La funivia con la cabina per il trasporto bici

71

Doppelmayr presenta la cabina per il trasporto bici. Si tratta di una cabina destinata solamente alle bici, per un massimo di otto, con stoccaggio facilitato. I rider si andranno a sedere nella cabina successiva, come esemplificato in questo video.



.

[Comunicato stampa] Bike Cab è la nuova soluzione per il trasporto facile, sicuro e confortevole delle biciclette. Otto biciclette possono essere trasportate contemporaneamente con un solo Bike Cab. Il carico e lo scarico vengono svolti dai ciclisti stessi. Appendono le loro biciclette nel portabici della stazione a valle e prendono posto nella cabina successiva. Le biciclette vengono trasportate in sicurezza fino a monte. Alla stazione superiore c’è abbastanza tempo per scaricare le bici – e si parte per il divertimento!

Adatto a biciclette con le seguenti caratteristiche
Peso fino a 25 kg
Dimensioni delle ruote tra 24 pollici e 29 pollici
Larghezza degli pneumatici fino a 12 cm
Anche bici con parafango Marsh Guard

Vantaggi
Trasporto di un massimo di otto biciclette
Alta capacità di trasporto: velocità fino a 7 m/s
Molto comfort per i ciclisti
Lunga vita di servizio
Innovativo

Doppelmayr.com

 

Commenti

  1. reddummies:

    Ultimamente hanno fatto un gran bel lavoro sulle piste, certo sono solo due, ma ho visto davvero metterci un bel impegno e i risultati si vedono.
    L'impianto di risalita è davvero il problema enorme, oltre al caricare e scaricare la bici da solo che per qualcuno può essere problematico, ma metterci 20 e passa minuti a risalita, ti fa venire il latte alle ginocchia, davvero atroce.
    Però continuerò ad andarci, lo trovo un bel ambiente e contesto, e per questo mi piace supportarli il più possibile
    Preferisco pedalare e quando voglio fare una giornata in discesa piuttosto vado un po’ più lontano.
  2. devo.d:

    A Sestola (alcuni anni fa, ora non so come sia) ci si caricava la bici appesa al gancio in seggiovia, poi di corsa a sedersi sempre sulla stessa, all'arrivo stessa cosa si scendeva e si scaricava in autonomia, io alto ci riuscivo senza troppa difficoltà, quelli più piccoli bestemmie.... sicuramente questa soluzione è una festa a confronto.
    Stessa cosa che ancora accade dalle mie parti sulle discese della Majelletta e a Campo di Giove. A Pescocostanzo, invece, hanno adottato questa soluzione, con la bici messa di lato.

    View attachment
Storia precedente

La nuova bici da XC di Santacruz ad Albstadt

Storia successiva

MVDP gioca con gli avversari

Gli ultimi articoli in News

Posso la borraccia?

Durante l’ultima salita del Monte Grappa il dominatore del Giro d’Italia 2024, Tadej Pogacar, viene affiancato…