MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | [First Look] Telaio Intense Recluse

[First Look] Telaio Intense Recluse

[First Look] Telaio Intense Recluse

10/04/2017
Whatsapp
10/04/2017

Autore: Francesco Mazza

Intense Cycles ci ha messo a disposizione un telaio per un test a lungo termine, sul quale verranno montati i vari componenti che testeremo durante questa stagione. Si tratta di un telaio Recluse, l’ultima novità di Intense per il segmento All Mountain, preposto a montare ruote da 27.5 pollici. La costruzione sia del triangolo anteriore che del carro è affidata alla fibra di carbonio ad alto modulo che Intense utilizza per i suoi migliori telai, denominati SL (Super Light).

Il sistema di sospensione è il collaudatissimo JS Tuned Suspension, basato sul brevetto Virtual Pivot Point, che Intense adotta ormai da circa 14 anni. Per la precisione si tratta della versione JS Trail, ovvero il cinematismo con bielle più corte, dedicato alle escursioni minori rispetto a quelle gestite dal JS Enduro e JS Downhill. Il JS Trail della Recluse gestisce infatti 140mm di escursione alla ruota. Il supporto verticale che forma il triangolo posteriore è asimmetrico per lasciare la possibilità di utilizzare un deragliatore anteriore.

La biella inferiore è un solido pezzo unico in lega di alluminio, la cui sede è ricavata all’interno del telaio con il doppio scopo di aumentare la rigidezza, fornendo un punto di infulcro più largo, e di proteggere maggiormente i cuscinetti, vista la posizione particolarmente esposta al fango e alla sporcizia alzata dalla ruota posteriore. Per lo stesso motivo, la biella inferiore è dotata di due porte di ingrassaggio che consentono di riempire periodicamente con un apposito ingrassatore le sedi dei perni e dei cuscinetti, per tenerli isolati dalle infiltrazioni di acqua e sporcizia. Tutti i cuscinetti della Recluse sono a contatto angolare.

Anche la biella superiore è ricavata da un unico pezzo in lega di alluminio forgiato e rifinito a CNC. L’infulcro superiore è fissato al telaio tramite un perno passante che viene serrato da ambo i lati. L’infulcro sul carro è invece di tipo a expander, così come quelli che serrano la biella inferiore. L’ammortizzatore è fissato a biella e telaio con due viti in titanio.

Il telaio della Recluse, così come l’allestimento top di gamma denominato Factory, monta un ammortizzatore FOX Float X2 Factory Kashima con levetta a 2 posizioni. La misura di interasse per corsa è di 200×57, quindi non metrico. Il sag consigliato da Intense è del 20%.

Il movimento centrale è di tipo Press Fit 92 e la guarnitura consigliata è per linea catena da 52mm, quindi di tipo Boost, per allinearsi al mozzo da 148mm. Attorno alla scatola del movimento centrale si trova il supporto ISCG per eventuali guidacatena o paracolpi. La Recluse può essere montata sia con trasmissioni 1x che 2x, grazie al supporto Direct Mount per il deragliatore, opportunamente coperto da un coperchietto in plastica. Sopra la N del logo intense sul tubo obliquo notiamo anche un tappo che chiude il foro di uscita per l’eventuale guaina del cavo del deragliatore. Alla stessa altezza notiamo anche le viti per il portaborraccia che si trovano in una posizione abbastanza agevole. Sul lato drive dei perni a expander che fissano le bielle, quindi dal lato opposto alla testa della vite, sono posizionati dei tappini in plastica inseriti a pressione che proteggono da infiltrazioni e migliorano l’estetica.

L’attacco della pinza del freno sul telaio è di tipo International Standard da 160mm. Il perno posteriore da 148×12, quindi per mozzi Boost, ha la testa con sede esagonale invece della leva a sgancio rapido. Sul lato opposto è il forcellino stesso, incassato all’interno del telaio, ad accogliere la punta filettata del perno.

Il tubo sella del telaio è isolato da possibili infiltrazioni di acqua o sporcizia dall’esterno grazie a una guarnizione in gomma interposta tra il telaio e il collarino. Accoglie reggisella del diamentro di 31.6mm e non essendo interrotto non ha particolari limiti come quantità di inserimento.

Tutte le zone del carro a rischio di contatto con la catena sono adeguatamente e abbondantemente protette da appositi gusci in gomma dura. Il fodero basso è rivestito sopra, sotto e all’interno praticamente su tutta la sua lunghezza e un abbondante tratto di protezione ricopre anche il fodero alto e la curva di giunzione tra i due. Nella zona del carro limitrofa alla corona si trova una placca in metallo che copre sia il fianco che la parte inferiore del carro.

Anche la parte inferiore del tubo obliquo e della scatola del movimento centrale è protetta da un rivestimento in gomma. In questo caso però si tratta di una membrana adesiva piuttosto sottile, circa come una camera d’aria, quindi utile contro urti di piccola o media entità che potrebbero causare graffi e sbeccature della vernice ma presumibilmente poco efficace come protezione da urti di maggiore entità. Una membrana adesiva di ricambio è inclusa nella confezione. Nella parte inferiore del tubo obliquo troviamo le uscite del routing interno dei cavi che proseguono verso il carro, ovvero la tubazione del freno posteriore e la guaina della cordina del cambio.

L’ingresso è in corrispondenza dell’inserzione del tubo obliquo nel tubo di sterzo, sul lato sinistro. I fori di ingresso, così come quelli di uscita, sono protetti da guarnizioni in gomma dura che sono inserite a pressione nel telaio e servono a isolare l’interno del telaio dalle infiltrazioni e al contempo tenere salde le tubazioni, dato che non sono presenti guide interne. Questo il motivo per il quale ho lasciato inserite le guide pilota, quei cavetti bianchi che si vedono sbucare in foto, fornite già montate sul telaio e indispensabili per inserire correttamente le tubazioni.

Sul lato destro troviamo l’ingresso del cavo del comando remoto del reggisella telescopico. Il secondo foro è per il cavo del deragliatore. Non dovendolo utilizzare ho posizionato uno dei tappi inclusi nella confezione per sigillare il foro, così come ho fatto per quello di uscita. Nella confezioni ci sono entrambi i tipi di guarnizione per configurare il passaggio cavi secondo le proprie necessità.

Il passaggio della tubazione del freno sul carro è esterno e viene fissato con le classiche clip a C sui fermacavi dedicati. Sul lato drive invece la guaina della cordina del cambio passa all’interno del carro. In foto notiamo la posizione del foro di uscita con l’apposita guarnizione.

La Recluse offre delle geometrie piuttosto aggressive in relazione alla destinazione d’uso. Angolo sterzo di 66°, carro di soli 419mm, movimento centrale a 344mm da terra e tubo sella bello verticale, con 75° effettivi. Il primo allestimento che faremo tuttavia prevede una forcella da 160mm di escursione invece dei 150mm su cui si basano le geometrie dichiarate, quindi come misurazioni prettamente statiche, l’angolo sterzo dovrebbe andare a circa 65.5°, l’angolo sella poco sotto i 75° e il movimento centrale si alzerà fino a quasi 350mm. Quote che restano comunque molto interessanti ma in ogni caso, una volta in sella, una variazione di sag sulla forcella del 5% modifica le geometrie più di quanto faccia la differente lunghezza axle-to-crown. Per esempio, una forcella da 160mm con sag al 30% è alta esattamente come una forcella da 150mm con sag al 25%.

Il prezzo del telaio Recluse SL è di €4.198

Le colorazioni disponibili sono 2: turchese con dettagli rossi e grigi oppure grigio e rosso, come quella che ci è stata consegnata.

Il telaio in taglia M senza ammortizzatore ma completo di viteria in titanio, perno ruota, protezioni e guarnizioni varie, pesa 2.441 grammi da noi verificati contro i 2.520 grammi dichiarati a parità di configurazione. Con ammortizzatore e boccole il peso arriva a 2.961 grammi verificati.

Intense Cycles

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
vaff
vaff

Bellissima

alberto g
alberto g

Ottime soluzioni:
– due porte di ingrassaggio che consentono di riempire periodicamente con un apposito ingrassatore
– guarnizione tra telaio e collarino
– le numerose protezioni sul telaio.
Quoto la possibilità di montare il deragliatore e passaggio cavo esterno freno posteriore.

Gorgh
Gorgh

soluzioni che si trovano da anni su tutte le intense

prospero58
prospero58

…vabbè…che vuoi commentare? Muto sono.

Boncar
Boncar

anche questo telaio non e’ metrico .

LucaProBiker
LucaProBiker

Qualcuno sa dirmi come mai alcune case continuano a produrre telai con l’attacco pinza Is?
Non sarebbe più comodo un direct mount in modo da usare adattatori solo in caso serva un disco più grande?
Thanks
Luca

ChristianR
ChristianR

Me lo stavo chiedendo anche io…ormai l’IS dovrebbe essere morto e sepolto.

rockarolla
rockarolla

Aggiungerei che una grossa praticità del IS è il fatto che la centratura della pinza sul disco si fa sull’adattatore, il quale è fissato a telaio mediante due viti indipendenti e facilmente raggiungibili. Non è quindi necessario, come con un PM, ri-centrare la pinza sul rotore ogni volta che ci si trova a doverla smontare, operazione che nel caso di dischi ormai non più perfettamente dritti può diventare lunga e noiosa.

Questo, per me che faccio spesso girate anche di più gg, è un grosso punto a favore del IS, così come lo è la filettatura di fissaggio a telaio ricavata sull’adattatore (che in caso di sfilettatura, comunque meno probabile e rimediabile sostituendo solo 10€ di adattatore, permette di proseguire usando una vite passante fermata da un dado come soluzione d’emergenza).

Insomma, per come la vedo io robustezza, affidabilità e praticità del IS, anche al netto della superioritá meccanica e dei proclami del marketing, lo rendono preferibile. Soprattutto per chi le bici le tiene più di una o due stagioni e ha la tendenza ad avventurarsi a fondo tra boschi e montagne anziché limitarsi ad una sgambatina sui colli o un pomeriggio in bike park ogni tanto.

Froster182
Froster182

Follia. Prezzi alla follia.

rockarolla
rockarolla

Stagioni. Non ci sono più le mezze stagioni.

Nel senso, sono tutte e due cose drammaticamente gravi (il cambiamento climatico e il capitalismo), embè? Le lamentele da bar non sposteranno la questione -perché poi è la stessa- di mezza virgola.

mikiko

[QUOTE="Froster182, post: 8114184, member: 103625"]Follia. Prezzi alla follia.[/QUOTE]

 Quoto…. Incredibile!

numerotre
numerotre

ma a quel prezzo chi se la compra?? con un montaggio decente meno di 10k non te li leva nessuno. Esagerati! ma poi posso dire…ma che è quell’affare che ingrassa il cuscinetto…sai lo schifo che si accumula in quella zona.
Bici per pochi, pochissimi…

giorgiocat
giorgiocat

Beh oramai i prezzi dei marchi top quelli sono … vedi rocky mountain e yeti, santacruz non mi ricordo qual è l’ultimo telaio che ha fatto uscire…

Lucky86
Lucky86

A me esteticamente non piace, saranno anche le colorazioni. poi magari dal vivo è diversa

Fbf
Fbf

Dal vivo deve essere molto più…interessante!

alberto g
alberto g

[QUOTE="Gorgh, post: 8114178, member: 46668"]soluzioni che si trovano da anni su tutte le intense[/QUOTE]

Ok, comunque restano ottime soluzioni.

pbike
pbike

Intense, gran bella marca…
Ma : mancanza del sistema metrico, pinza posteriore IS, movimento PressFit92 (che non amo particolarmente), prezzo un po’ (giusto un tantino) elevato…personalmente mi lascia un tot perplesso.
Sicuramente, con a disposizione un budget di 6-7000 € (visto che il montaggio completo lì va a finire) , credo che guarderei anche altro.
Comunque seguiamo attentamente i test, dato che non quotidianamente capita di vedere provati materiali simili .

smaz
smaz

Ma hanno messo dei tappi sulle viti del telaio? Bruttini…

fosto
fosto

Ma poi perché un float x2 per al mountain 200×57 per fare 140? Perché non montare un 190? Enduro camuffata? Ahahah

giorgiocat
giorgiocat

Le enduro di solito hanno interasse e ed escursione maggiore solitamente 216 x 63 (misure standard), la tipologia di ammo effettivamente sembra esagerato, evidentemente hanno voluto sottolineare la predisposizione alla discesa di una bici da AM

uomoscarpia
uomoscarpia

SL….boh a me non pare tanto superlight

Farkas
Farkas

questa è l’erede della carbine?

Trailbike
Trailbike

ma una domanda….se una bici non ha il sistema metrico moh non si puo piu usare??? mmmmmm …..meno marketing e piu pedalate raga’…

cheyax
cheyax

si ma se pagassi 4200€ per un telaio nuovo, appena uscito pretenderei tutti i dettagli perfetti e le ultime tecnologie, se no mi affiderei alla concorrenza

Velocity
Velocity

Certo che un eremita é difficile che trovi 4200€ per comperare un telaio…Io lo avrei chiamato Intense Billionaire…

gancio
gancio

Geometrie interessanti,versione in alluminio a prezzi terrestri?

BAROLO71
BAROLO71

eh si dai….se non e’ metrico chi se lo compra !
ero giusto li che stavo per firmare l’assegno, meno male che ho letto i commenti 🙂
Lo hanno fatto cosi solo perche’ così noi mortali quando non ci saranno più ammo vecchi ce lo potremo mettere sotto il culo , io sto già facendo razzia di ammo 200×57 e aspetto ;-9

Swiggy
Swiggy

MA CHE BELLA NON E’?!

Swiggy
Swiggy

Per quanto riguarda il prezzo (visto che alla fine sempre lì si finisce) a differenza dei marchi che effettuano vendite online in negozio si riesce solitamente ad avere un ribasso di almeno il 15%..
rimane sempre una cifra impegnativa, però, parlando di prezzi assoluti è un elemento da tener presente prima di accendere le solite polemiche (sterili)

jimmy27
jimmy27

Per me mai piu pressfit!!!
Concordo con chi dice che l’ammo metrico su un telaio nuovo sia d’obbligo ma questo nuovo intense mi piace molto.
Peccato il prezzo alto

stinky_23
stinky_23

Esteticamente bellissima,
Il prezzo è follia pura (pure senza ammo!),
Movimento
Centrale pressfit (non capisco perchè continuino a farli, quelli filettato è molto piu pratico e affidabile)

stinky_23
stinky_23

E mancanza di ammo metrico (non perchè non vada bene con la misura “vecchia”, ma perchè se spendo 4000 e passa euro per un telaio, pretendo che sia aggiornato a tutti gli ultimi standard). Ormai tutti i telai nuovi usano il metrico, spendo 4000 euro per il telaio oggi e il 1 gennaio de prossimo anno varrà 1500 euro…

pk71
pk71

al 1° gennaio 2018 varrebbe 1500 euro anche se conforme a tutti gli standard ……

stinky_23
stinky_23

[QUOTE="pk71, post: 8114944, member: 36998"]sono 600 euro di ammo……non 2000[/QUOTE]

Mica l'ho detto! Il prezzo rimane sempre una follia!

pk71
pk71

la mia risposta era per sottolineare che comunque il prezzo resta elevato, non era per assolutamente una critica al tuo commento.

tommygbr2000
tommygbr2000

mi sembra un po scopiazzata dalla Santa Cruz bronson 2(ha molte cose in comune).il carro vpp ,porte per l ingrassaggio cuscinetti,attacco per deragliatore anteriore,battute boost,protezione in gomma sotto il movimento centrale.cavo esterno del preno posteriore.
ma secondo me ha 2 svantaggi oltre che ad essere arrivata ad un telaio AM molto simile ad uno uscito 2 anni prima.
il primo svantaggio è il movimento centrale press fit(la bronson ha il BSA)a parer mio molto piu pratico nella manutenzione
e il secondo secondo me è avere un ammo spoporzionato per la destinazione d uso che dovrebbe avere quel telaio.

pk71
pk71

la mia risposta era per sottolineare che comunque il prezzo resta elevato, non era per assolutamente una critica al tuo commento.

stinky_23
stinky_23

[QUOTE="pk71, post: 8115453, member: 36998"]la mia risposta era per sottolineare che comunque il prezzo resta elevato, non era per assolutamente una critica al tuo commento.[/QUOTE]

Sisi tranquillo! È che scrivendo a volte non ci si capisce bene 🙂

montagnoso
montagnoso

Differenze con carro posteriore e cinematismo delle Santa cruz di ultima generazione??

sp1marco
sp1marco

ciao Francesco, come va con questo telaio? Ho un’offerta tra le mani per una RECLUSE FOUNDATION BUILD del 2017, certo l’allestimento non è quello da te testato e capisco che il comportamento della bici cambia di molto con forcella e ammortizzatore diversi dai tuoi.
Puoi darmi qualche consiglio , pro e contro di questa bici?
grazie