Stoll serie 3

Stoll presenta la nuova serie 3

25

Il marchio svizzero Stoll presenta la nuova serie 3 della sua gamma, basata su un nuovo telaio estremamente leggero. Dal cross country al trail, ecco cosa è cambiato. Le foto si riferiscono al modello T3 SL, con 135mm di escursione al posteriore, 140mm all’anteriore e un peso dichiarato di 9.9 kg.

Stoll serie 3



.

[Comunicato stampa] Sulla base del nostro noto sistema VPP, abbiamo effettuato un ricalcolo completo. L’anti-squat, i rapporti di leva, la geometria, le dimensioni del telaio e la gamma di utilizzo sono stati tutti incorporati nella progettazione. Un anti-squat significativamente maggiore, una progressione sensibilmente inferiore e una geometria personalizzata rendono la sospensione impareggiabile in termini di sensibilità, potenza e neutralità rispetto agli influssi di guida.

Stoll serie 3

La geometria è volutamente studiata su misura per i ciclisti più esigenti. Angolo sterzo, angolo sella, altezza del movimento centrale, reach e stack si armonizzano perfettamente in ogni misura di telaio. Il risultato è un comportamento di guida che chiamiamo il nostro DNA, perché soddisfa i nostri standard estremamente elevati.

La costante rettilineità del tubo obliquo, con un materiale ancora meno rinforzato nei punti di trasmissione della forza, consente di ottenere un peso del telaio di 1780 grammi. Ogni dettaglio visibile e invisibile del design è stato ottimizzato per le proprietà fisiche della fibra di carbonio. Per garantire un flusso perfetto di potenza dal tubo di sterzo all’asse posteriore passando per il movimento centrale, i punti di appoggio principali sono stati progettati ancora più larghi.

Stoll serie 3

Il nuovo linguaggio stilistico si accontenta di un numero minore di superfici, ma più eleganti. In questo modo si risparmia peso e si suscitano ancora più emozioni. I cavi passano direttamente dal manubrio al telaio.

L’integrazione dei cavi è possibile ma non obbligatoria. Tutti gli strumenti di emergenza possono essere integrati nella bicicletta. Il cambio wireless dominerà il futuro, ma con la nostra Serie 3 avrete la possibilità di continuare a utilizzare il cambio meccanico.

Stoll serie 3

Stoll M3

Il nuovo concetto di telaio, ancora più leggero, rende le nostre biciclette ancora più veloci. Il sistema di sospensioni ottimizzato e le nuove tecnologie degli ammortizzatori aumentano sensibilmente l’efficienza. La geometria e la posizione sulla bicicletta migliorano il comportamento in salita e consentono una maggiore velocità in discesa. L’M3 è la nostra arma da corsa più veloce fino ad oggi.

Stoll T3 SL

L’SL combina le tecnologie delle corse e le emozioni del trail. Il telaio più efficiente richiede meno sforzo in salita e le discese impegnative sono ancora più divertenti grazie alla geometria ottimizzata e alla maneggevolezza più precisa. L’esatto design della bicicletta è realizzato appositamente per ogni ciclista e per il suo settore di utilizzo.

Stoll serie 3

Stoll T3 Evo

Una maggiore escursione delle sospensioni, un telaio più rigido, più spazio per gli pneumatici, una geometria più piatta e più lunga, oltre a nuovi componenti, posizionano la Evo tra le bici all-mountain. È la nostra interpretazione per le grandi sfide dei trail alpini.

Montaggi, prezzi e altri dettagli sul sito Stoll.

Commenti

  1. Cavolo ma una all mountain sotto i 12 kg è un risultato da paura...e con sistema vpp immagino vada moolto bene!!!
  2. Bici fotoniche come sempre!!

    Tralasciando l'inutile discorso economico (trito e ritrito), personalmente trovo molto più belle e invoglianti all'acquisto le STOLL piuttosto che le RDR.. parere personale! Le RDR sono inguardabili..
Storia precedente

Inizia la coppa del mondo di XC a Mairiporã in Brasile

Storia successiva

Trek Italia chiude, al suo posto Trek Sud Europa

Gli ultimi articoli in News

Il nuovo truck di Mondraker

Benvenuti al nostro tour esclusivo dell’impressionante truck Mondraker Factory Racing! Unisciti a noi per scoprire ogni…

La vita di un trail

Cumberland ospita una delle reti di sentieri più vivaci dell’Isola di Vancouver, ma una rete di…