Nuova Evil Wreckoning

46

Evil ha aggiornato la Wreckoning, bici da enduro da 29″ e best seller della sua gamma, a partire dalle geometrie e proseguendo con diversi aspetti tecnici e con il design, leggermente rinnovato sullo stile della Following.

L’escursione cresce da 161 a 166mm, facendo affidamento su un ammortizzatore metrico trunnion compresso ovviamente dal collaudato sistema di sospensione DELTA ideato da Dave Weagle.

La battuta del mozzo posteriore è diventata da 157mm con lo standard Super Boost. Il telaio è dotato di guidacatena integrato e di batticatena in gomma che proteggono il carro e riducono la rumorosità della catena. Il passaggio delle guaine e della tubazione del freno è ora interno al telaio.

Le geometrie sono state rinnovate con un angolo sella più verticale, un carro particolarmente corto, un reach più lungo e un angolo di sterzo più disteso.

Geometrie

Con forcella da 160mm

Con forcella da 170mm

Allestimenti e prezzi

GX-I9-Hydra: $5,799 USD
• SRAM GX Eagle
• Rockshox Super Deluxe Coil Ultimate
• Rockshox ZEB Ultimate (170mm)

XT-I9-Hydra: $6,299 USD
• Shimano XT
• Rockshox Super Deluxe Coil Ultimate
• Rockshox ZEB Ultimate (170mm)

X01-I9-Hydra: $7,399 USD
• SRAM X01 Eagle
• Rockshox Super Deluxe Coil Ultimate
• Rockshox ZEB Ultimate (170mm)

XTR-I9-Hydra: $7,899
• Shimano XTR
• Rockshox Super Deluxe Coil Ultimate
• Rockshox ZEB Ultimate (170mm)

AXS-I9-Hydra: $8,099 USD
• SRAM AXS
• Rockshox Super Deluxe Coil Ultimate
• Rockshox ZEB Ultimate (170mm)

Evil Bikes 

 

Commenti

  1. Smasher_Devourer:

    Giusto per correttezza anche il vecchio Wreck aveva quella misura di carro con un "semplice" boost
    Giusto, mi ricordavo fosse più lungo. Bisogna capire più che altro se un carro così corto con 29" e Boost non avesse una linea catena migliorabile, che potrebbe essere il motivo del passaggio al Super Boost per questo nuovo modello.

    Geep:

    Ma si dai, infatti ho scritto che sono chiacchiere per buona parte, non tutte..
    Intendo che alla fine il biker medio non riesce ad apprezzare queste migliorie, quindi investe in cose che non gli servono.
    Che per carità, in un'ottica di puro possesso del bene, ci sta benissimo, ognuno spenda i suoi soldi come meglio crede.
    Ti sei scordato di dire che non ci sono più le mezze stagioni e che i giovani di oggi non hanno più rispetto...

    Geep:

    Detto questo, belli i 430 mm, chissà che agilità in discesa..
    Ma per quanto riguarda la direzionalità in salita? Tecnica intendo.. abbinata soprattutto ai 76 gradi di sella, effettivi, ma non reali.
    Cos'ha questa di tubo sella, 440 in taglia L? Non ho neanche guardato, ma ormai lo standard è quello.. 20 cm di fuorisella ed ecco che il gioco è fatto..

    Del resto mi ricordo un test che avete fatto voi su una Evil, non ricordo che modello, in cui si parlava proprio della tendenza a perdere il muso in salita erta.
    Non colgo che relazione abbia con l'argomento la disquisizione sull'angolo del tubo sella (interpretata tra l'altro in modo completamente errato)... in ogni caso, se avessi letto con adeguata attenzione il mio precedente commento, avresti colto che non approvo carri così corti e che non sono certo in linea con le geometrie moderne, motivo per cui molte aziende (soprattutto quelle che con i loro numeri condizionano l'effettiva diffusione di nuovi standard) se ne stanno fregando altamente del Super Boost, dato che per offrire misure moderne di chainstay è sufficiente un normale Boost. Tuttavia se un brand preferisce utilizzare carri più corti e/o una linea catena più esterna, saranno liberi di farlo senza che debba arrivare il commento populista/complottista/qualunquista sugli "ennesimi standard". Tanto più che si tratta di uno standard che non è affatto nuovo (prima bici nel 2016), che molto difficilmente soppianterà l'attuale Boost 148, che è utilizzato da brand piccoli che non cambiano certo il mercato e quindi se effettivamente Evil ha fatto una scelta in contro tendenza decidendo di mettere il Super Boost non per una ragione tecnica ma perché "così fanno tutti", credo che abbia seriamente cannato qualcosa.
  2. D-Lock:

    Io mi chiedo però, commercialmente, che senso abbia questo standard, proprio perchè è promosso da brand piccoli che hanno zero potere di influenzare il mercato. Oltre a Evil c'è Pivot e infatti l'ho sempre scartata dalle mie scelte proprio per questo specifico motivo, chi altro?

    Su bici nuova e montata la cosa potrebbe anche funzionare, probabilmente questo è il mercato a cui si rivolgono: leggo specie nei forum americani come mtbr che tantissime persone comprano le bici nei kit proposti e poi le vendono così come sono, non fanno personalizzazioni dei componenti e non trapiantano pezzi da un telaio all'altro; perchè se così fosse questo standard sarebbe già morto, dovrei cambiare i mozzi (forse anche i raggi?) per portare un mio cerchio boost su questo nuovo standard. Per cosa poi, 5mm in meno di carro? Perchè con un boost 29" siamo già tranquillamente in moltissimi brand a 435. E sicuramente le mie scarse capacità di guida questi 5mm non li colgono.
    Fermo restando che i 5mm in più o in meno sul chainstay si sentono eccome, le geometrie moderne non richiedono più carri così corti quanto piuttosto dei carri relativamente più lunghi per equilibrare gli avantreni molto più lunghi. Quindi sì, si sentono ma no, non servono più. Per il resto, non ho capito se hai taggato me come semplice riferimento per un discorso generale o se ti rivolgevi proprio a a me, comunque in merito al Super Boost e alla sua utilità o potenzialità futura sul mercato penso di aver già espresso il mio parere. Ah... anche Devinci utilizza il Super Boost.

    stinky_23:

    Non trovo i pro, aumenta il fattore Q con lo spostamento della linea catena verso l’esterno, i foderi piu larghi rischiano di intralciare il passaggio dei talloni, servono mozzi e guarniture/corone apposite ecc ecc..
    È un po’ limitante questa cosa...
    Trovo che l'articolo linkato presenti una grave lacuna dato che non menziona minimamente quale sia stato il reale motivo tecnico dell'introduzione del Super Boost che è allo stesso tempo il motivo per il quale è prossimo a essere abbandonato. Semplicemente lo stesso motivo per cui fu precedentemente adottato il Boost che invece mantiene il suo scopo in quanto un compromesso valido anche in merito agli altri aspetti geometrici coinvolti con quote meno esasperate. I pro del Super Boost fondamentalmente sono andati a scemare quando si è invertita la tendenza a fare carri sempre più corti.

    In ogni caso tra talloni e foderi la distanza resta pressoché la stessa che sul Boost dato che all'aumentare della battuta del mozzo aumenta anche il fattore Q. Che servano guarniture dedicate è ovvio, ma anche qui, la limitata disponibilità di prodotti dedicati da parte dei produttori dimostra lo scarso interesse del mercato verso questo standard nonostante sia in circolazione ormai da inizio 2016. In definitiva, gli "standardfobici" possono dormire sonni tranquilli... ;)
  3. frenk:

    Fermo restando che i 5mm in più o in meno sul chainstay si sentono eccome, le geometrie moderne non richiedono più carri così corti quanto piuttosto dei carri relativamente più lunghi per equilibrare gli avantreni molto più lunghi. Quindi sì, si sentono ma no, non servono più. Per il resto, non ho capito se hai taggato me come semplice riferimento per un discorso generale o se ti rivolgevi proprio a a me, comunque in merito al Super Boost e alla sua utilità o potenzialità futura sul mercato penso di aver già espresso il mio parere. Ah... anche Devinci utilizza il Super Boost.
    Citavo te per agganciarmi al discorso, e grazie per le ulteriori spiegazioni.
Storia precedente

Coppa del mondo DH e XC: anche Les Gets cancellata

Storia successiva

Nuovi Garmin ricaricabili con energia solare

Gli ultimi articoli in News