[Test] Giacca Fox Flexair Pro 3L Water e pantaloni Ranger 3L Water

[Test] Giacca Fox Flexair Pro 3L Water e pantaloni Ranger 3L Water

22/11/2019
Whatsapp
22/11/2019

Quest’anno il cattivo tempo non ci lascia scampo: se si vuole uscire in mountain bike bisogna attrezzarsi per affrontare pioggia, umidità e sentieri fradici. Viste le premesse, il nuovo distributore italiano di Fox Racing, California Sport, ci ha mandato i modelli di punta del marchio americano per quanto riguarda la protezione dall’acqua: giacca, pantaloni lunghi e guanti. Andiamo a vederli nei dettagli.

Giacca Fox Flexair Pro 3L

  • Cuciture completamente nastrate e cerniere impermeabili
  • Tessuto a 3 strati impermeabile e traspirante, 10.000 mm e 30.000 g/m²
  • Cappuccio non si gonfia durante le discese grazie alle ventilazioni interne traforate al laser
  • Tasca a soffietto sul petto con taglio laser per mantenere gli oggetti lontano dal corpo quando le tasche sono piene
  • Tasche anteriori con scomparti separati
  • Cappuccio regolabile indossabile sopra la maggior parte dei caschi
  • Loghi riflettenti
  • Vita regolabile con cordoncino
  • Corpo: 3 strati 10.000 mm/30.000 g/m², 95% nylon, 5% elastan
  • Taglie: S, M, L, XL
  • Prezzo di listino: 250 Euro

Appena la si toglie dalla confezione e la si tocca con mano, si nota subito che la qualità della giacca è elevata, con grande cura dei dettagli ed un taglio ben studiato per chi va in mountain bike, vale a dire braccia affusolate e corpo piuttosto aderente. Una caratteristica che evita svolazzamenti vari quando si va in discesa o pieghe fastidiose quando si porta uno zaino sulle spalle.

Il tessuto a tre strati è ben pensato per evitare che si crei condensa sulla pelle, separando la membrana impermeabile dal corpo. Ciò nonostante l’ingombro della Flexair Pro è limitato, infatti sono riuscita a metterla nel marsupio che uso di solito, insieme ai guanti, ad una pompa e ad una barretta energetica. L’impermeabilità si è rivelata perfetta, a giacca non ancora lavata (vedere paragrafo sui pantaloni per il tema “reimpermeabilizzazione”). Vi ho fatto diversi giri, così come del commuting, sotto la pioggia battente e sono sempre arrivato a destinazione asciutto. Comodo il cappuccio da mettere sopra il casco, con lacci per poterlo stringere così che non scenda a causa del vento. Effetto, questo, diminuito anche grazie ai fori di ventilazione.

Sulla traspirabilità, partendo dal presupposto che la membrana perfettamente traspirante e perfettamente impermeabile non esiste, posso dire che in salita non indosso la giacca, neanche se piove, perché suderei a causa del caldo e quindi preferisco bagnare una maglia per poi cambiarmela prima della discesa. In piano o in discesa, rilanci e strappi compresi, la Flexair Pro non mi ha mai dato fastidio, rivelandosi ben traspirante ma soprattutto comoda al contatto con la pelle, nel caso non indossassi sotto una maglia a maniche lunghe (spesso in inverno porto maniche 3/4)

Belli il taglio e la dimensione generosa dei polsini, che non fanno entrare aria nelle maniche andando poi a “gonfiare” il resto della giacca in discesa.

Pantaloni Fox Ranger 3L Water

  • Materiale TruSeal™
  • Interno con cuciture completamente sigillate
  • Tessuto della struttura principale a 3 strati, leggero, impermeabile antivento e traspirante
  • Sistema di chiusura con fibbia
  • Taglio gamba affusolato
  • Taglie: W28, W30, W32, W34, W36, W38, W40
  • Prezzo di listino: 150€

Sono rimasto molto sorpreso dalla comodità di questi pantaloni, nel senso che sono morbidi al tatto e non hanno quella tipica “durezza” dei pantaloni antipioggia, sgradevoli se indossati direttamente sulla pelle. Questo è dovuto, come nel caso della giacca, dal tessuto a tre strati che evita di portare la membrana impermeabile a diretto contatto della pelle.

Mi è piaciuta molto anche la forma affusolata, con la parte bassa del pantalone elastica e stretta sulle caviglie, di modo che non vada a impigliarsi nella bici quando si pedala. A proposito di pedalata, sono i primi pantaloni lunghi impermeabili che sono riuscito ad indossare senza problemi durante risalite di 6-700 metri di dislivello, con una temperature esterna attorno ai 6-8°. Solo sulle ginocchia ho notato un po’ di calore, ma in generale la traspirabilità si è rivelata ottima così come la comodità quando si pedala, nel senso che il materiale non va a sfregare sulle gambe dando fastidio.

Li ho usati sia per non bagnarmi a causa del terreno fradicio, sia durante giri dove pioveva a dirotto. In entrambi i casi l’impermeabilità dei pantaloni è stata perfetta. Come potete vedere dalla foto le gocce d’acqua scorrono via dalla superficie, non andando ad impregnare i pantaloni. Come già detto durante la prova dei prodotti per la cura dell’abbigliamento impermeabile, si tratta di un prodotto che non ho ancora lavato in lavatrice e che sicuramente andrà reimpermeabilizzato dopo il lavaggio. A quel punto verrà molto comodo lo strato interno che separa la pelle dalla membrana, nel caso non si riuscisse a ristabilire l’impermeabilità iniziale. Infatti questo strato evita che si crei condensa interna, che poi è quella che dà la sensazione di bagnato.

Li ho sempre usati senza indossare niente sotto, a parte un fondello-boxer. Se facesse più freddo sarà necessario attrezzarsi diversamente, per esempio con una calzamaglia in materiale tecnico. Fox ha a catalogo anche dei pantaloni più caldi, pensati per l’inverno, oggetto di un test dedicato.

Per i piedi i Ranger 3L possono fare poco, perché hanno un taglio piuttosto corto che termina sulla caviglia. Consiglio dunque l’acquisto di un paio di ghette impermeabili, se si decidesse di usarli a lungo sotto la pioggia battente. Il taglio sulle ginocchia permette di indossare, sotto il pantalone, delle ginocchiere. Il materiale non ha fatto una piega al contatto con le spine dei rovi.

Comode le tasche, in particolare per la loro posizione piuttosto laterale. In questo modo gli oggetti che si mettono dentro non danno fastidio quando si pedala (ho spesso messo lo smartphone da una parte e un mazzo di chiavi dall’altra).

Combinando giacca e pantaloni ho notato che gli schizzi sollevati dalla ruota posteriore riescono ad entrare sotto la giacca, nella parter bassa della schiena, se non si ha l’accortezza di stringerla in vita con l’apposito elastico. In ogni caso, la parte posteriore della giacca non è più lunga di quella anteriore, quindi la protezione in posizione di pedalata non è totale, per questo servirebbe una salopette.

Guanti Fox Ranger Water

  • Parte superiore in tessuto impermeabile 100% poliestere
  • Palmo in AX Suede™ impermeabile
  • Pollice e indice compatibili con touch screen
  • Logo con stampa serigrafica
  • Taglie: S, M, L, XL, XXL
  • Prezzo di listino: 40 Euro

Guanti impermeabili, a cosa servono? Già mi vedo il commento, che poi era anche quello che io stesso mi domandavo all’inizio del test. Fondamentalmente la funzione dei guanti Fox Ranger è quella di tenere le mani asciutte per evitare che si raffreddino quando si va in discesa. In una stagione come questa sono al limite perché, anche se tengono le mani asciutte, potrebbero servire dei guanti più caldi.

In ogni caso fanno bene il loro lavoro, tenendo fuori l’acqua. Hanno un taglio molto aderente ma sono facili da indossare, offrendo un buon grip sulle manopole. La traspirabilità non è al livello dei pantaloni o della giacca, ma la cosa non mi ha dato molto fastidio perché non sono solito usare guanti in salita. Comodo poter usare lo smartphone senza doverseli togliere.

California Sports
Fox Racing

Commenti

  1. marco:

    così è riportato sul loro sito
    E' esatto , era lo standard massimo nell'abbigliamento da snowboard fino a pochi hanni fa. Ultimamente ho visto roba a 40000g-50000g ma prezzi fuori di testa. Cioè se abiti in Canada è surfi tutti i giorno in 2 metri di powder è l'unico modo per tornare a casa asciutto quindi ha senso spendere 800-1000 € per un completo.