Canyon Strive: nuovi colori e allestimenti per il 2021

61

[Comunicato stampa]  La macchina da enduro di Canyon, la Strive, ha ricevuto molto più di una semplice mano di vernice per il 2021. Progettata con un telaio in carbonio robusto e collaudato nelle competizioni, è pensata per essere veloce, ovunque. Da rock gardens ad alta velocità, passando attraverso corners a bassa velocità e a traverse succhia-energie: le uscite in enduro richiedono versatilità sia da parte del rider che della bici. Il 2020 è stato un anno imprevedibile sotto molti punti di vista, con Jack Moir che si è unito al nostro Canyon CLLCTV Enduro Team, la Strive, invece, è rimasta una delle bici da enduro più veloci del pianeta.

L’innovativa tecnologia Shapeshifter mantiene la Strive al passo con le competizioni nel 2021. Prodotto in stretta collaborazione con i nostri partner di Fox Suspension, lo Shapeshifter offre una regolazione “al volo” sia della geometria che delle sospensioni posteriori. Con un semplice tocco al manettino al manubrio è possibile passare dalla modalità “discesa” (distende la geometria, abbassando il movimento centrale, per consentire una guida efficace e precisa in curva e nelle sezioni più impegnative) alla modalità “salita” (chiude gli angoli per una maggiore efficienza nella pedalata, e indurisce la sospensione per facilitare le risalite).

Tutti i modelli della gamma ora sono dotati di forcella da 170 mm, riservata in precedenza solo ai modelli CFR. Ciò aumenta l’estremità anteriore e apre l’angolo di tubo sterzo per discese più tecniche e ripide. Novità per il 2021 è il passaggio agli ammortizzatori GRIP2 sulla forcella Fox equipaggiata per i modelli CF 8 e CFR, consentendo ancora più trazione.

La versatilità è stata potenziata anche in altri ambiti. Il CF 9 e il CFR sono ora dotati rispettivamente di ruote gravity in carbonio EXC 1501 ed EXC 1200 di DT Swiss. Queste bici vedono anche l’adozione dei reggisella V2 di OneUp mentre nel restro della gamma Strive, si utilizzano diversi modelli di reggisella, a seconda delle dimensioni.

La Strive scorre ancora sugli pneumatici Maxxis, solo che d’ora in avanti lo pneumatico posteriore Minion DHR II è caratterizzato da un involucro EXO+ ancora più resistente, mentre uno dei re delle prestazioni a tutto tondo, l’Assegai di Maxxis, è stato adottato per lo pneumatico anteriore.

Infine, ci sono i colori. L’X-ray green non è più riservato solo ad atleti del calibro di Tahnee e Kaos Seagrave e si presenta come opzione sui modelli CF 7 e CF 8, mentre il CFR vede il passaggio alla colorazione nero/bianco super nitida.

La gamma Strive è composta da 4 modelli, a partire da €2.999 per il CF 7, con una configurazione ready to race e lo stesso telaio full carbon delle altre bici in gamma. Il modello CFR di fascia alta a €5.999 è qualcosa di speciale.

Un layup del telaio su misura e un mix di materiali ultra-premiuim consentono un risparmio di 300 g rispetto al precedente Strive CF e l’allestimento si completa con componenti top: sospensioni Fox Factory, ruote in carbonio DT Swiss e gruppo XTR, per una bici enduro da sogno.

Tutti e 4 i modelli saranno disponibili dal 17 dicembre su canyon.com

 

Commenti

  1. utentenonregistrato:

    Di fatto è come se abbiano lasciato un buco nella loro gamma di bici (solo in parte colmato dalla spectral 27.5).
    Se ora vuoi una AM devi prendere la Strive
    Va beh ragazzi, stiamo un pò esagerando, dire che la Strive va messa in categoria AM...ripeto che non avere l'angolo di 60 gradi, non vuol dire che puoi solo andarci sugli sterratoni, è semplicemente una bici con geometrie diverse
  2. utentenonregistrato:

    Non intendevo questo, intendevo dire che se ad oggi volessi acquistare una bici canyon più votata all' AM (quindi per un uso a 360 gradi) è forse più indicata la strive che la nuova spectral. Parlo a livello di geo etc...
    Prima avevamo NEURO-> SPECTRAL -> STRIVE, ora come ora è come se la nel mezzo non esistesse più nulla.
    Si si capisco il discorso, ma è l'insieme del tutto, sicuramente sono tutte e due bici da discesa pura, ma non fermiamoci ad un angolo per dire "è più enduro dell'altra"...
Storia precedente

Enduro World Series 2021: 3 tappe in Italia

Storia successiva

Quanto è importante il peso di una bici?

Gli ultimi articoli in News