MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | RockShox Super Delux Coil: nasce il metrico a molla

RockShox Super Delux Coil: nasce il metrico a molla

RockShox Super Delux Coil: nasce il metrico a molla

02/03/2017
Whatsapp
02/03/2017

[ad3]

Dopo aver introdotto la serie Deluxe e Super Deluxe, il primo ammortizzatore realizzato appositamente per sfruttare i vantaggi del recente standard metrico, RockShox presenta la gamma di ammortizzatori a molla Super Deluxe Coil.

Il nuovo Super Deluxe Coil allarga il range di utilizzo degli ammortizzatori a molla, normalmente rivolti a DH, Freeride ed eventualmente Enduro race. Con questo nuovo prodotto, RockShox porta il sistema metrico anche sui mezzi da DH con un ammortizzatore specificamente sviluppato per tale standard, e al contempo introduce l’uso dell’ammortizzatore a molla sulle bici da Trail e All Mountain, anche grazie al controllo remoto da manubrio, per chi preferisce il feeling tipico di tali ammortizzatori.

Lo stelo del Super Deluxe Coil è dotato di Sag Gradient, la tradizionale scala laserata per rilevare la quota di sag che RockShox utilizza su tutti le sospensioni. La corretta quota di sag è gestibile grazie a un range di molle che va da 250 a 650 libbre, con incremento di 50 libbre per ogni step.

Il Super Deluxe Coil è proposto in 4 versioni: RCT, RT Remote, RC World Cup ed R. La versione RCT è destinata all’uso Trail ed Enduro. Oltre alla regolazione del ritorno offre la regolazione su 2 posizioni, Open e Pedal, e la regolazione della compressione alle basse velocità in posizione Open.

La versione RT Remote dispone di regolazione del ritorno e delle 2 posizioni Open e Pedal, comandate in remoto dal manubrio. La sua destinazione d’uso è il Trail e l’Enduro.

La versione RC World Cup è destinata a prendere il posto del Vivid sulle bici da DH che utilizzano ammortizzatori con standard metrico. Le regolazioni sono le classiche RC, ritorno e compressione alle basse velocità.

La versione basica del Super Deluxe Coil dispone esclusivamente della regolazione del ritorno. La sua destinazione d’uso è trasversale, dal Trail al DH. Va a sostituire il modello Kage per lo standard metrico.

Aggiornamenti anche per la serie ad aria Deluxe e Super Deluxe, la cui gamma viene implementata con uno specifico modello bloccabile in remoto, da comando a manubrio, il Deluxe RL Remote e il Super Deluxe RT Remote. Il comando remoto a manubrio comanda le 2 posizioni Open e Pedal nel caso del Super Deluxe e Open e Lock nel caso del Deluxe. Inoltre tutti i modelli saranno forniti di un indicatore di corsa laserato sullo stelo. Dato che il sistema metrico prevede almeno due versioni di corsa a parità di interasse, in questo modo si identifica facilmente quale modello si stia utilizzando e, soprattutto, si comprende esattamente quanta corsa si sta sfruttando in base al posizionamento dell’O-ring di riferimento.

Tutti i modelli Deluxe e Super Deluxe sono disponibili con le nuove grafiche stealth. La serie Super Deluxe è stata ampliata con i nuovi modelli RCT e RC World Cup, oltre al già citato RT Remote. Il modello RCT è dotato di levetta con 2 posizioni, Open e Pedal, e la regolazione della compressione alle basse velocità in posizione Open. Il modello RC World Cup dispone di regolazione della compressione alle basse velocità, oltre ovviamente alla regolazione del ritorno, ed è il modello candidato a sostituire il Vivid Air, anche grazie alla nuova opzione con corsa di 75mm.

RockShox

[ad12]

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
gianlumorra
gianlumorra

Mah….

logio

Bah!

Sent from my GT-I8200 using MTB-Forum mobile app

Gorgh
Gorgh

nemmeno una versione con la compressione alle alte,ennesimo prodotto per le capre.

educlimb
educlimb

Purtroppo tutti i prodotti con mille regolazioni non vengono capiti e snobbati dalla maggior parte delle persone. I nuovi prodotti (di qualsiasi marchio ndr) stanno abbandonando i gruppi compressione tradizionali!!!! Tolgono le lamelle e mettono inutili by-pass aperto/chiuso. Tanto la moda è utilizzare l’aria per cambiare le curve di compressione (token e cazzate varie ndr), adesso voglio vedere come risolvono le porcherie con le molle.

D.K.
D.K.

eccolo, il vero pro delle sospensioni! 😉
quello che sente il mezzo click di differenza su 22 posizioni, l’isteresi in discese di 400 metri e i finecorsa saltando giù da un marciapiede!
Io invece a volte non distinguo se sono su una front o su una full..

Gorgh
Gorgh

se non sei in grado tu non vedo comunque motivo di prendere per il culo genio.io le alte le sento e non devo certo dimostrarlo a voi.tenetevi i vostri lock out e le sospensioni da utente medio.

D.K.
D.K.

A nono guarda, anche perché io sono uno scalino sotto l’utente medio..
Beato te che stai in scia ad Aaronne!

DoubleT
DoubleT

l’importante è non essere becco

teoDH

Ah ecco… dopo avercelo fatto a fette con gli ammortizzatori ad aria, adesso iniziano a innestare il seme della molla anche ai pedalatori… E la ruota gira…

angelobizz
angelobizz

Ottimo, no!? Basta rimanere uguali a se stessi, e prima o poi…
Ora con le molle ci sono, bici e abbigliamento rigorosamente nero (evergreen), per cui quando ritorneranno anche i capelli lunghi e le ruote da 26, sarò perfetto!!

mauron
mauron

dai teo
va be che l’enduro non ti va giù
ma ora nemmeno le molle si possono montare se si pedala
mi pare che il fatto che la molla sia meglio dell’aria non sia mai stato in discussione
se fanno ammo a molla più leggerini e con il blocco che male c’è a montarlo su bici con uso anche pedalistico
io li vedo bene anche su bici non race
giro con le mie belle 26 non è che vado appresso a ogni nuovo standard
però non credo che qualsiasi novità sia da blastare
basta usare la testa e agire di conseguanza
a me l’inline a molla mi piace e mi sa che lo provo sul mia damper

zDe
zDe

Scusate l’inioranza ma standerd metrico che vuol dire? Cioè su una bici ad esempio con interasse 222 non lo posso montare?

logio

[QUOTE="zDe, post: 8086412, member: 227065"]Scusate l'inioranza ma standerd metrico che vuol dire? Cioè su una bici ad esempio con interasse 222 non lo posso montare?[/QUOTE]

Lo standard metrico serve per ridurre il numero degli standard degli ammortizzatori, solo che per farlo hanno di fatto introdotto dei nuovi standard. In pratica non si usano più i vecchi 200×57-216×63-222×70 ecc, quindi per rispondere alla tua domanda non lo potrai montare sui "vecchi telai" prodotti fino al 2017

mcpelo68

[QUOTE="teoDH, post: 8086390, member: 9444"]Ah ecco… dopo avercelo fatto a fette con gli ammortizzatori ad aria, adesso iniziano a innestare il seme della molla anche ai pedalatori… E la ruota gira…[/QUOTE]

d'altronde bisogna pur istigar in un qualche modo la scimmia  che c'è in noi ,ora che  la  nuova stagione è alle porte…NO??!!???

pk71
pk71

E poi se uno parla di “sistema” x spennare la gente qualcun’altro che commenta si inc…. anche,
saran tutti pieni e vogliosi di cambiare bici ogni 3×2 perché mamma c’è lo dice…..

Tc70

[QUOTE="zDe, post: 8086412, member: 227065"]Scusate l'inioranza ma standerd metrico che vuol dire? Cioè su una bici ad esempio con interasse 222 non lo posso montare?[/QUOTE]

Scusato…:loll: …:prost:

Boncar
Boncar

a parer mio, Rockshox e company possono inventarsi tutti gli standard che vogliono per farli
funzionare i loro shox , personalmente dopo aver saggiato Bos non torno piu’ indietro.

giorgiocat
giorgiocat

Scusate ma gli altri produttori. Non mi sembra che stiano facendo la stessa cosa almeno per quest’anno…

pinzi

Credo che normalmente di grandi pro tra rider della domenica e da forum ce ne siano pochi ma questo non vuol dire che un utente nella  media non sappia usare e riscontrare i benefici di poter cucirsi addosso una sospensione tra alte e basse velocità .

Io sono un brocco eppure sulla bici son pignolo e la voglio perfetta e anch'io penso che una una sospensione seria debba avere modo di cambiarne il comportamento in ogni suo frangente da regolazioni esterne senza smontare nulla , ogni bici ha la sua e ogni rider ha il suo stile ,trovo stupido chi cambia bici o pezzi senza aver mai imparato a saperlo usare ! Se poi uno non sente i settaggi è un limite suo e basta

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

giorgiocat
giorgiocat

Anche io penso che per un ammortizzatore di medio- alta gamma non avere un certo numero di regolazioni esterne sia un controsenso. Poi se uno non le vuole non le usa. Ma avere un ammortizzatore il più regolabile possibile mi sembra possa essere solo un vantaggio. Eppoi come è possibile che, lasciando a parte il peso del rider, lo stesso settaggio delle compressioni vada bene per ogni stile di guida Bisogna capire solo come funzionano le regolazioni ed avere un po’ di pazienza. Certo c’è anche la possibilità di farsi fare un tuning specifico. Ma insomma se uno ci può arrivare vicino senza metterci altri eurini( che già escono in abbondanza), non mi sembrerebbe una brutta cosa.

menollix
menollix

” il primo ammortizzatore realizzato appositamente per sfruttare i vantaggi del recente standard metrico” 😀 😀 😀

gto
gto

insomma il buon cane Creek con tutti i suoi difetti continua comunque ad aprire la strada . (Db coil )
Comunque se fossi certo che mia moglie potesse cedere che certe cifre ,si possono spendere per una bike e non significa necessariamente un amante lo proverei al posto del Db air

motobimbo

[QUOTE="DoubleT, post: 8087913, member: 79213"]l'importante è non essere becco[/QUOTE]

no…l'importante è non essere beccato!

france-freeride
france-freeride

prezzi e pesi?

Robi...
Robi...

Quando è prevista l’uscita sul mercato?