Perché non mi piacciono le pompe che si avvitano alla valvola

92

Come ribadito nella famosa discussione sui dischi Centerlock, un fattore essenziale per un prodotto da usare in fuoristrada è che sia affidabile, nel senso che non abbia una variabile intrinseca nella sua progettazione che può portare ad un completo appiedamento del rider. Voi direte “ehhh ma tutto si può rompere“, ma non sto parlando di rotture o incidenti, bensì delle probabilità di un prodotto di causare un disastro perché non a prova di bomba. Nel caso dei dischi Centerlock, questo è dovuto all’impossibilità di stringere un disco usando il classico multitool se si dovesse allentare, cosa invece tranquillamente fattibile con le classiche sei viti.

Nell’esempio di oggi prendo invece in considerazione le pompe con prolunga da avvitare alla valvola. Queste sono comodissime in termini di facilità nel tenere la pompa attaccata alla valvola, senza per di più rischiare di danneggiare l’anima (o core, in inglese), ma se avvitate con troppa forza, o se l’anima è un po’ lasca sulla valvola, quando si staccano dalla valvola, svitandole, portano con sé il core, provocando la completa fuoriuscita dell’aria che abbiamo faticosamente pompato nel copertone a bordo sentiero.



.

Anche qui, non è detto che capiti, ma se capita e avete solo quella pompa con voi, senza un attrezzo smontavalvole con cui stringere il core della valvola, siete nei guai perché non riuscirete più a gonfiare la gomma.

A chi è già successo? Una volta mi è capitato in gara, durante la Swiss Epic. La pompa in questione è finita nell’immondizia a fine tappa.

Commenti

  1. franz_quattro:

    No, è tecnicamente impossibile in quanto
    il filetto sullo stelo (dove si avvita la ghiera) è M6
    mentre quello presente sullo spillo (o anima) è M5

    testine/tubetti sulla parte Presta hanno un filetto F da M5
    Allora semplicemente sono fuorviato dalla resistenza che l'eventuale filetto sul corpo valvola oppone all'inserimento del tubo.
  2. franz_quattro:

    No, è tecnicamente impossibile in quanto
    il filetto sullo stelo (dove si avvita la ghiera) è M6
    mentre quello presente sullo spillo (o anima) è M5

    testine/tubetti sulla parte Presta hanno un filetto F da M5
    non vorrei sbagliare ma l'attacco a vite della pompa si avvita sul fusto della valvola , mentre l'oring fa tenuta sul core e se questo è lento porebbe capitare di svitarlo
  3. quorthon:

    Quelle non le conosco, la mia è sempre una syncros molto simile a quella, ma non la producono più. E' un vero peccato perché veramente è una pompa particolare la mia, gonfia sia spingendo che in levare, è una bomba. Sinceramente non lo so se anche queste 2 facciano altrettanto, ma non c'è scritto e non credo...
    Tuttavia se leggi le specifiche la 2.0HP arriva a 8 bar quindi più indicata per copertoni stretti, gravel, sul sito c'è scritto da corsa, ma che io sappia le bdc le superano quelle pressioni.
    Sempre sul sito nelle specifiche c'è scritto che la1.5HV arriva a 4.8, quindi un 2.6 ci sciacqua. E' ovvio che la taglia M gonfi più velocemente e con meno fatica.....
    Ti linko le specifiche
    1.5HV
    https://www.syncros.com/it/it/product/syncros-boundary-1-5hv-mini-pump?article=2883325576006
    2.0HP
    https://www.syncros.com/it/it/product/syncros-boundary-2-0hp-mini-pump?article=2655885515222
    avevo preso una Topeak a doppio effetto, ma nei vari test già lamentavano che le prima pompate erano super efficaci poi diventa di legno.
    Ordinata, provata dopo 1 bar occorreva troppa forza da renderla inutilizzabile.
    alla fine ho preso una Topeak ad alto volume , 68cc che corrisponde alla M da te postata
    in un test con 68cc ci sono volute 124 pompate , 105 secondi per gonfiare una gomma media., e fino 3 con una Lezyne comunque tra le prime 5-10 pompe consigliate
    quando bucai, la mia pompa era ko e quella dell'amico, un modello tradizionale piccola ha richiesto forse 2-300 pompate al punto da richiedere i turni!!
    appena tornato a casa ho ordinato la pompa
Storia precedente

[Test] Casco Endura MT500 MIPS

Storia successiva

Preview del tracciato DH di Les Gets

Gli ultimi articoli in Tech Corner