Nel Grand Canyon francese in kayak e MTB

2

Grand Canyon francese?

“Dici che è impossibile, ma non ci hai provato”, ride Jerome della riluttanza di Fred a lanciare il suo gommone giù per una serie di cascate. I due rider Julbo-Mavic si rivolgono a me per un parere tratto dalla mia esperienza di kayak. “Sarai fortunato a superare il secondo drop”, dico in tono paterno. Preoccupato che la parola “impossibile” possa non figurare nel dizionario di un campione del mondo di Enduro, aggiungo: “…e poi Fred avrà bisogno di essere salvato… di nuovo!” ricordando loro un incidente precedente.



.

Guardiamo di nuovo l’acqua gorgogliante e scegliamo di andare sul sicuro, trascinando le nostre zattere cariche di biciclette sulla sponda fangosa del fiume e aggirando l’ostacolo; è uno dei soltanto quattro portage che facciamo durante cinquanta chilometri di discesa del fiume, non male considerando il livello dell’acqua e che siamo tutti neofiti di packraft.

Continuiamo a pagaiare, le nostre zattere che ondeggiano rapidamente dopo le rapide, le onde che si increspano sulle biciclette legate alla prua. “La mia bici non è mai stata così pulita”, grido mentre ballo tra le onde e viro intorno a massi delle dimensioni di un’auto. Pagaiare in acqua è come fare un singletrack tecnico: si tratta di scegliere la linea giusta (o forse la più divertente) e la nostra mini avventura di tre giorni è piena di rockgarden, drop, scelte di linea e flow, sia sui sentieri che sul fiume.

È facile pensare al packrafting come a un’avventura estrema; respingere gli attacchi dei grizzly mentre navigano nelle rapide inesplorate dello Yukon, ma la semplice idea di combinare biciclette e gommoni può dare un vero senso di avventura anche alla più vicina delle destinazioni, una qualità preziosa in un periodo di pandemia che limita la possibilità di viaggiare. Così, quando ho sentito parlare dell’incredibile singletrack intorno alla gola del Tarn, la spettacolare risposta francese al Grand Canyon, ho immediatamente immaginato un lungo weekend trascorso pigramente a galleggiare lungo il fiume con le biciclette a bordo e le birre in mano, attraccando nei campeggi per percorrere i sentieri; ho convinto facilmente gli altri mountain biker Fred Horny e Jerome Clementz.

Come tutti i migliori piani di avventura, il nostro era semplice; ma l’avventura è anche un luogo di incognite. Quando partiamo per la nostra “bikeraftventure” dal nostro campeggio a Blajoux, lo facciamo all’inizio di maggio sulla scia di un’enorme tempesta e sulle bollenti acque marroni di un fiume che scorre quattro volte il suo tipico flusso estivo. Mentre scivoliamo nella corrente veloce, mi rendo conto che la nostra introduzione al packrafting avrà una curva di apprendimento ripida.

Le acque vorticose ci portano sotto il borgo medievale di Castelbouc e oltre i pendii avvolti dal verde lime della primavera. Per due ore saltiamo giù per le rapide, stupiti dalla stabilità delle nostre zattere cariche. Quando raggiungiamo St Enimie undici chilometri a valle, sprazzi di sole si riversano nel cielo turbolento per placcare d’argento il fiume. L’affermazione che il pittoresco villaggio sia il più bello di Francia è forse giustificata, ma sembra che abbia condannato le sue strade a essere riempite da cortei di turisti che mangiano gelato; sbirciano oltre i parapetti del ponte ad arco del paese, incuriositi alla vista dei gonfiabili carichi di biciclette che passano sotto.

Due ore dopo siamo noi che guardiamo dall’alto in basso quegli stessi turisti, dopo aver tirato a riva le nostre zattere, rimontato le biciclette e salito cinquecento metri di dislivello lungo il GR60 fino a Boisset, un piccolo gruppo di edifici in pietra arroccati in alto sul bordo del canyon. Lontano sotto di noi, le rapide del Tarn sono smorzate dalla distanza.

Stiamo seguendo una delle “discese preferite” di uno dei follower locali di Instagram di Jerome, ma il sentiero sembra lanciarsi dal lato della scogliera. Mentre scendiamo, due grifoni si elevano dal canyon. È come se sapessero cosa ci aspettava, poiché ci troviamo immediatamente in un groviglio di tornanti ripidi. Fred e Jerome saltano in stile trialistico mentre io scendo senza tante cerimonie. Proprio quando inizio a mettere in discussione le intenzioni sadiche dei follower di Jerome, ci troviamo su un singletrack perfetto che si fa strada attraverso un vasto anfiteatro naturale. Il nostro ritmo aumenta; pneumatici che sputano detriti di roccia mentre una dozzina di curve rendono breve il dislivello che ha richiesto più di un’ora per salire. Tornati al campo stappiamo una birra, esaminiamo la mappa e facciamo piani per il giorno successivo. Naturalmente, anche i piani più dettagliati non includono mai gli imprevisti.

“È strano; di solito mi preoccupo del peso di ogni cosa”, dice Fred mentre carichiamo le nostre zattere la mattina dopo, un esercizio che è di per sé un’arte. Le consuete avventure in bicicletta di Fred prevedono di portare tutto sulla schiena attraverso montagne selvagge, il tipo di avventure in alta quota in cui ogni grammo conta. Ma galleggiare sull’acqua significa che il peso è un problema minore; almeno questa è la teoria. Presto inizio a maledire il peso dell’attrezzatura in eccesso quando un vento contrario si incanala nella gola per rallentare il nostro ritmo nonostante la corrente che corre sotto di noi. Continuo a faticare, distratto dal paesaggio circostante: mille punte di roccia si ergono come un esercito di sentinelle erette a guardia di ogni ansa del fiume. Passiamo cascate e vortici e giochiamo a rincorrerci con gli aironi cenerini. Prendono il volo per salire maestosamente davanti a noi come jet Concorde piumati, solo per atterrare di nuovo un centinaio di metri più a valle, e poi ripetere.

In estate, quando il fiume è mansueto, le scogliere alte 600 metri della gola riecheggiano del suono delle canoe a noleggio che rimbombano sulle rocce e delle risate dei bagnanti spensierati. Ma oggi abbiamo tutto il fiume per noi. Ci rilassiamo nella solitudine, ognuno perso nel proprio mondo fino a quando un ruggito non ci risveglia dai nostri sogni. Superare la diga a La Malene, una rampa di quarantacinque gradi alta un metro e mezzo, diventa l’unico contrattempo della nostra avventura, a pochi minuti a monte del campeggio del nostro secondo giorno. La zattera di Fred viene tirata indietro e intrappolata contro la diga. Dopo cinque minuti di tentativi di salvataggio falliti, improvvisamente un motoscafo appare da valle e, sollevandosi dalle onde, porta in salvo Fred e la sua zattera. Ci ritroviamo per sorseggiare un caffè caldo sulla riva mentre Fred, tremante ma sorridente, si toglie i vestiti bagnati. Avendomi accompagnato in una circumnavigazione del Monte Elbrus in Russia due anni prima, so che ci vuole molto per scuotere Fred.

Superiamo di nuovo l’ormai famigerata “diga di Fred” mentre percorriamo il singletrack lungo il fiume fuori da La Malene un’ora dopo. Il sentiero scende e sale come una pumptrack, la sua terra liscia si intreccia tra gli alberi. Lo seguiamo per alcuni chilometri a monte fino a Hauterives, un guazzabuglio simile a un tetris di vecchi edifici in pietra a cui si accede solo tramite sentiero o tramite un cesto di metallo sospeso su un cavo di argano sospeso sul fiume. Risalendo il ripido fianco della gola, saliamo tra faggi e pinete, aspirando un’aria greve di profumi primaverili, prima di sbucare finalmente su un vasto altopiano che si estende a perdita d’occhio, un paesaggio epico attraverso il cuore della Francia.

Ma quello può aspettare un altro giorno; invece tagliamo attraverso il fianco della collina, seguendo il sentiero verso il bordo della gola, dove ci aspetta il premio per la nostra precedente salita. La discesa diventa rapidamente un furioso susseguirsi di linea giocose, manual e curve sconnesse: un mondo diverso rispetto al liscio sentiero lungo il fiume che abbiamo percorso in precedenza. Quando ci fermiamo tra i vicoli lastricati di La Malene, chiudiamo il nostro piccolo anello pomeridiano di venti chilometri e 650 metri di salita e discesa; ma in aggiunta a una mattinata di pagaiate e alla scarica di adrenalina di un salvataggio, ci sentiamo di esserci guadagnati una birra e magari anche una bottiglia di vino locale.

La mattina dopo mi sveglio un po’ appesantito, al canto eclettico di un merlo e al tat-tat-tat della pioggerellina leggera sul mio telo. La pioggia non smorza i nostri spiriti e, con le più grandi rapide del fiume davanti, non saremmo comunque rimasti asciutti a lungo. Scendendo tra le cime avvolte dalla nebbia, vengo trasportato mentalmente nel Borneo o in Papua Nuova Guinea, non che ci sia mai stato, ma questo è il potere dell’immaginazione innescata dalla natura. Un paio di motoscafi a noi familiari ci sorpassano, questa volta guidando i turisti in visita invece che salvare gli appassionati di mountain bike dalle dighe. Saltano sulle onde appena a monte dell’impraticabile rapida del Pas de Soucis.

“Solo una volta”, dice il ragazzo nel negozio di articoli da regalo che si affaccia sulla rapida di categoria V del Pas de Soucis, stretta e soffocata da massi, quando gli chiediamo se è stata percorsa con successo in kayak. Non mi preoccupo di chiedere se il canoista avesse una bicicletta legata alla sua barca; uno sguardo alle rapide ed è chiaro il motivo per cui questo portage di un chilometro è obbligatorio. La vista di noi che pedaliamo lungo la strada con le zattere gonfiate sulla schiena fa sorridere i turisti, ma probabilmente deluderebbe i progettisti dei packraft; dopo tutto queste sono barche allo stato dell’arte, leggere che si riducono a circa le dimensioni di un paio di pagnotte. “Avete appena fatto la parte facile del Tarn; ora è la parte più sportiva!” dice il ragazzo del negozio di articoli da regalo con un luccichio negli occhi mentre ci allontaniamo.

Tornati in acqua remiamo tra cattedrali di roccia avvolte dalla nebbia e verso la prima delle sfide “più sportive” che ci aspettano. “Dice qualcosa quando il segnale di avvertimento è per metà sott’acqua”, grida Jerome a proposito del segnale sommerso dall’alluvione che dice “i giubbotti di salvataggio devono essere indossati”. Tra sole tre ore ci daremo il cinque sotto il ponte di pietra a La Roziere che segna il punto di arrivo della nostra avventura francese in bicicletta, ma per il momento il nostro obiettivo deve essere quello di navigare con successo le rapide del Sabliere, le più toste di tutta la nostra discesa.

Lanciandomi in quella rapida mi sono reso conto che non devi cercare luoghi remoti o esotici per trovare l’avventura, ma solo spingerti verso nuove sfide. Per tre giorni abbiamo avuto sorrisi e alti livelli di adrenalina, fango, rockgarden, panorami fantastici e un sacco di flow, sia dentro che fuori dall’acqua. E abbiamo avuto modo di riflettere sul significato di ‘impossibile’; che è esattamente ciò che l’avventura deve essere.

Qualche informazione:
In sella al Tarn: La regione della Lozère intorno al Tarn vanta centinaia di chilometri di sentieri, tra cui un percorso lungo 70km che attraversa la gola, in gran parte lungo il fiume. Ci sono una dozzina di discese singletrack nella gola di varia difficoltà tecnica. Sono tutte sulla mappa IGN 2640-OT. Parti di percorsi a lunga distanza come il GR60 possono essere integrate e il percorso MTB lungo 1400km Grand Traverse of the Massif Central (GTMC) termina alla gola. Si può percorrere in bici tutto l’anno, anche se le estati sono calde. Ci sono 22 campeggi lungo il fiume, la maggior parte con caffè/pizzerie in loco e alcuni anche con cabine da affittare. Vedi www.lozere-tourisme.com per maggiori informazioni.

Packrafting 101: I packraft sono zattere gonfiabili piccole, stabili e resistenti che si impacchettano fino a 20x30cm quando sgonfi e pesano solo 2kg. Molto portatili, sono ideali per remare fiumi e laghi come parte di un’escursione da punto a punto o di un viaggio in bicicletta e la loro elevata galleggiabilità permette di trasportare kit da campeggio (in borse asciutte) e anche una bicicletta. Abbiamo usato le singole zattere Gaia e le leggere pagaie in 4 pezzi di www.jaws-company.com

 

Commenti

  1. Caspita stupendo!
    Conoscevo solo il Verdon come "grand canyon francese", ma anche questo è molto interessante.
  2. Lo sapevo che, prima o poi mi sarebbe ritoccato ridiscendere i grandi fiumi francesi, ma mai avrei pensato di portarmi pure la bici :mrgreen:
    Ciao
    Ps. Io il Tarn l’ho disceso in agosto e non era per nulla una cosa banale, mi immagino in quel periodo quando è bello carico d’acqua :maremmac:
Storia precedente

Nuova gamma X-Bow da Selle Italia

Storia successiva

Bici della settimana: la Specialized Enduro di Alctraz

Gli ultimi articoli in Viaggi e uscite in mountain bike

Bikepacking nel Caucaso

Il report di viaggio bikepacking di Henna e Sabine nel Caucaso della Georgia settentrionale, da Stepantsminda…