Effetto Mariposa domanda ai lettori

37

La scorsa stagione la rubrica delle interviste sociali ha riscosso molto successo per il format atipico di intervista che ha messo il pubblico in diretto contatto con le aziende. Grazie alla collaborazione di alcuni brand del mondo della MTB, la community di MTB-Mag ha potuto interagire, formulare numerose domande molto interessanti e ricevere esaustiva risposta dai responsabili dei marchi intervenuti.

Quest’anno abbiamo deciso di ripetere questa esperienza ma cambiando format, invertendo di fatto la direzione delle domande. Saranno le aziende a porre le domande alla community di MTB-Mag per conoscere meglio le esigenze di una buona fetta del proprio pubblico e prendere spunto per le proprie decisioni aziendali, quindi il parere di ciascun utente sarà più che mai determinante.

Quattro domande alle quali potrete rispondere tramite la formula del sondaggio, votando la risposta che preferite tra quelle fornite dall’azienda stessa per ciascuna domanda. Abbiamo scelto la formula del sondaggio poiché la più semplice da consultare per le aziende. I sondaggi resteranno sempre aperti quindi potrete votare quando volete e potete approfondire le vostre argomentazioni nei commenti.

A inaugurare questa rubrica, diamo il benvenuto a Effetto Mariposa, brand svizzero, più precisamente ticinese, quindi di madrelingua italiana, noto principalmente per la sua vasta gamma di prodotti legati al sistema tubeless così come di numerosi altri attrezzi e accessori.

 

Nei prodotti che utilizzo per la bicicletta, il fatto che siano "eco-compatibili" è:

Results

Loading ... Loading ...

Le pellicole protettive per il telaio sono:

Results

Loading ... Loading ...

Il tubeless per me è:

Results

Loading ... Loading ...

I migliori accessori per far funzionare bene il tubeless, oltre al liquido sigillante, sono:

Results

Loading ... Loading ...

Effetto Mariposa

 

Commenti

  1. gabriele(76):

    Eh ma, il Diretur non può influenzare il sondaggio con i suoi interventi! :loll::loll::loll:
    l'ho sempre detto che non uso salsicciotti, anche Alberto di @effettomariposa lo sa cosa ne penso.
    Però nella redazione stessa c'è chi ne è un fan sfegatato. L'opzione c'è, poi ognuno è libero di scegliere come complicarsi la vita :loll:
  2. Vi riporto anche la mia, da sempre sostenitore della gomma con una buona spalla e adatta a quello che si andrà a fare, quindi come @marco e tanti altri; ho da poco montato i salsicciotti (95g) per una questione sia pratica che psicologica.
    Psicologica perché avendo appena sborsato una bella cifra per cerchi Carbon (mai avuti prima) mi sento più sicuro nell'avere qualcosa che protegge il cerchio.
    Pratica perché ho due gomme exo praticamente nuove dal peso di 950g, aggiungendo circa 100g di salsicciotto non mi cambiava un gran che ma almeno proteggo il cerchio.
    Mooooolto probabilmente consumate queste gomme passerò a una coppia un po più rinforzata tornando al solo lattice
  3. marco:

    per fortuna che i salsicci sono al terzo posto. Comprate delle gomme adatte al vostro stile di guida e ai posti in cui girate, piuttosto.
    Non è solo una questione di gomme, ma anche di cerchi. La diffusione dell'hookless anche su quelli di alluminio genera maggiori problemi di taglio, perchè la spalla del cerchio sottile agisce come una lama. Con quelli in carbonio invece le cose vanno meglio perchè i fianchetti sono di spessore maggiore.
Storia precedente

Vinny T usa tutte le sue Scott

Storia successiva

Vali Höll nel nuovo RockShox Trek Race Team

Gli ultimi articoli in Sondaggi