Ratchet EXP: l’evoluzione della ruota libera DT Swiss

Ratchet EXP: l’evoluzione della ruota libera DT Swiss

Francesco Mazza, 03/05/2019
Whatsapp
Francesco Mazza, 03/05/2019

DT Swiss celebra il 25° anniversario della sua prima ruota libera con sistema Ratchet, nata nel 1994 sul mozzo Hügi. Per l’occasione ha rivisitato il suo brevetto con diversi aggiornamenti, dandogli il nome di Ratchet EXP.

Le novità che coinvolgono il nuovo sistema Ratchet EXP prevedono quattro punti sostanziali:
1 – Maggiore rigidezza
2 – Peso inferiore
3 – Maggiore precisione
4 – Semplicità di manutenzione

Sostanzialmente la novità risiede nel fatto che la versione EXP vede la ghiera dentata interna, quella che ha sede nel mozzo, solidale con il mozzo stesso al quale viene avvitata, a differenza della versione tradizionale dove tra la ghiera e la sua sede era interposta una molla conica. Ora la molla che attiva il meccanismo è presente solo dal lato del corpetto della ruota libera ed è cilindrica. Nella foto seguente vediamo il sistema Ratchet EXP (sopra) messo a confronto con il precedente sistema Ratchet (sotto).

Maggiore rigidezza

La ghiera solidale al mozzo permette quindi di usufruire di maggiore spazio per il cuscinetto, che trova la sua sede in corrispondenza della ghiera stessa.

Al contempo il maggiore spazio consente di gestire una distanza tra le sedi dei due cuscinetti del mozzo posteriore superiore rispetto all’attuale sistema. Lo si evince facilmente dall’immagine seguente, con il sistema EXP nell’immagine superiore e il sistema tradizionale nell’immagine inferiore.

Peso inferiore

Chiaramente, eliminando una molla e riducendo i componenti che formano il nuovo sistema di ruota libera, anche il peso si riduce.

Maggiore precisione

Il fatto di avere meno parti in movimento unito alla maggiore solidità della singola molla cilindrica in luogo delle due coniche della versione precedente, assicurano alle ghiere un accoppiamento più veloce e un allineamento più preciso.

Semplicità di manutenzione

Non solo il minore numero di componenti ma anche un sistema “tool-free” che consente di smontare facilmente la ruota libera per fare manutenzione o semplicemente per sostituirla con body di tipologia differente, sono i punti chiave per una maggiore semplicità di manutenzione rispetto alla precedente versione. I body disponibili sono SRAM XD, Shimano HG e MicroSpline, nonché Campagnolo per i mozzi road.

Nuovo mozzo 180

Il primo mozzo dotato della nuova ruota libera Ratchet EXP è il nuovo mozzo di alta gamma 180, dotato di cuscinetti ceramici, 28 fori e dal peso di 185 grammi per il posteriore e 94 grammi per l’anteriore. Il sistema Ratchet EXP per il mozzo 180 è disponibile in versione 54 e 36 denti. La commercializzazione partirà dal prossimo settembre.

DT Swiss

 

POTRESTI ESSERTI PERSO