MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | Val di Fassa Marathon: confermati i 3 percorsi

Val di Fassa Marathon: confermati i 3 percorsi

Val di Fassa Marathon: confermati i 3 percorsi

23/08/2018
Whatsapp
23/08/2018

[Comnunicato stampa] Nonostante il violento nubifragio che il 3 luglio si è abbattuto su Moena causando molti danni sia in centro paese che sui boschi e i sentieri in quota, il comitato organizzatore dell’ 11° Val di Fassa Marathon ha confermato i 3 percorsi di gara annunciati qualche settimana fa: la Marathon Hard Track di 60 km e 2500 m di dislivello, la Granfondo Easy Track di 32 km e 1450 m di dislivello e la cronoscalata Up Hill Lusia Legend di 8 km e 1000 m di dislivello per gli scalatori puri che vogliono confrontarsi con la mitica salita dell’Alpe Lusia.

La situazione è ancora critica ma grazie alla collaborazione del Comune di Moena si sta lavorando a pieno ritmo per ripristinare i percorsi che a fine giugno erano pronti per essere testati nel corso dell’estate da tutti i bikers. “La forza distruttrice dell’acqua ha spazzato via molte strade forestali e alcuni dei nuovi single track di cui eravamo particolarmente orgogliosi” spiega il direttore tecnico Gianfranco Degiampietro. “Tuttavia, fin dal primo sopralluogo dopo il nubifragio, abbiamo subito escluso l’ipotesi di un piano B. Il nostro obiettivo è quello di offrire ai bikers che saranno con noi a Moena domenica 9 settembre il meglio del meglio: è da circa 3 anni che lavoriamo per creare un tracciato Marathon Hard Track dalle caratteristiche uniche, ricco di passaggi tecnici e divertenti, capace di lasciare in chi lo percorre grandi emozioni e il desiderio di ripeterlo, non vogliamo rinunciarci per alcun motivo. Certo, ci aspettano lunghe giornate di lavoro, ma con l’aiuto dell’amministrazione comunale, che ringrazio personalmente, e dei nostri instancabili volontari, i percorsi torneranno presto come nuovi”.

Entrando nel dettaglio, la Marathon Hard Track avrà 4 salite importanti: oltre a quella leggendaria del Lusia ci sarà infatti, dopo il tratto cronometrato Enduro-Dowhnill di 12 km che inizia al GPM di Le Cune per concludersi in zona Navalge, la novità del passaggio nel centro di Moena per poi risalire lungo lo skiweg fino all’altezza del ponte dei Ronchi e terminare la seconda salita tramite l’inedito single track Ronchi. Le altre due salite, Latemar e Pozil sono invece le stesse proposte negli ultimi anni. A queste salite si aggiungono 5 strappi corti ma veramente tosti che lasceranno il segno (muro Pista Fiamme Oro, muro Pianac, muro Sas da le Strie, muro de Peniola e muro dei Roncati, vera bestia nera della gara con una pendenza massima del 30%) oltre a 10 divertentissimi single track prevalentemente in discesa, tre dei quali proposti per la prima volta.

PROVA PERCORSO

Per tutti coloro che hanno intenzione di partecipare all’11° Val di Fassa Marathon, iscritti e non, ogni domenica di luglio e agosto sarà possibile provare il percorso, con delle piccole varianti nei tratti ancora inagibili, insieme ad un’esperta guida di mountain bike di Moena o addirittura allo stesso direttore tecnico Gianfranco Degiampietro (obbligatoria la prenotazione scrivendo a [email protected]).

Inoltre, il giorno prima della gara, sabato 8 settembre tutti gli iscritti potranno testare il tratto Enduro-Downhill composto dai primi tre single track di gara (Le Mandre, Le Solc e il nuovo Sora i Prè), con navetta gratuita da Moena a Ronchi e salita in cabinovia fino alle Cune.

Valdifassamarathon.it

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Etien
Etien

Niente da fare, purtroppo l’efficienza del nord Italia ce la possiamo solo sognare.

::::FLARE::::
::::FLARE::::

Sono stato a Moena giusto 4 o 5 giorni dopo l’alluvione, tutto il paese era agibile e non c’era quasi più traccia del disastro. Stavano già ripiantando i fiori nelle aiuole, per dire. Mi raccontavano che tutti quanti, per giorni e notti, son scesi in strada a spalare e pulire. Viene il sospetto che in certi posti esista ancora la società civile. Oltre ad una mentalità basata sul fare, lavorare e non lamentarsi. Altrove tra 20 anni avrebbero ancora avuto i segni dell’alluvione del ’18.

menollix
menollix

iscritto! non vedo l’ora!

multistesco
multistesco

Serietá che fa onore agli organizzatori, in calabria non la avremo mai vedi sila epic ….. 800 persone allo sbaraglio …