Brakeace, il powermeter che analizza la frenata

Brakeace, il powermeter che analizza la frenata

Marco Toniolo, 02/07/2020

Nato come uno studio universitario, Brakeace è un powermeter pensato per analizzare la frenata ed indicare al rider dove può migliorare su un dato sentiero. Grazie infatti ad un software dedicato, è possibile vedere dove, come e quanto si è frenato.

Brakeace è un adattatore alla pinza freno, a cui va abbinato il software per l’analisi. È pensato sia per il pro che vuole migliorare il suo tempo in una discesa, sia per il coach che spiega come frenare durante un corso di guida.

Jeff Lenowski ne parla in uno dei suoi video:

YouTube video

 

Cosa ne pensate?

Maggiori info qui.

 

Commenti

  1. Colny:

    In discesa quante volte ti capita di dover leggere il fondo perché è cambiato qualcosa tra una discesa e l’altra? Il masso spostato? Un canale che si è creato? La lista e’ abbastanza lunga. E non sei un pro. E parlo della stessa giornata, uni competizione da un anno all’altro nemmeno la considero. Questa roba fa si che il dato diventa difficilmente ripetibile a meno che non giri su un biliardo. Nel cross le telemetrie di questo tipo non hanno mai sfondato discorso diverso su velocità in pista dove hai sempre dei riferimenti fissi anche negli anni. Esempio cordoli e cartelli di staccata. L’unica cosa che può variare e’ il grip della pista/copertura ma con tutta l’enorme sensoristica impiegata il dato rientra nei parametri di calcolo.
    Per vedere dovre freni basta un semplice accelerometro e un gps, ci sono Strumenti di questo tipo già in vendita da anni disegnano il percorso e evidenziano le forze g lungo esso. (tecnologia tra l’altro abbastanza affidabile e in uso su competizioni motoristiche minori). Attenzione a non far confusione con le telemetrie delle sospensioni.
    Io mi sono già ampiamente tirato fuori dalla casistica di quelli a cui potrebbe servire

    L'utilità la vedo in maniera diversa, probabilmente simile a quella che come dici è ottenibile tramite accelerometro e gps, cioè capire se ci sono punti dove ci sono frenate -magari anche lievi- non necessarie o frenate lunghe che potrebbero essere gestite diversamente. Ri-ripeto, si tratta di strumenti utili a livelli dove variare anche di poco la frenata può far guadagnare decimi importanti nell'ottica di una gara. Sono d'accordo quando dici che è inutile per fare paragoni fra un anno ed un altro.
  2. frenk:

    In linea di massima sono d'accordo con te, nel senso che la maggior parte degli amatori nemmeno ha la consapevolezza di quando, quanto e come usarli i freni, e non sarà uno strumento digitale a dirglielo se prima non passano da un buon insegnante.

    Quello che però trovo buffo nel come molti utenti giudichino alcune novità come superflue per gli amatori ed eventualmente utili per i pro, allo stesso modo di come si criticano i prezzi e le continue novità, è che spesso ci si scorda che siamo tutti in sella a MTB super professionali, con componentistica super professionale che utilizzano i pro nelle competizioni e che la maggior parte dei biker usa per la scampagnata nei boschi tra amici... quindi dal punto di vista delle aziende, se l'amatore medio che potrebbe fare le stesse cose e divertirsi ugualmente con bici entry level non ritiene totalmente superflua una Megatower (un esempio come tanti) con sospensioni, ruote, freni e trasmissione top di gamma, gomme in mescola ultragripposa, inserti, accessori e modifiche varie... allora non dovrebbe ritenere superfluo niente altro e quindi ogni cosa prodotta per i pro viene automaticamente estesa a tutto il mercato consumer. Questo, nella MTB, succede più che in qualsiasi altro sport o settore.


    @Pietro.68 ho preso spunto dal tuo commento ma non è una risposta rivolta a te quanto una considerazione generale
    Infatti non sono entrato nel merito del costo. Come dici tu spendiamo più che per comprare un'auto e portiamo a casa una bici...
    Discuto l'effettiva utilità al di fuori delle competizioni perché la "telemetria" di frenata, come hai giustamente detto tu interpretando correttamente il mio pensiero, non può essere usata a scopo "didattico" dal rider della domenica.
  3. Il_Tasso:

    È un dato di fatto che gran parte degli amatori freni male.
    Trovo pertanto interessante un sistema che, almeno sulla carta, aiuta a migliorare questo aspetto della guida.
    Non lo comprerei, ma se un negozio lo noleggiasse, lo proverei volentieri.
    non credo che insegni a frenare quel cosino