paragona il nostro sistema al sistema ProCore di Schwalbe, menzionando principalmente la convenienza maggiore: 179€ il set ProCore contro i 110€ a ruota del nostro sistema. Vogliamo però mostrarvi bene la situazione in modo da capire meglio le dinamiche in gioco e non cadere sempre nella tentazione di denigrare il nostro lavoro (nostro come Italiani) e parlare bene degli altri (l’Italiano alle volte è un po’ esterofilo).

      Schwalbe è leggermente più concorrenziale rispetto a DeanEASY ma ci permettiamo di dire che è un progetto molto più macchinoso rispetto al nostro (un kit Schwalbe non è molto intuitivo da montare visto che è composto da camera d’aria+copertone interno+copertone esterno+valvola per il flusso dell’aria da girare all’occorrenza). In caso di foratura su sentiero, che potrebbe comunque capitare, siamo nei guai se non abbiamo della manualità. E’ vero che si può tornare a casa sul tubolare interno, come nel nostro caso, ma sarebbe bello risolvere completamente il problema e non abbandonare l’allenamento o l’escursione per un problema di foratura. Basti pensare che al punto 5 del loro sito scrivono ‘ Un po’ di pazienza e destrezza per il montaggio’.

      Bici di S8Altro nostro punto di forza è che è pienamente retrocompatibile con camera d’aria e tubeless, quindi basta togliere il tubolare interno e inserire camera d’aria o valvola per il tubeless. Quando un biker sa montare una camera d’aria correttamente, ha tutte le competenze per usare il nostro sistema. Per fare questo montiamo una valvola sul cerchio fissandola chimicamente e certificata tenuta stagna (composta da 2 entrate, una per il gonfiaggio del ‘tubeless’ e una per il tubolare interno). In caso di danneggiamento del sistema, si toglie il tubolare interno e si mette la camera d’aria (fino ad ora solo una caso di rottura tubolare interno dopo 2 anni di test su gare e in superEnduro con Sottocornola e Milivinti).

      Il peso è la metà del Schwalbe (200gr contro 110gr quindi con il DeanEASY non aumenta il peso rispetto ad una configurazione standard, anche perchè poi si può scendere un po’ di peso evitando copertoni sopra al kg) ed è compatibile con qualsiasi copertura UST/TR. Quindi in questi 110€ (link all’offerta) vi creiamo una ruota che può poi essere usata in qualsiasi modo e non vi vincola ad usarla in configurazione doppia camera, senza considerare che in questa cifra c’è il lavoro di saldatura della valvola e non una mera vendita di camera d’aria, tubolare interno e gli accessori che vi servono.

      W il made in Italy e quando le cose funzionano e le facciamo bene (parliamo noi come Italia) crediamoci! Il progetto è unico a livello mondiale e brevettato quindi a Cesare quel che è di Cesare.

      (0)
      1. Beh, io ho fatto anche i 140! …con la bici sul portabici! No, a parte gli scherzi, leggendo che è stata già usata in gare di enduro negli ultimi due anni direi che il sistema è collaudato. Mi aveva solo fatto pensare il peso della valvola. 11 grammi a quel raggio non sono pochi. Chiaramente a velocità mtb magari non si sentono nemmeno.

        (0)
  2. a me intriga parecchio, però ho cerchi con canale da 29mm interno e mi vedo escluso al momento.Parlando con Davide S8, mi diceva che gira a 1,4/1,5 bar all’anteriore, sai che grip tiri fuori dal pneumatico!?!

    (0)
  3. @Aitor @Mtb80.blog grazie per i chiarimenti tecnici, l’idea sembra molto interessante.

    Avrei un paio di ulteriori domande:
    – Il sistema funziona solo su cerchi in alluminio?
    – In cosa consiste la modifica al cerchio (foro piu’ largo…)?
    – Il fissaggio chimico della valvola e’ effettuato tramite saldatura o collante?
    – Una volta modificato il cerchio e’ possibile eliminare la modifica e ritornare all’utilizzo normale del cerchio e / o utilizzare la valvola su un’altro cerchio (es: se si rovinasse il cerchio o se cambiassi ruote)?
    – E’ previsto lo sviluppo del sistema per cerchi da 26″ (ho visto che per i 29″ si parla di Aprile)?
    – E’ previsto lo sviluppo del sistema per cerchi piu’ larghi di 25 mm?
    – I centri autorizzati per la modifica dei cerchi per ora sono in Lombardia, Piemonte, Veneto e Trentino. Sono previsti centri per le altre regioni italiane o si dovra’ spedire le ruote ai centri esistenti?
    – E prevista la possibilita’ di effettuare da soli il fissaggio chimico della valvola?
    – Come mai Schwalbe e’ riuscita a commercializzare un sistema cosi’ simile se il sistema Deaneasy e’ stato brevettato?

    grazie in anticipo per la vostra disponibilita’

    (0)
  4. In effetti, non essendo legato alle grandi case che hanno tutto l’interesse a generare obsolescenza, non si capisce perché il sistema non sia stato studiato per diversi formati e canali. Attendiamo pure. Mi sa in vano…

    (0)
  5. Ciao a tutti, come suggeritomi da @Aitor ho contattato DeanEASY e nel giro di poche ore hanno risposto in maniera molto gentile a tutte le mie domande. Mi hanno autorizzato a postare tutto sul forum, quindi eccovi quello che mi hanno risposto.
    Per chiarezza ho inserito la mia domanda e a seguire la risposta di DeanEASY.
    In parte ci sono le risposte alle domande di: @DarioBO80 @romphaia @freeride1 @gabrireghe @inve @AureliaSS1

    whattis: il sistema funziona solo su cerchi in alluminio?
    DeanEASY: il sistema per ora lo garantiamo solo su cerchi in alluminio. Il carbonio è un materiale delicato e vorremmo fare dei test approfonditi prima (un tubolare interno a 10 atmosfere potrebbe creare danni)

    Whattis: in cosa consiste la modifica al cerchio?
    DeanEASY: la modifica consiste nell’affissione della valvola sul cerchio tramite una “incollatura” (abbiamo visto che con l’uso di collante tiene meglio eventuali perdita d’aria rispetto alla saldatura laser). Il foro viene appena appena allargato senza compromettere quindi la struttura

    Whattis: il fissaggio chimico della valvola e’ effettuato tramite saldatura o collante?
    DeanEASY: tramite collante, come detto sopra dopo varie prove abbiamo visto che per adesso è la soluzione migliore (la saldatura laser deve essere precisa e molte volte l’alluminio cambia di “qualità”, perfino sugli stessi modelli!, ed è quindi difficile programmare una produzione di massa con questa problematica)

    Whattis: una volta modificato il cerchio e’ possibile eliminare la modifica e ritornare all’utilizzo normale del cerchio e / o utilizzare la valvola su un’altro cerchio (es: se si rovinasse il cerchio o se cambiassi ruote)?
    DeanEASY: questo non avrebbe molto senso visto che il nostro sistema si può comunque usare con camera d’aria o tubeless, si tratta solo di vedere visivamente questa piccola doppia valvola attaccata al cerchio. Essendo un collante molto forte è difficile toglierlo e si rischia di indebolire la struttura (però su questo bisognerebbe fare dei test e vedere, non abbiamo ancora provato a strappare svariate valvole dai cerchi)

    Whattis: e’ previsto lo sviluppo del sistema per cerchi da 26″ (ho visto che per i 29″ si parla di Aprile)?
    DeanEASY: per i 29” sono già in test alcuni pezzi e pensiamo già ad Aprile di aprire al 29”. Per il 26” ci stiamo riflettendo, per ora non è previsto ma basterebbe solo produrre un tubolare apposito da 26” quindi se il progetto decolla si può pensare anche al 26”. Avendo dovuto investire inizialmente su di un formato abbiamo scelto il 27,5”

    Whattis: e’ previsto lo sviluppo del sistema per cerchi piu’ larghi di 25 mm?
    DeanEASY: per ora no ma anche qui basterebbe lavorare con un tubolare più largo e iniziare nuovi test di collaudo quindi se il progetto prende piede perché no

    Whattis: i centri autorizzati per la modifica dei cerchi per ora sono in Lombardia, Piemonte, Veneto e Trentino. Sono previsti centri per le altre regioni italiane o si dovra’ spedire le ruote ai centri esistenti?
    DeanEASY: non chiediamo grandi impegni economici ai centri DeanEASY quindi chiunque può diventarlo, basta che entri in contatto con noi. Se hai un negozio di fiducia digli di contattarci e siamo ben lieti di inserirlo. Essendo di Verona siamo partiti dai negozi dal Nord ma contiamo, nelle prossime settimane, di espanderci verso Centro e Sud

    Whattis: e’ prevista la possibilita’ di effettuare da soli il fissaggio chimico della valvola?
    DeanEASY: per ora no per evitare complicanze o problemi. L’obiettivo nostro sarebbe riuscire ad insegnare ai vari centri autorizzati a fare questa operazione in modo che un utente non debba spedirci la ruota

    Whattis: e’ previsto un test da parte di MTB-MAG.com?
    DeanEASY: ci stiamo lavorando. Per ora siamo in contatto con un personaggio di spicco di Bicilive mentre 365mountainbike ha già fatto un test nel numero di Agosto 2014 (#31). Ecco qui di seguito il test http://www.deaneasy.it/it/news/5-deaneasy-testato-su-365mountainbike.html

    Whattis: come mai Schwalbe e’ riuscita a commercializzare un sistema cosi’ simile se il sistema Deaneasy e’ stato brevettato?
    DeanEASY: il nostro brevetto è sulla valvola infatti Schwalbe inizialmente ha prodotto il suo sistema su 2 fori mentre ora ha un singolo fora ma per regolare l’aria tra copertone esterno e copertone interno ha bisogno di un “accessorio/leva” per cambiare il flusso dell’aria. Il suo sistema comunque differisce molto dal nostro visto che è composto da camera d’aria, da un copertone interno e dal copertone esterno (ben 3 strati!). Il nostro è molto più semplice e intuitivo ma lasciamo all’utente decidere quale sia il migliore.

    Grazie a DeanEASY per la disponibilita’.

    (0)