Come scegliere la perfetta bici da all mountain / trail

Come scegliere la perfetta bici da all mountain / trail

28/10/2016
Whatsapp
28/10/2016

[ad3]

Ammettiamo per un momento che conosciate l’ambito di utilizzo della bici che volete comprare, e semplifichiamolo con una parola: escursionismo. Siete il classico biker che si mette in sella per godersi un giro nella natura, con o senza amici, pedalando la salita e godendosi i sentieri che il vostro territorio offre.

Con questo articolo vogliamo darvi delle indicazioni per districarsi dall’attuale caos presente sul mercato, partendo proprio dal presupposto principale: come si voglia usare la bici.

Full suspended o front?

Nel 2016 non c’è motivo per scegliere una bici che non sia biammortizzata, se non quello del prezzo. Una front suspended, cioè una mountain bike dotata di forcella ammortizzata, ma con carro “rigido”, costerà di meno e avrà bisogno di meno manutenzione, ma non sarà così performante come una moderna full. Anche la questione del peso lascia il tempo che trova, visto che i pochi etti di differenza significano molto divertimento e sicurezza in più. Per la full.

Quindi il consiglio é quello di indirizzarvi verso una full. Se il budget è limitato, basta andare nel nostro mercatino per trovare ottime offerte.

26, 27.5 o 29?

Stiamo parlando dei diametri ruota. Il 26″ era il formato classico per le MTB, ma ormai è di fatto sparito dal mercato. È difficile trovare componenti e gomme che vadano bene per le 26. Insomma, se state per investire dei soldi in una bici (nuova o usata che sia), spendeteli per qualcosa al passo coi tempi. Lasciamo perdere le disquisizioni su cosa sia meglio, la verità è che se un giorno volete cambiare forcella o cercate delle nuove gomme, avrete molte difficoltà a farlo con il formato 26 pollici.

Rimangono così il 27.5 e il 29. La prima distinzione da fare è quanto vi piaccia pedalare in salita, in particolare su sentiero. In questo frangente, infatti, una full da 29 pollici è imbattibile in quanto a trazione e grip. Nelle escursioni comprese fra i 120 e i 140mm, una 29 pollici biammortizzata è la scelta migliore. L’unico fattore che potrebbe cambiare le carte in tavola è la taglia della bici, cioè l’altezza del biker. Per quanto la trazione delle 29 non venga meno neanche nelle taglie piccole, le bici sproporzionate (telaio piccolo e ruotoni) sono orrende, ma soprattutto avranno un manubrio troppo alto per far bene proprio sui tratti tecnici in salita, per non parlare delle impostazioni di curva in discesa, in cui sarà difficile premere l’anteriore bene per dargli direzionalità.

I vantaggi delle 29 pollici non finiscono qui, perché anche in discesa, grazie alle moderne geometrie, si comportano molto bene e, soprattutto, danno molta più sicurezza sul tecnico. Non fatevi ingannare da chi dice che “le 29 non girano sullo stretto”, perché non è vero. L’unica cosa vera è che le 27.5 sono più agili e giocose, ma non per questo più performanti. Inoltre è utile ricordare che stiamo parlando di bici da escursionismo quindi, anche se una 27.5 fosse più veloce, la cosa sarebbe di marginale importanza.

Gomma tradizionale o Plus?

Argomento da infinite discussioni, questo, che però si può riassumere in poche righe. Se siete insicuri e cercate quel grip e quella trazione in più per rimanere in sella là dove i vostri compagni vi seminano ogni volta che girate insieme, allora le Plus fanno per voi. Rassegnatevi però ad un maggior peso sulle massi rotanti, che si traduce in maggior fatica in salita e maggior macchinosità della bici in discesa. Le gomme Plus sotto il kg esistono, ma sono quelle che si bucano facilmente.

E occhio alla favola della pressione bassa. Potete anche provare a scendere con la pressione, l’effetto sarà però quello di deriva, in curva. Sempre che le prendiate (le curve) ad una certa velocità. Se siete fermi, anche 0.1 bar andranno bene, e potrete scrivere nel forum che le Plus hanno un grip fantastico. L’uovo di Colombo è un sistema a doppia camera come lo Schwalbe Procore, che risolve i problemi di “gomma sfloscia” e conseguente taglio dei copertoni contro il cerchio quando si pizzica.

Il lato positivo di acquistare una bici con gomme Plus è quello di poter montare delle ruote da 29 pollici al posto delle 27.5 su cui si trovano i gommoni. Con due set di ruote si hanno due bici (quasi) totalmente diverse.

Ultima nota: se girate in posti dove si crea molto fango, non cominciate neanche a pensare di usare delle Plus: troppo larghe per quell’ambito di utilizzo (non per niente le gomme da fango sono più sottili di quelle da asciutto).

Quanta escursione?

Dividiamo le bici full suspended in due categorie:

29 pollici: da 120 a 140mm. Le misure magiche per potersi arrampicare ovunque e divertirsi in discesa. Di più, e la bici diventa una enduro, con le relative difficoltà in salita, di meno, e siamo in zona XC.
27.5 pollici: da 120 a 150mm. Partendo dal presupposto che chi si compra una 27.5″ lo fa perché ne apprezza le caratteristiche discesistiche, quel centimetro in più può fare la differenza sul tecnico cattivo.

Aggiungiamoci le front: 130-150mm di escursione della forcella sono il giusto per non soffrire troppo in discesa.

Alluminio o carbonio?

Il carbonio, a parità di peso, è più rigido dell’alluminio. Questo vuol dire che si riesce a produrre telai in carbonio altrettanto rigidi di quelli in alluminio, a peso inferiore. Per un uso escursionistico MTB non c’è bisogno del carbonio, e dei suoi prezzi, per divertirsi.

L’acquisto di una bici in carbonio ha più a che vedere con la soddisfazione di comprarsi un oggetto bello e attrattivo, ed è un vero e proprio status quo, come un M5 o un AMG fra gli automobilisti. Per andare al massimo a 130 km/h in autostrada non c’è bisogno di 400 cavalli, ma è una soddisfazione avere in garage un mezzo potente e bello. Insomma, la storia del pene piccolo… la conoscete (non è però detto che chi ha la bici in alluminio abbia una tega così).

Trasmissione con monocorona o no?

La trasmissione con monocorona, cioè senza deragliatore anteriore, è quanto di piú semplice ci sia da usare, soprattutto per principianti e bambini. Il suo funzionamento è intuitivo e non richiede spiegazioni. Al momento troverete due alternative: 1×12 (12 è il numero dei rapporti) e 1×11. Sulle bici top di gamma troverete il primo, esclusivamente di marca SRAM (Eagle), su tutto il resto esiste sia SRAM che Shimano, combinato con pedivelle di diversi produttori. Sui vantaggi e svantaggi delle due soluzioni vi rimandiamo al test dello SRAM Eagle. Di base, se non siete molto allenati, orientatevi verso l’1×12 o il 2×11/2×10. Questi ultimi due hanno il deragliatore anteriore.

Bici tradizionale o elettrica?

Anatema, lo sappiamo. Eppure, anche questa è un’alternativa disponibile. Senza dilungarci troppo: se avete la forza e la voglia di pedalare, non vi serve l’ausilio del motore elettrico. Per tutti (o quasi) gli altri, le ebikes sono l’unico modo per pedalare e godersi una giornata nella natura. Alla fine, meglio una bici elettrica all’ennesima auto in coda davanti al centro commerciale o nelle strade della città. O al divano con birra e patatine.

Reggisella telescopico o no?

In ambito all mountain la risposta è univoca: si! Non uscite dal negozio o dall’online shop senza reggisella telescopico. Ormai solo i talebani del XC non lo usano, ma non dite loro che il vincitore della coppa del mondo di XC 2016 ce l’aveva in tutte le gare (Julien Absalon).

Giusto, neanche i downhiller ce l’hanno, perché la sella è sempre abbassata.

Mozzi Boost?

Boost è una nuova misura dei mozzi introdotta due anni fa. Il posteriore è largo 148mm, l’anteriore 110mm. Quasi tutte le nuove bici presentate quest’anno sono dotate di queste misure. I vantaggi di maggior rigidità delle ruote si fanno apprezzare sulle 29 pollici, mentre sulle 27.5 lasciano il tempo che trovano. Resta il fatto che le Plus possono venire montate solo su mozzi Boost.

Anche qui vale il discorso delle 26: se comprate una bici nuova, fatelo scegliendone una al passo dei tempi, perché in futuro questo sarà probabilmente lo standard per i mozzi. Se ne prendete una usata, dimenticatevi questo paragrafo.

Negozio fisico o online?

Il domandone finale. I vantaggi di un negozio fisico sono l’assistenza e la possibilità di ricevere uno sconto. Già, perché non va bene farsi ingannare dai prezzi di listino italiani, quasi sempre gonfiati perché si tiene già conto dello sconto che il rivenditore farà. Quindi, se cercate il prezzo migliore fra un marchio che vende online e uno che vende in negozio, fatevi prima fare un’offerta dal negoziante, e poi paragonate quanto dovrete cacciare fuori.

L’assistenza di un negozio fisico, se fatta bene (cosa tutt’altro che scontata, purtroppo), batte senza ombra di dubbio quella del pur efficientissimo acquisto online. Nella maggior parte dei casi infatti sarà necessario imballare la bici e spedirla all’azienda. Motivo per cui l’acquisto online ben si presta a chi sa arrangiarsi in garage, o conosce un negozio sveglio che ha capito che se vuole sopravvivere deve puntare al servizio più che alla vendita, e quindi accetterà di far manutenzione alla vostra Canyon/Rose/YT/ecc. (e i vostri soldi).

Se avete domande o volete dei chiarimenti, postateli nei commenti qui sotto.

[ad45]

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Friz one-eye
Friz one-eye

Io, due anni fa, sono stato fulminato dall’Mtb provando direttamente una discesa con una Scott Genyus. Poco dopo ho fatto un acquisto usato, senza troppo preoccuparmi di fare un’analisi , se non biomeccanica, su taglia e geometrie, e ho preso una GT Force Carbon Pro del 2013 (26) , con Forca Marzocchi da 170 e cerchi Sunringle Mtx 33. Bici non facile da portare su, ma di buona versatilità.
Ora sarei curioso di capire quali siano le possibilità di avere un mezzo più adatto alle mie caratteristiche (preferisco di gran lunga la discesa che il pedalare), ma non mi sembra facile, dato che la mia tecnica l’ho creata attraverso questo mezzo, che peraltro adoro anche esteticamente.
Consigli?
Complimenti per l’articolo, che per un neofita è utilissimo.

Mattiade
Mattiade
jimmy27
jimmy27

Non capisco perchè escludere subito le front.
Ridurre il loro limite solo nel prezzo mi rattrista, non sono ne meno performanti e a volte neanche piu economiche.
Le front da AM hanno i loro pregi, primo fra tutti la capacita di insegnarti ad andare in mtb cosa che una full fa a metà.
Ovvio è piu difficile cavalcare una ht ma non la escluderei a priori anzi per uno che vuole iniziare la ritengo la scelta migliore.

jimmy27
jimmy27

Anche la storia che le 26 sono finite ladcia il tempo che trova…

belvis
belvis

Premetto che mi sto assemblando una front da enduro di cui sono già innamorato; è vero che la front può avere i propri pregi nonchè un certo fascino feticistico che su di me ha grande presa, ma è anche innegabile che la bici ideale per fare trail/AM che dir si voglia è una full… C’è poco da dire. Potendo spendere 1000-1500 euro in più avrei preso una full senza dubbio.

vaff
vaff

MtbAction di questo mese riprende una loro recensione fatta a gennaio di una front da trail della Ghost, la Asket. Ne parlano come di una delle migliori biciclette mai provate in quest’ambito nonostante sia un’ht con 130 mm di forcella, dando un giudizio controcorrente rispetto alla loro stesa linea editoriale, infatti questo periodico da sempre privilegia le full e l’utilizzo trail nella mtb.
Lo scrivo a semplice titolo informativo, visto quanto talvolta una bici ben concepita possa, con le sue qualità, travalicare la propria classe di appartenenza ed imporsi in ambiti di solito appannaggio di ben altri progetti

tracimathis02
tracimathis02

con un’ HT seria e montata bene sali decisamente meglio di una trail full, in discesa la differenza la fa solo il biker, ma con una front ha tutto un altro sapore.
io sono passato da una trail full (150/140) ad una ht (160) e mi trovo meglio sia in salita che in discesa, forse pesa di piu la front.

ci-clo
ci-clo

Usti, non mi fate fare il talebano della 26… Non potete aiutare a scegliere tra i formati ruota solo dicendo che non si trovano gomme da 26 ecc ecc, perché non è vero. L’unica cosa è che i le bici main stream non hanno 26 pollici in catalogo, ma di ottime 26 usate ce ne sono una marea come anche gomme nuove, cerchi nuovi che se ne trovano senza problemi. Tutto il resto è fuffa….

Cau Boi
Cau Boi

il mag che non si smentisce mai. Fra articoli di primordine con analisi dettagliate di sospensioni, analisi telaistiche, freni e gomme con tutti i nerdismi vari che a me piacciono tanto (che si fa fatica a trovare anche sui test oltreoceano) ci si mette questi articoli da giornale di carnevale solo per avere clicconi in tempi di magra. E lasciate gli scooter fuori dal MTBforum per favore. Si possono fare 3 mesi d’estate nei park senza sudare in salita e divertirsi in discesa con dh o fr e pedalare benissimo durante l’anno come si e’ sempre fatto in trail bike. Mia opinione ehh.. scusate il cicchetto;)

belvis
belvis

Che i ricambi si trovino è verissimo, e se ne troveranno ancora per anni (spero perchè ho 26) ma il fatto che tutti le stiano togliendo dal catalogo vuol dire che fra tot anni quando le ultime 26 prodotte avranno finito il loro ciclo di vita utile i ricambi inizieranno a scarseggiare e soprattutto le novità non saranno prodotte anche per formato 26 quindi lo sviluppo delle stesse si è praticamente arrestato, e allora non saranno (ancora) morte ma inevitabilmente scompariranno. Detto questo chi vuole fare qualche affarone sull’usato fa benissimo a comprare 26 tanto c’è ancora tutto il tempo di distruggere la bici prima che i ricambi possano mancare ma se hai la possibilità di spendere e magari vuoi andare sul nuovo ecc prenderesti una 26? Io no, e sottolineo che non ho nulla contro nessun formato, ho usato 26 per anni e continuo ad usarla, però il futuro mi sembra segnato giusto o sbagliato che sia.

menollix
menollix

Questo è l’articolo flame x eccellenza 😀
C’è scritto in sequenza che:
1) le 26 sono morte
2) le 29 vanno meglio quasi sempre delle 27,5 (x uso trail)
3) le plus fanno c**are. O buchi o vai piano (mi ricorda il discorso FAT)
4) Chi compra il carbonio ce l’ha piccolo 😀
5) il telescopico è indispensabile
6) Boost serve a niente o quasi ma è il futuro

Adesso scatenate l’inferno 😀

menollix
menollix

Dimenticavo :
7) le front sono inutili 😀 😀

iNicc0lo
iNicc0lo

O lo sono solo x budget piu’ contenuti…

belvis
belvis

Hahah ho pensato la stessa cosa, ma ho anche pensato che qualche anno fa non avrei mai immaginato di poter leggere certe cose scritte da Diretur in persona.
L’articolo è utilissimo per i neofiti, secondo me ben fatto e scritto con onestà intellettuale da parte dell’autore.
Per quanto certe cose possano non piacere (es. che le 26 sono morte) bisogna ammettere che probabilmente è la verità…

cap24
cap24

7) la ebike è un po’ meglio del divano con birra e patatine ???
Ah e l’eagle…….credo che manchi solo se è meglio la mm o la dhf ?

mtbchepassione
mtbchepassione

Così si fa… ben detto… ci vuole poco a capire quale è la MIGLIORE soluzione attuale.. per XC 29 front; per all-mountain/enduro 27.5 biammo; per e-bike biammo e plus; telescopico sempre.. saluti e buoni giri a tutti.. e soprattutto godetevi i sentieri e ed i panorami..

sf73
sf73

Io ho due mtb: una in alluminio e una in carbonio. Sono nella categoria dei piccoli? ;-))))

Pietro.68
Pietro.68

nei medi…

vdisalvo
vdisalvo

“Per tutti (o quasi) gli altri, le ebikes sono l’unico modo per pedalare e godersi una giornata nella natura”.
Perche ?

iNicc0lo
iNicc0lo

Xche’ difficile pedalare col sorriso quando tu arranchi mentre gli altri vanno…

rimirkus1975
rimirkus1975

Bravi , un bell’articolo per chiarire le idee a chi deve ancora scrivere la letterina a Babbo Natale 😉
Personalmente darei anche il consiglio, a chi ne avesse la possibilità, prima di acquistare un mezzo approfittare di qualche testbike o perlomeno provare le varie tipologie di mtb .

Paolo M.
Paolo M.

Bel bel bell’articolo ….
me lo sono letto tre volte, mi ha dato una certa “soddisfazione”!

alexh1983
alexh1983

Sono molto contento di questo articolo perché la mia Nerve AL9.9 sembra la bici perfetta! Per essere poi “amico” di un meccanico la ho portata a comprare due gomme e latticizzarle! Da allora mi fa manutenzioni senza problemi!

Spacepadrino
Spacepadrino

FUOCO E FIAMME!! FUOCO E FIAMME!!!FUOCO E FIAMME!!!

Gabriele Zaffagnini

Bici nuova ordinata ieri! Non che sentissi la necessità di cambiare la vecchia (full da 26″ del 2013 acquistata usata un anno e mezzo fa), ma ho ragionato come voi sui formati ruota e approfittato degli sconti brutali sulle Canyon Nerve in uscita di produzione. Se con un po’ di c*lo riesco a vendere bene la vecchia full con poca spesa mi sono portato a casa una bici “moderna”. 27.5″ pollici in taglia S, per i tappozzi come me la 29″ manco la fanno più (di questa), se no forse ci avrei pensato su…

vecchiocatrame
vecchiocatrame

Se è una taglia S ha un bel mercato, c’è pieno di tredicenni per cui la 24 è troppo piccola e la 27.5 è troppo grande…

Gabriele Zaffagnini

Esatto. 26″ is the new 29″ for kids.

maxmu
maxmu

Apprezzo di più un articolo schietto in cui si dice chiaramente la propria opinione come questo piuttosto che articoli che girano in tondo in cui tutto va bene e non danno mai un giudizio personale!

danifili
danifili

Mamma mia quante frasi vere in questo articolo! Questo e’ uno dei piu’ divertenti e veritieri, che rispecchiano la realta’, di quelli che ho letto. Bravi!

nicola47
nicola47

Sono abbastanza in disaccordo su quasi tutta la linea, considerando che dovrebbe essere un articolo rivolto ai neofiti delle mtb.
Full o front?
Dipende da quanti soldi ha disposizione e da dove vive, perché giá a un principiante quando gli parli di bici da 1000 euro fischiano le orecchie, e con pochi soldi non é che si comprino chissá che full, cosa ben diversa per le front, poi se uno vive sul delta del Po (caso estremo) che te ne fai della full?
26, 27,5 o 29?
Con le 26″ si fanno affari interessanti perché la gente (guai se non ci fossero queste persone) pensa che cambiando formato diventi lo Shurter o il Gwin di turno. Poi mi fa sorridere vedere ruote da 600 euro svendute come fossero ruote che trovi al supermercato, e invece la stessa ruota da 27,5″ te la vendono come l´ultimo ritrovato della tecnologia..

_lele_
_lele_

Io che spingo in salita, sono fermo in discesa ed ho il pisello piccolo dovrei prendere una e-bike con ruote plus e telaio in carbonio, giusto?

Voibaf
Voibaf

??? la ordino anche io …

CASTAGIO
CASTAGIO

Grandissimo 🙂 :}}}: o-o

CASTAGIO
CASTAGIO

@_lele_ grandissimo lele 🙂

dinamite
dinamite

mitico!

fedebase1978
fedebase1978

For President!

Luca Mans
Luca Mans

AHAHAH!!!Complimenti per la battuta!

AngelHeart
AngelHeart

FANTASTICO! Il più bel post di tutti!

The_Farmer
The_Farmer

Sei comunque in buona compagnia.

Ivan7
Ivan7

Molto bello l’articolo (se capito….devo aggiungere visto alcuni commenti)….comunque volevo solo aggiungere che io ho sempre “odiato il carbonio”…..quindi fate voi le giuste conclusioni???
Scherzi a parte io ho una front con cui pedalo…….e una bella enduro incazzata con cui “cerco di salire” con il solo scopo di poter poi scendere a tutta…..
La bici unica e perfetta per il trail io la vedo così: alluminio/full/150mm/telescopico/27,5/gomme da 2,3TL Ready/cerchi con canale int. da 23/movimento 2X11 (anche se il nuovo 1×12 vorrei provarlo)/freni da 160mm/componentistica quanto più possibile leggera….

sunrider88
sunrider88

La descrizione calza perfettamente con ciò che ho in garage tranne che per le ruote ancora 26″.

CASTAGIO
CASTAGIO

@maxmu Concordo, apprezzo molto anchio la schiettezza del diretur (che in verità riconosco anche agli altri redattori/tester di mtb-mag ) poi si può essere più o meno daccordo con le tesi espresse. Ad esempio penso che il discorso sulle front (e un po anche sulle plus) sia stato liquidato in modo particolarmente laconico. Ma di fondo sono daccordo sulle indicazioni date e le trovo molto utili per chi deve scegliersi una bici con destinazione d’uso trail/escursionismo non troppo spinto.

mondo strano
mondo strano

Se l’articolo si rivolge ai neofiti, è concettualmente sbagliato.
prima togli le rotelline poi capisci la deriva in curva.
prima impara la posizione in sella, poi monta il telescopico.
Pedalo dal 90, senza budget da berlusconi.
mi son divertito con qualsiasi bici.
(giro ancora col free ride da 17kg 26pollici)
La bici perfetta ancora non è stata prodotta, il materiale perfetto non esiste, ne il diametro.
esiste il divertimento, ma purtroppo
per i boschi trovi sempre più pro da WC che poi son da wc.
Personalmente tutti questi nuovi standard, classificazioni, sezioni mi stanno stracciando gli ioni doppi. Non vedo una gran “evoluzione” ma solo del gran marketing fine a se stesso.
poi se potete permettervi una bici diversa per ogni giro ( e la cambiate ogni anno)
per “smaltire l’usato” mandatemi un mp!
Ora vado a dare un check alla bulloneria, pressione gomme, olio alla catena
che domani faccio un giro in mountain bike.

tonezza94
tonezza94

sono in disaccordo sulle front, che secondo me, per l’utente medio sarebbero utili e per imparare e sul fatto che le 26 sono da buttare nei casonetti. Siamo noi a decidere cosa comprare basterebbe smettere di continuare ad alimentare questo continuo cambio di formati spesso inutili.
L’appassionato non necessita di una 27,5 ma del tempo e una buona scuola per imparare ad andare in bici

daoxiannai5
daoxiannai5

no, non è vero. non siamo noi a decidere cosa comprare. Sono le aziende che decidono cosa produrre e sono loro che ti danno la scelta su cosa comprare. Loro hanno deciso di non produrre più le 26 e tu non puoi più comprarle. stop.

iNicc0lo
iNicc0lo

Sulla buona scuola sono d’accordo, sulla grandezza del cerchio no; in campo automobilistico per esempio, le utilitarie sono passate da cerchioni da 13 pollici agli attuali da 15, con beneficio per tenuta e quindi sicurezza.

Belva075
Belva075

Credo che sia stato dato uno spunto giusto a chi vuole acquistare una generalmente “perfetta” bici da trail….non tutti sono esperti e credo sia stato fatto un articolo utile per molti….a mio avviso onesto e realistico il discorso sulle 26…oggi io non acquisterei più una 26 e non so in quanti lo farebbero…

jimmy27
jimmy27

Nuova no. Ma una 26 usata la valuteri bene se a un buon prezzo ?

nicola47
nicola47

Perché no? Pensi vada meno? Io invece sono grato all´inventore del 27,5, del boost e tutte robe, é grazie a loro che trovo i ricambi sempre superscontati.. Poi se uno non cambia bici ogni anno questi problemi non dovrebbe nemmeno porseli dato che tutte le bici ormai invecchiano piú velocemente dell´elettronica

Yuri79
Yuri79

Io tutto sommato sono d’accordo con l’articolo. Sono passato da una Bianchi Kuma a una Trek Fuel Ex che come tipologia si avvicina molto a quella descritta nell’articolo (29″, full, alluminio e telescopico) e la considero davvero universale come bici. L’articolo parla di trail/all mountain, cioè partire con lo zaino e stare fuori una giornata, diverso secondo me da salire per scendere a cannone con l’integrale in testa.

The leg
The leg

Fantastico articolo.
Ho conosciuto tanti neobiker “cannare” la bici al loro primo acquisto magari perchè male consigliati dal biciaio o ingolositi solo dal design di certi modelli.
Ho apprezzato anche l’onesta intellettuale del mag (proviamo tanti razzi in carbonio perchè ce li prestano aggratis ma se non ve lo potete permettere anche l’equivalente in Alu andrà altrettanto bene).
Se fossi un neofita leggerei bene, bene l’articolo prima di andare in negozio anche perchè il ciclismo, ad un certo livello, non è proprio uno sport economico.

greg2
greg2

articolo interessante e decisamente onesto! non fa un piega…non state a menarla, poi naturalmente ognuno ha la sue preferenze ma quanto scritto direi che è sacrosanto…

struciapanza
struciapanza

Mi sembra che ci siano sempre più FRONTISRINCAZZATI,e sono molto contento,per tutto il resto sono d’accordo,per me tutto quello che fa mercato e crea movimento di grana e’ il benvenuto,quindi avanti con,26,27,28,29,30 alluminio carbonio titanio bronzo cadmio………….

montagnoso
montagnoso

“Alluminio o carbonio? ” ….o ACCIAIO !!!
Le caratteristiche dell’acciaio meritano almeno una menzione, e di essere proposte anche al neofita.

iaio
iaio

La bici perfetta è la prossima che acquisterai.

Andreacek
Andreacek

Trovo l’articolo CHIARISSIMO.
l’unico modo per non creare tanta confusione a chi vuole schiarirsi le idee nella scelta della bike, magari la prima… l’avessi letto io qualche mese fà quando ho scelto la mia… sarebbe stato tutto piu chiaro. Ovviamente uno deve sapere che uso prevalente ha intenzione di farne.
Qui comunque si parla di bici da all mountain/trail, se fosse stato sulla bici migliore per correre sugli argini allora sarebbe stato il trionfo delle front.. non capisco il problema.
Partiti dalle basi poi uno capisce cosa gli serve o cosa preferisce effettivamente, ma se sbaglia bici, sbaglia e basta.
Ciao

sabinesilva5035
sabinesilva5035

FORSE non avete mai sentito parlare della kona honza crabon trail 2017

Sender 9.0
Sender 9.0

“Ul happy Shilaty” ha trovato la bici ideale un 4 stazione per i futuri raid (gli faccio già adesso) sulla spiaggia lungo 25 km le montagne del Hinterland di Alicante o a Granada con sua grandiosa Sierra Nevada tutto con la calma di un pensionato con tutto tempo del mondo con la mia Salsa Bucksaw con le gomme “gorde” da molte di voi odiate, pero a “mi tutto mi” piace Amen!!

Sender 9.0
Sender 9.0

ooops 4 stagione voleva dire

Anto62
Anto62

Non capito la storia del pene piccolo? Chi c’è l’ha 26 è piccolo?
Per fortuna io c’ho 29…

Riki174
Riki174

Ahah…ottimo commento! 🙂
In un attimo siamo passati da 20 = tanto di cappello a 26 = piccolo… rischia anche il grande Rocco!!!
Praticamente John Holmes aveva la 29+ negli anni 60…

Mancinale
Mancinale

Caro principiante, per cominciare vai da decathlon e prenditi una front da pochi euro, che se ti piacerà pedalare nel bosco con quella allora avrai trovato lo sport della tua vita, o meglio un nuovo stile di vita. Poi vedrai che, per spendere migliaia di euro in bici e roba da bici, ti resteranno tranquillamente molti anni di progressiva e contagiosa malattia.

dlacego

Per cominciare va bene una front 26 senza spendere capitali… da quella si capirà da soli cosa piace di più: salire, scendere, entrambi, percorsi scassati, percorsi flow, ripidi, ecc. ecc. ecc. o magari si abbandonerà del tutto questo sport… ma senza aver speso un capitale nella bici. In caso contrario si inizierà ad orientarsi verso una full, una front o altro.

Questo articolo in parte interessante ha un grosso, enorme difetto che gli fa perdere ogni credibilità: è basato sulle sensazioni soggettive di chi la scritto.

Mauro Franzi
Mauro Franzi

Leggendo certi commenti viene il sospetto che qualcuno non abbia letto il titolo dell’articolo, che evidentemente NON è “la bici ideale per chi comincia con la mtb”, “come fare buoni affari nell’acquisto di una mtb”, “la bici ideale per cercare sensazioni diverse dal solito” oppure “la bici perfetta per girare sugli argini del Po”.

nicola47
nicola47

Quindi avete scritto una guida per utenti esperti che non vogliono fare buoni affari, ma che vivono nel cuore delle Alpi? Lo trovo poco utile..

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@nicola47 E’ stato scritto esattamente quel che dice il titolo, vale a dire “come scegliere la perfetta bici da all mountain trail”. Se tu fai DH, usi la bici per girare nella periferia di città, sul bagnasciuga di Rimini, fai gare xc, vuoi comprare una 26″ a prezzo stracciato o semplicemente sai già qual è la perfetta bici da trail/am, non devi fare altro che passare oltre perchè evidentemente è un articolo per te poco utile. In ogni caso non è scritto da nessuna parte che se uno vuole comprarsi una bici del genere debba essere un superesperto che vive nel Quore delle Alpi.

nicola47
nicola47

@MauroFranzi, la mia era appunto una provocazione in seguito alla tua affermazione che personalmente ho trovato un po´ discutibile. Ma poi la bici perfetta per chi? Per me? Per te? L´inghippo in quest´articolo sta tutto qui, banalizzando degli aspetti, che invece avrebbero meritato un maggiore approfondimento e che sarebbero stati utili per altre persone.

dde
dde

e pensi che in un articolo possano essere approfondite tutte le variabili ivi citate?
l’articolo secondo me è tutto ciò che di fatto propone il mercato attuale e da possessore di un ht vocata anche alla discesa dico che mi sembra abbastanza scontato che quello che si fa (soprattutto in discesa) con un ht può essere fatto più “comodamente” con una full, se vai al negozio trovi determinata roba che corrisponde alle descrizioni fornite , se vai sul mercatino o hai idee chiare o rischi di fare pochi affari

nicola47
nicola47

Se uno non ha le idee chiare l´affare lo fará sempre il venditore

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@nicola47 La mia affermazione è solamente che molti interventi tirano in ballo questioni che non c’entrano una mazza con questo articolo, e per capirlo basta leggere il titolo. Aspetti che meritano un maggiore approfondimento? Bene, dicci quali sono e parliamone…

nicola47
nicola47

Premesso che non trovo molto elegante ripetere a chi ha un´opinione diversa dalla tua che basta leggersi l´articolo e che i commenti che non ti fanno comodo non c´entrino una mazza; perché ti assicuro che l´articolo l´ho letto e capito benissimo.
Comunque ritengo che la vostra guida é abbastanza slegata dal discorso prezzo, fattore che ritengo invece fondamentale, altrimenti si parla solo di aria fritta, perché a consigliare full da 4000$ son capaci tutti. Trovo inoltre sia importante sottolineare che percorsi intenda affrontare una persona, soprattutto da un punto di vista altimetrico, perché se arrivi brasato in cima perché ti sei portato su un cancello da 16 kg hai voglia poi a spingere in discesa.. Poi sconsigliare le 26 perché non si trovano ricambi é semplicemente falso.

bikekultur
bikekultur

A me pare utile, sopratutto se ti stai affacciando al mondo della mtb e sei abbastanza ingrifato da leggere articoli e commenti sul tema. Sopratutto se giri spesso da solo o quasi, è difficile capire quanto la tua esperienza di pedalata potrebbe cambiare con una bici diversa

Paolo M.
Paolo M.

Bello e intelligente (l’articolo) l’ho già detto …
sono d’accordo su tutto
tranne sul fatto che si continui a promuovere ed elogiare la monocorona
come sistema unico nel futuro già qui; (di fatto tengo a dire che questo articolo non lo pompa neanche più di tanto),
si dice che l’unica pecca è se non si è troppo allenati,
ma nessuno mai dice degli “intraversamenti” pazzeschi che sono
costrette a sopportare le catene, roba da fare scintille se non si lubrifica bene …
oltre al dispendio di forze dovute all’attrito inutile ….

dduck76
dduck76

L’articolo comunque lo trovo utile in quanto dice molte verita’ che per ragioni di marketing nessuno ci ha mai svelato.
Ben venga quindi il giudizio seppur sempre soggettivo del diretur!

Dr. Jekyll
Dr. Jekyll

Pure io ho trovato l’articolo molto interessante e corretto. In fondo, ha detto cose che con il tempo ho maturato, e conclusioni alle quali sono giunto leggendo e cercando. Riconosco che possa essere esposto a critiche, soprattutto in un ambuito estremamente variegato e soggettivo come la mtb. Ho letto ciò che pensavo, cioè che per me la bici ideale sarebbe una 29 full con reggisella telescopico, in alluminio. Idea maturata dopo anni di giri ed uscite anche lunghe, e penso sarebbe il compromesso migliore tra confort, sicurezza e divertimento. Trovo l’articolo corretto per questo, perchè al di fuori delle manie personali (pure io ne ho), o delle nicchie che affascinano pure me (come le front con angolo di sterzo molto aperto e forcellea lunga escursione), ha fornito una motivazione sul tipo di bici più indicato per un uso escursionistico. Detto questo, io giro da anni con una front da 26 (bravo mona). Sono convinto che sia una pessima scelta, che dovrei cambiarla. La tengo perchè le voglio bene (e si finisce nelle manie personali, non previste dall’articolo). So che se la cambierò passerò ad una 29, ma penso front (e si va sulle preferenze personali oltre che le nicchie di pensiero, non previste dall’articolo): prenderei una front perchè siccome mi arrangio praticamente in tutto, non vorrei avere anche la manutenzione del carro e dell’ammortizzatore da fare. Tempo fa, per lo stesso motivo di “prendi la bici e parti” mi sono lasciato tentare anche da una rigida 29+ (tipo la krampus)…… Read more »

django1
django1

ottimo articolo! condivido tutto 🙂
ho iniziato con una bella front 26 per iniziare a divertirmi ( cosa fondamentale), imparare e capire cosa volevo fare davvero…
ebbene si…son passato a 29 full 130 con triangolo anteriore in carbonio, doppia xt 10v (anche se vorrei provare la singola), telescopico e gommazze tublessizzate… NON rimpiango l’ “evoluzione” per nessun motivo!
il boost lo lascio per la prossima bici e l’e-bike spero il più tardi possibile (anche se su una specy levo mi rideva pure il fondoschiena)

francifranci28
francifranci28

Ma chi è quel fenomeno che si prende la responsabilità di dire che non trovi più ruote e componenti da 26″?
Forse non esisteranno gli ultimi modelli di gomme, ma a vedere quello con cui giravano gli oltre 500 bikers amatori e pro che erano a Finale Ligure ieri e oggi, forse mi preoccuperei piuttosto del fatto di come mai molti di essi, presumo un buon 30% stiano ancora girando ad esempio con il Minion dhf che ormai sono quasi 15 anni sul mercato, peraltro su delle 27,5 e 29, oltre alle 26.
Se volete ne possiamo discutere fino alla morte, ma la sostanza è quella che prima di fare affermazioni così categoriche rendersi conto che non siamo stupidi da non vederle, se poi volete che vi dica che sono un cretino perché giro ancora con una 26″ peraltro fatta in Italia e in alluminio, allora vi accontento.

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@nicola47 Non è questione di opinioni, ma di fare interventi pertinenti con il tema dell’articolo. Se uno si propone di spiegare come scegliere una bici da trail/am, che senso ha obiettare che per girare sugli argini del Po sarebbe meglio altro? Questo è solo un esempio dei parecchi interventi che nulla hanno a che fare con il tema trattato.
Discorso prezzo: non mi pare che siano state consigliate bici ipercostose. Al contrario, è stato fatto notare che per divertirsi non serve affatto il modello top di gamma in carbonio.
Ovvio che se uno non è allenato faticherà a portare su una bici da 16 kg, ma non mi pare che l’articolo dica il contrario (per quanto anche questo argomento non capisco cosa c’entri, visto che da nessuna parte è stato scritto che bisogna comprare bici da 16 kg).
Discorso 26″: penso anch’io che siamo ancora lontani dall’avere problemi a trovare ricambi, ma la prospettiva purtroppo è quella. Tu ti sentiresti di consigliare l’acquisto di una bici 26″? Io francamente no, cosa peraltro quasi impossibile se si parla di nuovo.

nicola47
nicola47

L´esempio del Po era l´estremizzazione di un concetto per dire che una full non é sempre la scelta migliore a priori. Perché vivere sulle sponde del Garda é diverso da vivere a Treviso, sebbene si possa fare all-mountain in entrambi i casi.
Il discorso della bici da 16 kg diventa una conseguenza delle vostre affermazioni, perché quando scartate le front e tutte le 26 usate, avete segato in pratica la maggior parte delle bici papabili per una persona con un budget limitato ( che ritengo sia il target a cui é rivolto l´articolo ), che quindi si orienta verso una bici nuova di bassa gamma, che personalmente ritengo ben lontana dall´essere una bici perfetta.

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@nicola47 Dal punto di vista del confort, delle prestazioni e della sicurezza la full è la scelta ideale appena comincia a passarti qualcosa di scassato sotto le ruote, e se sotto le ruote ti passa solamente roba liscia come un biliardo la bici ideale non è una trail/am. Se poi vogliamo parlare di sensazioni di guida diverse dal solito, scuola o altre cose va benissimo anche la front, ma per l’appunto si esula dal discorso “bici ideale per fare al meglio una certa cosa”.
Se chi ha budget limitato deve ripiegare su una front da 16 kg con ruote da 26″ nessuno gli butta la croce addosso, ci mancherebbe altro, ma ciò non significa che quelle siano le carattersistiche ideali per una trail/am. Ti ripeto: non hai capito il senso di questo articolo.

nicola47
nicola47

Non ho mai parlato di front da 16 kg con ruote da 26…
Magari mi sono espresso male, quindi provo a spiegarla in un´altra maniera. Io critico il vostro articolo non perché non descriva la bici ideale per all-mountain, ma perché la descrive solo per alcuni, perché se uno cerca la bici che deve avere le caratteristiche da voi descritte non ne esce una bici propriamente economica. Poi per caritá ognuno ha sviluppato un proprio percorso e si é creato una propria idea..

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@nicola47 Quindi bisognava fare un articolo suddiviso per fasce di prezzo e per ogni fascia indicare le caratteristiche della perfetta trailbike? Ma dai, siamo seri!
Comunque eccoti una bella trailbike con tutte le carte in regola a 1700 Euro: https://www.yt-industries.com/en/detail/index/sArticle/610/sCategory/509

nicola47
nicola47

Non serviva fare un articolo per fasce di prezzo, ma neanche scrivere scrivere che le 26 son da buttare nel cassone del ferro… E dato che non sono l´unico che se ne é accorto, i casi son due, o sono tutti fessi, o magari effettivamente l´articolo poteva essere scritto meglio.
La bici ha da te segnalata ha le carte in regola, questo te lo concedo, ma basta andare su un sito di annunci e troverai un bel po´ di 26 piú economiche e montate meglio.

wmx
wmx

Ho letto un mucchio di cazzate… ho avuto tutti i formati 26/27/29 full e front e nel mio caso mi son divertito con tutte ma soprattutto con una datata Ridley Ignite 26… una bici tutt’oggi incredibile che infatti mi son tenuto in bella mostra in garage!

Badorx
Badorx

Sul discorso 29 in taglia S inizio a sentire pareri discordanti, ho letto di utilizzatori felici di 29″ sia in ambito AM che enduro, e non tutti i telai sono così sgraziati come si vuol far credere.
La mia domanda è: – quando farete anche un bel test di bici 29″ per diversamente alti?-
Io mi offro volontario per provarle tutte! 🙂

Cadricar
Cadricar

Anche io dopo anni di pratica con e full sono giunto alla conclusione che per escursionismo in montagna a lungo raggio le full 29″ siano il massimo e danno dei vantaggi tangibili un po’ su tutti i fronti. Poi ho incontrato gente con le front o con le 26 dammi la paga….le capacità, la tecnica e il cuore per me contano più della bici.
Mi piacciono i telai in carbonio per come sono fatti, hanno una bella linea più sinuosa, poi anche il fatto che pesano un pò meno, nel portage la schiena ringrazia., anche se ho avuto una trail AM in alu che pesava 12,6kg…lo stesso peso della mia ultima full in carbonio. Ora vado meglio ma credo più per il fatto che ho affinato la tecnica, ma in salita si pedala comunque.
Aggiungo che dopo due anni di mono sulla 27,5 sono ritornato alla doppia molto più godibile per escursioni lunghe…
Sono incuriosito delle Plus , tuttavia il dubbio della deriva con la gomma a pressioni di lavoro (1,2-1,1) mi rimane e non ho ancora capito il loro campo di utilizzo.
cmq si Full da 29″ con la doppia per il materiale del telaio dipende quanto si è disposti o si può spendere per una passione

giocezar
giocezar

Bell’articolo, semplifica la visione del mercato rispetto a quella tipologia di bici, poi sta alla persona decidere come e quanto può spendere. L’altro giorno mentre salivo a piedi sul monte S.Primo, ho incrociato classiche all mountain, e-bike, ed un tipo con la trek stache, ed anche una front classica, per cui non si risolvono i problemi, ma si affrontano in maniera diversa.

fhmorais
fhmorais

Salve, cosa mi consiglieresti voglio passare da una front a una full.
La userei tanto in salite quanto in discesa non troppo tecniche perché non sono ancora tanto brava. Vorrei qualcosa direzionata alle donne. Sono alta 1.65 quindi una S come taglia.

pauluti
pauluti

Ottimo articolo, bravo Marco.
La gente dovrebbe concentrarsi più a leggere meglio il TITOLO dell’articolo piuttosto che difendere a tutti i costi il modello che hanno in casa:
“Come scegliere la perfetta bici da…… ALL MOUNTAIN/TRIAL”
Per quella tipologia di uso non arriverei a conclusione migliore.

 

POTRESTI ESSERTI PERSO