[Video] QUEST ep.1: Tito Tomasi in Nepal

[Video] QUEST ep.1: Tito Tomasi in Nepal

Francesco Mazza, 13/05/2016
Whatsapp
Francesco Mazza, 13/05/2016

[ad3]

Mavic presenta Quest, una serie di quattro episodi di bike adventure con protagonista il suo ambassador francese, Tito Tomasi. In questo primo episodio Tito viaggia in Nepal, scoprendo le condizioni di vita dell’area himalayana attraverso il riding e gli incontri fatti durante il viaggio.

Tito ci spiega che nell’Ottobre scorso ha viaggiato in Nepal per alcune settimane con il suo staff, composto da un fotografo e un videomaker, per attraversare il parco nazionale del Langtang. Un viaggio dedicato al riding e alle riprese, ma per Tito e il suo staff un’occasione speciale per documentare e diffondere le condizioni di vita in montagna dopo il terremoto di Aprile 2015. Un’esperienza forte, ispirati dalla gente per la loro forza e il loro pensiero positivo e puro. Con di fronte il panorama dello Himalaya, il gigante di pietra e ghiaccio, la crew ha viaggiato verso il sacro luogo di pellegrinaggio di Gosaikunda. Una grande esperienza in una cultura vibrante di vita. Un luogo forte, a 4.000m di altitudine sotto un cielo limpido, che resta inspiegabile a parole rispetto a quanto di conosciuto nel mondo moderno. Un viaggio con gli dei, fuori dal tempo e in un altro mondo, alla ricerca di sé stessi. L’essenza del viaggiare: imparare.

IMG_3038 IMG_2922 IMG_2661 IMG_1879 IMG_7954 IMG_7079 IMG_5178 IMG_5127 IMG_4991 IMG_4967 IMG_4952 IMG_4926 IMG_4897 IMG_4636 IMG_4302 IMG_4115 IMG_4028 IMG_3964 IMG_3785 IMG_3615 IMG_3548 IMG_3540 IMG_3382 IMG_3106

Per dare un piccolo aiuto, un contributo alle vittime del terremoto, Tito e sua moglie hanno creato Vive la Vie, un’organizzazione no profit per raccogliere fondi da inviare a un orfanotrofio di Katmandu, realizzato dall’organizzazione Nepalese chiamata Bouddha’s helping hand. Vive la Vie è basata sulle donazioni ma è possibile anche acquistare opere d’arte di Tito e jersey donate per la causa da campioni come Bruni, Barel, Clementz, Vouilloz e altri.

www.vive-la-vie.org

[ad45]