Canyon Strive: nuovi allestimenti replica del team Factory Racing

60
YouTube video

 

[Comunicato stampa]  –  Eccezionale scalatrice, arma totale per la discesa: la Strive, grazie all’innovativo Shapeshifter, è due bici in una. La terza generazione è stata lanciata nel 2019 assieme ad un sistema Shapeshifter completamente ridisegnato ed incarna l’evoluzione della bici da gara per l’enduro. Per il 2020, la vittoriosa piattaforma alza nuovamente l’asticella delle performance con i due nuovi modelli CFR.



.

CFR è l’acronimo di Canyon Factory Racing – e le bici che portano questa sigla sono esplicitamente progettate per vincere sui più duri campi di gara dell’Enduro World Series. I campioni Dimitri Tordo e Ines Thoma esigono il massimo dai loro mezzi e le nuove Strive CFR 9.0 e Strive CFR 9.0 Ltd garantiscono loro le migliori prestazioni.

Dagli ingegneri di Canyon arrivano importanti novità, disponibili grazie allo sviluppo maturato sui campi di gara. Grazie ad una rivoluzionaria tecnica di posizionamento delle fibre di carbonio, il peso dei telai CFR è stato ridotto di 300 grammi – portando il peso totale della bici a soli 13.3 kg, inoltre la versione più leggera della gamma, la Strive CFR 9.0 (taglia M) è equipaggiata con i nuovi ammortizzatori FOX Factory 170/150 mm, cambio e freni Shimano XTR, ruote DT Swiss EXC in carbonio. L’accoppiata di telaio CFR e i migliori componenti sul mercato rendono la Strive una delle più leggere Enduro Race in circolazione.

Al suo fianco una versione esclusiva: la Strive CFR 9.0 Ltd., dotata delle migliori sospensioni della gamma RockShox, gruppo SRAM XX1 Eagle AXS, reggisella Reverb AXS, freni SRAM Code RSC e ruote ZIPP 3Zero Moto con il sistema di monitoraggio pressioni TyreWiz di serie.

La Strive è costruita attorno al sistema Shapeshifter, capace di trasformare la geometria e le caratteristiche della bici in un click. Con un semplice attuatore al manubrio, la cartuccia a gas Shapeshifter è in grado di passare dalla modalità salita a quella discesa, modificando di 4 mm l’altezza del movimento centrale e riducendo sia l’angolo piantone che quello di sterzo di ben 1.5° – un vantaggio incredibile quando si affrontano discese veloci con pendenze elevate. Al contrario, appena inizia la salita, il sistema ottimizza l’efficienza della sospensione in pedalata e riduce il travel posteriore a 135mm.

Le nuove Strive CFR 9.0 e Strive CFR 9.0 Ltd. sono direttamente disponibili da martedì 4 febbraio su canyon.com, rispettivamente a €5.999 e €9.000. Le informazioni complete sulla tecnologia brevettata Shapeshifter sono disponibili qui.

Canyon

Commenti

  1. fafnir:

    Oltre a restare pesante, per farla leggera la devono tagliare col flessibile, altro che limare i 300 g.
    oltre ai gusti estetici, che io trovo bellissima rispetto a certi telai obbrobriosi tutti stondati o con tubi orizzontali piegati, provala prima di definirla una bici pesante, potrebbe stupirti ;-)
    Anche tu sei un motociclista da pista vedo, e come in quel campo, non sempre i dati su carta, rispecchiano poi la sensazione di guida!
  2. fafnir:

    Dove li hai letti 13? Con la top e pedali sei praticamente a 15 kg e nemmeno con ammortizzatore a molla
    quella che monta fox kashima taglia M è data a 13.3

    comunque vabe sarò di parte ma la linea a me piace.
    e quella da 5999 € a mio parere è una bomba.. unico neo mi aspettavo un pò più di fantasia con i colori.. e non capisco come mai la versione nera ha la scritta canyon in basso in piccolo che manco si vede. tra l'altro solo nella versione con kashima.
    a parità di versione comunque per questa i prezzi sono scesi di un pò perchè l'anno scorso la versione con fox kashima e cerchi in carbonio veniva oltre le 6000.. tra l'altro sarei curioso di provare shimano xtr 12v e anche freni xtr
  3. Certo che siete proprio poveri, invece di parlare di bici ci sono solo discorsi sul prezzo. Ci sono versioni più economiche, se si vuole il top di gamma si sa che i prezzi, gonfiati o no, sono quelli. Inoltre non sono tarati di certo per le paghe medie degli italiani.
Storia precedente

Sui sentieri del luganese in pieno inverno

Storia successiva

[Video] Chris Akrigg firma con GT

Gli ultimi articoli in News