[Video] Via Ferrata in MTB

[Video] Via Ferrata in MTB


Al cospetto delle Tre Cime di Lavaredo Kilian Bron percorre una via ferrata in sella alla sua MTB. Niente male anche i numeri sulla Marmolada. Video fantastico!

  1. motobimbo

    aspè….adesso arriverà qualcuno a dire che è pericoloso e diseducativo….per me è semplicemente "onirico" per non dire "onanistico".

    3…2..1.. e qualcuno ci propina la storia che domenica ci sono le colonne di biker che vanno su a provarlo e che è colpa nostra se ci sarà una strage e se chiuderanno le ferrate alle bici e che è come andare ad arrampicare con le pinne e che non portava la cannottiera e che non aveva il casco integrale e che non parlava la lingua indigena e che non ha rispetto per i sassi e che una marmotta è morta stirata dalle sue gomme

    0
    1. Scusa Marco, ma dopo quello che hai scritto, uno è libero di commentare come vuole?
      Io non mi faccio problemi, ma non mi sembra proprio il massimo per Mtb Mag!
      Domanda: si può fare una ferrata con la mtb? Io penso proprio di no! Stop, non credo ci sia altro da dire, anche perché su questo tipo di sentiero non è un divieto assurdo, come su altri. Per quel che mi riguarda sono affascinato dalla bravura e dai paesaggi, ma anche colpito negativamente dall’ego smisurato e dalla voglia di apparire che, a mio parere, non vanno bene a braccetto con questo sport.

      1+
  2. marco

    3…2..1.. e qualcuno ci propina la storia che domenica ci sono le colonne di biker che vanno su a provarlo e che è colpa nostra se ci sarà una strage e se chiuderanno le ferrate alle bici e che è come andare ad arrampicare con le pinne e che non portava la cannottiera e che non aveva il casco integrale e che non parlava la lingua indigena e che non ha rispetto per i sassi e che una marmotta è morta stirata dalle sue gomme

    :smile::smile::smile:

    0
  3. fuze

    ca************o! bellissimo….
    ma come fanno a girare su sentieri così esposti così in scioltezza…sarà che soffro di vertigini ma non credo riuscirei a fare neanche un metro..

    solo in "non assistiti" possono riuscirci….. :loll::loll::loll:

    0
  4. marco

    3…2..1.. e qualcuno ci propina la storia che domenica ci sono le colonne di biker che vanno su a provarlo e che è colpa nostra se ci sarà una strage e se chiuderanno le ferrate alle bici e che è come andare ad arrampicare con le pinne e che non portava la cannottiera e che non aveva il casco integrale e che non parlava la lingua indigena e che non ha rispetto per i sassi e che una marmotta è morta stirata dalle sue gomme

    E i sentieri che si rovinano? Nessuno pensa ai sentieri!?!
    Le tre cime di Lavaredo, uno dei più bei posti al mondo. Video suggestivo ed evocativo!
    P.s. Non lo farei mai! :loll:

    0
  5. Bha… sono spezzoni di vari sentieri ripetuti enne volte da angolazioni diverse e rimontati assieme: passo Sentinella, strada degli Alpini, pian di Cengia, Marmarole… bello, bravo lui, ma fondamenalmente finto.

    0
  6. Karlwendel

    Bha… sono spezzoni di vari sentieri ripetuti enne volte da angolazioni diverse e rimontati assieme: passo Sentinella, strada degli Alpini, pian di Cengia, Marmarole… bello, bravo lui, ma fondamenalmente finto.

    vero!
    è caduto giù ripetutamente dal dirupo esposto….lo sono andati a riprendere con l'elicottero e poi ha rigirato la scena finchè non gli veniva bene.

    0
  7. Karlwendel

    Bha… sono spezzoni di vari sentieri ripetuti enne volte da angolazioni diverse e rimontati assieme: passo Sentinella, strada degli Alpini, pian di Cengia, Marmarole… bello, bravo lui, ma fondamenalmente finto.

    Ah, quindi è così che fanno i video???

    🙄

    0
    1. Il percorso non è solo uno,sono spezzoni di percorsi fatti in varie zone anche relativamente distanti tra di loro,come ha già scritto qualcuno si va dalle dolomiti di Sesto alla Marmolada e forse anche al Piz Boé (gruppo del Sella) che ad un certo punto viene ripreso…comunque in queste zone ovunque vai caschi bene, di sentieri belli ne trovi a volontà

      0
    2. Ti posso aiutare per i primi 3.40 minuti. Il primo pezzo è sul tratto tra forcella passaporto ( Monte Paterno) verso il rif. Locatelli, Poi un tratto che non ho ben individuato ma che sembrerebbe la Strada degli Alpini, ( se è quella lo hanno portato li con l’elicottero perchè è da tutt’altra parte) poi salta alla ferrata dal Rif Pian di Cengia al Collerena, poi al Sentiero delle Forcelle tra Paterno e Rif Pian di Cengia, il pezzo in discesa tra rocce ed erba non sono riuscito a riconoscerlo, poi il ghiaione del Paterno lato Moso con i laghi di Piano, poi ritorna alla ferrata dal Rif Pian di cengia al Collerena e poi cambia zona e passa alla Marmolada. L’intero filmato salta da un tratto all’altro. Per farlo a piedi parti dal Locatelli ( Tre Cime), risali la galleria del Paterno e la sua ferrata fino alla cima; da li il sentiero delle forcelle ed arrivi al Rif. Pian di Cengia, dal Pian di cengia poi al Collerena. Torni poi indietro fino al Rif. Pian di Cengia perla stessa strada oppure per la strada sterrata sottostante. Dalla forcella poi attraversi il ghiaione del Paterno di traverso e risali al Rif. Locatelli. Con buon passo devi considerare un’intera giornata anche perchè il Locatelli è solo un punto intermedio; da li o ritorni al Rif. Auronzo ( 1 ora) o devi scendere fino a Moso ( almeno 1.5 ore)

      0
  8. lui è bravissimo, e su questo non si discute. Lo si vede nei tratti meno esposti, dove va che è un piacere. Detto questo è veramente fatto bene il montaggio (oltre che le riprese), è come ha detto qualcuno un po’ finto, ma il risultato è molto godibile, sia da chi in MTB ci va che da chi lo vede da perfetto profano.

    0
  9. Ciò che lascia un po’ di amaro in bocca è vedere la disponibilità di chi avrà dato i permessi per girare questo video su questi posti e contemporaneamente , vedere come ne vengono vietati a raffica ai normali biker anche negli stessi posti . ( ovviamente non mi riferisco alle sole ferrate )

    0
  10. Io quei sentieri/ferrate le ho percorse più volte a piedi, con passo lento e rispettoso per quei luoghi, che durante la Grande Guerra del 15-18 sono state teatro di sanguinosi conflitti con migliaia di morti.
    Questo filmato mi ha rattristato, scusatemi.

    0
  11. GERRY65

    Io quei sentieri/ferrate le ho percorse più volte a piedi, con passo lento e rispettoso per quei luoghi, che durante la Grande Guerra del 15-18 sono state teatro di sanguinosi conflitti con migliaia di morti.
    Questo filmato mi ha rattristato, scusatemi.

    Ho visto molta gente a piedi poco rispettosa di quei luoghi, pulllltroppo gli idioti sono "trasversali".
    Questo è un video professionale, gustiamocelo per quello che è senza volerci fare sempre dei poco utili moralismi…

    Tanto quelli in grado di "emulare" si contano sulle dita di una mano, non c'è pericolo…

    IMHO

    0
    1. La montagna dovrebbe insegnare il rispetto, qualche volta lo esige, ma purtroppo la sacralità non viene rispettata. Sulla bravura del tizio penso che nessuno abbia nulla da eccepire. Ma l’importante è stupire fregandosene di tutto.
      L’altro giorno sono stato fermato da un signore che ha contestato la mia presenza in un normalissimo sentiero alpino e questo Kilian passa indisturbato sui sentieri sacri alla patria ?

      0
  12. bepo7310

    La montagna dovrebbe insegnare il rispetto, qualche volta lo esige, ma purtroppo la sacralità non viene rispettata. Sulla bravura del tizio penso che nessuno abbia nulla da eccepire. Ma l'importante è stupire fregandosene di tutto.
    L'altro giorno sono stato fermato da un signore che ha contestato la mia presenza in un normalissimo sentiero alpino e questo Kilian passa indisturbato sui sentieri sacri alla patria ?

    ma cosa stai blaterando? Sentieri e ferrrate costruite per ammazzarsi amorevolmente 100 anni fa fra italiani e austriaci. I trisnonni che li hanno costruiti sarebbero stati più che felici se avessero saputo che almeno qualcuno ci sarebbe andato a scopo ricreativo e non per difendere la "sacra patria" in una guerra del cazzo che ha fatto fuori 30 milioni di persone.

    0
    1. Concordo pienamente con il senso di quanto scrivi, e non condivido del modalità di attuazione del rispetto della montagna proposte da bepo7310. Tuttavia, le prime 4 parole del tuo commento non sono certo espressione di buona educazione e di rispetto dell’interlocutore, ma piuttosto di arroganza. Un conto è esporre le proprie idee contrarie, un altro iniziare un discorso denigrando l'”avversario”.

      0
  13. Elandur

    Ma qualcuno riuscirebbe a ricostruire il percorso fatto? Perchè non mi dispiacerebbe farlo a piedi…

    Ti posso aiutare per i primi 3.40 minuti. Il primo pezzo è sul tratto tra forcella passaporto ( Monte Paterno) verso il rif. Locatelli, Poi un tratto che non ho ben individuato ma che sembrerebbe la Strada degli Alpini, ( se è quella lo hanno portato li con l'elicottero perchè è da tutt'altra parte) poi salta alla ferrata dal Rif Pian di Cengia al Collerena, poi al Sentiero delle Forcelle tra Paterno e Rif Pian di Cengia, il pezzo in discesa tra rocce ed erba non sono riuscito a riconoscerlo, poi il ghiaione del Paterno lato Moso con i laghi di Piano, poi ritorna alla ferrata dal Rif Pian di cengia al Collerena e poi cambia zona e passa alla Marmolada. L'intero filmato salta da un tratto all'altro. Per farlo a piedi parti dal Locatelli ( Tre Cime), risali la galleria del Paterno e la sua ferrata fino alla cima; da li il sentiero delle forcelle ed arrivi al Rif. Pian di Cengia, dal Pian di cengia poi al Collerena. Torni poi indietro fino al Rif. Pian di Cengia perla stessa strada oppure per la strada sterrata sottostante. Dalla forcella poi attraversi il ghiaione del Paterno di traverso e risali al Rif. Locatelli. Con buon passo devi considerare un'intera giornata anche perchè il Locatelli è solo un punto intermedio; da li o ritorni al Rif. Auronzo ( 1 ora) o devi scendere fino a Moso ( almeno 1.5 ore)

    0
  14. marco

    ma cosa stai blaterando? Sentieri e ferrrate costruite per ammazzarsi amorevolmente 100 anni fa fra italiani e austriaci. I trisnonni che li hanno costruiti sarebbero stati più che felici se avessero saputo che almeno qualcuno ci sarebbe andato a scopo ricreativo e non per difendere la "sacra patria" in una guerra del cazzo che ha fatto fuori 30 milioni di persone.

    Vangelo…

    0
  15. ANDREAMASE

    Ho visto molta gente a piedi poco rispettosa di quei luoghi, pulllltroppo gli idioti sono "trasversali".
    Questo è un video professionale, gustiamocelo per quello che è senza volerci fare sempre dei poco utili moralismi…

    Tanto quelli in grado di "emulare" si contano sulle dita di una mano, non c'è pericolo…

    IMHO

    d'accordo però cerchiamo di non esagerare dall'altra parte: far passare come gesto sportivo un qualcosa che solo sportivo non è: in fondo al video ho contato 19 sponsor

    0
  16. sten1959

    d'accordo però cerchiamo di non esagerare dall'altra parte: far passare come gesto sportivo un qualcosa che solo sportivo non è: in fondo al video ho contato 19 sponsor

    Perchè se fai sport con uno sponsor non è più sport? Non ho capito… :nunsacci:
    In EWS non fanno sport? O in qualunque altra competizione agonistica?

    0
  17. Video bellissimo ma tutto finto come la pubblicità del mulino bianco, 10 metri qui dieci li, visti da sopra e visti da sotto, certo montaggio, mezzi e ciclista notevoli. Veneto e Trentino potrebbero usarlo per la promozione turistica.

    0
  18. sten1959

    d'accordo però cerchiamo di non esagerare dall'altra parte: far passare come gesto sportivo un qualcosa che solo sportivo non è: in fondo al video ho contato 19 sponsor

    Questa mi mancava. Se ci sono di mezzo degli sponsor non è più sport?

    0
  19. muldox

    Questa mi mancava. Se ci sono di mezzo degli sponsor non è più sport?

    khalit

    Perchè se fai sport con uno sponsor non è più sport? Non ho capito… :nunsacci:
    In EWS non fanno sport? O in qualunque altra competizione agonistica?
    O la chiave è tutta nell'avverbio? E in quel caso quali sono le proporzioni?

    Ho scritto una cosa diversa: non santifichiamo le prestazioni sportive di questo biker visto che il video è stato fatto esclusivamente per motivi commerciali e non sportivi.
    Mille volte meglio i video di chiunque di noi, sicuramente meno entusiasmanti, che va in bike per passione e non solo per incassare i 1.000 o 10.000 euro a fine impresa.
    Se poi mi chiedete se è bravo il biker vi rispondo che Si è bravo

    0
  20. marte23

    Video bellissimo ma tutto finto come la pubblicità del mulino bianco, 10 metri qui dieci li, visti da sopra e visti da sotto, certo montaggio, mezzi e ciclista notevoli. Veneto e Trentino potrebbero usarlo per la promozione turistica.

    Non potrebbero farlo visto che la parte in AA è vietata alle mtb e i sentieri ripresi nell'area Veneta pure 😉

    0
  21. sten1959

    Ho scritto una cosa diversa: non santifichiamo le prestazioni sportive di questo biker visto che il video è stato fatto esclusivamente per motivi commerciali e non sportivi….

    Ma cosa significa? Allora non andrebbero "santificate" le prestazioni di nessun atleta professionista o comunque sponsorizzato?

    0
  22. Karlwendel

    Bha… sono spezzoni di vari sentieri ripetuti enne volte da angolazioni diverse e rimontati assieme: passo Sentinella, strada degli Alpini, pian di Cengia, Marmarole… bello, bravo lui, ma fondamenalmente finto.

    A che minuto hai riconosciuto Passo della Sentinella e Marmarole ?
    Io non sono riuscito a riconoscere quei due luoghi

    0
  23. muldox

    Ma cosa significa? Allora non andrebbero "santificate" le prestazioni di nessun atleta professionista o comunque sponsorizzato?

    No perchè esageri dall'altra parte ?
    Un conto è una gara o un conto è una prestazione ciclistica "importante" ( Roma/Pechino per scrivere una cosa a caso) dove ci sono dei costi e dove gli sponsor sono indispensabili.
    Ci sono altri video in rete dove l'amico del biker di turno lo filma mentre compie qualche impresa particolare ( comprese le salite in ferrata con bike al seguito e discesa ) ma fatti con un altro spirito rispetto a a questo.
    Questo è un filmato fine a se stesso e lavorato come uno spot pubblicitario.

    1+
  24. Ettepareva se @marco non metteva il voto negativo :yeah!::yeah!::yeah!:
    A te piacciono solo quelli che ti danno ragione vero ?
    Qualsiasi cazzata tu pubblichi vorresti che gridassimo tutti assieme alleluja è arrivato il Verbo dell'Unto dal Signore ? :)))::)))::)))::)))::)))::))):

    0
  25. sten1959

    Ettepareva se @marco non metteva il voto negativo :yeah!::yeah!::yeah!:
    A te piacciono solo quelli che ti danno ragione vero ?
    Qualsiasi cazzata tu pubblichi vorresti che gridassimo tutti assieme alleluja è arrivato il Verbo dell'Unto dal Signore ? :)))::)))::)))::)))::)))::))):

    A dir la verità mi diverto un mondo a dare i voti negativi ai tuoi commenti da vecchia cariatide inacidita perché, oltre che meritarteli, te la prendi ogni volta. :loll:

    0
  26. sten1959

    No perchè esageri dall'altra parte ?
    Un conto è una gara o un conto è una prestazione ciclistica "importante" ( Roma/Pechino per scrivere una cosa a caso) dove ci sono dei costi e dove gli sponsor sono indispensabili.
    Ci sono altri video in rete dove l'amico del biker di turno lo filma mentre compie qualche impresa particolare ( comprese le salite in ferrata con bike al seguito e discesa ) ma fatti con un altro spirito rispetto a a questo.
    Questo è un filmato fine a se stesso e lavorato come uno spot pubblicitario.

    E poi ci sono quelli che vivono di imprese come queste, che non significa che non abbiano il "sacro fuoco" per la mtb, magari molto più di te e me. Il mondo non è bianco e nero

    0
  27. sten1959

    …Un conto è una gara o un conto è una prestazione ciclistica "importante" ( Roma/Pechino per scrivere una cosa a caso) dove ci sono dei costi e dove gli sponsor sono indispensabili…

    E se magari questo vivesse di mtb? Gli sponsor non sarebbero altrettanto importanti? Ma ti rendi conto dell'assurdità di quel che vai dicendo?
    Se poi a te piacciono di più i filmati "amatoriali" è un altro conto, ma dire che questo non va "santificato" (?) perchè reo di avere degli sponsor mi pare un'assurdità.

    0
  28. marco

    A dir la verità mi diverto un mondo a dare i voti negativi ai tuoi commenti da vecchia cariatide inacidita perché, oltre che meritarteli, te la prendi ogni volta. :loll:

    Tranquillo Marco che fortunatamente ho altro nella vita che prendermela per un commento nel forum.
    Dovresti provarci anche tu ad avere qualcos'altro oltre che il forum: ti farebbe bene

    0
  29. muldox

    E se magari questo vivesse di mtb? Gli sponsor non sarebbero altrettanto importanti? Ma ti rendi conto dell'assurdità di quel che vai dicendo?
    Se poi a te piacciono di più i filmati "amatoriali" è un altro conto, ma dire che questo non va "santificato" (?) perchè reo di avere degli sponsor mi pare una follia.

    E a me sembra una follia indicarlo come il vero biker "puro e duro " che fa cose al di la di quello che faremo noi umani ed indicarlo come esempio.
    Spero che nel forum sia sempre permesso avere una propria opinione vero ?

    0
  30. sinceramente uno dei piu' bei video che ho visto, quest'uomo mischia vertriding e freride ed anche un po' di alpinismo con una classe unica, chapeau!
    soffro di vertigini e non ho il suo manico e quei luoghi mi sono preclusi ma è un piacere vederlo guidare cosi.

    0
  31. sten1959

    Tranquillo Marco che fortunatamente ho altro nella vita che prendermela per un commento nel forum.
    Dovresti provarci anche tu ad avere qualcos'altro oltre che il forum: ti farebbe bene

    Seguo il tuo consiglio e vado a rileggermi ‘lo scarpone’ con il plaid sulle ginocchia e una tisana al finocchio. Lì non ci sono super giovani intrepidi che spostano i sacri sassi patrii

    0
  32. marco

    Seguo il tuo consiglio e vado a rileggermi ‘lo scarpone’ con il plaid sulle ginocchia e una tisana al finocchio. Lì non ci sono super giovani intrepidi che spostano i sacri sassi patrii

    Ecco bravo… fai cosi….
    E quanto a prendere per il culo i "sacri sassi patrii" sei talmente uno

    0
  33. sten1959

    E a me sembra una follia indicarlo come il vero biker "puro e duro " che fa cose al di la di quello che faremo noi umani ed indicarlo come esempio.
    Spero che nel forum sia sempre permesso avere una propria opinione vero ?

    Forse è meglio che ti rileggi i tuoi interventi dall'nizio, e magari pure quelli degli altri.

    0
  34. sten1959

    Ecco bravo… fai cosi….
    E quanto a prendere per il culo i "sacri sassi patrii" sei talmente uno S che non meriti risposta.

    Si, rilassati però! Neanche D'Annunzio avrebbe scritto una cosa come: "sentieri sacri alla patria"…

    0
  35. GERRY65

    Io quei sentieri/ferrate le ho percorse più volte a piedi, con passo lento e rispettoso per quei luoghi, che durante la Grande Guerra del 15-18 sono state teatro di sanguinosi conflitti con migliaia di morti.
    Questo filmato mi ha rattristato, scusatemi.

    Tristezza perché uno va in bici? A me mette tristezza la guerra, non uno che fa sport in montagna.
    Tanto per dire quanto la guerra sia una cosa idiota:

    Oltre alle Tofane ed al Col di Lana, un altro importante teatro di guerra nelle Dolomiti fu il territorio delimitato dalle Tre Cime di Lavaredo ed il Monte Paterno (italiani), il Sasso di Sesto, la Torre di Toblin e i Monti di Rudo (austriaci). Tra le due linee si estendeva, quale terra di nessuno, il Pian di Rienza con le sorgenti dell'omonimo fiume e la Grava Longa, luogo di feroci combattimenti notturni. Il Comando Italiano di settore, preoccupato delle perdite dovute alle imboscate del nemico, decise tra giugno e luglio del 1915 di trovare la posizione migliore per piazzare un grande faro onde illuminare la zona più ampia del fronte austriaco. Il 29 giugno, a Cà San Marco, il Gen. Fabbri ebbe un incontro con alcuni ufficiali del Genio a cui sottopose il problema e che invitò a prendere contatto con il ten. medico Antonio Berti, esperto alpinista, nel settore delle Tre Cime. Due giorni dopo, individuata la posizione migliore nella terrazza sommitale della Cima Grande, mt. 2999, un giovane ufficiale della sezione fotoelettrica ed alcuni graduati degli Alpini salirono per rendersi conto delle difficoltà dell'impresa. Fu scelta la via normale di salita, per la parete sud. Il riflettore era del diametro di cm. 90, contenuto in una cassa di legno di cm. 150x150x120, la sola dinamo in ghisa pesava kg. 350. Per il sollevamento furono approntati argani, nei canaloni costruiti ponteggi con travi e tronchi di abete ancorati direttamente alla roccia. Le cenge si trasformarono in temporanei magazzini per tutto il materiale necessario, per tre settimane squadre miste di alpini e genieri si diedero il cambio nell'issare tutto sino in cima. Contemporaneamente, venne stesa una linea elettrica lunga quasi 500 metri dalla terrazza inferiore della Grande Lavaredo alla caverna per il riflettore,; inoltre il sistema approntato per il sollevamento permise di issare a due terzi della parete anche un cannone da montagna, con 300 colpi in dotazione. A fine luglio, sia il faro che il cannone furono in grado di "operare"; il loro contributo risultò decisivo per l'attacco che gli italiani sferrarono dal 14 al 17 agosto 1915 contro il centro dello schieramento austriaco per la conquista dei Piani di Rienza e la Torre di Toblin.

    0
    1. Guarda che la storia la so anch’io, mio bisnonno e mio nonno abitavano in un paesino del Comelico a pochi km dalla Strada degli Alpini.
      Certo ,la guerra mette tristezza ed è la cosa più odiosa che l’essere umano abbia inventato ma sinceramente non riesco a capire perché si debba andare in mtb lungo certi sentieri o peggio ancora lungo le ferrate. Sinceramente non lo definisco sportivo ma.….

      0
  36. ammappete che video!
    abituato ai vertrider tipo Pistrol&Co che scendono con fare lento, quasi “meditativo”, studiando il passaggio…
    questo corre come in DH!
    certo riprese e montaggio aiutano a dare il ritmo al video…
    non so, però… quasi che mi gusto di più le imprese dei primi…
    pur nell’impossibilità e nell’incapacità di imitarli, mi sembrano più “umani”..

    0
  37. kika

    …abituato ai vertrider tipo Pistrol&Co che scendono con fare lento, quasi "meditativo", studiando il passaggio…
    questo corre come in DH!…

    Al di là delle indiscusse capacità del rider, secondo me dipende dal fatto (sostanzialmente l'hai detto anche tu) che il montaggio è stato fatto cercando la massima dinamicità, non a fini "documentaristici".
    Voglio dire, mentre i primi nei loro video documentano la discesa abbastanza fedelmente, in questo caso si è fatto un collage di situazioni dinamiche filmate in posti diversi.

    0
  38. Spettacolo. Non capisco tutta questa tragicità di alcuni, cosa avrà mai fatto di male a quelle montagne/sentieri? Poi quelli che dicono che montato, spezzoni, bla, bla, bla. Siete fuori? Certi passaggi anche a piedi e imbragati vi fanno(mi fanno) sporcare le mutandine, figuriamoci in bici.Non roba per tutti sicuramente, anche con i permessi e tutto quanto.Quanti andrebbero/avrebbero le palle per farsi un giro?Questo video come moltri altri fanno solo bene, mostrano a tutti la belezza di quei posti, una delle meraviglie della natura piu un ragazzo in bici che male non fa, ne alla montagna, ne agli eroi della patria….. Meglio che girarci col fucile sicuramente.
    Bravo, molto bravo, video stupendo. :hail:

    0
  39. marte23

    E' meglio che lasci perdere la storia e parli di biciclette, queste battute rivelano superficialità e inadeguatezza per il ruolo che ricopri in questo sito.

    cambiamo titolo al post….

    biker reca offesa al sacro suolo patrio

    poi in aereo facciamo un incursione e lanciamo volantini di condanna su trento e trieste

    0
  40. marte23

    E' meglio che lasci perdere la storia e parli di biciclette, queste battute rivelano superficialità e inadeguatezza per il ruolo che ricopri in questo sito.

    :smile::smile::smile:
    Caspita meglio del previsto i commenti a questo video. E mancano ancora gli amanti dei patri sassi spostati dal blasfemo copertone e del trombone che vede pedoni precipitare nel vuoto spaventati dal non patrio rider

    khalit

    Capo delle Forze Armate?

    l.j.silver

    cambiamo titolo al post….

    biker reca offesa al sacro suolo patrio

    poi in aereo facciamo un incursione e lanciamo volantini di condanna su trento e trieste

    0
  41. ho fatto buona parte di questi sentieri a piedi e devo dire che vedendo il filmato mi è venuto un brivido..
    bellissime le riprese e complimenti per il “pelo” che io non ho… ma forse è meglio cosi

    0
  42. eh beh ma a 2.49 sposta un sasso. eh beh, ma siete pazzi a mettere questi video eh beh ma le ruote sono tonde. eh beh ma il casco non è il TLD integrale. eh beh ma la cornacchia, ora che fa?

    A parte il video, bellissimo, la musica, coinvolgente anche per il montaggio, oramai da vecchio e rotto mi vergogno di certi commenti fatti da altri essere umani.
    Le città italiane, sono state tutte o meno teatri di guerra eppure non è raro vedere spazzatura ovunque….qui non ci si scandalizza però. Potrei continuare, ma mi rivedo il video e me ne frego.

    0
  43. Io continuo a non capire perchè girare in bicicletta sarebbe una mancanza di rispetto verso i caduti ed i combattenti della Grande Guerra.

    Io in mtb ho girato allo Stelvio, in Val Venosta, praticamente su tutte le Dolomiti, sul Garda, ad Asiago, sul Grappa, sul Pasubio, e non comprendo chi o cosa avrei offeso. In quasi tutti i luoghi del video sono stato a piedi (sia per incapacità tecnica che per i divieti) e di nuovo non capisco perchè a piedi sarebbe rispettoso ed in bici no.

    Quando sono in montagna sono il primo a rivolgere un pensiero a quei nostri antenati che furono costretti ad affrontare un ambiente feroce prima ancora che qualsiasi evento bellico, che dovettero vivere, combattere e spesso morire in loghi così belli e che oggi noi possiamo goderci in pace. Non posso scordare la storia di una prozia di mia moglie, che nacque mentre il padre era al fronte e che su sua richiesta fu chiamata Presena e che suo padre non l'hai potuto conoscere perchè sul Presena non è più tornato.

    Ma proprio per questo rifiuto i nazionalismi, la retorica dei "sacri suoli", l'uso spregiudicato e strumentale delle sofferenze patite da questi nostri antenati.

    0
  44. Piccolo aneddoto su Kilian Bron per stemperare la tensione; Mega Alpe Huez del 2013, il giorno delle ricognizioni sono in cabinovia con lui, Thomas Lapeyrie (entrambi correvano per Sunn all’epoca) un altro biker loro amico ed una fotografa inglese (molto carina) che lavorava per la Suntour. Bron e Lapeyrie fanno i brillanti con la tipa e le chiedono:” Domani ci fotograferai perché siamo molto belli, vero?” e lei risponde “Non proprio, con il casco in testa siete tutti brutti uguali”.

    0
  45. muldox

    Al di là delle indiscusse capacità del rider, secondo me dipende dal fatto (sostanzialmente l'hai detto anche tu) che il montaggio è stato fatto cercando la massima dinamicità, non a fini "documentaristici".
    Voglio dire, mentre i primi nei loro video documentano la discesa abbastanza fedelmente, in questo caso si è fatto un collage di situazioni dinamiche filmate in posti diversi.

    ecco!
    volevo proprio dire questo!
    grazie!
    a volte il mio cervello si attorciglia un po' su se stesso[emoji21]

    Sent from my ALE-L21 using MTB-Forum mobile app

    0
  46. vitamin

    Piccolo aneddoto su Kilian Bron per stemperare la tensione; Mega Alpe Huez del 2013, il giorno delle ricognizioni sono in cabinovia con lui, Thomas Lapeyrie (entrambi correvano per Sunn all'epoca) un altro biker loro amico ed una fotografa inglese (molto carina) che lavorava per la Suntour. Bron e Lapeyrie fanno i brillanti con la tipa e le chiedono:" Domani ci fotograferai perché siamo molto belli, vero?" e lei risponde "Non proprio, con il casco in testa siete tutti brutti uguali".

    e quindi loro a raidare e tu con la fotografa???

    0
  47. Secondo me è un video spettacolare, prima di tutto per i panorami e le riprese aeree e poi perchè da proprio l’idea della simbiosi uomo-bici-ambiente: se non ci fosse il biker in quelle riprese, verrebbe da pensare: “cavolo che bello sarebbe fare in bici quei sentieri!” Poco importa se poi i tratti ciclabili sono solo pochi metri spezzettati…
    Cmq il top sarebbe stato con una E-bike! 😀

    0
  48. Comaz15

    Secondo me è un video spettacolare, prima di tutto per i panorami e le riprese aeree e poi perchè da proprio l'idea della simbiosi uomo-bici-ambiente: se non ci fosse il biker in quelle riprese, verrebbe da pensare: "cavolo che bello sarebbe fare in bici quei sentieri!" Poco importa se poi i tratti ciclabili sono solo pochi metri spezzettati…
    Cmq il top sarebbe stato con una E-bike! 😀

    è una battuta vero?
    dato che scende solamente a che servirebbe una ebike?;[emoji848]

    Inviato dal mio Nexus 5 utilizzando Tapatalk

    0
  49. l.j.silver

    è una battuta vero?
    dato che scende solamente a che servirebbe una ebike?;[emoji848]

    Inviato dal mio Nexus 5 utilizzando Tapatalk

    Si, scherzano sul fatto che con l'e-bike il flame sarebbe stato ancora più acceso 😉

    0
  50. Comaz15

    Secondo me è un video spettacolare, prima di tutto per i panorami e le riprese aeree e poi perchè da proprio l'idea della simbiosi uomo-bici-ambiente: se non ci fosse il biker in quelle riprese, verrebbe da pensare: "cavolo che bello sarebbe fare in bici quei sentieri!" Poco importa se poi i tratti ciclabili sono solo pochi metri spezzettati…
    Cmq il top sarebbe stato con una E-bike! 😀

    l.j.silver

    è una battuta vero?
    dato che scende solamente a che servirebbe una ebike?;[emoji848]

    Inviato dal mio Nexus 5 utilizzando Tapatalk

    khalit

    Si, scherzano sul fatto che con l'e-bike il flame sarebbe stato ancora più acceso 😉

    Tc70

    E infatti non si è acceso per niente…:mrgreen:

    Flame? Certo che si accende!!! Secondo voi, come ha fatto a salire fin lassù?
    Ve lo dico io, con…l'e-licottero[emoji23]

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    0
  51. A me sta bene tutto, il rischio lo corre lui e non fa male a nessuno, inoltre la parte scenografica è grandiosa. Però eviterei solamente le derapate sui sentieri, che è la prima cosa che viene insegnata nei corsi di MTB. Ovvero, detto in altre parole, non lasciare traccia del proprio passaggio.
    Il nose press non lascia traccia, mentre la derapata muove sassi, rovina la traccia, lascia un solco insomma. Evitiamolo tutti, è possibile farlo. dovrebbero essere questi grandi a dare il buon esempio,

    0
  52. Oltre limite!!! Capacità tecnica veramente esagerata. Per come è montato mi ricorda certe scene di mission impossible, sarebbe interessante vedere il dietro le quinte.
    In quanto alle imitazioni lo paragonerei alla Tesla sparata nello spazio, la vedi, dici “figoooo ” dopo di che scendi in garage tiri fuori la tua PUNTO TD euro 0 ( ma anche se hai una Tesla è uguale ) magari ti senti anche il pilota di un astronave ( perchè al polso hai un omega Moonwatch ) , cerchi su gmaps Baikonur ( costa meno di cape canaveral e ci arrivi in macchina ) e dopo pensi….. [email protected] STO A FARE?? Per chi non pensa … la strada per Baikonur è lunga speriamo abbia il tempo di ragionare sui limiti del suo turbodiesel.
    Scusate lo sclero.

    0
  53. Sul diseducativo bisogna riflettere molto. A me sembra molto più diseducativo vedere Brumotti sulle emittenti a diffusione nazionale fare surplace sui cornicioni dei palazzi.
    Mi viene poi in mente l'analogia con Manolo, quando si arrampicava senza corda di sicurezza in posti impensabili.
    Sono dei professionisti che vendono le loro competenze: in questo caso abilità e un pizzico di follia.
    Dato che il video ha un target ben preciso di pubblico, spero che gli spettatori saranno in grado di soppesare il rapposrto rischio/benefici che comporterebbe l'emulazione. Io non mi sognerei mai di farlo, perchè so bene di non avere le capacità tecniche per farlo in (relativa) sicurezza.
    Nel frattempo mi godo lo spettacolo di un video professionale realizzato ad opera d'arte!

    0
  54. abarbi

    Sul diseducativo bisogna riflettere molto. A me sembra molto più diseducativo vedere Brumotti sulle emittenti a diffusione nazionale fare surplace sui cornicioni dei palazzi.

    o quando voleva portarsi la biciclettina sulla cima del monte Everst per farsi sopra qualche zompetto…..

    0
  55. Semplicemente spettacolare, video meraviglioso, luoghi fantastici.
    In montagna ci vado molto, soprattutto a piedi, e non credo che la si “offenda” andandoci su due ruote invece che su due suole.

    0
  56. Al di la di tutto,il video è decisamente bello e girato bene,il rider è sicuramente bravo…poi alla fine,bisogna vedere,se i comuni mortali (se pur bravi) che volessero provare a farlo in bici,possono…divieti,permessi,sponsor,agganci giusti,non sempre sono alla portata di tutti e sarebbe da tenerne conto anche in caso di incidente,con le relative conseguenze…

    0
  57. Tc70

    Non necessariamente…ci si può benissimo fratturare in ogni dove,aver bisogno di soccorsi,magari l'elisoccorso e tutti i relativi costi annessi…;-)

    hai ragione da vendere, in effetti meglio guardarsi netflix che la mtb è per sua natura pericoloss

    Inviato dal mio Nexus 5 utilizzando Tapatalk

    0