Lo sport ci salverà

Lo sport ci salverà

Marco Toniolo, 21/10/2020

Listen to “Lo Sport ci Salverà” on Spreaker.

Almeno mentalmente.

Non avrei voluto tornare a scrivere di Coronavirus, restrizioni e possibili lockdown, ma rieccoci nei guai, alla velocità di un battito di ciglia o poco più. Questa volta trovo il tutto più pesante, non solo perché ormai siamo in ballo da oltre sette mesi, ma perché entriamo nei mesi bui, nel senso che le ore di luce calano e, ciliegina sulla torta, sabato notte torna l’ora solare, accorciando ancor di più le giornate. Non rimane che contare i giorni fino al 21 dicembre, il solstizio invernale. Da lì in poi, minuto per minuto, la luce combatterà con successo contro il buio.

Torniamo a noi, sportivi o presunti tali. L’altro giorno discutevo su quanto sembrasse noiosa la vita senza la possibilità di rompere la routine quotidiana, visto che ci troviamo a dover rinunciare a grandi fette della nostra vita sociale. Anche se i ristoranti sono aperti, chi ha voglia di incontrarsi alla sera con degli amici in questa situazione? O di andare in un bar?

Durante la discussione ho proposto di fare tanto sport, possibilmente ogni santo giorno. I motivi sono diversi. Innanzitutto stancarsi, arrivando alla sera belli cotti dalla giornata lavorativa + attività fisica, così che le smanie da vita sociale si spengano con le palpebre che cadono. Secondo, l’effetto endorfina, ovvero la “droga” prodotta dal nostro corpo quando si fa sport che ci fa sembrare tutto un po’ più bello e ci dà energia. Terzo, occupare il tempo con l’ovvia conseguenza di tenersi in forma, con effetti positivi per la mente e per l’anima.

Sembrano cosa scontate, per chi è abituato ad allenarsi regolarmente, ma non lo sono per una gran fetta dei nostri Zeitgenossen. Basta vedere quanta poca gente usi la bicicletta per andare al lavoro, malgrado le code davanti ai negozi di bici e gli assembramenti da allevamenti di bestiame davanti a treni, metrò e autobus.

Per uscire sani di mente da questa situazione bisogna ingegnarsi. Noi biker abbiamo un’àncora di salvezza a portata di pedale (e se non avete una luce per le notturne, procuratevela!).

YouTube video

 

Luci nel video
Sul manubrio
Sul casco
Luce posteriore con attacco USB

Foto di copertina di Giorgioape

 

Commenti

  1. VINS61:

    è totalmente folle immaginare che sia sostenibile
    si,ma siamo in mano a gente che è completamente distaccata dalla realta', lo si vede dalla totale impreparazione in cui si son fatti trovare all'arrivo della seconda ondata, con la quale ci avevano pure frantumato i coglioni tutta estate....
    oltre ad essere degli incapaci sono degli incapaci vanagloriosi che invece di prepararsi per l'autunno trovano il tempo di scrivere libri , come il ministro della salute, in cui si vantano di aver sconfitto la pandemia ( per la cronaca il libro doveva uscire settimana scorsa, lo ha bloccato la casa editrice perchè non gli sembrava il caso.....) ed oggi sempre lo stesso ministro, ci racconta dal corriere della sera che racconta ai suoi bambini che " per papa' la lotta al covid è quel che per i vostri bisnonni fu la seconda guerra mondiale" , si crede un novello Churchill ed è il primo responsabile di questo disastro ed il fautore di questo nuovo lockdown che porta la sua firma....
  2. albatros_la:

    Ognuno può avere le sue opinioni e un forum è un luogo dove condividerle. Però credo non si debba dimenticare che per ogni discussione la propria opinione possa essere off topic. Francamente, condivisibili o meno che siano certe vedute, mi chiedo cosa c'entrano giudizi espressi quanto a scuole, ristoranti e quant'altro: ci vedo ben poco di ascrivibile a "Lo sport ci salverà". Vista la deriva del thread, ci vedo più un titolo alla "Sono stufo, spacco tutto", e comunque non mi sembrerebbe un pensiero nemmeno riferito a qualsivoglia pratica sportiva. Non è il "Bar del forum", eppure molti toni sarebbero probabilmente fuori luogo anche là.
    È proprio il caso che vi facciate salvare dallo sport: uscite (o rimanete a casa) e fatene, visto che è entro il perimetro delle cose permesse. E non dimenticate che c'è chi è stato o sta molto peggio di voi, e non parlo di salute, parlo di libertà. Molte, troppe persone non sanno la fortuna che hanno, e a mio avviso non è che perché gliene viene (fatta avere...) un po' meno dovrebbero sentirsi in dovere di gridare allo scandalo, incitare alla disobbedienza civile, chiamare in ballo il reset sociale, temere la dittatura. E questo, di nuovo, in un thread di un forum di MTB titolato "Lo sport ci salverà". A coloro di cui sopra consiglio un esercizio semplice: sedetevi, ovunque vi troviate, chiudete gli occhi, mandate nella vostra mente le lancette del tempo indietro al 1943 o giù di lì (se come me non l'avete vissuto e siete poco ferrati in storia, fatevi dare una mano da wikipedia, basta inserire l'anno nel campo di ricerca per vedere la lista degli eventi), pensate un po' cosa avreste avuto attorno in quel contesto, aprite gli occhi e guardatevi in giro. Se avete un pizzico di sale in zucca, sarete felici di farvi il giro del giardino sotto casa in sella ad una Graziella sgangherata.

    Forse prima della - per me auspicabile - moderazione fattiva ci vorrebbe un po' di moderazione in termini.
    1. Il rischio è proprio quello di ritrovarsi nelle stesse condizioni del 1943, se non peggio.
    2. Il grande reset non me lo sono inventato io, ma è portato avanti, in primis, dal World Economic Forum (informati).
    3. Dalla dittatura nazista/fascista, purtroppo, ci hanno liberato persone disposte a sacrificare la propria vita.

    Un po' di rispetto per la storia, per favore.
  3. Che tristezza non bastasse il lockdown, le restrizioni, l'incertezza diffusa le brutte notizie dagli ospedali, la poca lungimiranza di chi ci governa ed a fronte di tutto questo, uno si sfoga un po' sperando di essere capito o al massimo ignorato ed invece trovi qualcuno che ti fa le menate/prediche pippoplutogiudaicosociopoliticostoricoculturali pure qui...
    Buonanotte