Canyon attaccata da cyber criminali

Canyon attaccata da cyber criminali

06/01/2020
Whatsapp
06/01/2020

Canyon comunica che nei giorni delle Feste è stata attaccata da una banda di cyber criminali che sono riusciti a penetrare nel sistema informatico dell’azienda e di tutte le sue filiali internazionali, a parte quella americana che usa un sistema diverso.

Sia i server che il software sono stati cifrati e quindi in parte resi inoperativi. Il sito Canyon.com non è stato toccato, quindi gli ordini possono essere piazzati senza problemi. Rallentamenti si potranno accusare nei prossimi giorni per quanto riguarda la comunicazione con l’azienda e le spedizioni, ma il tutto dovrebbe tornare alla normalità a breve.

Contro i criminali è stata sporta denuncia, mentre gli esperti di sicurezza informatica sono riusciti a bloccare l’attacco e analizzare i danni.

 

Commenti

  1. avalonice:

    cit:"Sia i server che il software sono stati cifrati"
    dal comunicato sembra che siano stati colpiti da un ransomware se fosse così hanno toppato tutte le più elementari norme di sicurezza e per una azienda che ha il suo coro business incentrato su un sito web non mi sembra una grande prova.
    dipende da chi c'è dietro, questa sembra una banda che poi chiede i riscatti per ridarti tutto, non l'adolescente brufoloso emo.
    Volendo si entra ovunque.
  2. TdTrado:

    Successo alla mia società ( una multinazionale americana ) poco prima di Natale, ransomware RYUK.
    Una settimana con tutti i server di tutti i sistemi interni e pubblici spenti, per ripulire il tutto e ricaricare dai backup.
    Questi sono professionisti, mirano ai pesci grossi per chiedere riscatti milionari
    Quest'estate hanno attaccato anche una azienda italiana, la Bonfiglioli Riduttori, a loro avevano chiesto 340 bitcoin (2,4M€!!!) per avere le chiavi di cifratura...
    Se non erro successo anche alla Camozzi a novembre
  3. avalonice:

    cit:"Sia i server che il software sono stati cifrati"
    dal comunicato sembra che siano stati colpiti da un ransomware se fosse così hanno toppato tutte le più elementari norme di sicurezza e per una azienda che ha il suo coro business incentrato su un sito web non mi sembra una grande prova.
    Si spera sempre succeda agli altri...
    sarebbe interessante capire il meccanismo d'infezione, via email o in altro modo?