Le corone ovali

Daniel Naftali, 08/06/2021

A cosa servono le corone ovali? Portano davvero dei vantaggi? A cosa bisogna stare attenti quando si montano? Viste le tante richieste, andiamo a vedere nel dettaglio questo argomento.

Corona ovale Absolute Black

La pedalata non è mai rotonda

A differenza di un motore elettrico ed analogamente ad un motore a scoppio, quando pedaliamo non applichiamo  una coppia costante alla nostra guarnitura.

Tralasciando questioni biomeccaniche legate all’angolo di lavoro dell’articolazione del ginocchio, anche se noi applicassimo una forza costante sui pedali dall’alto verso il basso, questa non si trasformerebbe in una coppia torcente omogenea durante il ciclo di rotazione della guarnitura.

03

Nel disegno viene spiegato meglio il perchè di questo fenomeno. Se nella configurazione 2 (pedivella ad ore 3) la forza applicata (Fa) coincide con la forza effettiva (Fe) diverso è il comportamento ad altre angolazioni.

Quando noi applichiamo la forza Fa sul pedale, non tutta questa forza viene trasmessa alla pedivella. Solo la sua componente perpendicolare alla pedivella (Fe) viene effettivamente trasmessa alla corona, il resto viene dissipato. Il risultato è che la Fe, la forza effettivamente trasmessa alla guarnitura, varia da un minimo pari a zero (ore 12 e 6, configurazione 4) ad un massimo (ore 3, configurazione 2) secondo un andamento sinusoidale.

04

La forza che viene trasmessa alla pedivella e da qui alla corona insomma non è costante sul ciclo di pedalata, ma segue un andamento sinusoidale con dei massimi e dei minimi piuttosto marcati. Si parla insomma di zone di picco (ore 3 e 9, pedivelle orizzontalo) in cui tutta la forza scaricata sui pedali (Fa) viene trasferita alla corona e di zone di punto morto in cui la forza trasferita alla corona è nulla.

05

Ovviamente le cose nella realtà si complicano e questo andamento sinusoidale viene ridotto da fattori come i pedali a sgancio, la bravura del rider a mantenere una pedalata rotonda ed a “tirare” i pedali nel punto morto, ma quello che conta è che comunque la forza che va a scaricarsi sulla corona non è mai costante e segue un andamento ciclico sinusoidale, con dei massimi e dei minimi.

Perchè le corone ovali

Perchè quindi non andare a sfruttare questo andamento sinusoidale con un qualcosa che trasmetta più forza nella fase di picco e riduca lo sforzo nella fase del punto neutro? Ecco a cosa servono le corone ovali.

06

Avevamo visto in un precedente articolo che la forza che viene trasmessa dalla guarnitura alla catena dipende dalle dimensioni della corona, ovvero dal suo diametro. Applicando un certo momento torcente al centro della pedivella, più è grosso il diametro della corona (braccio), maggiore è la forza trasmessa alla catena.

Nel caso di una corona ovale, a parità di momento torcente, la forza trasmessa alla catena non è costante ma varia ciclicamente a seconda che la corona si trovi orizzontale o verticale. Nel primo caso (corona con lato lungo orizzontale) il braccio b è più piccolo, quindi la forza trasmessa alla catena più bassa. Nel secondo caso (corona con lato lungo verticale) il braccio B è più grosso e quindi la forza trasmessa maggiore.

…e se facciamo combaciare la corona ovale in modo tale che trasmetta la massima forza nel punto di picco (pedivella ore 3 e 9) e che ammorbidisca la pedalata nella zona del punto morto (ore 6 e 12), non avremo una trasmissione della forza più costante? Ecco a cosa servono le corone ovali.

07

In pratica insomma il segreto è di sincronizzare la sinusoide della forza trasmessa dalla corona ovale alla catena con la sinusoide della forza trasmessa dal pedale alla guarnitura in modo che siano sfasate di mezzo periodo e che quindi sommandosi si compensino, dando origine ad una retta.

Naturalmente non si raggiungerà mai una retta perfetta come quella del grafico, ma ad ogni modo si smorza in maniera piuttosto evidente l’andamento ondulatorio andando quindi ad avere una trasmissione della forza alla ruota più costante ed una pedalata più rotonda, meno impulsiva.

Oltre agli indubbi benefici in termini di trazione (una pedalata impulsiva rischia di far pattinare la ruota con più facilità) si ha un miglior sfruttamento della forza muscolare con una pedalata più rotonda.

In collaborazione con Bike Lab.

 

Commenti

  1. Parigi:

    ma come mai i principali costruttori non le propongono?
    Perchè segretamente stanno studiando una cassetta con pignoni ovali...

    Bo io l'ho usata...ora ho su una tonda...ma ho già pronta l'ovale, appena la catena sarà da sostiruire...
    Non sarà una panacea, o sarà un effetto placebo, ma a me sembra un tantino meglio in salita...
  2. Da sperimentazioni personali ho notato che l'ovale permette un 2-3% in più di velocità generale, perchè vengono bypassati tutti i punti morti durante la pedalata. Il rovescio della medaglia è che le gambe sono sempre in tiro e a fine giro ci si stanca leggermente di più. Questo per il fatto che le migliaia di punti morti che s'incontrano con la tonda, costituiscono una frazione di secondo di vuoto in cui le gambe riposano. Essendo migliaia e migliaia durante un giro in bici completo, a fine uscita con la tonda ci si sente meno stanchi, anche se le prestazioni sono un pelo inferiori
  3. yayayaya:

    sul tecnico e sulle salite impossibili, avendo il rapporto corto in trazione noto se mi pianto, il piede è sempre prossimo alla fase di spinta e in un attimo mi sgancio e metto il piede a terra, mentre con la tonda capitava nella fase di trazione e in questa posizione è più difficile sganciare il piede.
    parlo di rampe impestate di sassoni o al 40%
    40% ????? Elllamadonna !!!