[Video] Jerome Clementz e famiglia sulle Dolomiti

6

YouTube video

“Avere un figlio cambierà la mia vita? È una domanda che mi sono posto alcuni anni fa. Dopo due anni da genitore posso finalmente rispondere a questo dubbio.” Puoi trovare la risposta di Jerome Clementz su questo argomento nel video delle sue vacanze di famiglia sulle dolomiti.

 

Commenti

  1. Nostro figlio non ha ancora due anni, e le nostre vacanze sulle Dolomiti a settembre sono state proprio così! Il trailer lo portavo io e mia moglie aveva il il sellino "Shotgun", così quando il piccolo si stufava/stancava, avevamo l'alternativa per farlo riposare un po'...non ci siamo fatti mancare giri anche da 1000m+...senza motore!
    Non avrei mai creduto di poter fare così tanta bici nonostante l'erede...ferie stupende!

    Mandi,
    Chuck26
  2. Non ho mai capito coloro i quali, nell’ambito di tutti gli sport considerati per qualche verso, ‘maschili’ (da loro stessi intendo), trattano ogni uscita come una “conquista“ nei confronti delle opposizioni della moglie. Allora mi chiedo... ma che l’avete sposata a fare?

    Non comprendo inoltre il concetto di “non cedere” alla tentazione delle ebike. Capirei se, con sincerità, si dicesse: odio le ebike perché la sensazione che danno mi fa schifo”, ma dire “non cedo alla tentazione” significa, semplicemente, fare penitenza.

    In fin dei conti, parliamo di attività che si fanno per svago e diletto. Se da una parte la moglie che bacchetta, dall’altra la penitenza di non cadere in tentazione... che vita è!?

    In alternativa tre ebike, una per il marito, l’altra per la moglie e la terza per il pupo (oppure traino) NO????
    :}}}:
  3. il non giovane:

    Se qualcuno l’ha preso mi sa dire più o meno quanto tempo si riesce a fare con il seggiolino anteriore e un bambino di 2 anni? Tipo mezz’ora di bianca o sentiero facile?
    Noi ce lo abbiamo da fine agosto. L'erede farà 2 anni a novembre, ma è abbastanza grandicello e abituato al movimento (santa Strider!).
    Siamo riusciti a farlo stare serenamente anche per giri di 1h15m-1h30m. Di più, a mio avviso, il pericolo è che si stanchi e cali l'attenzione e, dato che non è assicurato in nessuna maniera "passiva" (ad esclusione di delle strap di gomma sulle pedane che trattengono in parte i piedi), ma solo grazie al fatto che si tiene in autonomia sul manubrio. Riguardo al tipo di fondo, anche qua dipende dal bambino e dalla confidenza/sintonia che si ha con lui quando si pedala. Diciamo che sterrate, anche accidentate e con qualche ostacolo (es. radici non estreme) si possono fare tranquillamente. Per cose più "hard" credo sia necessario attendere che cresca e che la sua sicurezza nella presa e consapevolezza aumenti di conseguenza.
    Però, lo consiglio moltissimo, rispetto al trailer si diverte un mondo in più, e noi di conseguenza.
    Occhio solo che nel caso di bici/rider piccoli, la presenza del sellino potrebbe portare a pedalare con le gambe un po' "a papera" e se si usano pedali con attacco può risultare fastidioso per le ginocchia.

    Mandi,
    Chuck26
Storia precedente

Un mese di gare (e dirette) alle porte

Storia successiva

I segreti contro il fango

Gli ultimi articoli in News

Fuego

Dal Guatemala a Peru passando Bolivia, Kilian Bron ha trascorso due mesi pazzeschi nelle Ande. Ecco…