Elogio alla semplicità: upgrade trasmissione wireless SRAM Eagle AXS

94
YouTube video

 

L’ultimo pezzo che mancava al montaggio della Yeti SB150 per i test di durata era la trasmissione wireless SRAM AXS. Il pacchetto ha impiegato il tempo record di due mesi e 6 giorni per andare da Schweinfurt, Germania, a Milano, a causa inizialmente di un indirizzo sbagliato e alla burocrazia di UPS poi. Poco male, ho avuto così il tempo, sia fisico che meteorologico, per girare un video sul montaggio dell’upgrade. Infatti SRAM offre un pacchetto che comprende solo deragliatore posteriore e comando a manubrio, partendo dal presupposto che l’acquirente monti già un gruppo della famiglia Eagle.



.

Ricordo che tutta la gamma Eagle è mischiabile senza problemi, come spiegato nel nostro test di qualche tempo fa.

Il prezzo dell’upgrade è di circa 800 Euro.

Commenti

  1. ora come ora sarei molto curioso di provare AXS con cassetta shimano 10/51. la cassetta è scalata meglio della sram. peccato abbiano ovviamente piazzato un corpetto proprietario... il mondo BIKE in questo è veramente terrificante...
  2. DrPeperino:

    Tutte le questioni sull'affidabilità adesso sono premature. Quanto è più o meno affidabile lo si vedrà quando ci sarà uno storico di ore di utilizzo che permetterà al popolo di farsi un'idea.

    E' chiaro che se danneggi un componente elettronico costoso saranno senz'altro dolori, più che un componente meccanico. Ma bisogna vedere come si comporterà l'AXS sotto stress (dopo urti o in sofferenza di piccoli danni ricevuti durante l'utilizzo): tra i vari plausi che si è sempre fatto al sistema Eagle, una critica abbastanza universalmente riconosciuta è che è un sistema delicato dal punto di vista della regolazione. Per mia (e non solo mia) esperienza di questi anni di utilizzo, non è un sistema che incassa molto volentieri botte o urti. In genere qualunque cosa tenda a sbilanciarlo o a sregolarlo ti porta molto velocemente verso condizioni di scarsa affidabilità della trasmissione.
    Se l'AXS incassa meglio potrebbe risultare un sistema complessivamente più confortevole, non solo per l'utilizzo quando va tutto bene, ma anche per un'affidabilità extra (ipotetica..) che può garantire quando non è tutto a posto.
    In generale ha poi il pregio di essere un confort. C'è chi paga per il tettuccio apribile, la retrocamera, il pacchetto inverno ecc.. se provi un cambio elettronico la sensazione di regolazione bella precisa, cambiata efficace, è molto piacevole (per molti utenti).
    Credo che comunque Nino lo abbia già testato molto duramente...
Storia precedente

[Video] Vincent Pernin: autunno in bike park

Storia successiva

Report antidoping 2018: Italia il Paese con più positivi

Gli ultimi articoli in Tech Corner