Uno dei classici: Riva – Rifugio Pernici

Uno dei classici: Riva – Rifugio Pernici

03/12/2014
Whatsapp
03/12/2014

Verso metà settembre, invogliati da un consistente arrivo di materiale informativo dal Trentino, eravamo stati sulle Dolomiti di Brenta per provare uno dei giri proposti! (Per chi si fosse perso il report, lo può trovare qui)
Approfittando di alcuni giorni di ferie, abbiamo proseguito il nostro tour fino a Riva del Garda.

In questo ultimo periodo, il meteo ci ha permesso di recuperare abbondantemente il tempo perso in estate, regalandoci meravigliose giornate autunnali dal clima estivo! Ora che le temperature si sono adeguate agli standard del periodo, possiamo concederci qualche ora di risposo in compagnia di un’altro itinerario classico della zona dell’Alto Garda.

Il nostro punto di partenza è la suggestiva cittadina di Riva del Garda. Federica convince Enrico a fare due passi al tradizionale mercato settimanale, prima di partire per il tour.

1DS_2589

La giornata è perfetta! Come sempre, a quest’ora del mattino, si vedono solamente bikers per le vie del paese. Ci sediamo a prendere un caffè mentre facciamo un veloce briefing del giro odierno.

1DS_2645

Lasciamo l’asfalto e iniziamo a salire per la magnifica strada del Ponale che gradatamente ci porterà verso la Valle di Ledro.

Con una giornata così è difficile non fermarsi ad ammirare il panorama. Ci siamo ritrovati spesso in zone suggestive, ma il Garda riesce sempre ad incantare con i suoi sentieri a picco sul lago!

1DS_2650

Oggi ci aspettano circa 1500m di salita. La pendenza, per il momento, non è un grosso problema, ce la prendiamo comunque con calma, godendoci al massimo questa giornata, tentanto di risparmiare le gambe per i punti più critici.

1DS_2659

Lasciamo a malincuore il versante gardesano e imbocchiamo la ciclabile che ci permette di raggiungere rapidamente la Valle di Ledro.

1DS_2666

La salita su questa sterrata ci fa dimenticare completamente il traffico. L’andatura “turistica” ci permette di avanzare senza fatica, chiacchierando e godendoci degli scorci suggestivi.

1DS_2677

Ci siamo lasciati alle spalle due strappi piuttosto impegnativi. Grazie alle fontane che troviamo regolarmente su questa parte del percorso, possiamo viaggiare leggeri, caricando nel camelback solo l’acqua necessaria.

1DS_2690

Il sole, la spiaggia e la frescura del lago, ci tentano… proprio adesso che inizia la salita!

1DS_2696

Stoici, abbiamo resistito, proseguendo il nostro tragitto. Raggiunto il centro abitato di Lenzumo, prendiamo per la Valle di Concei, dove la strada asfaltata per il rifugio Pernici sale decisa, ma piuttosto regolare.

1DS_2725

Finalmente il bosco inizia a diradarsi, concedendoci una magnifica vista sulle montagne circostanti.

1DS_2738

Vediamo una traccia di sentiero scendere, controlliamo sul nostro gps se può rappresentare una variante interessante per il nostro giro, ma decidiamo di non modificare il nostro progetto.

1DS_2765

Poche centinaia di metri di dislivello ci separano dalla nostra meta. Sui segnavia dei sentieri ciclabili, troviamo sia l’indicazione della distanza, sia quella del dislivello mancante.

1DS_2763

Ormai il più è fatto, iniziamo già a sognare una birra accompagnata da un pezzo di strudel fatto in casa…

Questo ultimo tratto aereo, scorre velocemente sotto le nostre ruote…

…anche se spesso ci fermiamo per immortalare il panorama!

1DS_2776

Cerchiamo di spingere sui pedali per coprire nel più breve tempo possibile il dislivello mancante!

1DS_2795

 

1DS_2854

Il Rifugio Nino Pernici dista solo pochi minuti di cammino da Bocca di Trat… riusciamo persino a sentire il profumo invitante del pranzo uscire dalle cucine.

1DS_2796

La birra ci fa dimenticare rapidamente la stanchezza, mentre attendiamo il cibo, valutiamo quale sentiero sia meglio prendere per la discesa.

1DS_2819

Ok, il sentiero può attendere, con un tagliere così invitante non è saggio perdere tempo a parlare!

1DS_2830

Scambiamo quattro chiacchiere con il gestore del rifugio che ci consiglia possibili alternative per la discesa (negli itinerari possiamo trovarne diverse).

1DS_2841

Chiudiamo gli zaini e ci apprestiamo a lasciare il rifugio…

1DS_2860

La traccia che abbiamo reperito (Qui) suggerisce di scendere dalla comoda forestale… Per questo ci fermiamo a controllare se sia possibile trovare qualche “scomodo” sentiero che ci porti comunque a destinazione.

1DS_2892

Lasciamo la ripida strada dal fondo smosso e seguiamo il nostro intuito…

1DS_2895

…ci imbattiamo in un sentiero flow molto divertente!

1DS_2884

Enrico e Federica aprono il gas!

1DS_2936

Durante la nostra discesa incrociamo solo un cercatore di funghi locale. Enrico prova a farsi rivelare le zone buone, ma l’anziano è piuttosto reticente. 😀

1DS_2927

Riprendiamo la discesa, il trail è divertente e non risulta mai troppo difficile.

1DS_2948

Il primo tratto della discesa finisce nei pascoli adiacenti a Malga Pranzo e il piccolo rifugio SAT “Capanna Grassi” (Info Qui).

1DS_2964

1DS_2972

Superiamo rapidamente il dislivello che separa il pianoro dall’imbocco del sentiero, godendoci anche in questo caso il bellissimo panorama.

1DS_2981

Ci fiondiamo nell’ultimo tratto di sentiero. Enrico e Federica viaggiano spediti sui tratti tecnici e in breve raggiungiamo il bastione sopra il centro abitato di Riva.

1DS_2993

Il tempo stringe, abbiamo  solo pochi minuti per fermarci ad ammirare il panorama sulla cittadina!

Conclusione: Eravamo al corrente che la salita fosse piuttosto dura, sopratutto per la lunghezza e per alcuni strappi alquanto ripidi, siamo però convinti che, presa con la dovuta calma e con i compagni giusti, possa essere alla portata di molti bikers con un po’ di strada nelle gambe.
Per quanto riguarda la discesa, quella consigliata originariamente nel tour, rischia di essere più pericolosa del sentiero che taglia la strada, in quanto il fondo inconsistente rende decisamente difficoltosa la guida del mezzo. Confrontatevi con il rifugista o date uno sguardo agli itinerari sul forum, ci sono parecchi spunti interessanti che hanno come punto di partenza il Rifugio Pernici!
Nel complesso è un giro piacevole, che permette di assaporare zone del Garda poco conosciute.