Berria Bravo: l’anello di congiunzione fra front e full

45

[Comunicato stampa] Il marchio spagnolo di biciclette Berria ha lanciato una nuova edizione della sua mountain bike XCO, la Bravo.

L’edizione 2024 è stata completamente rinnovata e vede la Bravo evolversi da hardtail a softail, introducendo una serie di tecnologie all’avanguardia che la contraddistinguono come pioniere nella fascia ad alte prestazioni di questo settore in rapida ascesa.



.

Il design del telaio incorpora il nuovissimo sistema di sospensione posteriore Softex Carbon Flex Control di Berria, che sfrutta la flessione controllata del reggisella TIBIA per offrire comfort e assorbimento delle piccole asperità. Quando gli impatti aumentano di intensità, il punto di rotazione della sospensione attiva i foderi posteriori che, grazie al loro maggior grado di resistenza alla flessione, ammortizzano e garantiscono un rapido recupero della sospensione. La sospensione posteriore offre una flessione dei foderi che assorbe le imperfezioni e le trasforma in velocità, mantenendo più a lungo il contatto della ruota posteriore con il terreno.

La sospensione posteriore offre una flessione dei foderi che assorbe le imperfezioni e le trasforma in trazione, mantenendo la ruota posteriore a contatto con il terreno più a lungo. Il sistema ultraleggero è progettato specificamente per assorbire le asperità e le imperfezioni ad alta frequenza.

Altri vantaggi chiave del sistema di sospensione posteriore Softex Carbon Flex Control sono:

Rispetto alle bici hardtail
– Migliore capacità di assorbimento
– Maggiore aderenza
– Maggiore tempo di contatto con il terreno e conseguente trazione
– Aumento della reattività e dell’efficienza della pedalata, con conseguente aumento della velocità su qualsiasi terreno.

Rispetto alle bici full-suspension
– Maggiore reattività e accelerazione
– Sospensione più leggera
– Ritorno più rapido della sospensione su terreni facili
– Cuscinetti a sfera che eliminano la necessità di manutenzione

Il telaio standard della Bravo pesa solo 1.270 g ed è costruito in carbonio HM2X. Questo composito all’avanguardia incorpora una resina Mach R rinforzata, che gli consente di resistere ai terreni più duri e di garantire un trasferimento di potenza altamente efficiente tra il ciclista e la bicicletta.

Anche la geometria della Bravo è stata rivoluzionata per offrire una guida veloce e ultra-reattiva:
– Carro ridotto di 7 mm
– Interasse aumentato di 23 mm
– Angolo di sterzo aumentato di 1,6
– Tubo sterzo accorciato di 7 mm

Il risultato è una bicicletta che offre una soluzione ideale tra le hardtail e le full-suspension, perfetta per i ciclisti che amano affrontare terreni diversi, sia nelle competizioni di cross country e granfondo, sia nelle uscite ricreative.

Altre caratteristiche della Bravo sono:
– Reggisella a flessione controllata TIBIA 14 mm
– Serie sterzo integrata, attacco manubrio OH2S da 1-1/2″ e sterzo con blocco a 160°
– Sistema di cavi integrato ICS2
– Tripla monoscocca
– Matrice di resina Nanotech CNT
– Movimento centrale BB92
– Tecnologia Active Stay
– Sistema anti-fango
– Asse passante integrato 12×148 mm
– Freno montato sul post PMS
– Gancio deragliatore universale UDH

Al momento del lancio sono disponibili quattro specifiche della Bravo, con prezzi che vanno da 2.399 a 5.599 euro.

Berria

Commenti

  1. Railspike:

    Sulla Roubaix puoi cambiare l'intervento dell'ammortizzatore (il Future Shock) intervenendo sul carico di stacco del sistema, lasciando vuota la "camera" o inserendovi all'interno una delle tre molle in dotazione. Qua non mi sembra di capire che si possa intervenire in tal senso.
    Si é giusto, sulla Roubaix si può agire sull'ammortizzatore.
  2. beh, a me esteticamente non dispiace per nulla, e i piccoli "trucchetti" per renderla un pò più comoda sono sempre benvenuti....
    Non dovete fare il confronto con le full o le downcountry ma con le gravel, la domanda da farsi è: "preferisco una HT così o una gravel?"
  3. Maramaldo3:

    beh, a me esteticamente non dispiace per nulla, e i piccoli "trucchetti" per renderla un pò più comoda sono sempre benvenuti....
    Non dovete fare il confronto con le full o le downcountry ma con le gravel, la domanda da farsi è: "preferisco una HT così o una gravel?"
    Non capisco cosa c'entrano le gravel...
    è una mtb, e in quanto tale deve conforntarsi con le mtb, full o front che siano
Storia precedente

Abus Cliffhanger Challenge: i vincitori

Storia successiva

2400 durissimi metri al lago

Gli ultimi articoli in News