[Video] Versa: nuovo spettacolare episodio di Chasing Trail

1

La mountain bike può sembrare uno sport diverso su terreni diversi, ma tutto è legato alla bicicletta e al ciclista. Si progredisce con l’ambiente che cambia. Con Versa, l’obiettivo era semplice: massimizzare la diversità dei paesaggi che si possono percorrere in bicicletta – visivamente e geologicamente – in un viaggio di 10 giorni intorno alla BC. Ad affiancare Joel Ducrot in questa missione c’erano Peter Wojnar e Margus Riga. Se c’è qualcuno che deve essere felice di trasportare bici e attrezzatura fotografica pesante su per le montagne, sono loro.



.

La maggior parte delle volte, se chiedete a Joel che cosa ha fatto, vi risponderà che ha fatto lavori di meccanica. Io sostengo che quello che sta facendo davvero, e che il film Versa fa, è riportare il romanticismo nella mountain bike. Non si tratta di amore, anche se c’è un po’ di amore. Non si tratta di un rider in missione, anche se c’è anche questo. Si tratta di fare uno sforzo in più per imparare qualcosa di più su se stessi e sul paesaggio che ci circonda, e trovare la bellezza in esso. E di cavalcare terreni stupendi, naturalmente.

Granito

Joel aveva visto alcune foto surreali di Reuben Krabbe in questa zona. Due rider grandi come formiche stampati su una doppia pagina, circondati da un’enorme lastra di roccia che riempiva l’intero fotogramma. L’enorme scala della cosa lo ha fatto meravigliare. Questa curiosità è anche ciò che ha spinto lui, Woj e Riga a portare le loro bici e la loro attrezzatura su per il lungo e odioso percorso, una volta trovato. “Pedalare su una lastra così grande è molto disorientante, perché non ci sono alberi o punti di riferimento. Quando la superficie percorribile è larga qualche centinaio di metri e non si riesce a vedere molto dalla cima, è davvero importante mirare alla giusta sfumatura di roccia”. È stato come immaginare lo sci di grande montagna: orientarsi con vaghi punti di riferimento che si vedono solo da un punto di vista completamente diverso.

Deserto

Mentre il granito sembra cadere via da te, il fango vulcanico e cotto dal sole del deserto interno ti trattiene. In qualche modo Joel non era mai arrivato al bike ranch di Kamloops. Kamloops è stata per anni un punto fermo del movimento freeride della BC con i suoi bermuda, i grandi salti e il paesaggio desertico. Il bike ranch è in pratica il loro bikepark pubblico, fatto da e per la comunità dei motociclisti, con il sostegno della città. Tutti noi amiamo le curve ben costruite e, grazie alla mancanza di alberi e rocce e all’incredibile sterrato, i maghi dei trail di Kamloops hanno scolpito negli anni alcune incredibili piste di marmo. È piuttosto semplice: più si va veloci, più ci si piega.

Alpino

Per poter percorrere l’area di Paradise Mines, sulle montagne di Purcell, è necessario conoscere qualcuno. L’equipaggio ha incontrato José Tomás Letelier Prieto, il ragazzo, nel solito modo. Lui e Woj dormivano entrambi sotto i loro camion durante la Canadian Enduro Series. José sta costruendo dei sentieri sul terreno di Toby Creek per poi aprire un bike park con servizio di navetta. È possibile vedere e percepire la storia mineraria dell’area, con resti di macchinari che ricordano altri modi in cui le persone hanno interagito con questa terra. La tecnica di costruzione dei sentieri preferita da José, quando non scolpisce un flusso incontaminato, è quella di ripulire i vecchi argini delle strade minerarie, per poi percorrerli.

Costruttore di sentieri e maestro del freeride, José è anche un conoscitore del ghiaione. Con i massicci pendii alpini striati sopra e i lariceti sotto, non si può battere questa zona per l’elevato contrasto visivo e il terreno per giorni. Grazie a qualcuno che conosce la zona come nessun altro, Joel, Woj e Riga sono riusciti a massimizzare l’esperienza.

Foresta pluviale

Anche 25 anni dopo i filmati di North Shore Extreme e dopo un bel po’ di ingegneria ciclistica, è ancora un luogo impegnativo da percorrere. Ricco di cimeli di acrobazie risalenti all’epoca dei freni a sbalzo che assomigliano a qualcosa di più simile a un esperimento di fisica, si percepisce l’energia di quando si costruivano cose strane nella foresta e ci si divertiva. Quello spirito è vivo e vegeto, con una fiorente comunità di costruttori di sentieri e di ciclisti che mantiene saldo il cuore della mountain bike. Quando non ci si limita a tracciare linee da freeride o a trascinare le bici nel sottobosco per raggiungere le caratteristiche naturali, sono i costruttori di sentieri che lavorano davvero con il terreno per spingere la mountain bike in nuove direzioni.

Conclusione

Il contrasto e la diversità nell’equitazione è ciò che ha incuriosito Joel con la mountain bike per tutta la vita, ed è ciò che stavano inseguendo in questo viaggio. Ogni luogo ha il suo fascino, ma anche le sue sfide. Che si tratti di camminate in bicicletta di cinque ore, di ottenere permessi per le riprese o di ore di guida, in un modo o nell’altro si ripaga sempre. Non importa quante ore si passino a guardare le mappe e a scandagliare il web, le cose appaiono sempre un po’ diverse da come appaiono sul monitor di un computer. Basta una sola occhiata all’altro lato del crinale per far crescere la lista delle cose da fare. Questo viaggio ha riunito una combinazione di irrazionale, immaginazione e visionarietà in un modo che fa davvero capire perché le persone amano andare in bicicletta e come questa continui a riunirle per fare qualcosa che non ha davvero senso, ma che ha anche più senso di qualsiasi altra cosa.

  • Atleta, regista, produttore: Joel Ducrot
  • DOP, regista, montatore, colorista: Peter Wojnar
  • Fotografo: Margus Riga
  • Fotografo di Kamloops: Aeden Skinner
  • Copywriter: Grace Grim
  • Sound design: Ridgeline Sound
  • Musica: The Mystery Lights, What Happens When You Turn The Devil Down

Grazie a: Jose the Legend, Toby Creek Adventures, Ted Morton, Mike McPherson, Reuben Krabbe, Trailbuilders di tutto il mondo

Scott

 

Commenti

  1. Che bellezza...
    Almeno una volta nella vita nella vita mi piacerebbe vedere con i miei occhi questi posti incredibili!
Storia precedente

Calendario della 2ª stagione del Circuito Italiano Pump Track

Storia successiva

Le 5 bici più longeve che correranno in DH WC 2023

Gli ultimi articoli in News

Posso la borraccia?

Durante l’ultima salita del Monte Grappa il dominatore del Giro d’Italia 2024, Tadej Pogacar, viene affiancato…