È arrivato il momento dei deragliatori co-assiali?

57

Dopo le prime foto prese durante i mondiali di Le Gets, in cui sono apparsi i primi prototipi di SRAM, è venuto ora anche il momento dei brevetti depositati da Shimano in merito. Quindi la strada sembra tracciata: in futuro vedremo i deragliatori DirectMount senza forcellino, ovvero co-assiali al perno passante posteriore.



.

Sia la soluzione di SRAM che quella di Shimano prevede che il deragliatore venga avvitato tramite una bussola filettata sul supporto del perno passante posteriore.

I vantaggi promessi da queste soluzioni sono chiaramente una maggior rigidità della parte, che in tempi di 12-13V, ed in futuro forse più, dà garanzie di cambiate più precise. Inoltre il deragliatore, soprattutto nelle preziose versioni elettroattuate, è un po’ più riparato da eventuali impatti. Altro vantaggio l’universalità della soluzione, che dovrebbe mettere definitivamente nel cassetto i forcellini proprietari per ogni costruttore di telai.

Questa soluzione sembra la naturale evoluzione di quello che già dda un po’ di tempo SRAM propone con l’UDH, o Universal Derailleur Hanger, il forcellino universale, appunto, proposto da SRAM.

Questo forcellino universale può essere utilizzato solo su telai compatibili (che devono avere l’alloggiamento per lo stesso nella parte interna del telaio), e così sarà anche per il DirecMount co-assiale di SRAM, che sembra proprio utilizzare lo stesso standard. Per Shimano vedremo, probabilmente anche lì si giocherà molto a livello commerciale per riuscire ad imporre un sistema piuttosto che un altro, sempre che siano poi effettivamente differenti.

Ovviamente il fatto che ognuno dei due costruttori di trasmissioni abbia depositato un proprio brevetto fa pensare che si, saranno diversi in qualche modo. Ad esempio il brevetto di SRAM prevede che la vite di regolazione dell’angolazione del deragliatore (B-Screw, in inglese) sia posizionata sulla bussola di battuta interna, mentre quella di Shimano all’esterno, nel braccio di supporto del deragliatore.

Questo potrebbe effettivamente portare a delle differenze sulla forma e dimensione delle parti metalliche a contatto col telaio, e quindi a “standard” differenti.

Ad ogni modo si tratta di speculazioni, quello che è molto probabile è che vedremo in un futuro prossimo questi nuovi sistemi in vendita. I prototipi di SRAM (ovviamente solo nelle versioni elettroniche) sembravano già molto avanzati lo scorso agosto.

Commenti

  1. Bisognerà vedere per quanto tempo lasceranno in giro deragliatori con attacco
    convenzionale di media e alta gamma.
    Se diventeranno merce rara saremo costretti a cambiare telaio (o bici) e ottime bici diverranno improvvisamente obsolete per colpa dell'attacco del cambio.
  2. marco:

    C'è il campagnolo Ekar che funziona benissimo ed è a 13 velocità: https://www.mtb-mag.com/test-le-13-velocita-sono-realta-campagnolo-ekar-1x13/
    Basterebbe adattarlo alla mtb ed il gioco è fatto.
    Infatti, per questo specificavo "per MTB". Campagnolo purtroppo sembra poco orientata alla MTB. Probabilmente in quel campo si sente ancora troppo distante da SRAM/Shimano. Speriamo che l'apertura al gravel con l'Ekar, appunto, apra la strada a gruppi per MTB. Ho qualche dubbio, però. Mi sembra che funzioni con pacchi pignoni 9-42, quindi lungo in alto per una MTB, e col problema che 9 denti sono pochini per l'usura. Oltretutto, pur nelle condizioni meno gravose rispetto alla MTB, Campagnolo garantisce la durata della catena per 1000 km. Ciò non lascia presagire un'evoluzione per MTB così semplice come si potrebbe auspicare.
    Poi, per arrivare al pareggio con la doppia, gli manca ancora un rapporto, e ho qualche dubbio che si riesca a fare senza un altro standard boost (e giù a incrementare il fattore Q, che già ora si fatica a tenere basso cercando di non far interferire la corona con i foderi bassi) o cambiando radicalmente il sistema (cambio di modulo per diminuire la dimensione della catena, di corone e pignoni, secondo me ormai cosa da fare se i materiali lo permettono).
  3. albatros_la:

    Poi, per arrivare al pareggio con la doppia, gli manca ancora un rapporto
    E la doppia già perde qualcosa rispetto alla tripla.

    albatros_la:

    e ho qualche dubbio che si riesca a fare senza un altro standard boost (e giù a incrementare il fattore Q, che già ora si fatica a tenere basso cercando di non far interferire la corona con i foderi bassi) o cambiando radicalmente il sistema (cambio di modulo per diminuire la dimensione della catena, di corone e pignoni, secondo me ormai cosa da fare se i materiali lo permettono).
    Si ridurrebbe ulteriormente la durata, secondo me.
    Magari i progressi tecnologici mi smentiranno, ma mi viene da pensare che troppe posizioni ravvicinate richiedano una precisione dei meccanismi poi difficile da mantenere. Il minimo gioco da qualche parte ti scombina le cose.
Storia precedente

La miniera

Storia successiva

Proven Carbon: nuove ruote da Hunt, sia da XC che da enduro

Gli ultimi articoli in News

Il nuovo truck di Mondraker

Benvenuti al nostro tour esclusivo dell’impressionante truck Mondraker Factory Racing! Unisciti a noi per scoprire ogni…

La vita di un trail

Cumberland ospita una delle reti di sentieri più vivaci dell’Isola di Vancouver, ma una rete di…