La SCOTT Genius ST Concept by Dangerholm

39

Ecco la nuova creazione di Gustav Gullholm, il preparatore di edizioni speciali di bici Scott meglio noto come Dangerholm, una versione speciale della Scott Genius ST.

(parole di Dangerholm)



.

Idea concettuale:
Anche se con ogni nuova generazione di biciclette e componenti osserviamo miglioramenti sia nelle funzionalità che nelle prestazioni e nell’esperienza di guida, non si può negare che visivamente ci stiamo muovendo nella direzione di un look elegante e pulito. E l’ultima piattaforma SCOTT Genius ne è un ottimo esempio, si potrebbe dire la moderna mountain bike, con il suo ammortizzatore posteriore nascosto e le linee pulite.

Negli ultimi anni ho cercato di spingermi oltre i limiti in termini di integrazione e aspetto pulito con alcune delle mie costruzioni personalizzate, quindi vedendo la Genius ST per la prima volta ho subito pensato che questa sarebbe stata una bici perfetta per affrontare le cose al livello successivo.

Dopotutto siamo all’inizio di questa nuova era di mountain bike dall’aspetto super pulito. Man mano che i componenti si mettono al passo, con la diffusione del wireless e la disponibilità di nuovi design per le leve dei freni e il passaggio dei tubi, sono sicuro che vedremo alcune cose molto interessanti.

E forse questa bici qui può servire da anteprima.

Colore e design:
Per completare al meglio l’aspetto tecnicamente minimalista della bici ho scelto di optare per un aspetto visivo altrettanto minimalista per quanto riguarda colori e loghi.
La vernice stessa è un colore abbastanza standard della tavolozza RAL, chiamata Avorio, ma ciò che le conferisce un aspetto leggermente unico è lo strato trasparente semiopaco sulla parte superiore. Quindi, invece di apparire in tonalità sabbia completamente opaca, ha invece un aspetto un po’ retrò o cremoso.

Il kit completamente nero è completato da componenti argentati o addirittura lucidati, per dare un po’ di vita e lucentezza alla bici e contribuire a creare contrasto tra, ad esempio, le ruote e la trasmissione. Detto questo, sono sicuro che la bici sarebbe fantastica anche con le ruote completamente nere, quindi dovrò assolutamente provare anche quella più tardi.

L’unica cosa rimasta sulla lista delle cose da fare è, si spera, riuscire a procurarsi in futuro degli steli neri per la forcella per avere tutto al 100%.

 

Set telaio:
La SCOTT Genius ST, o Super Trail, è l’opzione di bici da trail con più escursione del marchio. Con l’escursione posteriore da 150 mm gestita dall’ammortizzatore Fox Float X NUDE, con serbatoio piggy back e una gamma completa di regolazioni, e con forcelle da 160 mm senza telecomando per concentrarsi invece su ammortizzatori più regolabili.

Avendola già guidata nella configurazione di serie, posso dire che è una di quelle bici che sono semplicemente molto più veloci e ispirano molta più fiducia di quanto dovrebbe essere possibile guardandole solo sulla carta.

Ha anche alcune caratteristiche intelligenti, come l’angolo di sterzo facilmente regolabile e un indicatore di sag che ti consente di impostare facilmente le sospensioni e di tenere d’occhio la quantità di escursione che utilizzi.
Lo sportello di servizio nero nel tubo obliquo si apre con la semplice pressione di un pulsante, consentendoti di apportare eventuali modifiche all’ammortizzatore o rimuoverlo con la stessa facilità con cui su una bici con ammortizzatore esterno.

Poiché volevo che l’abitacolo di questa bici fosse il più pulito possibile dal punto di vista visivo, senza però rinunciare solo alla funzione a 3 posizioni dell’ammortizzatore posteriore ho realizzato una versione personalizzata montata sul telaio in remoto invece di utilizzare la normale versione montata sul manubrio.

In realtà si basa su un vecchio cambio a 10 velocità, poiché 3 clic su questo sono molto vicini ai 7 mm di trazione del cavo richiesti da ciascuna modalità di sospensione. Ha clic estremamente distinti, quindi basta tirare 3 clic per accedere alla modalità di trazione e quindi tirare altri 3 clic finché non si ferma per mettere l’ammortizzatore posteriore in modalità salita.

Davanti il tema personalizzato continua con un’esclusiva forcella Intend Hero da 160 mm. Oltre al suo design rovesciato, che offre vantaggi come una lubrificazione perfetta e prestazioni flessibili, questa forcella tedesca è stata preparata anche per quello che potrebbe essere il passaggio dei tubi freno più ben nascosto finora.

In uno stile simile a quello che troverai su una bici da gravel o da strada, il tubo viene fatto passare attraverso il tubo dello sterzo e la corona. Segue quindi la parte posteriore dello stelo della forcella e, dopo la compressione, il tubo del freno si avvolgerà lateralmente e all’indietro. Ciò significa che non c’è il rischio che rimanga incastrato nella ruota, anche se non è esattamente una configurazione ragionevole da utilizzare oggi nella produzione di massa.

Sia l’asse anteriore che quello posteriore sono in titanio e realizzati dal piccolo produttore METI in Italia.

Posto di guida:
Sulla parte superiore si trova un manubrio in carbonio monopezzo Syncros Hixon iC Rise, anch’esso pesantemente modificato per consentire il passaggio interno. Naturalmente è stata opportunamente rinforzata, per compensare i nuovi fori e renderla sicura da guidare, ma è pur sempre un prototipo unico e non è consigliabile imitarlo in alcun modo.

Tutto viene quindi instradato attraverso una serie sterzo Syncros modificata, che gira su cuscinetti CeramicSpeed SLT. SLT è l’abbreviazione di Solid Lube Technology, il che significa che al posto del grasso c’è un polimero plastico autolubrificante all’interno che li rende essenzialmente esenti da manutenzione.

Il tappo superiore dall’aspetto gradevole e super leggero (solo 3,4 g incluso il bullone) è il mio modello personale chiamato Oknytt, prodotto in Germania da RadoxX.

I comandi per il deragliatore posteriore e il reggisella telescopico sono quasi invisibili a prima vista, poiché sembrano semplicemente dei collari con impugnatura bloccabile. I controller super minimalisti sono realizzati da Zirbel e chiamati Twister WE03, in realtà forniscono grande ergonomia e sensazione tattile grazie allo scorrimento su cuscinetti a sfera e con potenti piccoli magneti che forniscono la resistenza al “clic”.
Hanno cavi instradati sotto l’impugnatura, attraverso il manubrio e nel telaio dove si collegano a una SRAM BlipBox. Questi ultimi sono stati posizionati vicino allo sportello di servizio del tubo obliquo, facilitandone l’accesso.

Avere cavi sottili sotto le manopole significa che sto utilizzando la tradizionale versione a pressione delle manopole Syncros AM. Ma finché li fissi bene, la quantità extra di gomma li rende davvero comodi.

Posto di seduta:
La sella è una Syncros Tofino SL, che non solo è molto leggera ma è anche una delle mie preferite in termini di comfort per la MTB. La cosa veramente speciale è che i binari e il guscio della sella sono in realtà un’unica struttura in carbonio, realizzata in un solo passaggio. Ciò gli conferisce un eccellente rapporto resistenza-peso e, a uno sguardo più attento, costituisce una piccola e affascinante impresa di ingegneria e produzione.

Il reggisella è un RockShox Reverb AXS standard da 170 mm, a parte il collare lucido personalizzato, e il morsetto del sedile dall’aspetto pulito è un Intend Corona.

Freni:
C’erano due fattori principali da considerare nella scelta dei freni su questa bici: la potenza di arresto poiché è una bici focalizzata sulla discesa e ovviamente anche le possibilità di integrazione. Trickstuff Piccola HD si adatta perfettamente a questo, essendo molto potente con le pinze a 4 pistoncini e le leve sono offerte con uno speciale banjo che ti consente di inclinare il tubo del freno direttamente verso il manubrio.

Come bonus, hanno anche un bell’aspetto e hanno una sensazione di leva incredibilmente leggera e fluida.

I dischi freno sono Trickstuff Dächle UL (Ultra Light) da 180 mm posteriori e 203 mm anteriori. Vale la pena dare un’occhiata più da vicino ai bulloni del disco freno, perché sono belli quanto può esserlo un set di bulloni. Realizzati anch’essi da METI come gli assi passanti, sono lavorati in titanio nel modo più intricato e in questa versione si basa su una presa per l’installazione rendendo il processo solido come una roccia e una gioia per qualsiasi meccanico.
Il bullone della pinza freno presenta un design e un aspetto simili, ma con l’aggiunta di una chiave esagonale opzionale per facili regolazioni sul lato del percorso.

Trasmissione:
Davanti c’è una guarnitura in carbonio SRAM X0 che è stata verniciata cusrom in nero opaco, con un prototipo di corona 34T. La corona è realizzata secondo la mia idea di design da RadoxX Components, come parte della mia serie firmata, e si chiama Bergakungen. Questo significa “il re della montagna” in svedese e si basa sull’antico folklore.

Questo gira su un movimento centrale rivestito CeramicSpeed, per le massime prestazioni e una lunga durata. La sostituzione del regolatore del precarico in plastica sulle pedivelle è una controparte in alluminio CeramicSpeed, che è allo stesso tempo più bella da usare e da guardare.

I pedali sono gli Xpedo Baldwin che è un’opzione abbastanza leggera con un meccanismo in stile SPD.

La catena SRAM X0 si collega quindi a una cassetta corrispondente, prima di raggiungere il deragliatore posteriore che è di per sé una piccola opera d’arte.

La base è un deragliatore SRAM X0 Transmission, a cui è stata lucidata la faccia esterna per abbinarsi al resto della bici. Il parallelogramma e la piastra paramotore sono realizzati in carbonio forgiato da Hopp Carbon Parts in Germania. Non solo risparmiano un po’ di peso, ma ancora una volta è una questione di aspetto visivo.

Si abbinano perfettamente alla gabbia in carbonio della gabbia del deragliatore posteriore CeramicSpeed OSPW X for Transmission. Sembra davvero sorprendente e ha alcune caratteristiche intelligenti per mantenere basso l’attrito e alta la durata. Le solide pulegge fanno sì che nulla possa rimanere incastrato e sono presenti scanalature attorno ai coperchi dei cuscinetti che mantengono meccanicamente lo sporco lontano dai cuscinetti.

Ruote:
Duke Racing Wheels produce sia mozzi che cerchi piuttosto interessanti. A partire dai mozzi, si chiamano BadBoy e sono la versione con flangia a J rispetto al modello MadMax straight-pull leggermente più leggero. Sono dotati di un corpo ruota libera in titanio e di un meccanismo a cricchetto con uno speciale tipo di molla per una perfetta distribuzione del carico.
Normalmente disponibili in nero, sono stati anodizzati su misura per abbinarsi a questa bici.

Agganciati ai raggi Sapim CX-Ray troviamo poi i cerchi Duke Fury Star 6ters. Ho optato per i cerchi in alluminio su questa bici perché semplicemente mi piace la qualità di guida quando si tratta di discesa, e ovviamente sono anche molto resistenti. 6ters è il loro concetto con profili specifici del cerchio anteriore e posteriore, per migliorare ulteriormente sia la durata che le prestazioni.

Per le gomme ho scelto il mio modello preferito di tutti i tempi, il Maxxis Assegai. Qui con carcassa EXO+ con mescola di gomma MaxxGrip nella parte anteriore e MaxxTerra con migliore scorrevolezza nella parte posteriore. Con un peso di circa 1200 g ciascuno, non sono i più veloci in salita, ma rendono sicuramente molto divertente la discesa.

Sono sigillati con Syncros Eco Sealant e le valvole tubeless provengono da Damoff.

Commenti

  1. Ok la pulizia delle linee , ma se consideriamo un utilizzo, al di fuori della vetrina, mettimi dei paracolpi a protezione degli steli bassi della forcella !
Storia precedente

Rock Shox presenta il Flight Attendant per Cross Country

Storia successiva

Specialized Epic 8 Evo: la trail bike per giri lunghi

Gli ultimi articoli in News