Quanto inquina produrre una bici?

Quanto inquina produrre una bici?

Piergiorgio Sbrissa, 12/10/2021

Inquinamento, sostenibilità, impronta ecologica, crisi climatica, riscaldamento globale sonno solo alcune delle parole che purtroppo oggi sono diventate parte del quotidiano, piaccia o meno. Discussioni sull’opportunità di scegliere o meno un’auto elettrica piuttosto che un’ibrida, cercare dati sul reale carbon footprint di un prodotto piuttosto che un altro sono ormai la nuova normalità, anche in qualunque bar.

Per restare in quelli frequentati dai ciclisti, quanto inquina produrre una bicicletta? Inquina di più produrne una in alluminio o una in carbonio? Una Bdc o una Mtb? A queste domande è difficile rispondere, ma qualcuno se lo è chiesto ed ha cercato di darsi una risposta: Trek. Questa azienda produttrice di biciclette, è condotta da un presidente, John Burke, che in svariate occasioni si è speso su temi piuttosto “progressisti”, a volte anche direttamente politici, e probabilmente è per questo che Trek ha commissionato uno studio ad un ente terzo. WAP Sustanability Consulting, per realizzare un rapporto sull’impronta ecologica dell’azienda.

Questo studio lo si trova sul sito Trek, quindi non si tratta di un comunicato o altro. Certo, può essere fatto rientrare nel marketing aziendale, ma resta interessante, in particolare per chi avesse le curiosità su menzionate.

A cominciare da un grafico che mostra dove e come inquini l’azienda per settori

 

Si può vedere come voci importanti siano, senza sorprese, il consumo di energia elettrica degli stabilimenti ed i trasporti.

Sono calcolate le emissioni per 4 modelli specifici, che poi ritroveremo, mentre per tutti gli altri modelli ci sono solo delle stime. Tant’è, il grosso delle emissioni derivano proprio dalla produzione delle bici. Nessuna sorpresa.

Molto interessante è il grafico che mostra quali e quante emissioni vengano prodotte per vari modelli dell’azienda, suddivisi nei vari componenti.

Da cui si nota una media di 174 chilogrammi di C02 per i modelli presi in considerazione, ma con alcuni modelli che sfondano il tetto dei 300kg di C02, come la Rail, una mountainbike elettrica bi-ammortizzata con telaio in carbonio.

Se si scorre alcune pagine avanti nel pdf del rapporto si hanno dei grafici (più chiari) sui singoli modelli presi in considerazione. Ad esempio proprio la Rail.

E si può notare, forse con sorpresa, che la produzione della forcella “pesi” un 16%, la percentuale più alta tra i singoli componenti. Segue la batteria con il 15%, quindi il telaio (in carbonio) con l’11%. Forse potrà stupire che la produzione del telaio inquini più di quella del motore, che si ferma ad un 8%, meno della guarnitura (9%). Ancora di più che il singolo caricatore della batteria conti un 4%.

Diventa abbastanza evidente quindi notare come i prodotti in carbonio abbiano un notevole peso sul totale. Basti vedere le percentuali del modello top di gamma tra le bici da corsa, la Madone. la cui produzione costa ben 40kg di c02 in più di una Mtb full-suspendend come la Fuel Ex. Dei 197kg di C02 emessi nella produzione della Madone, il 29% è a carico del telaio, seguito dal 21% della ruota posteriore e dal 15% di quella anteriore. Ruote ambedue in carbonio ad alto profilo.

Per confronto, le ruote della Fuel EX pesano solo un 6% cadauna, pur essendo anch’esse in carbonio. Il 14% per la forcella, mentre solo il 2% per l’ammortizzatore posteriore.

Quasi 80kg in meno di C02 rispetto la Madone per la produzione del modello più venduto di Trek, la Marlin, una Mtb front, per la quale si utilizza meno carbonio e più alluminio. Pesa sempre molto la forcella, con un 14%, come per la Fuel EX.

Aldilà delle singole curiosità si evincono dei punti importanti per l’azienda, ovvero dove poter intervenire per inquinare meno. Ed i punti sono chiari: ridurre i trasporti aerei, compresi quelli del personale, gestire al meglio le spedizioni, con carichi singoli molto grandi al distributore per ridurre le emissioni dovute al trasporto su strada. Inoltre ottimizzare le confezioni, il famoso packaging, riducendo l’utilizzo di plastica. Ad esempio per il solo modello Marlin, migliorando questo comparto, hanno ridotto di 45 tonnellate l’uso di plastica (non sulla singola bici, su tutta la produzione di questo modello). Uno sforzo che produce veramente risultati notevoli se si guarda a tutta la produzione.

Ovviamente vengono sollevati anche altri punti importanti per migliorare la sostenibilità, dall’utilizzo di energie rinnovabili, al maggior utilizzo di materiali alternativi e soprattutto riciclati, oltre alla promozione del bike sharing.

Ma che pedalare faccia bene a noi ed al pianeta è una cosa su cui non possiamo che essere tutti d’accordo.

 

Commenti

  1. ant:

    il punto è: vai avanti tu a dire a quei 4 miliardi che finora hanno vissuto con un dollaro al giorno che 'scusate abbiamo scherzato! adesso che forse era il vostro turno dovete decrescere felici perchè abbiamo già inquinato noi nei favolosi anni 60(e 70/80 ecc.)'?

    Le persone in povertà assoluta al mondo, ovvero che vivono con un dollaro al giorno, sono poco meno di 1 miliardo. In ogni caso il loro turno non verrà mai... non finché le ricchezze verranno mal(gestite) da pochi per puro profitto e ingordigia mentre gli altri 7 miliardi avranno solo l'effimera illusione di benessere fornita dal consumismo fine a sé stesso. Serve ridimensionarsi anche per la parte povera del pianeta, perché mentre da una parte devastiamo il pianeta cavalcando il consumismo che ci rende schiavi al perpetuo inseguimento della ricchezza, la discrepanza tra ricchezza e povertà aumenta e dall'altra parte ci sono appunto quei 900 milioni circa di persone che vivono sempre più in povertà e subiscono maggiormente i danni causati dall'inquinamento e dalla predazione delle risorse... e c'è poco da ridere purtroppo.
  2. Tc70:

    Ma guarda...son partito da una '26 con cantilever, ho attraversato tutte le evoluzioni della mtb e quando con la mia top Giant 26 sembrava che finalmente avessi trovato la "quadratura del cerchio", ti escono le '29 e per le '26 han smesso di produrre ricambi top...lo stesso succede ora con le 29...tra massimo 2 anni non troverai più nulla o quasi di top, e su una mtb da 3000 eur non vado certo a montare in caso di bisogno, ricambi di bassa qualità perchè di quelli le case ne continuano a produrne, e l' usato nemmeno lo valuto, con tutto il rispetto, sicuramente funzionano comunque, ma le prestazioni cambiano, già le ruote che ho io, se dovessi romperne una, la Fulcrum non le produce più (Red Passion da 1380gr), oppure volessi cambiare la forca, con PP classic da Reba a Sid non c è più nulla, se non boost, ma per i quale dovrei prendere adattatori per i miei mozzi anteriori sperando bon sian acrocchi strani...
    Non intendevo dire che non si trova nulla, intendevo che non si trovan prodotti di una certa qualità, sulla Deca che ho come 3za bici, so che troverò sempre una guarnitura perno quadro...sulla Specy dubito...a meno di mettersi davanti al pc e smanettare per ore o giorni alla ricerca del pezzo che si cerca...
    guarda che non è vero quello dici!
    forche non boost ne trovi quante ne vuoi! anzi nei negozi online ormai ci sono solo quelle scontate perchè le altre vanno a ruba in questo periodo di penuria di componenti. riguardo alle ruote non penso che nel caso ti esploda la ruota intera.. dovrai cambiare o solo cerchio o solo mozzo, e anche lì trovi tutto.

    POI OVVIO "se non hai voglia di cercare tra negozi e di smanettare al pc" non trovi nulla.. ma semplicemente perchè l'industria bici è proprio questo che vuole.. se vuoi tutto subito quello che ti offrono è tutto boost, perni passanti, 29, e monocorona.. però non è vero che per il resto non si trova più nulla anzi, proprio in questo periodo forse si trova più per montaggi vecchi piuttosto che per i nuovi!
  3. lorenzom89:

    guarda che non è vero quello dici!
    forche non boost ne trovi quante ne vuoi! anzi nei negozi online ormai ci sono solo quelle scontate perchè le altre vanno a ruba in questo periodo di penuria di componenti. riguardo alle ruote non penso che nel caso ti esploda la ruota intera.. dovrai cambiare o solo cerchio o solo mozzo, e anche lì trovi tutto.

    POI OVVIO "se non hai voglia di cercare tra negozi e di smanettare al pc" non trovi nulla.. ma semplicemente perchè l'industria bici è proprio questo che vuole.. se vuoi tutto subito quello che ti offrono è tutto boost, perni passanti, 29, e monocorona.. però non è vero che per il resto non si trova più nulla anzi, proprio in questo periodo forse si trova più per montaggi vecchi piuttosto che per i nuovi!
    Sarà come dici tu...digito Rock Shox Sid 2015... trovo forche Sid, ma boost.
    Se spacco una ruota e qualche raggio, online trovo solo i raggi, ma non il cerchio, che se pure lo trovassi, lo pagherei oltre i 200 eur, qualche raggio da 5/7 eur l' uno...più il montaggio...forse meglio quei 70/80 eur in più e prendo la ruota completa, fin che ce ne sono ancora, per ora, tra 1 o 2 anni, si vedrà.
    Non dico che non hai ragione, ma forse grazie anche a questo periodo covidiano, per molti son venuti buoni tutti i fondi di magazzino invenduti, e visto la difficoltà di approvvigionamento dei nuovi, si sta dando fondo a tutto quello che c è in giro dei vecchi, rendendo la ricerca difficoltosa e spesso infruttuosa...