[Test] Scarpe Fi’zi:k M3B Uomo

[Test] Scarpe Fi’zi:k M3B Uomo

04/05/2015
Whatsapp
04/05/2015

[ad3]

Le Fi’zi:k M3B uomo sono state presentate ad Eurobike 2014 insieme alle loro cugine da strada. Ho potuto provarle durante questo inizio di primavera, quando le temperature sono cominciate a salire.

IMG_3543

La suola è in carbonio, ricoperta da una tassellatura in gomma per poter affrontare dei tratti a piedi, mentre il resto della scarpa è in pelle antigraffio e Microtex, un materiale resistente, traspirabile e traforato. Il peso di ciascuna scarpa, in misura 42.5, con tacchetta Crank Brothers come in foto, è di 335 grammi.

IMG_3544

Il sistema di chiusura è affidato al nuovo Boa IP1 (leggete qui i dettagli), che permette di stringere/allentare la tensione come una semplice vite, e di aprire completamente il laccio tirando verso l’alto il pomello. A questo si aggiunge una chiusura in velcro nella parte inferiore.

IMG_3545 IMG_3548 IMG_3549

La punta ed il tacco sono rinforzati e solidi, per proteggere il piede dagli impatti con sassi e rocce.

IMG_3551

Sul campo le M3B si prestano bene sia per spingere di brutto suo pedali, grazie alla suola molto rigida, sia a trascorrere tante ore in sella, data la loro comodità, che ho notato sin dalla prima volta che le ho usate.

_DSC8766

Considerando che ho il piede con una pianta piuttosto larga, non ho mai avuto punti di contatti fastidiosi ai lati, e la perfetta dosabilità dei microclick del Boa fa sì che la scarpa prenda esattamente la forma del piede. Il nuovo Boa è facile da regolare anche mentre si è in bici: è un attimo avvitarlo/svitarlo, senza doverlo aprire del tutto per diminuire la tensione come in precedenza.

IMG_3552

La traspirabilità  è buona, ma non esagerata, cosa che si abbina bene ad una scarpa pensata per andare in montagna, evitando che un eventuale calo della temperatura faccia subito raffreddare il piede. La suola è piuttosto dura e di conseguenza il grip ne risente abbastanza. Sulle rocce non é facile camminare con le M3B, mentre sui terreni fangosi i tasselli fanno una buona presa sul terreno. Un esempio: durante la Bike Marathon Ronda Extrema ho dovuto spingere un paio di volte su delle rampe fangose, senza problemi di sorta.

Conclusioni

Le M3B sono state pensate per chi fa gare e per chi pedala tanto, badando alla trasmissione della forza fra piedi e pedali, grazie alla suola in carbonio. Il nuovo sistema di chiusura Boa è molto preciso e veloce anche nelle microregolazioni, mentre la scarpa è solida, ben curata nei dettagli e piuttosto comoda. La durezza della gomma della suola non dà molta confidenza sui terreni duri quando si deve spingere/portare la bici, mentre si trova a suo agio nel fango.

Prezzo: 250 Euro
Fizik.it

[ad12]