Quanto vale la mia bici? Valutazione dell’usato

Quanto vale la mia bici? Valutazione dell’usato

12/11/2019
Whatsapp
12/11/2019

 

In questa puntata del video tech corner andiamo a vedere come valutare una compravendita di una bici usata, sia che siamo noi i venditori o gli acquirenti.

La risposta alla domanda chiave “quanto vale una bici” la trovate a questo punto del video: link.

Privato o negozio

. RETTIFICA: come giustamente qualcuno ha notato, c’è un errore nella formula. La corretta è la seguente:
Valore usato = valore nuovo x 0,65 x 0,8^(n-1)
Dove n è il numero di anni di anzianità della nostra bici. Altrimenti la formula funziona solo fino ai due anni.

La prima domanda che solitamente ci si pone è: meglio prendere la bici da un privato o presso un negozio?

Privato

Il modo più semplice per acquistare una bici usata è cercare sui vari mercatini. Uno dei canali più apprezzati è il nostro storico mercatino, oppure i più famosi siti di inserzione online o i vari mercatini sui social network. Nell’epoca del commercio virtuale trovare annunci di appassionati che vendono la propria bici online è semplicissimo.

Rivolgersi ad un privato è il modo migliore per spuntare buone occasioni: il prezzo è solitamente più basso, non essendoci intermediazioni.

Di contro però la vendita tra privati segue la formula del visto e piaciuto, ovvero senza alcuna forma di garanzia. Si può insomma fare l’affarone del secolo, così come trovarsi ad avere a che fare con un truffatore o con una persona scorretta che cerca di rifilarci una fregatura, magari sotto forma di una bici apparentemente bella ma mai manutenuta, trascurata e trattata male. Bisogna insomma tenere gli occhi aperti.

Negozio

Sono in tanti i negozi che ritirano le biciclette usate dei propri clienti che acquistano un mezzo nuovo. È un servizio molto richiesto ed è uno dei valori aggiunti che un negozio fisico può offrire in più rispetto all’acquisto online. Inoltre i clienti che cambiano spesso bici e che cercano sempre gli ultimi modelli sono in genere degli appassionati e trattano le proprie “amate” molto bene.

Il negozio è comunque una sicurezza in più: il negoziante ha esperienza e solitamente valuta un usato prima di ritirarlo. Un negoziante furbo, che ci tiene alla sua reputazione, preferisce rifiutare un ritiro piuttosto che rischiare di rimetterci la faccia rifilando una “sola”. Inoltre il negozio offre quasi sempre una garanzia sull’usato (con tutti i limiti del cosa ovviamente non essendo essendo la bici nuova) ed è comunque un riferimento fisso a cui rivolgersi se ci dovessero essere problemi. Non dimentichiamoci poi che il negozio tratta sempre con un occhio di riguardo i suoi clienti abituali, soprattutto quelli che hanno acquistato una bicicletta, anche se usata, quindi potremo spuntare prezzi interessanti su upgrade, manutenzione ed accessori.

In negozio inoltre è spesso possibile fare dei finanziamenti anche sulle bici usate, permettendoci di  diluire la spesa e di acquistare la bici dei nostri sogni anche se non abbiamo tutti i soldi immediatamente a disposizione.

Di contro il negozio è mediamente più caro: il negoziante si assume il rischio della garanzia, il personale costa, ci sono le tasse e le spese fisse. Inutile girarci intorno, in negozio andremo sicuramente a spendere qualcosa in più.

Step 1: controlliamo il venditore

Se ci rivolgiamo ad un privato, la prima cosa che dobbiamo fare quando abbiamo trovato una bici che ci interessa è capire con chi abbiamo a che fare.

Innanzitutto cerchiamo di appurare non si tratti di una truffa. Valutiamo il volume di vendite ed i feedback, sul nostro mercatino possiamo anche valutare se il venditore è un utente attivo sul forum: un nickname noto, che scrive tanto, partecipa ad uscite e raduni è una garanzia in più.

Cerchiamo sempre di concludere la transazione di persona: è impossibile valutare una bicicletta solo dalle foto, la vendita per corrispondenza implica avere completa fiducia nel venditore. Può aver senso su importi piccoli, ma il consiglio che do è sempre di vedere la bici di persona.

Informiamoci bene sul venditore, andiamo a vedere il suo profilo Facebook (oramai spiare la gente è molto semplice!): vediamo che tipo di rider è, con quali compagnie gira e quali tipi di percorsi fa. Il ragazzino che ha la foto con la bici da 140mm sul river gap di Chatel ci da già l’idea che la bicicletta potrebbe essere stata usata più intensamente rispetto al signore sulla 50a che ha come foto profilo lui in giro per i boschi con la moglie ed il figlio.

Più informazioni riusciamo a ricavare meglio riusciamo a capire con chi abbiamo a che fare.

Occhio al prezzo

Sebbene sull’usato si possano prendere delle buone occasioni, nessuno regala nulla. Se il prezzo è troppo basso, occorre farsi delle domande:

  • La bici potrebbe essere rubata
  • Potrebbero esserci dei problemi o dei malfunzionamenti
  • La bici potrebbe non essere nelle migliori condizioni, sia estetiche (graffi, bozze, scalfiture) sia meccaniche (componenti usati o danneggiati)
  • Potrebbe trattarsi di una truffa

Per questo motivo diffidate sempre da chi propone un prezzo troppo basso: dietro c’è sempre qualcosa.

Il controllo della bici

Una volta che abbiamo appurato che il venditore è affidabile ed abbiamo trovato una quadra sul prezzo, è giunto il momento di vedere e controllare lo stato della bici.

Personalmente non comprerei mai un usato senza averlo visto e controllato di persona, a meno di conoscere il venditore o che sia un negozio. Una bici usata va controllata con cura: se non è in ordine potrebbero essere necessari dei lavori anche costosi per rimetterla in pista.

Qui di seguito vedremo una serie di controlli ordinati secondo l’importanza. Partiremo dai componenti più costosi che andranno controllati con cura, andando poi verso controlli magari meno importanti ma che comunque è sempre opportuno fare.

Se la bici non dovesse soddisfare alcuni di questi punti, non dobbiamo per forza rinunciare all’acquisto: informiamoci bene sui costi della sistemazione ed eventualmente mettiamoci d’accordo con il venditore sul prezzo. Non tutti sono in cattiva fede, talvolta ad un biker non molto esperto alcuni problemi possono sfuggire.

Telaio

Il componente “cuore” della bicicletta, è fondamentale che sia in ordine.

Controlliamo innanzitutto che non ci siano bozze o crepe, specialmente sulle saldature. Attenzione agli adesivi: alcuni venditori scorretti li applicano per camuffare questo tipo di danni. Le bozze di piccola entità (tipo quella in foto) non costituiscono un grosso problema, ma sul carbonio prestiamo attenzione alle scalfiture: non sempre è solo un problema di vernice.

Verifichiamo che non ci sia gioco sul carro o sui cuscinetti, se ci dovesse essere non è un dramma, ma bisognerà provvedere a dei lavori di manutenzione relativamente costosi.

Sospensioni

Le sospensioni sono un componente soggetto ad usura e spesso non viene effettuata la dovuta manutenzione. Essendo forcella ed ammortizzatore componenti cari, eventuali problemi o malfunzionamenti potrebbero essere un problema.

Informiamoci se è stata fatta la manutenzione annuale a forcella ed ammortizzatore, chiediamo a quando risale l’ultima revisione. Una bici con sospensioni revisionate da poco (o magari preparate) vale molto di più.

Forcella

La prima prova da fare è la scorrevolezza: controlliamo che la forcella scorra bene nell’affondamento, non si impunti e sia bella “plush”.

Controlliamo che i raschiapolvere non siano secchi o crepati, controlliamo che non ci siano trafilamenti o perdite d’olio. Nel caso teniamo in conto che andranno sostituiti.

Controlliamo anche che non ci siano scolorimenti o righe verticali sugli steli, così come non ci siano scalfiture o graffi profondi. Questi difetti compromettono drasticamente il funzionamento della forcella, che probabilmente andrà sostituita o riparata.

Verifichiamo inoltre il funzionamento dell’idraulica, che tutti i registri funzionino a dovere e non ci siano malfunzionamenti.

Ammortizzatore

Prova della piattaforma stabile

Verifichiamo innanzitutto, sedendoci sulla bici e comprimendo l’ammortizzatore, che questo funzioni correttamente. Non si deve sentire rumore di emulsione o schiuma ed il bloccaggio o la piattaforma stabile devono attivarsi subito, senza punti morti.

Verifichiamo che lo stelo non sia usurato e che non ci siano perdite eccessive di olio dalle tenute della parte aria.

Reggisella telescopico

Componente delicato e costoso, anche il telescopico va controllato.

Controlliamo innanzitutto che salga e scenda liberamente, senza grattare o impuntarsi. Verifichiamo poi che in posizione tutto esteso non affondi e rimanga in posizione. Se ciò non si dovesse verificare significa che il reggisella ha bisogno di manutenzione.

Come su forcella ed ammortizzatore verifichiamo che non ci siano righe o scalfiture sullo stelo.

Ruote

Altro componente importante e piuttosto costoso, due ruote in buone condizioni sono importanti per la nostra mountain bike.

Verifichiamo innanzitutto che siano centrate e girino dritte.

Controlliamo che non ci siano raggi rotti o molli, che siano tutti uguali. Guardiamo anche il colore dei nipples: se sono diversi significa che sono stati sostituiti ed informiamoci sul perchè questo lavoro è stato fatto, se per rottura accidentale o perchè la raggiatura è logora e comincia a cedere.

Controlliamo anche la presenza di eventuali bozzo o danni sul cerchio (es. crepe)

Trasmissione

Fortemente soggetta ad usura, la trasmissione può essere in buone o cattive condizioni e questo influenza il valore della bici.

Dotiamoci di un calibro usura catena e verifichiamo se l’allungamento della catena è nel range di tolleranza.

Controlliamo anche pignoni e corona/e, se sono consumati andranno sostituiti.

Facciamo un check generale della trasmissione, per verificare che tutto funzioni correttamente e che il cambio non abbia giochi.

Freni

Verifichiamo che i freni funzionino correttamente, che la leva non sia spugnosa. Se lo fosse potrebbe bastare uno spurgo, ma non è sempre detto. Controlliamo nel caso che non ci siano perdite d’olio, soprattutto dal pompante.

Documenti di vendita

Chiediamo sempre, se disponibili, gli eventuali documenti di acquisto e facciamoci compilare una dichiarazione di vendita della bicicletta. Questo ci tutelerà dimostrando da chi abbiamo comprato la bici e che l’abbiamo regolarmente pagata, dimostrando ora è nostra. In caso di qualsiasi problema o controversia, questo documento è molto importante.

In caso di dubbi o per sentirci più sicuri, possiamo far vedere la bicicletta al nostro meccanico di fiducia. Alcuni negozi offrono questo servizio: pagando chiaramente il disturbo, potremo avere una valutazione professionale delle condizioni della bicicletta e farci un’idea di quanto può costare riparare eventuali difetti o problemi che inevitabilmente su di un usato possono venire fuori.

Ultimo ma non meno importante: l’usato è usato. Una bicicletta usata non sarà mai perfetta, quindi qualche lavoro ci sarà sempre da fare. Quasi tutti i componenti sono soggetti ad usura e graffi, righe o altri segni non possono certo mancare. Se vogliamo la bici immacolata e perfetta, la dobbiamo comprare nuova, l’usato è comunque un compromesso!

Commenti

  1. Velocity:

    Ci sono tanti "signori" sulla 50ina che le bici le usano eccome e di solito essendo persone serie ( cioè che pedalano tanto e chiaccherano poco) il profilo Fb non ce l'hanno nemmeno e sono poco social, inoltre a differenza di tanti ragazzini queste persone le bici le curano e non le trascurano quindi gli affari si fanno in ogni caso.
    Quello che fa la differenza è la serieta', cioè l'indole a non rifilare pacchi solo per la necessità di cambiare bici o componenti...ed in questo senso il sistema dei feedback su mercatino è una garanzia assoluta
    Almeno io sono fatto cosi, il solo pensiero di vendere qualcosa che non va bene ad uno con la stessa mia passione mi fa star male…
    Idem con patate
  2. Andrea#11:

    Che poi chi è che compra una bici usata due anni a 3900€? Tenendo conto che sia in ordine.
    A quel prezzo ci sono tantissime bici nuove.
    concordo e aggiungo, chi spende cifre simili attorno ai 4k, è un amatore abbastanza appassionato e quindi navigato, si prende il nuovo e non prenderà mai un usato di un paio di stagioni e lo paga piu di 2.5k , non ha senso, una mtb ha molta usura e manutenzione e svaluta alla velocità della luce, i prezzi delle bici sono troppo bombati al momento dell acquisto , la svalutazione è precoce perchè nel mercato c e molta, troppa offerta e concorrenza nel nuovo e la richiesta non è cosi alta, in piu il settore ebike sta assorbendo una bella fetta del mercato, che sarà sempre piu in crescita, quindi se vuoi vendere una mtb devi abbassare di molto le tue aspettative di incasso. il problema principale è il prezzo dei telai, la vera truffa da parte dei costruttori sta proprio li
  3. Andrea#11:

    Che poi chi è che compra una bici usata due anni a 3900€? Tenendo conto che sia in ordine.
    A quel prezzo ci sono tantissime bici nuove.
    se fai questo ragionamento (non dico che sia sbagliato) è un discorso che vale per qualunque prezzo
    chi si compra una bici usata due anni a 2000€? (che da nuova costava 3900)
    a quel prezzo ... anche meno, la trovi al decathlon
    ma allora l'usato di pochi anni non avrebbe più mercato e si cambierebbe bici quando ormai vale poco o niente