[Video] RCM tutorial: come fare i drop

[Video] RCM tutorial: come fare i drop


Saltare in bicicletta è sempre una libidine, e quando le rampe sono in discesa o in piano si parla di drop. Fino a qualche anno fa, con la parola Freeride sulla bocca di tutti, sembrava che droppare da altezze impressionanti fosse l’unico modo di andare in bici. Spesso gli atterraggi piatti e la volontà di “sentire” il colpo in atterraggio ci faceva provare dei salti che, per usare un eufemismo, potremmo descrivere come non calcolati.
Il drop però è una tecnica necessaria per tutti, qualunque gradone che non possa essere copiato, vuoi per l’altezza, vuoi per la velocità di approccio, diventa automaticamente un drop e dobbiamo essere sempre pronti a spiccare il volo. Oggi vediamo insieme come farlo in sicurezza!

RCM World
La data fatidica si avvicina: sabato 8 Dicembre presenteremo le date dei corsi RCM 2019!
Se non l’aveste ancora fatto cliccate QUI per chiedere la prelazione sul corso che vi interessa o per iscrivervi alla nostra newsletter e ricevere per primi la comunicazione sui nuovi appuntamenti!

Leave a Reply

Notificami di
Ordina per:   più recente | più vecchio | più votato
Etien
Etien

Grazie, interessante ed esauriente come sempre, questo sabato forse ci provo 😉

rooninmtb
rooninmtb

Ciao Jack, a parte che presto farò uno dei vostri corsi, il trail dove scendi è bellissimo, io sono di Torino, dove si trova?

klasse
klasse

sentiero H a Finale ligure

rooninmtb
rooninmtb

Grazie

tunerz

Prevedo boom di post nella sezione "chiedi al medico"..:smile:

struciapanza

Vero maestro,Grande Jack

lollo72
lollo72

Sarà pur corretto toccare terra prima con l’anteriore , ma personalmente preferisco gli atterraggi sulle due ruote simultaneamente. Mi ricordo un’esperienza “al limone” proprio sulle rampe del Mottolino ( quelle della foto di copertina) : a fine giornata dopo aver già eseguito una decina di volte una delle suddette rampe (non quella con la “m”ma la adiacente!) mi trovo a dover sostituire le pastiglie freno ormai finite , operazione eseguita velocemente sul tracciato ma senza “calibrazione” , affronto per l’ultima volta il citato drop prendendo slancio dal solito punto ma senza tener conto del rallentamento dovuto al maggiore sfregamento delle pastiglie nuove , risultato : ho staccato troppo lento e per evitare di atterrare (o schiantarmi!) sul piatto ho spinto in avanti più che potevo atterrando (in pendenza) proprio con l’anteriore e percorrendo un 15 metri solo su tale ruota al limite del ribaltamento .

Etien
Etien

Al posto tuo me la sarei fatta letteralmente addosso.

felipekk
felipekk

Bello video!!! Dov’é che vi trovate e che sentieri sono?

Bujo
Bujo

eh be’ direi tanta roba la Trance 29…

turkishweb
turkishweb

quel colore alla trek dona un casino. bellissima bici!

Pietro.68
Pietro.68

grande jack.
e mi fa piacere vedere confermato da te che bisogna far toccare terra prima alla ruota davanti o al massimo in contemporanea.
vedo sempre gente atterare su quella posteriore con quella anteriore alzata in impennata…

yayayaya
yayayaya

Per allenarmi ho messo qualche pedana dietro casa.
Sui drop in piano tendo ad accucciarmi sulla bici per poi estendermi poco prima dello stacco e cerco spingendo sul manubrio di atterrare più di anteriore,.
Tra l’altro l’atterraggio troppo di posteriore apre molto l’angolo di sterzo stressando molto di più il telaio.
Il tuo metodo è decisamente più tecnico, e mi potrebbe tornare utile per un drop bastardo in discesa preceduto dalla sabbia che non ti permette di arrivare veloce è composto, così la rotazione ad impuntarsi é ancora più accentuata.
Domani provo il tuo metodo su quelli in piano

wpDiscuz