Fassabike park, alcune novità dai trail builder

Fassabike park, alcune novità dai trail builder

Staff, 16/11/2020

[Comunicato stampa] Con l’inverno alle porte e le temperature in rapida discesa si sta comunque sfruttando questo periodo di alta pressione per proseguire senza sosta il lavoro di manutenzione del Fassa Bike Park e la creazione di nuove linee.

L’obbiettivo è quello di arrivare pronti all’estate 2021 e all’atteso appuntamento con la MET Enduro World Series Val di Fassa con una più ampia offerta dedicata alla mountain bike in valle. Per questo sono in atto migliorie sui sentieri esistenti e la tracciatura di nuovi trail dedicati tanto al bike park quanto al Sellaronda Tour.

YouTube video

Uno dei trail più apprezzati durante la stagione 2020 è stato senza dubbio Rodeline: un susseguirsi di curve spondate e salti da raccordare, dove lasciar correre la bici in un flow unico da cima a fondo. La notizia è che questa linea è stata ampliata fino al Lupo Bianco, portandola ad un totale di circa 4km e 500 mt di dislivello.

La Rodeline completa avrà come sezione iniziale quella su cui abbiamo girato questa estate, a cui si aggiungerà una porzione centrale in stile enduro, lunga circa 1 km e caratterizzata da un continuo saliscendi con vari rilanci e un tratto finale più flow, ma con qualche passaggio north shore e alcune sezioni naturali che sfruttano al meglio l’andamento del terreno di quel bosco.

Come Icarus in zona Col Rodella (costruito nel 2020), anche il nuovo Rabbe trail nel versante Belvedere sarà un sentiero facile e alla portata di tutti costruito anche qui per divertire e al contempo servire il Sellaronda Tour. Attualmente in zona Belvedere il Sellaronda Tour percorre una porzione abbastanza tecnica di Infinity, che si potrà scegliere di saltare percorrendo proprio Rabbe Trail. Questa linea alternativa nasce dal recupero di un vecchio sentiero abbandonato che attraversa per circa 1 km un bellissimo bosco di larici e cirmoli. L’andamento sarà anche in questo caso flow con qualche struttura in legno north shore che aiuta a superare delicate zone naturali con radici e sorgive.

Si sta procedendo con ordine, ma diversi sono i lavori di cui lo staff Fassa Bike già dispone di permessi e autorizzazioni che con ben 6 impianti di risalita già al servizio del park, proiettano la località ad uno sviluppo ancora più ampio nelle prossime stagioni. Uno dei nuovi sentieri in particolare è praticamente già ultimato e il nome la dice lunga sul suo carattere: Animal House!

Se da un lato con i percorsi facili e scorrevoli si vuole dare spazio e maggiore accessibilità alla rete sentieristica, dall’altro non si vuole dimenticare il carattere enduro della location. Animal House, del quale non può ancora essere svelato molto, se non che in alcuni passaggi è a tutti gli effetti una pista nera, sarà una delle linee di gara dell’Enduro World Series 2021.

Naturalmente i lavori proseguiranno fino all’arrivo della neve e riprenderanno al suo scioglimento. Rimanete sintonizzati sulle nostre pagine facebook e instagram per seguire tutti gli aggiornamenti.

 

Commenti

  1. AlfreDoss:

    Sono stato su questa estate e devo dire che l'offerta di Trail non era chissà che, anche a causa dei danni ancora presenti del forte maltempo di un paio di anni fa.
    Alla fine ho trovato dei Trail naturali comunque bellissimi ma non per tutti, visto i tratti tecnici che presentavano.
    Ben venga tutto ciò
    Ciao Alfredo, non ci vediamo da anni, abbiamo fatto un paio di uscite assieme, qui a Tavernerio e sul Garda, sono l'amico di stefano di turate, comunque vero, vado a campitello da quando sono nato, e da 6/7 frequento il park, agli inizi tutto fantastico tutto bello flow, però col passare degli anni migliorando la tecnica l'entusiasmo cala, i troppi pratoni stancano, si salvano le 2 nere che scendono in paese a canazei, ma anche quelle, essendo esposte sempre all'ombra, sono sempre bagnate e poco praticabili purtroppo. Andrebbero fatti più sentieri stile tutti frutti (quella che parte da col rodella) molto bella, ma quest'anno era impraticabile, troppo scavata con fossi enormi. Anche io essendo quasi un local ormai, conosco molti sentieri e mulattiere poco praticate dai pedoni e quasi nulla da bici, qualche pezzo con bici in spalla, ma il divertimento e l'adrenalina è migliore dei trail del park. Anche scendendo da porta vescovo su al passo fedaia c'è un bel trail, ma devi partire alle 5 dall'albergo pena di trovare la carovana di persone a salire mentre tu scendi. Spero bene che l'offerta sia ben varia tipo in paganella dove ci sono delle belle nere e anche le flow, dove ci porto mio figlio di 11 anni. Io è 2 anni che non prendo il biglietto del bike park, purtroppo non mi aggrada lo stile dei trail, quelle volte che voglio farlo me lo pedalo o fino al passo pordoi, o su al col rodella e scendo. Altrimenti ho il biglietto panorama pass e prendo solo il supplemento bicicletta di 3 euro e salgo.
  2. davide 1988:

    Ciao Alfredo, non ci vediamo da anni, abbiamo fatto un paio di uscite assieme, qui a Tavernerio e sul Garda, sono l'amico di stefano di turate, comunque vero, vado a campitello da quando sono nato, e da 6/7 frequento il park, agli inizi tutto fantastico tutto bello flow, però col passare degli anni migliorando la tecnica l'entusiasmo cala, i troppi pratoni stancano, si salvano le 2 nere che scendono in paese a canazei, ma anche quelle, essendo esposte sempre all'ombra, sono sempre bagnate e poco praticabili purtroppo. Andrebbero fatti più sentieri stile tutti frutti (quella che parte da col rodella) molto bella, ma quest'anno era impraticabile, troppo scavata con fossi enormi. Anche io essendo quasi un local ormai, conosco molti sentieri e mulattiere poco praticate dai pedoni e quasi nulla da bici, qualche pezzo con bici in spalla, ma il divertimento e l'adrenalina è migliore dei trail del park. Anche scendendo da porta vescovo su al passo fedaia c'è un bel trail, ma devi partire alle 5 dall'albergo pena di trovare la carovana di persone a salire mentre tu scendi. Spero bene che l'offerta sia ben varia tipo in paganella dove ci sono delle belle nere e anche le flow, dove ci porto mio figlio di 11 anni. Io è 2 anni che non prendo il biglietto del bike park, purtroppo non mi aggrada lo stile dei trail, quelle volte che voglio farlo me lo pedalo o fino al passo pordoi, o su al col rodella e scendo. Altrimenti ho il biglietto panorama pass e prendo solo il supplemento bicicletta di 3 euro e salgo.
    Ciao Davide, se ben ricordo ai tempi avevi una Bulls, spero di non aver fatto una figuraccia...
    Sì peccato che il Tuttifrutti sia messo male, su consiglio dei local l'ho evitato, anch'io salivo su asfalto e poi mi facevo un paio di Trail sconosciuti in zona Lupo Bianco o arrivo prima funivia da Canazei verso il Belvedere, non ricordo ora il nome.
  3. K2zed:

    Infatti, nessun problema, anzi le ebike in diversi casi le capisco anche, almeno si pedala...è solo il fatto che chiamare Mountain Bike una disciplina che ti fa andare solo in discesa mi stona un po'...detto questo sono favorevole all'utilizzo degli impianti già esistenti, valorizza i centri di la montagna, porta soldi e lavoro.
    Bisogna prendere atto che nel termine MTB rientrano ormai diverse discipline, diverse tra di loro, molto diverse anche nei mezzi che si usano. Si passa dal XC, al trail, al gravity e al dirt (e non le ho elencate tutte).
    E' la stessa cosa dello sci, in cui nel termine generico può rientrare lo sci alpino, lo sci nordico o lo scialpinismo.
    Stesso nome, ma sport diversi.