gomme salsicciotti
Da sx: le sezioni di Banger, PTB, ABS Roc

Meglio delle gomme robuste o i salsicciotti?

240

Gli inserti o salsicciotti da mettere dentro le gomme sono di moda: sul mercato se ne trovano di ogni forma, consistenza, colore e prezzo, complice anche l’alto margine che portano a chi li produce.

I vantaggi di questo sistema sono la protezione del cerchio e il poter girare a pressioni più basse di quello che si farebbe con la stessa gomma senza inserto. Gli svantaggi sono la difficoltà di montaggio e smontaggio, il peso, e il macello che si viene a creare con il lattice.

Già, perché spesso e volentieri gli inserti si imbevono di lattice (in particolare quando si crepano per i colpi), e altre volte intasano le valvole dell’aria proprio per il poco spazio che lasciano loro.

Personalmente non uso i salsicciotti. Li trovo una complicazione inutile per me che, pesando sui 70kg, non ho gran problemi di cerchi rotti. Ne ho però, di problemi, quando si tratta di pizzicature, dovute in gran parte a gomme sottodimensionate per l’uso che si fa della bici su cui sono montate. E qui veniamo al punto.

Trovo che sia una contraddizione voler girare con pneumatici leggeri, ma con dentro gli inserti. Una combinazione che vedo ogni tanto è una gomma Maxxis Exo con salsicciotto. In pratica 900 grammi di copertone + 150 di inserto. Si arriva tranquillamente alla nuova carcassa Exo+ (non quella che era in commercio fino a qualche mese fa, di per sé inutile) o comunque ad una gomma robusta, di qualsiasi marca.

Un copertone più massiccio permette di girare su terreni rocciosi senza il timore di spaccare i cerchi, e soprattutto offre una cosa che nessuna gomma più leggera offre: una combinazione fra carcassa e mescola con tanto grip, smorzamento delle vibrazioni e una risposta elastica adatta all’uso che se ne fa, e costante nel tempo.

L’inserto è una variabile che non è stata progettata da chi vende le gomme, ed inoltre è una variabile che cambia nell’uso, perché i salsicciotti si crepano e si rompono a furia di prendere colpi.

Non parliamo poi dello sventurato caso in cui il fianco della gomma leggera di tagli sul sentiero, e si debba togliere il salsicciotto per metterci una camera d’aria. Prima di arrivare al problema di dove riporre l’inserto sporco di lattice, si deve riuscire a tirarlo fuori con i mezzi di emergenza che uno si porta con sé. Non scontato.

Gli ebiker diranno che gli inserti sono essenziali, visti i pesi in gioco. Ricordo che le gomme specifiche per ebike di un marchio come Schwalbe pesano 1.5 kg l’una. Anche ammettendo di arrivare oltre i 100 kg fra bici e biker, alla pressione giusta una gomma del genere offre tutta la protezione necessaria.

Dite la vostra sul tema e la soluzione con cui vi trovate meglio!

 

Commenti

  1. io mai pensato all''inserto proprio per quanto detto nell'articolo , ho sempre preferito gomme robuste, anche se più pesanti, peso che come detto non cambierebbe con gomme leggere + inserto. il vantaggio poi è quello di avere spalle sostenute e più resistenti.
    io preferisco questa soluzione .
  2. Giro con la HT, per me l'inserto al posteriore è un obbligo ... Non tanto per avere la sicurezza di ritornare a casa pedalando, ma più per il fatto che possa sbagliare linea e distruggere il cerchio. Mi ha già salvato parecchie volte; ora uso Rimpact, prima avevo Barbieri però mi sono trovato male con quelli. Con le pressioni siamo sull' 1.4/5 all'anteriore (anche lì mi capita di toccare) e 1.6 al posteriore
  3. sideman:

    quanto pesi??
    io peso 80 più il vestiario e bici da 25 kg
    sei sicuro di avere un manometro preciso???
    Una MM SG con i miei pesi 1.2 lo tiene benissimo senza stallonare...
    p.s. giusto come nota io ho 27.5
    Tieni conto anche della velocità in curva, che fa molta differenza. L'anno scorso in bike park al Mottolino mi sono meravigliato della grande differenza in ingresso e conduzione di curva di chi ha veramente il manico. Se sul dritto (anche scassato) il divario è RELATIVAMENTE poco, in curva le velocità cambiano decisamente e la possibilità di stallonare (e stendersi) con pressioni molto basse è reale.

    Personalmente sulla mtb uso pneumatici intorno al kg, sulla ebike invece copertoni da 1.2-1.3 kg (Maxxis DD o Schwalbe Supertrail/gravity) e Cushcore al posteriore. Nella mia esperienza non si è mai rotto, nè imbevuto di lattice. In caso di foratura irreparabile, ho verificato che resta "pedalabile" e in qualche modo a fondo valle arrivi. Inoltre non ho mai avuto danni nè al cerchio in carbonio che a quello in alluminio. Io peso 74Kg vestito con zaino e la bici 24.
Storia precedente

[Video] Tito Tomasi e le sue traiettorie artistiche

Storia successiva

Scarpe Crankbrothers in edizione Pump for Peace

Gli ultimi articoli in Report e interviste

Segnala lo sconto!

Finita la bolla Covid, in cui la domanda superava l’offerta, il mercato bici sembra essersi avviato…