[Photostory] Steffi Marth e Jasper Jauch in Sudafrica

[Photostory] Steffi Marth e Jasper Jauch in Sudafrica

09/04/2014
Whatsapp
09/04/2014

Steffi Marth racconta dell’esperienza in Sudafrica prima della prima gara di coppa del mondo di DH.

DSC_6694 copy

Eccoci, il team tedesco con Jasper Jauch ed io assieme al fotografo inglese e Creative Supervisor Nathan Hughes. Il nostro obiettivo principale è il massimo delle prestazioni alla prima gara di coppa del monto di downhill in Sudafrica, a Pietermaritzburg: è questo il motivo per cui ci siamo allenati tutto l’inverno. Andando dove si sono tenuti gli ultimi campionati del mondo UCI, volevamo però anche conoscere la scena MTB locale e l’atmosfera africana intorno a Città dal Capo, tra Table Mountain e Lions Head Hill.

DSC_6856 copy

Alloggiamo a 30 minuti da città del capo, subito fuori dalla bella città di Stellenbosch, sulla strada per Jonkershoek. Si tratta di un posto da cartolina, una riserva naturale splendida piena di sentieri per la bici, adatti sia per pedalare in salita che in discesa. Siamo stati fortunati a ricevere informazioni dai local, essendo venuti in contatto con Gavin King (il proprietaio di RideIn – ridein.co.za), il quale ci ha assicurato l’alloggio piò comodo e vicino a questi posti unici e ricchi. RideIn si descrive come un luogo d’incontro per biker e per una chiaccherata di fronte ad un caffè…

DSC_7191 copy
Per noi è innanzitutto un posto in cui i mountainbiker si possano rilassare in una splendida atmosfera, fare delle lunghe chiacchierate al tramonto con una birra, sdraiarsi su comodi lettini, mangiare troppo buon cibo, sfruttare tutti gli strumenti messi a disposizione per le bici e trovare sentieri tra i più belli al mondo subito fuori dalla porta…

DSC_6760 copy

Nei nostri primi giorni abbiamo girato chiaramente a Jonkershoek, su sentieri come “The never ending story”, prima di spostarci al “G-spot” su consiglio di un altro local. E’ divertente poter chiedere ad un papà in giro col bambino dove si trovi il punto G, senza imbarazzo.

DSC_7256 copy  DSC_8084 copy
Tutta la zona è piena di mountainbikers, infatti i nomi dei trail e dove portano sono cose che tutti sanno. Il G-spot è un grande campo, dall’aspetto marcatamente africano, con cespugli alti un metro che nascondono una quantità di sentieri con diverse caratteristiche.

DSC_7302 copy

DSC_8168 copy

Tra un salto ed una curva troviamo i rider XC-Marathon che stanno al RideIn. E’ chiaro che non siamo i soli a sapere come passare il tempo prima di una gara importante in questa zona; questi ragazzi infatti stanno unendo la Cape Epic e la coppa del mondo di Pietermaritzburg con un po’ di bell’allenamento rilassato tra le due competizioni.

DSC_8107 copy

DSC_8411 copy DSC_8415 copy   DSC_8403 copy

Nel  mezzo dell’azione su due ruote, abbiamo deciso di spostarci a Capetown  per essere sicuri di vedere tutto quello che c’è tra i costosi appartamenti ed il bel porto attorno al capo, per un’esperienza nella township che resterà nei miei ricordi a lungo. Il Sudafrica è uno dei paesi che hanno la storia più emozionante ed ancora così forte.

DSC_8481 copy

DSC_8566 copy
Quando si va nel continente di leoni, tigri, elefanti e zebre, bisogna però anche poter vedere la vita selvaggia, non solo le città. Così abbiamo deciso di concentrarci sui ghepardi . Ci siamo trovati ad abbracciare alcuni esemplari femmina di dieci mesi circa.

DSC_8635 copy DSC_8645 copy

DSC_9162 copy

Ok, abbiamo fatto attività turistiche a sufficienza., oggi è il primo giorno di gara dell’anno. Il secondo round della WP DHI Cup a Helderberg, Somerset West. Il tracciato è vario con un paio di sezioni rocciose, road gaps, salti e tornanti su fondo mosso.

DSC_9442 copy

 

DSC_9313 copy

Ci siamo divertiti in allenamento ma alla fine siamo contenti che sia una gara di un giorno con una sola run, perchè il caldo è incredibile. L’autunno africano può avere condizioni climatiche estreme.

DSC_9205 copy

E’ stato bello vedere alcunii rider con grande supporto dalla famiglia e vedere tutti divertirsi in gara, non c’era vera competizione nell’aria. Anche se abbiamo fatto solo un paio di discese di prova, abbiamo concluso la giornata confidenti di essere preparati alla perfezione per la coppa del mondo, a cui mancano solo un paio di giorni. Indipendentemente dalla posizione che riusciremo a raggiungere in World Cup, il viaggio è un successone già adesso. Con una comunità di biker così forte e ancora in crescita su questo terreno incredibile, il Sudafrica è un paese in cui portare assolutamente la bici.

DSC_9259 copy

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
polanesi
polanesi

L’Africa il continente delle tigri?!?!?!

anacron
anacron

Si! Le hanno importatae dall’Asia gli sceicchi. Che ti devo dire gli piacciono gli abiti a righe.

Maurizio Deflorian
Maurizio Deflorian

Le calze leopardate però sono in tema! E che bel sorriso!

Fabryp
Fabryp

Già! 😉

Alessio-7791
Alessio-7791

Che colpo d’occhio i cerchi verdi della bikers

Alessio-7791
Alessio-7791

No ho sbagliato,e del ragazzo