[Dream Bike] Scott Ransom Mullet da 12.7kg

58

Mentre nel resto dell’emisfero settentrionale le bici cominciano a trascorrere sempre più tempo in garage, in California l’inverno è la stagione più interessante per girare, costruire sentieri e stare fuori, perché il clima non è più così secco come d’estate (avrete sentito dei devastanti incendi che abbiamo avuto) e i trail hanno più grip, smettendo di essere duri come il marmo grazie all’umidità della stagione.

Ho contattato diverse aziende per montare una bici da sogno, e vi sono riuscito con una Scott Ransom mullet (29″ davanti e 27.5″ dietro) in taglia M che ha fermato l’ago della bilancia sui 12.7 kg!

Originalmente la Ransom ha 170/170mm di escursione, ma su questa la forcella è una 160mm per venire incontro al cambio di geometria dato dalla ruota da 27.5″. In questo modo l’angolo sterzo è più aperto di soli 0.5°.

Il tubo orizzontale bianco e il resto del telaio nero con i puntini, bianchi anche loro, è molto bello da vedere, ancor più dal vivo.

Su una bici da sogno l’unica trasmissione che mi immaginavo era una SRAM Eagle AXS wireless. Guardate che spettacolo il colore della catena! Nascosto alla vista c’è un movimento centrale Kogel con cuscinetti in ceramica sigillati per resistere agli strapazzi di fango e acqua.

Ruote Crank Brothers Synthesis con mozzi Industry Nine Hydra, gomma Schwalbe Nobby Nic Addix soft. Il cerchio di CB è specifico per il posteriore.

Se poi volete entrare nel dettaglio delle ruote, leggete il nostro test.

Yoshimura è un’azienda che fa marmitte per le moto, ma ultimamente è entrata nel settore ciclo con dei pedali flat fatti in California. Ci hanno mandato un paio dei loro Chilao.

Un cockpit con solo un cavo e due tubi freno. Volevo qualcosa di semplice, e l’ho ottenuto. La forcella è una Fox 36 con offset corto, senza il lock out e il controllo a manubrio, ma con la cartuccia GRIP2.

Il manubrio Syncros Hixon IC SL pesa solo 260 grammi ed è integrato con l’attacco, che sarebbe poi lungo 50mm.

Ho avuto la fortuna di ricevere da TRP i freni serie limitata TRP DH-R EVO Gold. Non vedo l’ora di metterli alla prova.

La pinza dei TRP DH-R EVO. Il colore era destinato alle bici per i campionati del mondo di DH.

Non ho bisogno del lockout da manubrio per i sentieri di casa, così ho cambiato l’ammortizzatore Nude TR EVOL TwinLoc con un DPX2.

Altri piccoli ma importanti dettagli sono il portaborraccia Syncros con porta attrezzi e bomboletta CO2, la sella SDG Oso Radar montata sul reggisella telescopico Highline 7, una Schwalbe Magic Mary all’anteriore e le manopole Sensus Lite.

Grazie a tutte le aziende che mi hanno dato una mano!

 

Commenti

  1. shrubber83:

    l'unica è che abbia delle gomme Schwalbe Snakeskin... se no per me è impossibile questo peso, a meno di un telaio da 2kg che credo impossibile...

    la Tuned AXS pesa 13,7 senza pedali e credo che le ruote pesino pure meno. Per il resto non vedo differenze sostanziali in termini di peso... mettiamo 80gr di twinlock? tanto li recuperi con il DPX2

    e in più monta una Assegai EXO+ davanti e una più robusta Dissector DD dietro.. cmq più leggere delle schwalbe super trail

    ah... ci sono 200gr di Fox 38 vs 36...

    ripeto... a me questi 12,7kg con i pedali non mi tornano
    Non mi soffermo sul peso perché neanche se la bici fosse appesa alla bilancia si può essere certi del peso. La cosa seria è smontare ogni singolo componente e ogni singola vite e mettere la pesata.
    Tutti che dicono senza pedali, ma la bici per muoversi ne ha leggermente bisogno. :-):-):-)
  2. Nekro:

    io ho venduto la full per evitarmi il problema :-P:

    l'ammo che montavo aveva 3 stati e devo dire che li modificavo in base alla salita/discesa, ma sono assolutamente pippe mie^^'
    Eh per evitare il problema della revisione forcella monta la rigida...
    Il senso è che la bici si pedala anche ad ammo aperto in discesa ad es. in un rilancio o a fine trail, quindi non blocchi alla minima variazione di pendenza. Delle tre posizioni quella intermedia io non la uso quasi mai
  3. superskinny:

    No non ho Scott
    Ok, con il twinloc puoi cambiare l'escursione di ammo e forcella contemporaneamente in corsa, i percorsi non sono solo salita e poi solo discesa, rilanci, piccoli strappi, zone flow dove non hai bisogno di tutta l'escursione etc etc, ti posso assicurare che se lo hai e ti abitui ad usarlo, lo usi spesso e volentieri e fai fatica a farne a meno.
    Poi ovvio può anche non piacere...
Storia precedente

JeansTrack: il denim come abbigliamento tecnico

Storia successiva

Urge presenta il nuovo casco AllTrail

Gli ultimi articoli in Bike Checks