riduttori di volume

Riduttori di volume: cosa sono e a cosa servono

11

Quando si fanno troppi fondo corsa i casi sono due: o si è sbagliata la regolazione del sag, o il carro è troppo lineare per quello che facciamo. La soluzione è semplice: usare i riduttori di volume. Vediamo cosa sono e come si montano.

Una volta che si è regolato correttamente il sag, se si fanno troppi fondo corsa, significa che la sospensione posteriore è troppo lineare per quello che noi facciamo con la bici. Il bello degli ammortizzatori ad aria è che si può regolare la curva di compressione in maniera piuttosto semplice, usando i riduttori di volume che arrivano nella confezione, o che avrebbero dovuto darvi al momento di acquisto della bici.

Non è un’operazione così difficile come si pensa, perché la maggior parte dei barilotti degli ammortizzatori può venire smontata a mano o, se proprio serve, si può usare una comunissima frusta. Ci sono delle precauzioni da prendere, in primis quella di togliere completamente l’aria, e altre che vi faccio vedere nel video.

Avete mai provato ad aumentare o diminuire la progressività della vostra sospensione posteriore?

In collaborazione con Bike Lab.

Commenti

  1. lorenzom89:

    con un minimo di manualità è un operazione semplicissima.
    cosa fondamentale che bisogna rimarcare è RICORDARSI SEMPRE DI SGONFIARE , purtroppo se ti parte qualche pezzo in testa c'è da farsi male seriamente.. un signore della mia zona ci ha quasi lasciato le penne..

    riguardo il tuo aumento di peso non centra nulla con la progressività dell'ammo , se aumenti di peso ti serve più sostegno su tutta la corsa e devi aggiungere pressione e basta.. il fatto di aggiungere token o meno serve a cambiare il comportamento, NON il sostegno.
    Concordo sul fattore aumento di peso che non centri molto con i token ma più con i psi ( anche se la soluzione dieta è sempre valida ! ) . Sulla semplicità dell'operazione dipende , innanzi tutto smontare e rimontare l'ammortizzatore dal mezzo non è sempre agevole e rapido , e poi dipende dal modello : ti assicuro che con l'Equalized 3 montato sulla Scott Genius LT10 ( tra l'altro non penso nemmeno si possano inserire i riduttori ) è laborioso ; per gli altri ammortizzatori che utilizzo ( Cane Creek DB Air CS , Ohlins STX e Fox Float X2 ) preferisco un intervento da parte del mio rivenditore di fiducia il quale fa regolarmente i corsi di aggiornamento e col quale posso anche scambiare pareri e confrontarmi ( è una fonte aggiuntiva ai vari forum e tutorial ) .
  2. lollo72:

    innanzi tutto smontare e rimontare l'ammortizzatore dal mezzo non è sempre agevole e rapido , e poi dipende dal modello
    dipende molto dalla bici, adesso ho cambiato bici e non ho sentito il bisogno di intervenire, ma sulla giant trance che avevo prima riuscivo a svitare a mano il barilotto dell’ammo per mettere o togliere token senza neppure smontare l’ammortizzatore dal telaio, il tutto in meno di 10 minuti. anzi molti youtuber che mostrano come fare suggeriscono se possibile questo approccio perchè non ti serve neppure la morsa, usi il telaio come morsa.
Storia precedente

Continental Argotal e Kryptotal in prova

Storia successiva

La miniera

Gli ultimi articoli in Tech Corner

La mia officina

Dovreste ormai sapere che Bike Lab ha traslocato in una nuova sede e, visto che me…