MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | [Video] I sentieri di Ceriale, Monte Acuto

[Video] I sentieri di Ceriale, Monte Acuto

[Video] I sentieri di Ceriale, Monte Acuto

23/03/2018
Whatsapp
23/03/2018

Siamo a Ceriale per La Sesta e penultima tappa di #LiguriaBikeExperience.
Per la prima volta il biker Giacomo Dodino sale in sella ad una E-Bike, per scoprire insieme alla Guida Luigi Frison un nuovo entusiasmante tour che dalla cima del Poggio Grande 800mt s.l.m ,dove è situato il Santuario Monte Croce, vi porterà sino al mare con un unico single track mozzafiato!

I DATI DEL TOUR
LUNGHEZZA TOTALE: 35km
LUNGHEZZA SENTIERO: 10km
DISLIVELLO: 1000mt D+ ; 800mt D-
DURATA TOTALE: 3,5 ore (circa)

IL TOUR DEL MONTE ACUTO
Partendo da Ceriale, si attraversa il Capo di Borghetto e si raggiunge il borgo medievale di Toirano. Passato il paese inizia la salita, che si presenta con pendenza costante, senza risultare mai troppo ripida. In molti punti si gode di una bella vista mare. Circa a metà strada si trova il caratteristico borgo storico di Balestrino, dopodiché il paesaggio prende un aspetto più montano. Continuando a salire In pochi chilometri si arriva al santuario, che si trova sulla cima del monte Poggio Grande, a 813 metri di altitudine. Da qui parte il sentiero, un single track completamente naturale e lungo ben 10 chilometri ! In prevalenza roccioso, Il Trail si sviluppa completamente lungo la cresta della montagna offrendo sempre un’ottima “vista mare”. Con più di un’ora di discesa si arriva sino alla costa di Ceriale, affrontando un dislivello di 800 metri!

Altri itinerari e dove soggiornare.

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
passione sentieri
passione sentieri

dal santuario non so adesso ma tempo fa era bella la discesa della valle Iba

pizzooo
pizzooo

Ho fatto questo giro 3 anni fa con una specialized fatboy al tempo completamente rigida, e ricordo che la zona dove nel video compaiono dei cavalli, una serie di saliscendi intorno alle cimette della cresta, è abbastanza difficile da fare completamente in sella ad una muscolare….inoltre il terreno è veramente ostico, roccia tagliente ovunque, meglio usare pressioni un po’ più alte a discapito del comfort…
Io ho fatto la follia di salire da Peagna seguendo il torrente, ma ad un certo punto è necessario caricarsi la bici in spalla fino in cima…
Comunque un giro di grande soddisfazione una volta portato a casa, da evitare in piena estate, regala una vista impareggiabile in un mix di profumi mediterranei, ma anche una sensazione di “selvaggio”.

Pietro.68
Pietro.68

grande Gigi! ottima guida e grande conoscitore di quei posti.

pescerosso
pescerosso

Sarebbe possibile avere una traccia del giro???