18/07/2014
Whatsapp
18/07/2014

La scorsa settimana abbiamo trascorso qualche giorno nella California settentrionale per visitare alcune aziende del posto. La prima che vi presentiamo è Ibis, basata a Santa Cruz. Il marchio fu fondato originalmente da Scot Nicols, nel suo garage di Mendocino (CA), nel 1981. Anche se in tutti questi anni Ibis ha costruito telai in titanio, acciaio e alluminio, ora produce esclusivamente usando il carbonio. Eccovi le foto del loro quartiere generale.

_DSC1791
Per chi non lavora da Ibis, il loro motto è “Pedala di più e lavora di meno”. Per i loro lavoratori, invece, è “Pedala di meno e lavora di più”. È una battuta che però ha del vero, dato che quasi tutti quelli che ci lavorano sono dei fanatici della bici.

_DSC1794

Qui Ibis testa ogni telaio.

_DSC1818

_DSC1817

Quello che tiene insieme il telaio.

_DSC1811

_DSC1812

_DSC1815

Carri posteriori pronti per essere assemblati.

_DSC1824

Eccentrici del DW-Link.

_DSC1825

Eccentrici montati.

_DSC1827

Pezzi delle Ripley.

_DSC1822

Design macabro, magari prossimamente su una Ibis?

_DSC1810

Ibis ha un sacco di bici interessanti in una specie di museo che sta per essere ultimato.

_DSC1809

Addentrandoci nel museo, vediamo un vecchio divano con su un telaio originale Mojo comodamente adagiato.

_DSC1807

La Szazbo è stata prodotta a metà degli anni 90, e aveva la sospensione chiamata Sweet Spot (TM) progettata da John Castellano, con ben 127 mm di escursione.

_DSC1805

Alla fine degli anni 90 Ibis produsse un’edizione limitata di single speed in acciaio, una per ogni lettera dell’alfabeto. I clienti potevano scegliere un nome da mettere sul tubo orizzontale. Questa è quella di Scot Nicols, chiamata Heywood.

_DSC1804

La Silk Ti era una softtail senza snodi, costruita intorno al 2000, con 4.4 cm di escursione.

_DSC1803

La Tranny di Anne-Caro Chausson con verniciatura custom e gli anelli olimpici. La francese vinse la medaglia d’oro in BMX alle olimpiadi di Pechino.

_DSC1802

Alibi hardtail. Una delle poche bici in alluminio di Ibis.

_DSC1800

Il trial aveva un grande seguito negli anni 80 e Ibis ha costruito tante bici per questa specialità. Questa Trials Comp ha un bash guard in magnesio e ruote da 24″/20″.

_DSC1797

_DSC1796

_DSC1799

_DSC1798

Il Mule era la prova del concetto dei doppi eccentrici che sarebbero poi stati usati sulla Ripley. Questo è uno dei primi prototipi.

_DSC1795

Ibis si era concentrata molto sulla costruzione dei telai in titanio durante gli anni 90.

_DSC1819

Una visione d’insieme: un sacco di cartoni pieni di bici pronte ad essere spedite in tutto il mondo.

Sito: www.ibiscycles.com

Traduzione di Marco Toniolo.