GT presenta la nuova Fury 27.5 e 29

GT presenta la nuova Fury 27.5 e 29


GT presenta la Fury Carbon, versione interamente rinnovata della bici da DH del marchio con le ali, dotata di triangolo anteriore in carbonio e carro in lega di alluminio. La nuova Fury è compatibile sia con ruote da 29 che da 27.5 pollici, semplicemente spostando il flip chip sull’attacco dell’ammortizzatore e la sede del perno posteriore, grazie ai quali si riescono ad avere le medesime geometrie con entrambi i formati ruota. Il sistema di sospensione è un adattamento dedicato al gravity del nuovo LTS, dotato di rinvio alto della catena e 200mm di escursione. Maggiori informazioni nel comunicato stampa a seguire.

[Comunicato stampa]  –  GT Bicycles oggi ha presentato il modello totalmente rinnovato della Fury, una fantastica bicicletta da downhill pronta a divertire ogni rider. Grazie alla nuova geometria, al triangolo anteriore in carbonio e ad una versione focalizzata sul gravity dell’ultima evoluzione della piattaforma di ammortizzazione Linkage Tuned Suspension (LTS), la Fury risulta la bici più regolabile e adattabile fin nei minimi dettagli di GT.

In abbinamento a ruote da 29” e configurata con un’escursione da 190mm, la Fury è estremamente stabile e composta nonostante le alte velocità richieste dalle competizioni. Ruote da 27,5” e un’escursione da 200mm garantiscono una manovrabilità semplice e agile, maggiormente adatta allo stile di guida dei gravity park.

“Entrambe le misure delle ruote presentano la stessa geometria,” ha affermato Cait Dooley, Direttore Globale del Prodotto di GT. “I rider possono allungare o accorciare il cockpit della Fury con delle boccole regolabili della serie sterzo, e fare altrettanto sulla parte posteriore. Ciò consente ai rider che partecipano a competizioni di allungare il più possibile la propria bici per raggiungere le velocità massime, mentre i freerider preferiranno tenerla più corta per una maggior libertà di movimento nei salti.”

La Fury dispone dell’iconica LTS di GT, una piattaforma di ammortizzazione versatile a quattro barre facilmente regolabile per tutte le categorie e segmenti di escursione delle mountain bike. Sulla Fury, l’LTS è stato progettato per assorbire al meglio i salti, per una potenza d’arresto fenomenale e minimizzare il pedal feedback (la rotazione del pedale in avanti sul tiro catena), offrendo ai rider amanti delle gare e del free-riding una guida scorrevole, prevedibile e controllata.

“Sulla piattaforma LTS della Fury abbiamo voluto separare completamente le forze della trasmissione e delle sospensioni,” ha affermato Luis Arraiz, ingegnere dei telai di GT. “La puleggia folle della progettazione è l’elemento chiave che ci ha consentito di ottimizzare l’efficienza di pedalata, aumentare la trazione ed eliminare il pedal feedback. Il risultato è una bici che consente ai rider di dare il massimo in tutta sicurezza sugli ostacoli dei trail.”

La tecnologia flip chip della Fury consente di modificare la bici da un assetto rapido e ribassato a uno ancora più rapido e ribassato. Il flip chip dell’ammortizzatore consente una modifica della geometria che consente di affrontare al meglio tipi di terreno diversi. Sull’assetto da 27,5”, il flip chip del forcellino consente una modifica della lunghezza del fodero orizzontale di 10mm, lasciando spazio a stili di guida diversi e ad una maggior stabilità ad alte velocità.

GT ha inoltre voluto semplificare al massimo la Fury per i rider tramite la tecnologia Groove Tube. La tecnologia Groove Tube consente di instradare esternamente i cavi in modo che non siano di intralcio, semplificando la manutenzione e conferendo alla bici un aspetto pulito.

Il design completamente rinnovato della Fury di GT è il risultato di svariate stagioni di test affrontate dal GT Factory Racing sul circuito della Coppa del Mondo. Gli atleti del GT Factory Racing sono stati e sono fondamentali per lo sviluppo del prodotto e hanno messo a dura prova la bicicletta. Secondo Wyn Masters: “La nuova Fury si mangia a colazione curve e salti! È tutto ciò che avrei potuto desiderare da una bici da downhill!”

“La nuova Fury è un passo avanti alle altre! È stabile e controllata. Raggiungere la top ten a Fort William con la nuova Fury ha significato molto per me,” ha aggiunto Martin Maes.

La GT Fury è disponibile in tre modelli, Team, Expert, Pro e set telaio. La GT Fury Team, una replica molto simile alle bici del GT Factory Race, sarà disponibile solo nel modello 29er. Il modello Pro dispone di varie misure delle ruote offrendo le 27,5” per la small e la medium e le 29” per la medium e la large. La Expert è dotata esclusivamente di ruote 27,5” per mantenerla scattante e divertente al bike park. Gli amanti delle competizioni e i rider che desiderano ottenere la massima regolabilità della Fury possono acquistare un set telaio che include uno Switch Kit per sostituire le ruote 27,5” con le 29”. Per ulteriori informazioni sulla nuova Fury, visitare il sito web www.gtbicycles.com

Geometrie

Allestimenti e prezzi

Fury Carbon Team – €7.499

Fury Carbon Pro – €5.499

Fury Carbon Expert – €3.999

17
Leave a Reply

  Subscribe  
più recente più vecchio più votato
Notificami di
clax81
clax81

Tanta roba, porca miseria quanto è bella. Se qualcuno é così generoso da regalarmene una sarei molto contento.

AlBike72

Troppo raffinata la tecnologia Groove Tube.

Grammy

..finalmente è uscita…bella da possessore della "vecchia" sarei curioso di provarla

klasse
klasse

27,5 e 29 praticamente uguali, stesso welbase e chainstay, non capisco il discorso della manovrabilità, diciamo che per i fermoni la 29 diventa impegnativa? Meglio stare su una 27,5 per qui va in park, cioè il fermo e che fa il Figo, ma se sei race oriented vai sulla 29???

pinzi
pinzi

Addio addio a gt i-drive ..

Grammy
Grammy

..molto valida per me la possibilità di avere un solo telaio intercambiabile 27’5 e 29″

Froster182
Froster182

Se ti diverti a cambiare ruote ogni 2×3…

cheyax
cheyax

In ottica race sarebbe molto utile poter cambiare in fretta formato di ruote a seconda del percorso

Trailbike
Trailbike

In , pratica si è tornati a quasi 20 anni fa con lo schema LTS e siamo tornati ai cavi esterni … questo settore sta ravanando in continuo nel passato , non mi stupirei di rivedere i v-brake solo leggermente aggiornati :):):)

mcpelo68
Trailbike

In , pratica si è tornati a quasi 20 anni fa con lo schema LTS e siamo tornati ai cavi esterni … questo settore sta ravanando in continuo nel passato , non mi stupirei di rivedere i v-brake solo leggermente aggiornati :):):)

porta pazienza…arriveranno il proximo anno con gli elastomeri!!:smile::smile:

Grammy
Froster182

Se ti diverti a cambiare ruote ogni 2×3…

..non certo per questo, dato che oltre le ruote dovresti cambiare anche la forcella
..è per poter montare la bici in configurazione 29 e nel caso non si riesca a sfruttare/portare passare alla configurazione 27,5…

cheyax
cheyax

Non capisco però perché non offrire montaggi oltre al top di gamma con ruote da 29

mcpelo68
cheyax

In ottica race sarebbe molto utile poter cambiare in fretta formato di ruote a seconda del percorso

chi corre (team)di solito ha più di una bike x pilota …. proprio x assecondare le caratteristiche del percorso gara, ma di solito corrono sù una sola pista x data! no? quindi in ottica race è una boiata visto che c'è tutto il tempo che si vuole.

cheyax
cheyax

Io intendevo ottica race per chi non ha un team ufficiale, comunque non dover settare da zero una seconda bici per fare dei semplici test è molto meglio anche per un factory

Froster182
Froster182

Sembra che la Ghost DH 2015 abbia una nuova versione carbon… :’)
Cmq gran bella bici

wally73
wally73

Molto bella…
Più horst per tutti

mcpelo68
cheyax

Io intendevo ottica race per chi non ha un team ufficiale, comunque non dover settare da zero una seconda bici per fare dei semplici test è molto meglio anche per un factory

bhè vedremo "presto" quanto sarà più….prestazionale e vincente tale soluzione! io rimango dell'idea che sia solo una "soluzione di marketing" x vender qualche bike in più.. hai meno addetti!

rodrickmatthies
rodrickmatthies

“…aumentare la trazione ed eliminare il pedal feedback.” …
Penso che “feedback” fosse “kickback”.