MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | Elk Clog: un telaio da enduro/AM tutto made in Italy

Elk Clog: un telaio da enduro/AM tutto made in Italy

Elk Clog: un telaio da enduro/AM tutto made in Italy

11/06/2014
Whatsapp
11/06/2014

Elk Presenta Clog, il suo telaio hardtail per enduro/allmountain.

[Comunicato stampa]

La storia

Circa un anno fa, abbiamo presentato il prototipo del nostro telaio Clog, ora siamo finalmente a comunicarvi che è disponibile, ed a presentarvi la versione definitiva.

tubo_obliquo

Il progetto è partito raccogliendo delle esigenze espresse dai nostri clienti e dall’esperienza in prima persona. Queste esigenze erano riassumibili in:
“Un telaio che sia facilmente pedalabile, anche su forti pendenze deve rimanere stabile. Stabile in discesa e rapido nei cambi di direzione.
Solido, sopratutto all’avantreno, importante per il controllo del mezzo.
Confortevole, pur essendo un hardtail voglio godermi l’escursione su ogni terreno. Leggero, altrimenti mi perdo il vantaggio di lasciare a casa l’ammortizzatore.
Di facile manutenzione e affidabile.”

Il risultato è stato un telaio da enduro/all mountain completamente fatto in Italia, in acciaio, con ruote da 27,5”.
Abbiamo realizzato il primo prototipo nella primavera 2013 e testato per 6 mesi con l’aiuto dei nostri rider Daniele Ferri e Stefano Dolfin. Da questa lunga ed intensa sessione di test è nato il secondo prototipo, con nuove tubazioni, nuovi forcellini e qualche piccola modifica alle geometrie.

The Clog4

 

Soluzioni tecniche

Attualmente il settore delle front da enduro riguarda una piccola nicchia di mercato, e questo fino ad ora ha portato a pochi investimenti da parte delle case costruttrici nel ricercare soluzioni per aumentare le performance di questi mezzi.
Con il Clog siamo convinti di aver estratto le massime doti fin ora possibili per un telaio front da enduro.

Le caratteristiche principali del nostro telaio sono:

Tubazione obliqua: Il tubo obliquo è stato realizzato appositamente per questa bici. Si tratta di un tubo a triplo spessore in acciaio temperato Columbus Niobium, un materiale capace di sostenere grandi carichi di rottura, fino a 1250 N/mm² e grandi carichi di snervamento. La forma del tubo è stata pensata per garantire una notevole rigidità torsionale in fase di pedalata, infatti la parte in aderenza al movimento centrale risulta più larga e bassa. Da metà tubo andando verso la serie sterzo comincia a diventare sviluppato in altezza, con una forma a goccia, per consentire un accoppiamento con il tubo sterzo sulla più ampia superficie possibile.

The Clog2

Foderi del carro: Per i foderi del carro, abbiamo scelto acciaio temperato Dedacciai Zero: un acciaio estremamente resistente, temprato, con tubazioni a triplo spessore e carichi di rottura oltre i 1300 N/mm2. I foderi del carro hanno la caratteristica di essere appiattiti nella parte centrale, per assorbire al meglio le asperità del terreno. I foderi hanno una sezione triangolare, che conferisce al carro una notevole rigidità nella fase di trazione, in modo da trasmettere tutta la potenza della tua pedalata e fare del Clog una bici molto reattiva.
La lunghezza del carro, dopo molte prove nella fase di prototipo e test, e stata fissata 430mm (chainstay): questa è la lunghezza per noi ottimale per il range di utilizzo di questa bici, la rende veloce nei cambi di direzione, mantiene una geometria adatta alla salita, limita lo scomporsi della bici alle grosse sollecitazioni.
La forma del carro permette un passaggio ruota abbondante e lo spazio necessario per poter montare una guarnitura doppia.

Tubo_sella

Area sterzo: è stata concepita per sopportare notevoli carichi e dissipare al meglio le sollecitazioni. Il tubo sterzo è conico supporta serie sterzo up: 34mm down: 49,57mm. Le tubazioni si congiungono ad esso con un ampia superficie di saldatura grazie alla sagomatura a goccia del tubo obliquo. L’area è stata ulteriormente rinforzata da un fazzoletto nell’area inferiore.

Area_sterzo

Forcellini: I nuovi forcellini hanno un risparmio di peso del 40%, ed i in più sono nativi per l’attacco freno P.M da 180mm, in modo da risparmiare anche il peso di viti ed adattatore. Per ora sono disponibili solo con lo standard maxle 142×12, in futuro saranno disponibili anche per QR. Nel primo prototipo avevamo montato dei forcellini della Paragon che permettevano di regolare la lunghezza del carro. Sui nostri forcellini abbiamo tolto questa possibilità per due motivi: per prima cosa abbiamo constatato che il forcellino regolabile costituiva un serio problema di rigidità ed in sessioni di bike park o discese di un certo livello, questi non mantenevano le posizioni. Secondo motivo, potrebbe essere stato interessante mantenerli mobili per un utilizzo single speed o con un sistema tipo Rohloff. Vedendo lo sviluppo delle trasmissioni su 1×10 e 1×11 ci è sembrato più sensato garantire la rigidità del posteriore, che un ipotetico montaggio single speed.

20140611_165042 20140611_161734

Movimento centrale: è un pressfit standard (92mm di scatola) compatibile con il montaggio di guarniuture con standard Shimano hollowtech 2 e Sram gxp. Il movimento centrale pressfit permette un piccolo abbassamento di peso e una superficie più grande per saldare i foderi bassi del carro ed il tubo obliquo.

Tubazioni e trattamenti: tutte le tubazioni sono di acciaio trattato termicamente, acciaio Columbus Niobium per il tubo obliquo e acciaio Deda Zero per tutte le altre parti. Tutte le operazioni di deformazione sono seguite da trattamento di distensione, per minimizzare le tensioni residue.
Al termine del lavoro di saldatura il telaio, dopo essere stato accuratamente controllato viene effettuato il trattamento di cataforesi.
Questo trattamento, applicato per elettrodeposizione, garantisce il totale rivestimento interno ed esterno del telaio con uno spessore costante. Questo conferisce un alta resistenza ai processi di corrosione rendendo il telaio estremamente longevo, non solo esteticamente ma anche mantenendo inalterate le caratteristiche dell’acciaio.

foderi del carro

Geometrie

Per il Clog abbiamo, attraverso i vari prototipi , trovato le geometrie che seguono gli ultimi sviluppi della MTB. Infatti presenta un triangolo anteriore allungato con un angolo sella verticale 72° , ed un angolo sterzo di 65° con una forcella da 160. Il carro corto 430mm con movimento centrale basso 35mm di BB drop.

Il risultato di queste geometrie, unito ai materiali, rendono la bici molto performante sia in salita che in discesa. Scalare il monte dietro casa e aprire il gas godendovi la discesa non sarà mai stato così divertente. Non preoccupatevi se il trail presenta radici, rocce e varie insidie. Date fiducia al Clog, vi dimenticherete di avere una front.

tab_misure

vista_completa

Dove trovare il Clog

Il Clog sarà in vendita presso Elk Distribution, sia online che in sede.
Presto verranno organizzati dei week end test, dove vi porteremo a provare il Clog in qualche giro epico sulle Dolomiti. Per maggiori dettagli seguite il nostro sito o iscrivetevi alla newsletter.
Potete trovarci il:
14-15 giugno a Leogang
22 giugno al bike park di S. Martino di Castrozza
28 giugno alla gara “Enduro della Polveriera” a Volpago del Montello
13 luglio a Kronplatz
presto pubblicheremo le prossime date del Clog Tour

Prezzi e montaggi

Il Clog è disponibile sia come telaio che con montaggi personalizzati.
Il prezzo del telaio è di 1189€ compreso di asse Maxle e forcellini.
Un esempio di kit telaio con serie sterzo, forcella Formula 35 e ruote Dartmoor Enduro Revolt 27.5” 2189€
www.elkdistribution.com

The Clog3      colori  Movimento_centrale

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Nailos64
Nailos64

Il telaio ha un bel design, e non costa nemmeno tantissimo. Non sapevo che si potesse fare enduro/am con una bici hardtail. Ma che caratteristiche deve avere? Faccio un po’ di confusione

Mitzkal
Mitzkal

Beh, io ci faccio FR con il DMR Exhalt… Arma Letale!

rose74
rose74

Anch’io faccio enduro
Con la mia SUNN TZAR acciaiosa,de gustibus

struciapanza
struciapanza

quanto pesa?

vvave
vvave

Bella bella davvero ma…. la voglio 29er!!

BrunoGe
BrunoGe

Io lo trovo un pó caro…. Se si rapporta a Production Privè è quasi il doppio.

mountaindoctor
mountaindoctor

MI manca qualcosa:
– Peso
– Diametro ST
– Prezzo (i 1189€ “compreso di asse Maxle e forcellini” lo prendo come uno scherzo… Burloni!!! 🙂 )

meteor
meteor

Ho pensato la stessa cosa! Che burloni….

Pippo Biker
Pippo Biker

Il telaio è molto bello, robusto e apprezzo il fatto che dietro alla sua progettazione ci sia uno studio molto approfondito, non dimentichiamoci poi che è made in italy, ma è davvero costoso a parer mio.

Mitzkal
Mitzkal

La 3a foto è specchiata.

nebbia94
nebbia94

Anche a me sembra un tantino caro

Domenico piazzoll
Domenico piazzoll

Da possessore felicissimo di una Shan posso affermare che il prezzo è decisamente fuori mercato, la Shan costa le metà.
Però fare enduro con una hardtail è decisamente divertente!
Geniale l’idea di accoppiare l’attacco freni al forcellino.

JAMPY
JAMPY

Non metto in dubbio che ci sia stato tanto lavoro per crearlo ma il prezzo secondo me è sbagliato e non di poco.

Mi auguro per loro di sbagliarmi 🙂

nongio
nongio

Io ho appena venduto un Ragley Blue Pig per passare alla full, ma lo stuire front da enduro è fantastico davvero…
Se ne è parlato tanto di questo telaio sul forum, nell’apposito thread delle front da enduro ma se non ricordo male le “voci” dicevano che il prezzo fosse inferiore e non di poco….

Il mercato offre ottimi telai in questo senso.. Ragley, Dartmoor, lo Shan (per me il più bel telaio da enduro HT)… ma di questi fino ad ora lo Shan era “i gioiello costoso”…con i suoi 600€ circa…

Attendevo a lungo il Clog! l’abbiamo visto passo passo nel thread prendere forma…ero molto curioso, sicuramente è venutò fuori un prodotto di qualità eccelsa…. un ottimo made in italy che dovrebbe far venir voglia ai conpaesani di acquistare questo telaio made in italy piuttosto che rivolgersi al mercato estero…
…Però purtroppo il prezzo a mio avviso è di gran lunga eccessivo… sicuramente in quanto a tecnologia, materiale, ingegneria sarà all’avanguardia… però a mio avviso è di gran lunga fuori mercato…a 600 € c’è lo Shan… W il made in Italy per carità… non dirò mai il contrario… ma il doppio è troppo…..

Luca81santacruznomad
Luca81santacruznomad

Ciao a tutti, immaginavamo si sarebbe scatenata la coda di commenti “è troppo caro”. Vorremmo cercare di spiegare meglio il costo, magari dato che abbiamo tardato a comunicare il prezzo, non avete letto tutto l’articolo buttandovi solo sul prezzo. Partiamo da qual’era il nostro obbiettivo: Costruire la Hardtail da Enduro/All mountain con la più alta tecnologia sui materiali e sulle soluzioni tecniche. Chiamiamolo anche esercizio di stile. La quantità non ci interessa. Sono telai artigianali prodotti in piccoli stock di 10 pezzi alla volta. Quando si usa una front l’unica componente che può aiutare il rider è il materiale. L’acciao che abbiamo scelto è tra i migliori per trattamenti e forme che si possono trovare in commercio (mercato per la bici), questo purtroppo lo rende molto costoso. NON TUTTO L’ACCIAIO E’ UGALE , NON TUTTI I TUBI SONO UGUALI. Questo acciaio essendo temprato, per poter realizzare la parte del carro, richiede una lavorazione lunghissima. Un telaio da corsa realizzato in acciao Deda Zero, senza forcellini cnc, senza serie sterzo particolari, senza trattamento cataforesi, senza foderi del carro lavorati per molte ore… costa come il nostro Clog. Se avessimo voluto abbassare il costo di produzione avremmo dovuto scendere a compromessi, ad esempio: – al posto di un passaggio ruota ampio, va bene anche uno per gomme al massimo da 2.3″ così non lavoro i foderi, e per farci stare la corona piccola schiaccio il fodero dx ( un esempio http://chinabicycleparts.en.alibaba.com/product/340083904- 210789197/Fixed_Gear_CR_MO_Steel_Green_Chromoly_Bike_Frame.html) -al posto di un tubo fatto su misura, triplo spessore… Read more »

mountaindoctor
mountaindoctor

Personalmente, un grazie per aver letto i commenti e risposto al volo dando la faccia.
“magari dato che abbiamo tardato a comunicare il prezzo, non avete letto tutto l’articolo buttandovi solo sul prezzo.”
No, l’articolo l’abbiamo letto, e chi ha un’esperienza “a doppia cifra” in MTB , e che magari con l’acciaio ci ha anche gareggiato, apprezza lo sforzo sui materiali.
Il problema è che, con un telaio del genere, tra forca da 150 (minimo), gomme da 2,3 (minimo) e posizione di guida bella attiva, i vantaggi che su un telaio da strada o uno da XC fanno la differenza, qui magari sono semplicemente overkilling. Perchè un buon telaio da XC in acciaio fa la differenza e se la gioca con una full di pari estrazione, una front da enduro (che ho avuto, il classico 456) sarà sempre un pò “fine a se stessa”, ed è meglio che non cerchi rogne con le biammortizzate, specie sul prezzo…
Detto questo, che vale per me e solo per me, vi auguro un grande in bocca al lupo 😉

Luca81santacruznomad
Luca81santacruznomad

questo è il motivo per cui nessun brand commerciale si è mai addentrato nell’ambiente hardtail, proponendo soluzioni e tecnologie nuove.
Distribuendo Dartmoor per l’Italia abbiamo visto un interesse sempre maggiore nel segmento front per utilizzo enduro/allmountain. Come ho scritto nell’articolo, abbiamo raccolto i feedback, li abbiamo messi assieme, li abbiamo provati e riprovati ed ora sono diventati un telaio in carne ed ossa!

nongio
nongio

Sono assolutamente d’accordo!! Come scritto da mountaindoctor l’articolo l’abbiamo letto tutto e non siamo corsi a vedere subito il prezzo (cosa non troppo bella da scrivere…ma fa niente)… che tra l’altro fa parte dell’insieme e quindi valutato come l’insieme. Pertanto ringrazio anche io per la risposta che date sempre celermente e con gentilezza sul forum e non batto ciglio assolutamente sulla qualità dei materiali utilizzati e su punti a favore di questo telaio. Quel che penso io è, mio modesto parere, che lo “stile” front da enduro è prettamente fun e personale, difficilmente si punterà ad un telaio del genere per andare a fare gare Enduro, puntando su un full (sempre che le gare non siano prettamente per hard tail)…. Io trovo la front da enduro fantastica per lo stile, il feeling con il terreno (purtroppo le mie ginocchia e la schiena non la pensano uguale :D), la “scarsa” manutenzione, il peso leggero ed il prezzo “leggero” che ha sempre contraddistinto questi telai rispetto ai full di stessa categoria (lo Shan arriva a 600€ e per molti è gia tanto per questo tipo di telaio)… Gli over 1000€ li vedrei giusti, e parlo sempre a livello personale, proprio se il telaio dovessi usarlo in competizione, gare front am/enduro dove probabilmente tutti i punti a favore possono emergere in competizione… Detto questo spero vivamente che il prodotto trovi largo consenso davvero, sono italiano e mi farebbe piacere che un’azienda italiana possa aver successo… Il fatto è che ho paura che con… Read more »

PierVI
PierVI

Wow non mi aspettavo tanto coraggio da un produttore italiano, con quel prezzo ne venderete gran pochi ma appoggio in toto la scelta.
Per me e immagino anche altri che usano le front per passione(stupidita) la possibilità di scegliere tra prodotti ricercati e non solo tra telai economici pensati per allestirei i classici ai muletti è una gran cosa. E’ un settore di nicchia dove spesso i produttori non si spingono oltre un certo livello di progettazione e infondo è un peccato quindi ben venga tanta bellezza.
Complimenti e a sto punto non vedo l’ora di provarlo!

(non mi è chiaro il discorso sulla rigidità e i forcellini, sono regolabili o no? Perchè a vederli cosi sono sostanzialmente come quelli della Honzo o forse riempiono tutto la spazio e non scorrono?

Antonino Cappella
Antonino Cappella

Dopo aver seguito la nascita di questo telaio mi sorprendo dei commenti sul prezzo… È perfettamente in linea con le scelte fatte durante la progettazione ed era più che prevedibile.

Mi soprende anche il paragone con la Shan che tecnicamente non mi pare abbia niente di particolare, che io sappia non ha nemmeno il trattamento di cataforesi (a meno che non sia l’ED treatment citato sul sito). Hanno indovinato il marketing con la scelta dei colori in serie limitata e il posizionamento di prezzo appena sopra la media, ma il telaio non ha nulla di che, forse è stato giusto tra i primi a offrire perni passanti e serie sterzo conica.

Quello che bisogna chiedersi è se tutti gli accorgimenti adottati siano effettivamente utili e percepibili nella guida o siano solamente un esercizio di stile (elegantemente riuscito direi) che lo collocano come un prodotto di lusso in una nicchia crescente di mercato.

Luca81santacruznomad
Luca81santacruznomad

Grazie, non avrei saputo esprimermi meglio.
Se volete conforntare il Clog, il confronto va fatto con un BTR, 2soulCycles, Nicolai, Curtis ecc…

Se ci fosse qualcuno che vuole un mezzo piu tecnico o qualcosa di più dei soliti telai commerciali?

Come per le full, ci sono telai che costano quanto una bici completa, perchè acquistarli?

Posso essere d’accordo per una Hardtail certe caratteristiche e certi pregi qualcuno dica “chissene”, però molti che hanno inziato costruendosi il muletto front, alla fine si sono ritrovati che uscivano sempre con il frontino.

A questo punto, se diventa la mia bici principale, perchè non provare qualcosa di più performante?

struciapanza
struciapanza

scusi elk ma quanto pesa?

Pitaro
Pitaro

Che lo Shan non ha niente di particolare e che vende solo per i colori in serie limitata non è vero. Oltre alla serie sterzo conica che hai già citato ci sono i forcellini intercambiabili per i vari standard (molti altri non hanno nenche il supporto del cambio separato dal telaio) e tutti i tubi del carro ovalizzati per ottimizzare flessibilità verticale/rigidità laterale, inoltre c’è tutto il discorso che hanno fatto sul non mettere rinforzi e non trattare termicamente i foderi alti per dare una certa flessibilità verticale al carro… Insomma, è un telaio molto ben pensato e realizzato, non i soliti “quattro tubi saldati con una buona geometria”! Detto questo aggiungo che con forcellini per il 135×12 e perno Maxle anche lo Shan arriva a quasi 800€, è fatto a Taiwan (anche se benissimo), con un acciaio non particolarmente raffinato, internamente non è protetto dalla ruggine ed esternamente la vernice è delicata. Per me Elk con il Clog ha alzato l’asticella, sono veramente contento di vedere un’azienda italiana che ha deciso di sviluppare un mezzo di altissima qualità, seguendo la passione senza scendere a compromessi, non lasciando niente al caso e soprattutto Made in Italy, anzi, direi: Fatto in Italia! Comunque degli Shan assemblati che si vedono direi che nessuno è sotto i 2000€, pochi sotto i 2500€ e molti sui 3000€ (anche abbondanti) … Non penso che sarà una cosa proprio così strana vedere dei Clog assemblati da 3500€! 😉 Per concludere non ritengo giusto criticare Elk per… Read more »

Fabio.sbx
Fabio.sbx

Bello, ma con quel prezzo… Mi prendo un kona honzo garantito a vita

struciapanza
struciapanza

Enmm scusate quanto pesa?

Mario.lop
Mario.lop

MA dai ragazzi, che palle sti commenti: “costa una cifra, quello lì costa la metà, bla bla bla” e poi si vede gente con la panza sbavare dietro a bici da xc ultrarace che costano 7000€.
Una HT per fare enduro non è una scelta razionale: è un modo di vivere la mtb: si va più piano, si sfruttano le asperità del terreno per giocare, si fanno passaggi millimetrici che con una full da 160 neanche prendi in considerazione… e allora perchè uno non può volere una bici artigianale con soluzioni particolari che la rendono unica!?

windybosch
windybosch

Bello molto particolare!

gianni1879
gianni1879

Bellissimo davvero, mi piacerebbe molto provarlo e magari qualche giorno comprarlo. Un telaio unico senza dubbio

Luca81santacruznomad
Luca81santacruznomad

Qui trovate il video promo di presentazione https://www.youtube.com/watch?v=xsfNbBEab44

marco scali

Bell’idea, bel progetto e ben realizzato, finalmente qualcosa che, in questo ambito, si tira fuori dalla media. Bravi!!

struciapanza
struciapanza

fà nulla per il peso,era tanto per fare un confronto visto il paragone citato con nicolai.
comunque anche se non è il mio genere,è molto bello,complimenti.

Pietro.68
Pietro.68

un prodotto che non si colloca “sopra la media” ma sulla vetta. E che ne giustifica il prezzo.
Mi piacerebbe poterci arrivare.
Bravi!!!!

P.s. anche la croma ti porta in giro, come una Ferrari. Ma non mi pare siano paragonabili 😀 😀 😀

struciapanza
struciapanza

si ma resta una costante………………………..er manico…..hahahahaha!

bizzu
bizzu

Non vorrei sembrare blasfemo ma la forma del tubo obliquo (largo e schiacciato in basso e viceversa in alto) è la solita della mia rockrider 8.1 del 2010

Speedy Bike Barsottelli
Speedy Bike Barsottelli

Le cose ben fatte non hanno prezzo.Bravi

dulciethv132805
dulciethv132805

Molto bella complimenti. Io penso che sia interessante, essenziale, pulita, polivalente e con una sua unicità che è un valore aggiunto. Adatta ad un romantico.

mountaindoctor
mountaindoctor

Elk, please, va bene il materiale, la performance, l’elitismo… andiamo al sodo: peso e diametro ST?
Due numeri, dai, che devono nell’ordine essere meno di 2.500 gr e almeno 30,9 mm. Non è così complicato 😉

Cristian Mazzalai
Cristian Mazzalai

il prototipo pesava 2,38kg , ma per i dati ufficiali attendiamo la risposta di Elk!

mountaindoctor
mountaindoctor

Grazie Holland!

gianni1879
gianni1879

in effetti come tipologia, qualità e prezzo è del tutto paragonabile ad un Nicolai
http://nicolai.net/162-1-Argon+AM.html

Pitaro
Pitaro

E come Nicolai potrebbero proporre una versione Pinion o Effigear… giusto @Elk Distribution ? 🙂

fabius8
fabius8

Mi sono letto tutto quanto…e devo ammettere che ci sono delle cose che mi lasciano un pochino basito…
1) io nel mio garage ho una Olympia (Camoscio) di 20 anni fa… che monta lo stesso tubo obliquo…non simile…uguale!
2) l’acciaio non arrugginisce…altrimenti che razza di acciaio sarebbe?
Sono d’accordo che ci deve essere stato dello studio dietro…(ma quanto? Le geometrie non sono una grande novità, giusto? Si parla di forcellini ed (scusate il termine) ammennicoli vari…studiati e non presi da un catalogo…bene, nel mio ufficio c’è un progettista meccanico che li potrebbe progettare e disegnare in non più di 6 ore!
Con questo cosa voglio dire…non metto assolutissimamente in dubbio che ci sia stato del “gran”lavoro dietro, anzi, che ci si sia veramente impegnati per tirare fuori un ottimo prodotto…però resta il fatto che io (come molti) trovi il telaio estremamente caro.
Sapere cosa avrebbe fatto veramente la differenza per cercare di compensare al prezzo elevato? La possibilità di poter personalizzare (magari) le verniciature a piacere…con un bel catalo dove poter scegliere le varie colorazioni e magari le varie anodizzature! Questo secondo me avrebbe fatto la differenza.
Ciao

Mario Lusardi
Mario Lusardi

A Fabius8;
Sinceramente non credo che la tua “olimpia camoscio” di 20 anni fa abbia proprio lo stesso tubo obliquo; semmai simile!
Seconda cosa; gli acciai che non arrugginiscono sono gli inox (304-316 e via dicendo) tutti gli altri generalmente arrugginiscono eccome!
Per quanto riguarda il tuo capo progettista-ingegnere-astronauta o quant’altro se li fa in sei ore da zero vuol dire che lui è un genio e gli altri co….ni! E ti assicuro che non lo sono perché quello che li ha fatti è un mio caro amico che lavora con i contromaroni in un azienda parecchio evoluta!
Per quanto riguarda il prezzo; bè che dire se non che se vuoi la qualità la paghi altrimenti basta comprare il solito telaio fatto con ferrazza o qualche alluminio anticorodal “progettato” e costruito dai nostri geni dagli occhi a mandorla fatti in grande scala con l’unico scopo di vendere!
Qui invece c’è passione, artigianato, ricerca, tutto made in italy e tante ore di sonno perse!!! Fidati!!!
Ti sei mai chiesto perché una Ferrari costa?
Forse ha un pò di qualità? Non ha il suo mercato sempre più ampio negli ultimi anni?!
Elk Clog è un telaio coi contro maroni te lo dico io che lo avevo in mano anche ieri quello in foto e non è fatto con l’intento di fare numeri ma quello di sviluppare qualcosa di veramente nuovo, pensato e di qualità!
Scusa per i modi ma era giusto che te lo chiarissi!!

Mario Lusardi
Mario Lusardi

Come dice bene Pietro.68; “P.s. anche la croma ti porta in giro, come una Ferrari. Ma non mi pare siano paragonabili!”
Giustamente se devo andare a prendere il pane mi va bene la croma; ma la Ferrari è per chi sa guidare…!!!

David Roilo
David Roilo

News aggiornata con il video.

laruebiggs38210
laruebiggs38210

provata a paganella è una piuma su rotatia! leggera e ha una tenuta spettacolare!
premetto non sono un esperto! quel giorno ho usato la mia bike da freeride tutto il giorno e poi ho fatto l’ultima discesa farla col Clog e mi ha sbalordito! non avrei mai detto una front potesse fare certe cose in una traccia simile!

provare per credere.

simoneweil
simoneweil

” tua la roba, tuo il prezzo”

baio86
baio86

Ma alla fine si è saputo quanto pesa?
Perchè tanta chiarezza sulla realizzazione ed il buio sui pesi?

Luca81santacruznomad
Luca81santacruznomad

Ciao Lupo, il peso del telaio è di 2.4Kg

capradimontagna
capradimontagna

Tutto bellissimo, nessuna obiezione sul prezzo e penso che, almeno per me, le front siano le bike più divertenti da guidare…..quindi bravissimi ragazzi!!
Vengo alla questione, ho letto che anche i telai delle biciclette devono essere omologati, se non sbaglio x le MTB deve essere rispettata la UNI EN 14766, da quel che ho letto il numero deve essere stampigliato sul telaio. Il clog è omologato, vero?

Luca81santacruznomad
Luca81santacruznomad

Ad oggi in officina devo ancora vedere un adesivo UNI EN e ci passano sotto mano un po’ tutte le marche.
Ad ogni modo tratto dalla “Guida Uni Biciclette” : – NORME E LEGGI Le norme europee sulle biciclette non sono obbligatorie ma sono riconosciute in tutta Europa per interpretare l’obbligo generale di sicurezza che è stato stabilito dalla direttiva europea 2001/95/CE del 3 dicembre 2001 “Sicurezza generale dei prodotti”.-

I telai sono prodotti da una ditta che produce telai da più di 35 anni.
Invito chi fosse interessato a leggersi l’iter per certificare un telaio UNI EN e si renderà conto che per un artigiano non ha senso. Per ogni telaio realizzato su misura dovrebbe costruirne 2, uno per mandarlo a certificare ed uno per il cliente.

AleCast73VA
AleCast73VA

quando una cosa è made in italy deve costare di meno invece costa quasi come la full, bravi!

ADC23
ADC23

Credo che tu abbia le idee un pò confuse…
Cosa vuol dire “quando una cosa è made in Italy deve costare di meno”?
Hai letto le caratteristiche del prodotto?
Con che full lo paragoni?