Sherpa: la 650b+ di Rocky Mountain

Sherpa: la 650b+ di Rocky Mountain

16/04/2015
Whatsapp
16/04/2015

[ad3]

_DSC7849

L’anno scorso, in occasione della Sea Otter 2014, Rocky Mountain presentava una concept bike molto particolare, sicuramente fuori dagli schemi e con una destinazione d’uso inusuale, definita dall’azienda canadese con il nome di Overland, ovvero le grandi traversate in fuoristrada in sella a una MTB. Dopo aver lavorato a lungo per affinare il progetto, a un anno esatto di distanza Rocky Mountain presenta la versione ufficiale di questa bici, che ha battezzato con il nome eloquente di Sherpa e sarà disponibile da metà maggio.

_DSC7870_DSC7861

Il telaio ha il triangolo principale in carbonio Smoothwall, il carro in alluminio 7005 idroformato, 95mm di escursione posteriore ma soprattutto è realizzato per ospitare ruote 650b+, che sono il fulcro di questo progetto. Rocky Mountain dichiara che questo standard non è pensato per sostituire ne’ le 27.5″ ne’ le 29″, ma si tratta di uno standard che trova il suo scopo nel soddisfare una destinazione d’uso particolare come quella della Sherpa. Nel dichiarare questo sottolinea che le 650b+, a parità di diametro, saranno sempre e comunque più pesanti e più lente delle 29″ sui terreni scorrevoli e il volume d’aria elevato non ne fa uno standard adatto alle competizioni, così come un Landcruiser non sarebbe adatto a correre in pista, ma risulta il mezzo più consono quando i terreni diventano parecchio accidentati.

_DSC7858_DSC7869_DSC7857

La forcella Manitou Magnum 27.5+ offre 120mm di escursione, che uniti alla capacità di assorbimento degli pneumatici semifat, garantisce un ottimo comfort di guida su ogni tipo di terreno.

_DSC7879_DSC7865

Le ruote, l’anima della Rocky Mountain Sherpa, sono delle WTB Scraper i45 27.5+, su cui sono montati dei copertoni WTB Trailblazer 27.5+ da 2.8″ di larghezza.

_DSC7859_DSC7852_DSC7853

Le capienti borse, ordinabili come optional, completano la Sherpa con una capacità di carico eccellente, in linea con la sua destinazione d’uso.

_DSC7871 _DSC7867 _DSC7873 _DSC7877 _DSC7874 _DSC7878 _DSC7863

Geometrie

sherpa-geometry-diagram sherpa-geometry-chart

I freeriders Wade Simmons e Geoff Gulevich, insieme ad Andreas Hestler, al videomaker Brian Vernon e ad Alex Cogger, product manager di Rocky Mountain, hanno percorso i 130km del Black Canyon Trail nel deserto di Sonora, in Arizona, in sella alle loro Sherpa, debitamente attrezzate per la lunga e impegnativa traversata. La storia di questa avventura è raccontata in questo video.

_MRP3630-2 _MRP3853-2 _MRP4875 _MRP4899 _MRP5044 AD _MRP5112 _MRP5278 _MRP5423 _MRP5714 _MRP5772 _MRP5890 _MRP5959 _MRP6144-2 BPP_9793-sherpa-grid

Rocky Mountain

[ad12]

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
valeduke
valeduke

Escluso il marchio del reparto sospensioni mi piace molto

Ezio Ognibene
Ezio Ognibene

Ehm… se il video doveva servire per promuovere un nuovo standar ruote, mozzi, sospensioni ecc…
ha fallito! 🙂
Non vedo nulla, ma proprio nulla che non si possa fare con la mia bici… una front 29.
Forse pure più adatta.
Ad avere soldi il mio garage ideale contiene (forse sarebbe bello farci un sondaggio ufficiale)
Front 29
Full (27,5/29… la enduro specy mi mette il dubbio…)
Ciclocross
Fat rigida
Corsa
….
….
Sherpa

Francesco Mazza
Francesco Mazza

C’é un intero paragrafo che spiega come Rocky Mountain abbia esplicitamente dichiarato che con la Sherpa non vuole spingere un nuovo standard di ruote, ma un nuovo concetto di andare in bici, o meglio un vecchio concetto ma con una nuova bici, più adatta di quelle normalmente utilizzate in precedenza. Che anche con la tua bici si possa fare tutto non lo mette in dubbio nessuno (anche se mi piacerebbe vederti lì in mezzo a Wade Simmons e a Geoff Gulevich!!), ma devi essere in grado di farlo con un armamentario da campeggio appeso al telaio e per 130km di trail sconnessi.

Ezio Ognibene
Ezio Ognibene

In mezzo a quei due il mezzo sarebbe una KTM
125 4T
🙂

rikiuan
rikiuan

Per riprendere il discorso di Gam… magari con una front ci si stanca di più, ma con una 29 full di stampo marathon (epic, scalpel, spark…) non saprei davvero dire quanta differenza ci sia! sicuramente le gomme semifat danno un maggior effetto cuscino, al prezzo di un maggior peso. In fondo, anche quelle bici sono pensate per fare 130 km nel deserto… in un giorno solo però!
Resta da dire che è bello vedere che ormai ogni fantasia da mtb può essere soddisfatta!

MN_avatar
MN_avatar

non ti è chiaro un punto però…
finchè resti su sentieri diciamo “ciclabili” tutto bene…
…ma prova a uscire “fuori dal seminato” con la tua, o la mia, xc race di qualunque tipo essa sia e vediamo se dopo un km al massimo non partono le bestemmie…
A me tutti sti formati non piacciono, ma devo dire che questa bici ha un suo perchè, l’unico dubbio che mi permane è riguardo ai ricambi, visto che con sti tremila standard se sei in giro per l’himalaya con questa bici, ti devi portare TUTTO da casa…ed è altro peso…

teoDH

Boh, io i cicloturisti li ho sempre visti con bici da trekking, ruote leggere e strette, tanti borsoni e tanta costanza… ora, che vogliano lanciare un nuovo modo di andare in bici posso anche capirlo (che poi appunto tanto nuovo non è) ma mi chiedo quanta reale diffusione possa avere… cioè, c’è così tanta richiesta di bici per un trekking “estremo” che richiede ruote semifat? o vedremo poi questa bici sotto il culo di qualche hipster con i risvoltini e le infradito che la userà per andare a fare la spesa?

Rimango dell’idea che il mercato offrisse già molte alternative a chi volesse fare cicloturismo offroad, video così ormai ne escono uno ogni 3/4 mesi, sempre sostanzialmente uguali (il viaggio, dormire in tenda, scoprire posti selvaggi), l’unica cosa che cambia è la bici, lo facevano 6/7 anni fa con le freeride da 20kg i vari simmons schley etc, poi con le enduro da 26, poi con le trailbike 29, poi con le enduro 27.5, poi con le trailbike 27.5, poi con le fat, adesso con le plus… stesse cose, bici diverse a seconda del trend…

A me sembra un po’ una presa per i fondelli…

daniele0511

Teo, sei rimasto indietro. Ora non si chiama più “cicloturismo” ma “bikepacking”, e non è più una roba da tedeschi coi sandali ed il calzino ma da ganzi su bici da 5000 euro, Vuoi mettere ) 😉

AleDH.24
AleDH.24

E’ stata offerta solo un’altra alternativa, si tratta solo di un’altra possibilità di acquisto, che si affianca a quelle che già sono disponibili.
Dai alla fine puoi scegliere la bici che preferisci, non è stato introdotto uno standard che ha ucciso il precedente (tipo DH e 27.5).
La presa per i fondelli dove sta, nell’avere introdotto una possibilità in più?

Xelnarath
Xelnarath

D’accordissimo con te.
Il nome Sherpa non è stato dato a caso.

micim82
micim82

Ora…che quella roba li si faccia con una front 29 ho i miei sani dubbi…

mountaindoctor
mountaindoctor

Per farla, quella roba si fa anche con una rigida, con i relativi tempi e modi 😉
Vedo la Sherpa come una evoluzione del concetto trail bike, che ha l’obiettivo di far fare le stesse cose che puoi fare con qualsiasi altra bici (DH racing escluse) in modo più comodo e con più grip. Poi come la usi Simmons è tutto un’altro discorso, e va oltre le caratteristiche della bici 🙂

alcos
alcos

questa il mio parco ideale:
Full 27,5 enduro
Full 27,5 DH
Front 29
Ciclocross acciaio
Bdc Eroica

mattiamana
mattiamana

Bici destinata al mercato GRAVEL. Molto bella la colorazione….unico nota dolente….chi è che ha scelto il reparto sospensioni? Mah…e percepisce pure lo stipendio sto tizio?

gabrireghe
gabrireghe

il mercato gravel è un altra cosa

gabrireghe
gabrireghe

intendo dire le bici da gravel sono un altra cosa… almeno la concezione che ne è stata data nell ultimo periodo

The leg
The leg

Con quei panorami mi farei il trail anche su una Graziella.
Se poi avessi la Sherpa farei come Forest Gump: 1 anno senza fermarmi fino a qundo la barba lunga si impiglia nella trasmissione.

Alessandromtb80

Finalmente potrò andare in mezzo al deserto con la bici giusta…ma fatemi il piasir!

andreasia610
andreasia610

i cactus ci sono, la musica morriconiana anche, gli scorpioni e il whiskey non mancano, barba e cappello da cowboy ok. manca soltanto il coyote e il serpente a sonagli e qualche rotolone di rovi che attraversa la strada.
se volevano ricreare l’epica del far-west ce l’hanno fatta.
se volevano creare un nuovo segmento di mtb (senza giustamente la pretesa di sostituirne altri), non so… ho qualche dubbio…

a difesa di Manitou: la Mattoc sta avendo recensioni positive, chissà perché non dovrebbe essere buona questa così come un ammo da (soli) 95cm di escursione alla ruota…

MountainFaber
MountainFaber

Per come la vedo io, le grandi traversate sono di giorni e giorni per centinaia e centinaia di km in posti dove magari non incontri mai assistenza meccanica. Quindi tutto votato a robustezza e praticità e semplicità: niente carro posteriore ammortizzato, freni a disco magari meccanici, telaio predisposto per portare borsoni magari pesanti ecc, ecc. Altrimenti una trail come si deve basta e avanza… Secondo me questa è proprio una trail con ruote maggiorate altro che nuovo segmento di bike…
Poi sono sempre opinioni personali…

rikiuan
rikiuan

Massì, una trail meno agile. Sennò uno si prende una fat nuda e cruda…

Principe1986
Principe1986

Come esercizio stilistico voglio anch’io inventare una bici per un nuovo segmento di utilizzo!
Una fatbike con ruote da strada!
Ora basta trovare solo una ragione (scusa 😉 ) per usarla ed il gioco è fatto 😀

ducams4r
ducams4r

CI hanno già pensato quelli di On-one si chiama Frankenfat! ☺

http://www.on-one.co.uk/i/q/YBSH53808/frankenfat—18–

Antonino Cappella
Antonino Cappella

Quanto fanno di larghezza effettiva le Trailblazer? Perchè dalle foto mi sembrano molto simili alle Ardent 2.4 che monto al posteriore sulla front da enduro (da 26 però… magari posso dire in giro che ho una 26+!)

Grufus
Grufus

..posti meravigliosi e giro fattibile con una comunissima Fat Bike rigida con ruote da almeno 4-4,6..sono sempre più convinto della Fat rigida ..

AleCast73VA
AleCast73VA

bella tutto semplice e affidabile!

bakunin
bakunin

parlando di nuovi standard, mettere su normali AM con escursione dai 120 ai 150 la possibilità di montare gomme semi-fat ti permette delle belle possibilità di personalizzazione e un range di utilizzo notevole che taglia le gambe alle fat sul nascere… le front 29 non c’entrano proprio nulla. rompe un po le balle perchè è tutto un nuovo standard, telaio, mozzi “+”, cerchi larghi, forcella…

poi è brutta quindi il problema non si pone, la baratterei volentieri per una bici da trekking 😛

gabrireghe
gabrireghe

ma il telaio è quello della element da 29 in pratica.. mi pare. con aggiunti 2 buchi sotto l’obliquo x un altra borraccia e le ruote da 27.5+
diciamo che le vere bici da lunghe distanze penso dovrebbero avere caratteristiche un po’ diverse:
telaio in acciaio o al più tutto in alu
manubrio con protesi
dinamo
sospensione posteriore ho qualche dubbio
freni disco meccanici
predisposizione per portapacchi anteriore e posteriore

vabbè… secondo me è un tipo di bici che, oltre ad essere affascinante e cmq utilizzabile a 360° , ha il suo mercato (seppur piccolo) però mi sembra un tentativo un po’ “timido” da parte di rocky di entrarci…. così non è ne carne ne pesce..
poi rocky in quanto ad estetica non si discute mai ovviamente

rimirkus1975
rimirkus1975

Bella e particolare la bici, poi inventarsi un segmento tutto suo “overland” per il marcheting ci sta pure, ma i trails da quanto ne so e si scrive è da mò che si fanno .
Guardando il bel video invogliante all’avventura in mtb , mi viene anche un’altra riflessione utile al marcheting e a nuovi “segmenti” : ” 5 bei ragazzoni in giro all’avventura “!!-ecco la nuova fascia di mercato-
Oppure Roky Mountain prevede anche la variante lady ?

Biker Lentus
Biker Lentus

Buanasera a tutti. Volevo commentare. Fermo restando che ognuno può fare ciò che vuole, non Vi sembrano un pò troppi tutti questi formati di misure ruote?

maupez
maupez

Mamma mia ma qui ormai la maggior parte sembrano commentare col dente avvelenato nei confronti delle cose diverse dai soliti canoni. A me questa sherpa piace e il video non l’ho visto e se c’avessi la grana me la comprerei solo perchè mi sembra simpatico come progetto e poi chi se ne se le 29 vanno meglio delle 27,5, se le 26 sono obsolete, se le fat bike sono quello che sono etc etc. Ormai qui ogni cosa viene presa troppo sul personale mentre noi consumatori dovremmo solo essere felici di avere sempre più scelta di mezzi per fare le stesse cose che si sono sempre fatte con qualsiasi mtb da quando è nata. Dai cerchiamo di rilassarci, le paturnie lasciamole ai poveri venditori che si devono assumere i rischi di distribuire questa ormai infinita varietà di mezzi…

rimirkus1975
rimirkus1975

E’ proprio così , secondo me hai centrato la questione : noi utenti dovremmo essere contenti della varietà di soluzioni proposte ed essere in grado di poter scegliere ciò che più ci aggrada per le nostre esigenze (anche se dobbiamo fare i conti con i nostri portasoldi !) e questa di Rocky Mountain è certamente una bella e valida opportunità (presentata anche con un bel video accattivante che invoglia a vivere esperienze simili). Il problema può essere dei commercianti che se debbono fare magazzino od esposizione con un’infinità di proposte e formati come l’attuale, il rischio dell’invenduto si amplifica.
Comunque godiamoci l’opportunità di scelta senza stare troppo a pensare ma la mia è meglio in questo e posso fare anche quello … è ovvio con lo sviluppo ci sarà sempre qualche proposta alternativa o qualche miglioramento ed ognuno sarà in grado di coglierlo o sfruttarlo in base alle proprie possibilità.

daniele0511

Poi quando vai in negozio perchè hai tagliato un copertone e il negoziante non ce l’ha, perchè ha dovuto scegliere tra 7-8 formati e sei a piedi poi però senza lamentarsi, eh

teoDH

Parole sante, questi giocattoli dei vari uomini di marketing portano danno all’utente finale… magazzini meno forniti di ricambi per formati “obsoleti” molta meno scelta in fase di acquisto (perchè se un negozio si deve mettere in magazzino 2/3 bici per “genere” deve comprare 300 bici l’anno) ma sopratutto uno stop evolutivo in molti settori già diffusi.
Molti “problemi noti” che ogni rider incontra nell’uso quotidiano della propria bici non li hanno mai risolti… io preferirei vedere un freno autospurgante che non richieda manutenzione che l’ennesimo formato di ruote…
Vogliamo parlare dei telescopici, che esistono da anni e nessuno di essi funziona bene su un lungo periodo?

giorgiocat
giorgiocat

Mamma mia parole Sante!

maupez
maupez

Per la stessa logica si presume che chi scrive non abbia mai messo piede in un grande magazzino in favore della bottega di paese. Sarei anche daccordo ma purtroppo ormai il meccanismo che si é creato non è piu possibile fermarlo, il grosso mangia il piccolo, e se il tuo negoziante giustamente ha scelto di non tenersi in casa il copertone da 28,3″ +o-1 vorrà dire che toccherà prenderlo su internet e chi si lamenta o è un ipocrita o non ha capito come girano le cose oggigiorno. Detto questo apro parentesi per dire che a volte faccio fatica a trovare camere d’aria degne per le mie due 26″… Per rispondere a @teodh credo che ormai sia risaputo che le cose son fatte non per durare ma x essere cambiate, come gli elettrodomestici che il giorno dopo la scadenza della garanzia si scassano… Comunque saró miracolato a non aver avuto mai problemi col reverb da ormai tre anni e ad essere ancora soddisfatto della mia dh da 26 e della mia front sempre da 26… Peace.

jack11
jack11

ma basta poi tenersi il formato che era in uso prima e sei a posto, io con la scusa che i copertoni da 26 sono da buttare, perchè ora hanno tutti le 27,5 ho il garage pieno poichè tutti se ne vogliono liberare…ne ho una scorta che fa prima a tornare di moda il 26 che io a finirli e cambiare formato.
ovviamente per quelli che vogliono stare al passo col ritrmo dei formati sarà più dura avere a disposizione da un negoziante tutto!

gasate
gasate

a me è piaciuto il filmato, anche perchè è quello che vorrei fare io. la bici, sarà nei negozi, chi vuole se la comprerà, chi no. io comprerei molto più volentieri un biglietto per l’arizona

barbasma
barbasma

mi piace l’approccio di RM su questa bici, non promette prestazioni mirabolanti…

allo stesso modo dubito fortemente che qualcuno farebbe turismo con una bici che ha le gomme di un formato semisconosciuto e che costano quasi 80 euro l’una… a meno di non portarsene dietro altre due minimo… sarebbe impossibile trovarle nei negozi di bici… già adesso le WTB in europa non esistono ancora al pubblico…

bughy
bughy

Che dire, bellissima…mi interessano molto le borse…ve ne sono di simili già in commercio?

barbasma
barbasma

a decine… REVELATE… e altre marche perfino una italiana MISSGRAPE…. cerca BIKEPACKING…

barbasma
barbasma

una nota sulla forca… è la stessa montata anche sulla TREK STACHE 29+?

Mitzkal
Mitzkal

Hey! Guly ha le mie stesse scarpe 😀
Per il resto: è una cagata pazzesca!!!

jack11
jack11

in alcuni momenti che provano a whippare Wade Simmons e Geoff Gulevich sono li che urlano datemi una bici normale!!!
scherzo però mi fa ridere vedere bici così bardate e discese alla fine micca facili, io farei molta fatica e il divertimento in discesa sarebbe poco, in salita si farà una fatica fuori dal normale, a me questo tipo di bici non stuzzicca, o per lo meno non rietra nel mio stile di andare in bici, per stare via più giorni preferisco zaino da 15 kg e tenda.

gabrireghe
gabrireghe

nelle sequenze delle whippate ovviamente le borse sulle bici gliele hanno riempite di carta da giornale..

barbasma
barbasma

francamente dare a due freerider una bici del genere per promozione fa un po ridere… se uno fa turismo l’ultima cosa che vuole fare sono i trick e rischiare di rompere la bici… e farsi del male…

un po come quando hanno dato la fatboy a Ropelato… pietoso…

questo video ha poco senso… crea confusione nell’individuare chi è il vero target cliente… è un turista? è un endurista?

metapiadx
metapiadx

Quanto mi piace…bella e sicuramente comoda e funzionale per giri all-mountain tosti e lunghi, la proverei sicuramente nel supramonte sardo, pedalare nella breccia di calcare è qualcosa di veramente tosto ma con delle gomme così maggiorate penso che sia molto più semplice e divertente.