Downcountry: il vento del cambiamento soffia nel XC

Downcountry: il vento del cambiamento soffia nel XC

Marco Toniolo, 22/06/2020

Da diverse stagioni i pro del XC corrono su piste sempre più tecniche e spettacolari. Complici le dirette web di Red Bull, e atleti iconici come Nino Schurter, la tristesse del primo decennio di questo secolo è stata dimenticata, e con lei le piste autostradali in cui i frontini stitici la facevano da padrone.

Lo stesso Nino Schurter ha dichiarato, nella nostra intervista, che corre con una forcella da 120mm, un valore impensabile per tanti amatori che si mettono in griglia ogni domenica. Le front sono state relegate a mere comparse da argine ed in parte sostituite dalle gravel, anche se già mi vedo i commenti stizziti dei proprietari felici e contenti del proprio mezzo.

Quello che si vede nei campi di gara della coppa del mondo pian piano sta pervadendo anche il mercato destinato a noi umani, e sempre più aziende offrono un modello più aggressivo del proprio missile da XC gara. L’abbiamo visto qualche settimana fa con la nuova Cannondale Scalpel, e la sorellona SE, lo vedrete domani (ore 18:00) con una novità attesissima che sto provando da più di un mese.

Gli americani lo chiamano Downcountry, intendendo con questo mix fra downhill e crosscountry la vocazione discesistica di certe bici, fermo restando le loro ottime prestazioni in salita. Ci sono marchi come Yeti che non corrono neanche in coppa del mondo, eppure hanno a catalogo bici XC quasi sconosciute alle nostre latitudini, come la SB100. Cosa blocca l’acquirente da noi? Il peso!

Possibilmente sotto i 10kg deve pesare una bici da XC, questo è il dogma. La realtà dei fatti è che, se si vuole andare forte in discesa su sentieri tecnici con una 29 (diametro ruota di tutte le bici da XC oggigiorno), ci sarà bisogno di gomme un po’ più robuste e possibilmente di un reggisella telescopico. E con questo, si salutano i 10 e si vedono gli 11, chilogrammi si intende.

Per esperienza diretta posso dire che non è il kg in più ad inficiare le prestazioni in salita, se la geometria è quella giusta. E anche qui, molto è cambiato negli ultimi anni. Anche le XC stanno diventando lunghe e basse, con angoli sterzo che rendono del tutto ridicoli i 70° a cui ci eravamo abituati fino a poco tempo fa e con movimenti centrali che finalmente tengono in conto la stabilità in discesa e in curva. Serve poi parlare della sezione delle gomme in un segmento in cui si correva con le 1.9″ fino a non tanto tempo fa? Ci sono atleti XC che usano cerchi con canale interno da 30mm e gomme da 2.4″ perché, grazie alle pressioni più basse, scorrono meglio sullo sconnesso e offrono più trazione.

Per chi compra una bici anche per divertirsi, e non solo per allenarsi, il downcountry apre orizzonti inaspettati: giri con dislivelli mostruosi e con sentieri tecnici in discesa diventano realtà, se poi ci aggiungiamo i vari sistemi di fissaggio degli attrezzi e dell’acqua al telaio o nei bibshort, ecco che si lascia a casa lo zaino e si diventa delle saette in giro per i monti. Gli itinerari che prima richiedevano odissee di un giorno, diventano fattibili in poche, intense, ore di sano e divertente mountain biking.

Qual è la bici da downcountry che vi attizza di più?

 

Commenti

  1. "Downcountry" è una markettata dal nome fastidiosissimo. Non si può sentire.

    Continuerò a chiamarle semplicemente "Trail bikes". Cioè le mtb più adatte ad un uso escursionistico, che è quello che ne fa la maggior parte delle persone per la maggior parte del tempo (anche quelli con le tutine in lycra).

    Mi accodo a tutti quelli che hanno scritto SB100. Tra tutte è quella che mi attira di più.

    Cecio:

    P. S. : il frontino lo uso ancora, non lo sostituisco con la gravel solo perché i 100m di forcella secondo me servono anche se sterrati facili.
    Idem per me. Scrivere che una gravel possa sostituire la front è una provocazione fine a sè stessa. Le front sono tutt'altro che relegate agli sterratoni "autostradali".
  2. Circa 15 anni fa, un forumendolo, a quei tempi molto attivo e competente (The End of The Time) mi disse che ""anche gli Xcisti capiranno che per loro sono meglio le full"". Nel 2005 non esistevano reggisella telescopici né geometrie moderne, ma c'era già chi profetizzava quello che sta succedendo ora.
    Finalmente la mtb sta diventando "mountain" in tutti i settori e il XC si sta allontanando da essere una brutta copia delle bici da strada: per questo ci sono le Gravel.
    Sono quasi pienamente d'accordo con quello che dice Marco, tranne nell'assurda ricerca di ogni tipo di accrocchio strano solo per lasciare lo zaino: se ti ci abitui non da fastidio, ci metti di tutto compresa la sacca idrica, protegge la schiena e costa molto meno di qualsiasi SWAT o gadget vari. De gustibus… ognuno mette sulla schiena ciò che vuole...
  3. Una full con gomme da 2.4 in fuori strada è ormai è appurato che si tratta di un buono standard.
    Sulla geometria quelle progressive richiedono comunque di essere più mobili sulla bici, dunque più tecnica.
    Poi se si comincia a mettere cerchi da 30, freni a 4 pistoni, reggi sella telescopico, manubrio largo... stare sui 11 kg è dura.
    Devo dire che il progetto della Cannondale SE mi incuriosisce e dalle recensioni sembra molto efficiente sia in salita che in discesa.
    La SE1 è già a 12,4 kg senza pedali in XL (la mia taglia), se aggiungo pedali e metto dei copertoni più resistenti tipo Schwalbe TLE si superano i 13 kg.
    La mia Propain Hugene fa 14,5 kg con una Formula Selva che mi salva le chiappe nei posti brutti... e si pedala benino.
    Certo che la SE1 dalle recensioni dicono che alla pedalata rende uno sproposito. Da provare.