MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | Effetto Mariposa trasloca in Svizzera

Effetto Mariposa trasloca in Svizzera

Effetto Mariposa trasloca in Svizzera

04/09/2014
Whatsapp
04/09/2014

Nuova impostazione distributiva sul mercato italiano per i prodotti Effetto Mariposa

LogoEM2k14

[Comunicato stampa] Comunichiamo che l’attività di “Effetto Mariposa di De Gioannini Alberto”, ditta individuale creata nel 2007, si è conclusa il 31 luglio scorso.

La distribuzione in Italia dei prodotti a marchio Effetto Mariposa (realizzati con l’usuale cura ed esclusivamente in Italia) per la “Effetto Mariposa Sagl”, con sede a Lugano – Svizzera, viene affidata in esclusiva rispettivamente per le regioni del Nord-Centro alla struttura “Cravero Paolo e C. s.n.c.” e per il Sud alla storica ed apprezzata collaboratrice “Cicli Fina s.r.l.”.

Qui di seguito le informazioni di contatto per entrambi i distributori:

Cravero Paolo e C. s.n.c.
Via G. Piumati, 74
12042 Bra (CN)
Tel. 0172 413133
[email protected]

 

Cicli Fina s.r.l.
Via Piersanti Mattarella, 2
93010 Serradifalco (CL)
Tel. 0934 932422
[email protected]

“Effetto Mariposa Sagl” è pienamente operativa e per coloro che avessero la necessità di contattarci telefonicamente dall’Italia, informiamo che è stato mantenuto anche il numero geografico italiano: 0172 1795149.

Effetto Mariposa Sagl
Via alla Stampa 5a
CH-6965 Lugano – Cadro
Svizzera

Tel. (CH)+41(0)912102109
Fax (CH)+41(0)912102119

[email protected]

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
wilduca
wilduca

un altra ditta che se ne va….

compudario
compudario

Avete fatto benissimo ad andare in Svizzera

Lo farei al volo anch’io se me lo chiedessero

miki99
miki99

Io utilizzavo caffelatex perché il prodotto era (del tutto) Italiano (tasse incluse)…

Quando finirà la bottiglia prevarrà il mercato, e non so se Caffelatex ha le carte per vincere l’appalto…

Sig Mattarella, il mercato è crudeli, sa?

miki99
miki99

crudele

Bald
Bald

Ottima scelta! Bravi!

ecox
ecox

Altra impresa che se ne va attratta dalle proposte indecenti svizzere e dall’incompetenza politica culturale del nostro paese.

Dario 76
Dario 76

E’ fastidioso pagare le tasse vero??? ……beati voi!

erdi43100
erdi43100

Scusa l’OT ma posso dirti, da ex cittadino italiano, e ora cittadino svizzero che in Svizzera non è che non si pagano le tasse, ma, sinceramente, si pagano in maniera MOLTO diversa, con aliquote diverse e forse è per questo che le aziende traslocano, mi dispiace tantissimo poiché il made in italy è apprezzatissimo anche qui, ma non possiamo lamentarci che costa molto la roba se quelle povere aziende devono almeno andare in pareggio con costi di produzione, pagati stipendi e pure le tasse… se non sai la condizione svizzera porse è meglio non mettere commenti inutili e fuori luogo….
FINE OT

Sapete dirmi se ha solo sede a Lugano o esiste anche un rivenditore qui a Lugano diretto???

Grazie
Andrea

Dario 76
Dario 76

Il mio non voleva essere un commento Italia vs Svizzera, ovviamente le tasse si pagano anche in Svizzera ma con un ritorno di servizi molto migliore del nostro. Però se le aziende traslocano quasi tutte in Svizzera, Inghilterra etc etc un motivo ci sarà…
Non sono un economista ma solo un consumatore e non sto facendo una colpa a Effetto Mariposa, infatti ho concluso con “beati voi!”. Se c’è un colpevole per tutti questi “traslochi” forse è proprio l’Italia.

anacron
anacron

@Sauros123 peccato che questi trasferimenti hanno come scopo solo l’aumento dei profitti ergo non sono mai vantaggiosi per il consumatore. L’Italia, le tasse, la giustizia, il malgoverno sono solo scuse (per certi versi valide ma non sempre). Statisticamente i prezzi dei prodotti non calano anzi di solito aumentano e a volte anche la qualità diminuisce. Vedi “Effetto Cina”

Mauro Franzi
Mauro Franzi

@Sauros123 Non sapevo che in Svizzera non si pagassero le tasse. Ma non si pagano perchè così prevede la legge o perchè il livello di evasione fiscale è superiore a quello italiano?

anacron
anacron

Va bene che questo paese è diventato quello che è ma andarsene per pagare meno tasse ed usufruire di agevolazioni varie è una cosa che, come consumatore, mi infastidisce. Perché non mi avvantaggia: nonostante i risparmi causati da queste operazioni il prezzo dei prodotti aumenta sempre e in maniera sproporzionata; inoltre noi consumatori italiani, ogni volta che perdiamo un azienda perdiamo risorse che non potranno essere facilmente recuperate e questo alla lunga ci renderà tutti più poveri. So che è impossibile ma bisognerebbe in qualche modo pareggiare il conto. Alcuni prodotti 3M sono simili se non migliori a quelli della Mariposa e visto che gli americani manterrano attivi i loro stabilimenti in italia (centinaia di lavoratori a libro paga tutti sotto un unica ragione sociale, La 3M Italia) penso che mi rivolgerò a loro.

demach
demach

Fatto bene!!

anacron
anacron

Aggiungo che andarsene non sempre fa bene. Marchionne è andato a produrre la 500L in Serbia perché il governo gli aveva promesso un finanziamento per lo stabilimento ma ancora non gli è stato dato. Sempre lì, lo scorso anno ci sono sati forti tensioni con le maestranze con conseguenti ritardi e danni alla produzione. Infine il modello 500L, che aveva suscitato molte aspettative e richieste in USA e Canada, prorio in quei paesi sta causando un forte calo di immagine per via della bassa qualità costruttiva

http://www.usatoday.com/story/money/cars/2014/07/31/fiat-air-bags-500l/13396571/
http://www.autoblog.com/2014/07/30/fiat-recalls-nearly-30k-fiat-500l/

Mario.lop
Mario.lop

E bè sicuramente EM é andato in Svizzera per nascondere i milioni di euro fatti con i loro prodotti!
Ma non avete ancora capito che le aziende italiane stentano a sopravvivere, non a guadagnare!?
Giusto per dare un idea a chi non sa cosa costa tenere aperta la baracca in Italia: un azienda crucca, per avere la sua società srl in Italia composta da una persona che lavora a casa, tra tasse, commercialista e balle verie, costa 80’000€/anno, solo per avere il nome italiano e fatturare in Italia!Il risultato? Si chiude la “cruccoland Italia” e si fattura da “cruccoland GmBH”. Giusto per fare un esempio a chi si appella ai principi morali.

Marco Toniolo
Marco Toniolo
mountaindoctor
mountaindoctor

Stavo per postarla. E dire che questa classifica è stata pubblicata sul Sole qualche giorno fa (in italiano…)

anacron
anacron

@Comaz15

Eh si, adesso facciamo passare pure il messaggio che chi ha un azienda lo fa per pura e semplice passione.

So benissimo quale è la situazione in Italia ma cosa facciamo? Tutti gli imprenditori all’estero, niente più lavoro da noi, però dobbiamo continuare a comprare i loro prodotti altrimenti che li abbiamo fatti andare via a fare questi poveri imprenditori. Allora ti chiedo perché mai dovremmo farlo?

Ma ci hai pensato che se continuiamo di questo passo presto qui gireranno così pochi soldi che anche i medici saranno costretti ad emigrare.

80000 euro annui…costi base Mm…, stiamo parlando di un azienda grossa vero perché io come lib. pro per pagare quella cifra devo fatturare 140/150.000 anno. E non mi lamenterei, come lib. professionista OVVIAMENTE (perché fra nero e IVA trannetuta avrei un volume di affari di circa il doppio)

raven
raven

idee un po’ confuse…

Bald
Bald

poche ed estremamente confuse…

anacron
anacron

quando è detto da chi sta per fare la stessa cosa di EM suona come un complimento

anacron
anacron

@Raven. Visto che ho le ide confuse spiegamelo tu. Visto che sei così intelligente da credere che “in Italia un azienda (leggi bene) composta da una persona che lavora a casa, tra tasse, commercialista e balle varie, ha un costo base di 80000 euro a prescindere dal volume d’affari”.

85549
85549

Sicuro che il ticino sta reclutando aziende italiane, ma c e sempre il rovescio della medaglia. Al momento a guadagnarci sono slo ed esclusivamente i padroni di queste aziende. Tante sono già moribonde in Italia e vengono qui x agonizzare altri 2/3 anni e… Fallire… Se i governatori ticinesi pensano di farla agli imprenditori italiani……..

Dario 76
Dario 76

Ok… per non finire sempre sulla politica e sul fiscale, prendo atto che EM si è trasferita a Lugano per la pizza e per il mare. Beati loro!

iaio
iaio

Le aziende italiane che funzionano esistono, e sono anche tante. A queste aziende va dato atto di produrre prodotti eccellenti, metterli sul mercato, E generare valore in un landscape che ci vede al 50mo posto per competitività. Cappello a queste aziende e ai loro proiettori. Chi non appartiene a questo insieme non ha questi meriti.

Pietro.68
Pietro.68

Questi commenti sono squallidi.
Dovreste rivolgere le vs. invettive a chi costringe le aziende ad andare all’estero per sopravvivere e che votiamo da 20 anni a questa parte. Ha fatto la scelta che farebbe chiunque al suo posto. Le sole aziende che rimangono in Italia sono quelle che per loro fortuna hanno un prodotto che consente loro di essere competitive comunque. Il che non impedisce di pensare a “quanto più competitive” sarebbero se fossero in un altro stato (tipo la svizzera).
A chi pontifica su questa scelta dico: guardate la tabella, siamo dietro alla Lituania, cazzo!!!!

AlbertoAlbo
AlbertoAlbo

Buongiorno a tutti. Ho letto i vari commenti e, in quanto parte in causa, intendo spiegare meglio la nostra scelta in questa interessante area di dibattito. Innanzitutto, non è vero che la Svizzera applichi condizioni particolari alle aziende che vi si trasferiscono… non escludo che in alcuni casi possa avvenire, magari per grossi gruppi o realtà che portino molti posti di lavoro, ma nel caso delle PMI come Effetto Mariposa non avviene. Nel nostro caso si è trattato non solo di una scelta aziendale, ma anche di una scelta di vita, dato che abbiamo trasferito tutta la famiglia in Canton Ticino. Nonostante alcuni colgano segnali di miglioramento per la situazione italiana, è un dato di fatto che le prospettive di lavoro per un giovane siano attualmente drammatiche e questo non cambierà a breve termine. Da padre prima ancora che imprenditore, avendone la possibilità, ho valutato che l’essere immersi un un ambiente multi-linguistico e avere accesso a scuole di livello elevato (parlo della scuola pubblica svizzera) fosse il meglio che potevo offrire alle mie figlie, e quindi l’ho fatto. Per quanto riguarda l’azienda, come molti imprenditori italiani la mia aspirazione è… la normalità: lavorare, guadagnare, reinvestire, il tutto in un regime fiscale non punitivo dove i servizi vengano erogati in modo prevedibile, ragionevole e puntuale. La normalità in Italia non esiste in questo momento, e questo è ancora più pesante per le piccole realtà come la nostra, in forte crescita ma sprovviste dei mezzi di aziende più consolidate e strutturate, dato… Read more »

Mauro Franzi
Mauro Franzi

Amen, con buona pace del facile patriottismo di chi ancora non ha capito quanto è malconcio sto disgraziato paese.

anacron
anacron

E perché non lo cambiamo, invece di scappare.

Pietro.68
Pietro.68

Perchè ognuno cerca di salvaguardare i pochi, miseri, privilegi che anni di malcostume in primis e di malgoverno (in tutti i livelli) in secundis, gli ha fornito. Senza chiedersi se ne aveva diritto o se li meritava. E chi ci ha governato si è garantito l’intoccabilità proprio con questo sistema.

YetiMan
YetiMan

Stesso motivo per cui anch’io, avuta l’occasione di trasferirmi a Zurigo con tutta la famiglia, non me la sono lasciata scappare…
E a 15 mesi di distanza posso dire che, senza dubbio, lo rifarei.
Mi ha fatto piacere conoscerti a Eurobike, e passerò da te tutti gli anni per un saluto e uno scambio di opinioni.
La prima volta che passi il Gottardo e ti trovi dalle mie parti, fammi un fischio, i trail intorno a Zurigo meritano davvero!

hball73
hball73

Da padre condivido in pieno quella che è una vera e propria scelta di vita, di cui la scelta imprenditoriale è una diretta conseguenza.
Da acquirente/utilizzatore sono contento che le bollicine bianche che escono dal foro nel mio copertone continueranno a essere prodotte in Italia.
Una scelta comunque coraggiosa e non facile.