Focus Italia è il nuovo distributore di Santa Cruz

Focus Italia è il nuovo distributore di Santa Cruz


[Comunicato stampa] Questa nuova partnership permetterà ai dealers italiani di essere serviti direttamente dall’Europa, riducendo significativamente i tempi di attesa ed aumentando notevolmente la disponibilità delle biciclette.

“I riders italiani si identificano con le nostre biciclette perché facciamo le cose in modo diverso dagli altri brands del settore” spiega Rob Roskopp, fondatore di Santa Cruz Bicycles. “Il miglior modo per continuare a crescere incontrando la domanda per i nostri prodotti è di essere sicuri di continuare a fare le cose a modo nostro per offrire la stessa qualità ed esperienza in Italia così come in Nord America. La nostra partnership con Focus Italia Group ci permetterà di farlo, portando i nostri prodotti e la cultura della mountain bike a un numero di dealers e riders in Italia superiore a quanto mai fatto prima”.

“Siamo entusiasti di iniziare questa nuova collaborazione con un brand icona e leader di settore come Santa Cruz” dice Giorgio Garofoli, CEO di Focus Italia Group. “L’esperienza di Focus Italia Group insieme ai talenti di Santa Cruz Bicycles incrementerà significativamente la disponibilità e la promozione dei prodotti in Italia. La collaborazione tra i team vendite, marketing e logistica permetterà un aumento enorme del supporto dato ai clienti Santa Cruz e non vediamo l’ora di iniziare a lavorare insieme”.

L’annuncio della nuova partnership arriva in un momento in cui il supporto marketing Santa Cruz in Europa ha fatto significativi passi in avanti. L’apertura di una nuova sede europea a Morzine (Francia) aperta a gennaio 2018 permette di avere uno show-room aperto al pubblico dove esporre la gamma completa dei modelli Santa Cruz e Juliana.

Tutte le richieste dei dealers relative a nuovi ordini, acquisti o garanzie in essere con il precedente distributore DSB saranno prese in carico da Focus Italia Group. I possessori di Santa Cruz non avranno nessuna conseguenza da questa transizione e continueranno ad essere serviti dai loro dealer. La garanzia a vita rimane attiva così come i privilegi per la sostituzione gratuita dei cuscinetti rimarranno completamente intatti.

Leave a Reply

Notificami di
Ordina per:   più recente | più vecchio | più votato
gargasecca
gargasecca

praticamente dichiarano che con DSB non vendevano quanto volevano…

france-freeride
france-freeride

secondo me non dipende dal numero di bici, ma dai soldi che gli entrano in tasca, in questa maniera essendo una controllata direttamente dalla proprietà a pari numero bici equivale + soldi.

ecox
ecox

Certo non si può dire che dsb non avesse bici disponibili, uno di quei distributori che ha sempre investito.

Curioso di vedere se scenderanno i prezzi.

logio
logio

Finché ne vendono così tante non avrebbe senso ridurre i prezzi, sarebbe anzi controproducente, perché il marchio sarebbe visto come uno dei tanti.
Io non ci trovo niente di speciale nelle loro bici, la definisco la Apple della mtb: sicuramente ottimi prodotti, che strizzano l’occhio al fashion ma che a livello di performance sono alla pari con altri, e a volte anche sotto.

p84
p84

Straquoto

motobimbo

praticamente dichiarano che con DSB non vendevano quanto volevano…

e che adesso sono più sicuri di fare le cose "a modo loro" anche sul piano "culturale"….

Pietro.68
Pietro.68

io non avevo commentato sulla precedente news della separazione da DSB. Ma se si sono separati i casi sono due: o Santa non andava più bene a DSB oppure DSb non andava più bene a Santa.
Altrimenti se tutto funzionava perfettamente sarebbero ancora insieme.

pol hogan
pol hogan

….mi pare che DSB sia stato particolarmente colpito ( incaxxato…) da questa cosa …..credo che DSB non andasse bene per SC….
che poi …tutto si può dire ma non che DSB non sappia fare il suo……

pcortesi
pcortesi

Oppure che essendo Santa di proprietà della stessa azienda che è proprietaria di Focus, hanno deciso di utilizzare un solo canale, già di loro proprietà e guadagnare di più già a parità di bici vendute…….

pol hogan
pol hogan

dici..?? quali potrebbero essere i vantaggi di una “massiccia”distribuzione per noi (me) che fino ad oggi una Santa se la sogna e basta ..?? continuerò a sognarla..?? 🙂 🙂

pcortesi
pcortesi

Per te 2 dita negli occhi, per la proprietà ovviamente guadagni aggratis…..

Dn73

È cambiato il modo di vendere le proprie bici. Santa non è un marchio a se stante come propabilmente era. Adesso fa parte del gruppo Focus e quindi è più che logico che usufruisca del medesimo impianto vendita e distribuzione.
Chi vende Cannondale  vende anche GT…..e da adesso chi vende Focus venderà anche Santa.

france-freeride
france-freeride

non è automatico che chi vende gt vende anche cannondale e viceversa, certo è piu facile perchè hai un unico interlocutore…

DIRT RIDER
DIRT RIDER

esatto…il motivo è semplicemente questo. non capisco tutte le ste lugubrazioni sui complotti contro DSB ….

motobimbo

“I riders italiani si identificano con le nostre biciclette perché facciamo le cose in modo diverso dagli altri brands del settore”…c'è qualcuno che è in grado di spiegarmi in cosa consiste questa diversità nei riguardi di ogni altro?

uomoscarpia
uomoscarpia

il modo diverso è farsi pagare molto di più perchè abbiamo colori fighi

ANDREAMASE

“I riders italiani si identificano con le nostre biciclette perché facciamo le cose in modo diverso dagli altri brands del settore”…c'è qualcuno che è in grado di spiegarmi in cosa consiste questa diversità nei riguardi di ogni altro?

:smile::hahaha:

fitzcarraldo358

“I riders italiani si identificano con le nostre biciclette perché facciamo le cose in modo diverso dagli altri brands del settore”…c'è qualcuno che è in grado di spiegarmi in cosa consiste questa diversità nei riguardi di ogni altro?

che poi è una contraddizione:
gli italiani si identificano perchè facciamo le cose in modo diverso (santacruz+dsb, perchè gli italiani questo conoscono)
però cambiamo distributore per poter fare le cose a modo nostro (quindi con dsb non le facevamo a modo nostro)

:nunsacci:

sembola

È cambiato il modo di vendere le proprie bici. Santa non è un marchio a se stante come propabilmente era. Adesso fa parte del gruppo Focus e quindi è più che logico che usufruisca del medesimo impianto vendita e distribuzione.

Principalmente il motivo è questo.
I numeri di vendita possono entrarci, ma solo marginalmente.

mcpelo68

io non avevo commentato sulla precedente news della separazione da DSB. Ma se si sono separati i casi sono due: o Santa non andava più bene a DSB oppure DSb non andava più bene a Santa.
Altrimenti se tutto funzionava perfettamente sarebbero ancora insieme.

"a pelle"  delle  2 , propendo più  x la seconda..

scnia
scnia

Il mistero per me rimane perché Roskopp abbia venduto la sua creazione a una holding mondiale.
Cioè ti fai il culo una vita poi ti metti a fare il sottoposto nella tua stessa azienda che il giorno che gli rode il sedere ti cacciano pure…

Shelbiminox
Shelbiminox

Si chiama capitalismo

super_robertino
super_robertino

O anche pensione. Magari tuo figlio vuole fare tutt’altro e tu la tua industria te la tieni per farci cosa?

fitzcarraldo358

Più semplicemente una di quelle supercazzole di facciata.

esatto, molto semplicemente…

Tonyraw
Tonyraw

Dalla mia esperienza con Focus Italia brutta notizia x Santa!! Mancanza di comunicazione assoluta, indisponibilità di ricambi e post vendita inesistente … pessima scelta !

sembola

Il mistero per me rimane perché Roskopp abbia venduto la sua creazione a una holding mondiale.

Svariati milioni di dollari nel conto corrente, forse? 😉

gargasecca
gargasecca

secondo me non dipende dal numero di bici, ma dai soldi che gli entrano in tasca, in questa maniera essendo una controllata direttamente dalla proprietà a pari numero bici equivale + soldi.



Per il fatto che non devono pagare il distributore dici?
Giustamente la gestione con il punto Focus, interno al gruppo e già stipendiato, è sicuramente + vantaggioso…:nunsacci:

france-freeride
france-freeride

Sicuramente si, ma anche perché le sussidiarie non lavorano per generare utili ( che devono tornante in capo alla casa madre Pon in questo caso ). Ma per aumentare il margine sulla singola bici.

Non sarebbe strano se focus Italia pagasse di più la singola bici e facesse più sconti al rivenditore per poi girarlo al cliente finale.

Bike Store Mtb Cafe
Bike Store Mtb Cafe

Quello che non torna del passaggio sono i tempi.
19 marzo.
Di solito questi cambi si fanno a fine stagione verso luglio…non nel pieno della stagione con i magazzini di Dsb pieni. Qualcosa deve essere successo…ma non credo porti vantaggio a nessuno un cambio i primi di marzo…

sembola

Di solito questi cambi si fanno a fine stagione verso luglio…non nel pieno della stagione con i magazzini di Dsb pieni.

I magazzini pieni non ce li ha più nessuno da anni ormai…

gipipa
gipipa

francamente fatico a capire che interesse possa vere la questione per il cliente finale
tanto la garanzia la fornisce il venditore, e scaduta quella c’è poco da contare sul magazzino ricambi in ogni caso
direi che siano questioni economiche tra produttore e distributore. averlo dentro il gruppo consente certamente giochi di scatole cinesi.

Bike Store Mtb Cafe
Bike Store Mtb Cafe

I "magazzini pieni" non ce li ha più nessuno da anni ormai…

Di direi di no ..visto che trattiamo Santa Cruz , le bici ci sono eccome e non poche …

pol hogan
pol hogan

io non avevo commentato sulla precedente news della separazione da DSB. Ma se si sono separati i casi sono due: o Santa non andava più bene a DSB oppure DSb non andava più bene a Santa.
Altrimenti se tutto funzionava perfettamente sarebbero ancora insieme.

Oppure che essendo Santa di proprietà della stessa azienda che è proprietaria di Focus, hanno deciso di utilizzare un solo cana, già di loro proprietà…….

dici..?? quali potrebvbero essere i vantaggi per noi (me) che fino ad oggi una Santa se la sogna e basta ..?? continuerò a sognarla..?? 🙂 🙂

sembola

Ti direi di no ..visto che trattiamo Santa Cruz , le bici ci sono eccome e non poche …

Evidentemente per prodotti di questo tipo (e prezzo) la disponibilità è più importante della logica di eliminazione/limitazione del magazzino che è imperante oggi giorno. Costi ignoti a chi dà del ladro al distributore 🙄

Detto questo, non mi pare un gran problema. Una volta che arriva un bel bonifico si carica tutto su un camion e spedisce verso il veronese e (quasi) tutti sono contenti  😉

sembola

francamente fatico a capire che interesse possa vere la questione per il cliente finale

Nessuno se il nuovo distributore sarà efficiente come il precedente. Se…

barbasma

“I riders italiani si identificano con le nostre biciclette perché facciamo le cose in modo diverso dagli altri brands del settore”…c'è qualcuno che è in grado di spiegarmi in cosa consiste questa diversità nei riguardi di ogni altro?

Credo intenda l'immagine scanzonata che hanno anche in DH, piu' a misura d'uomo e meno formula 1…

Sempre di immagine si tratta… perche' poi sono aziende non onlus…

Dn73

Il mistero per me rimane perché Roskopp abbia venduto la sua creazione a una holding mondiale.
Cioè ti fai il culo una vita poi ti metti a fare il sottoposto nella tua stessa azienda che il giorno che gli rode il sedere ti cacciano pure…

Bhe non credo ne che abbia regalato Santa ne che lavori per beneficenza. ..E cmq Santa Cruz è un marchio che produce o marchia prodotti vari. .surf,snowboard,skate ect…occorrerebbe avere una conoscenza più generale di come stanno le cose in casa Santa Cruz.
Io non ho idea di chi si occupa o di chi è la produzione di altre attrezzature . Ne chi in effetti detiene il marchio.

barbasma

francamente fatico a capire che interesse possa vere la questione per il cliente finale
tanto la garanzia la fornisce il venditore, e scaduta quella c'è poco da contare sul magazzino ricambi in ogni caso
direi che siano questioni economiche tra produttore e distributore. averlo dentro il gruppo consente certamente giochi di scatole cinesi.

Nei fatti dsb era un elemento estraneo in filiera sul quale il produttore non poteva intervenire a suo piacere, la cosa va bene se vendi poco o per marchi di nicchia dove avere una distribuzione diretta costerebbe piu' del margine… ma se vuoi espanderti devi prendere in mano tutto…

Adesso sanno esattamente come gestire tutto il margine economico dalla fabbrica al negozio

Avete presente quando negli anni 80 la ktm e' praticamente fallita e Farioli ha gestito la distribuzione italiana? Poi quando si e' risollevata (anche grazie a lui) e ha dovuto espandersi su altro segmenti, ktm ha ricomprato tutto e messo una sede italiana di ktm.

barbasma

Tutti i marchi outdoor di successo prima o poi vengono rilevati dalle multinazionali che ricoprono di soldoni i creatori e gli lasciano posizioni e rendite che farebbero passare il romanticismo a chiunque…a me per primo!

I marchi sono solo facciate, esistono solo per segmentare il mercato

gipipa
gipipa

effettivamente dsb aveva da sempre un eccesso di bici. la cosa è testimoniata dalle "svendite" di fine stagione che da sempre facevano sui marchi da loro trattati.
il che fa oensare solo due cose: o cannavano sistematicamente le previsioni di vendita, oppure erano costretti da accordi commericali ad un acquisto minimo eccessivo.
con tutte le ovvie conseguenze del caso. a incominciare da prezzi gonfiati per far fronte al consistente invenduto.
ed era un circolo vizioso. molti, sapendolo, attendevano i saldi di agosto settembre.
un distributore emanazione diretta della casa non terrà un magazzino importante ma farà arrivare alla bisogna. consentirà una gestione "fiscale tattica". cercherà di evitare i saldi. e, temo, farà anche pochissimo magazzino ricambi. preferendo rvolgersi di volta in volta alla casa madre.

LucaProBiker
LucaProBiker

Penso che per sarebbero stati comunque tempi duri per dsb, in futuro. Vedo santa cruz su probikeshop e chain reaction cycles quindi mi par di capire che il marchio non fosse più sua esclusiva sul territorio italiano già dal 2017…

l.j.silver
l.j.silver

ecco se oltre ad “offrire la stessa qualità ed esperienza in Italia così come in Nord America.”
offriranno anche gli stessi prezzi del USA , magari ne venderanno qualcuna in piu’…..

motobimbo

il modo diverso è farsi pagare molto di più perchè abbiamo colori fighi

saranno fighi per loro e per chi le compra…a me quelle colorazioni non piacciono proprio.

Dn73

ripassino necessario https://www.mtb-mag.com/amarcord-mr-santa-cruz-rob-roskopp/
Santa Cruz fa solo bici

Santa Cruz Bycicles fa solo bici. Vero..quindi era già uno spin off del marchio stesso.

D-Lock

“I riders italiani si identificano con le nostre biciclette perché facciamo le cose in modo diverso dagli altri brands del settore”…c'è qualcuno che è in grado di spiegarmi in cosa consiste questa diversità nei riguardi di ogni altro?

È puro marketing, le cartelle stampa sono tutte scritte così. Quasi sicuramente non sono nemmeno parole di Rob… A me basta che continuino a fare le bici che fanno con la stessa qualità, tutto il resto mi importa il giusto.

D-Lock

Ti direi di no ..visto che trattiamo Santa Cruz , le bici ci sono eccome e non poche …

Sono curioso di quali, perché a me dopo 45 giorni di attesa per una hightower L alla fine mi hanno dato un telaio CC perché il normale C tardava ad arrivare. Oppure ho scelto l'unico modello senza scorte?

sembola

ecco se oltre ad "offrire la stessa qualità ed esperienza in Italia così come in Nord America."
offriranno anche gli stessi prezzi del USA , magari ne venderanno qualcuna in piu'…..

Considerando che nessuna azienda USA vende in Europa ai prezzi USA, non ci conterei 😉

barbasma

Considerando che nessuna azienda USA vende in Europa ai prezzi USA, non ci conterei 😉

Con la guerra commerciale in atto poi….

sembola

Con la guerra commerciale in atto poi….

Non credo che sarà significativa. Mica crederete che le Santa (o le Specialized…) passino dagli USA prima di arrivare a Bergamo o Verona o Milano? 😉

D-Lock

Non credo che sarà significativa. Mica crederete che le Santa (o le Specialized, o le Cannondale…) passino dagli USA prima di arrivare a Bergamo, Verona o Milano? 😉

Non hai però nemmeno prove che NON avvenga. Nel loro video ufficiale dove mostravano l'assemblaggio, dicevano che tutte le bici vengono assemblate lì in California e poi spedite. Vero che il video è tutto molto Hoompa Loompa / fatine / favole, però non sappiamo che giro fanno veramente.

alfio.mail
alfio.mail

solo una precisazione …….. santa non montava le sue bici in california per il nostro mercato, ma arrivavano da bergamo in tante belle scatolette e venivano montate dal sottoscritto e dai vari dealer, la cosa più “scorretta” di tutta questa manovra stà nel fatto che chi come me lavorava con Dsb e distribuiva Santa, non è stato contattato in nessun modo dal gruppo Focus per capire se ci fosse intenzione di continuare con la distribuzione dei loro prodotti, ma si sono rivolti direttamente ai dealer che distribuivano già focus “tagliandoci” fuori senza se e senza ma, sarebbe stata molto più corretta una mail dove il dealer avrebbe potuto decidere se proseguire o meno a seguito delle nuove condizioni, ma così non è stato.

ci-clo
ci-clo

riporto:

“La garanzia a vita rimane attiva così come i privilegi per la sostituzione gratuita dei cuscinetti rimarranno completamente intatti.”

i cuscinetti delle santa sono poi così delicati???

sembola

Esatto, non è detto che vendano di più. Inoltre c'è da dire che dsb ha spinto molto Santa in Italia, anche a discapito di altri marchi che aveva a catalogo, vedi Intense.

Al di là della razionalizzazione della catena commerciale, questo a mio parere è stato un fattore che ha contribuito. Avere un altro marchio "sovrapponibile" per tipologia e posizionamento o addirittura due per un certo periodo non è certo il massimo da diversi punti di vista.

sembola

i cuscinetti delle santa sono poi così delicati???

Non più di altri marchi. Fermo restando che i cuscinetti non sono progettati per ruotare avanti e indietro di 30-40 gradi, ma vale per tutte le full di tutte le marche.

sembola

Non hai però nemmeno prove che NON avvenga. Nel loro video ufficiale dove mostravano l'assemblaggio, dicevano che tutte le bici vengono assemblate lì in California e poi spedite. Vero che il video è tutto molto Hoompa Loompa / fatine / favole, però non sappiamo che giro fanno veramente.

Su Specialized le prove ci sono (il famoso cargo fermatosi a Cipro, che non è propriamente sulla rotta navale dagli USA verso l'Europa ;-))
Può darsi che SC importi da TW in USA e riesporti in Europa. Mi fa strano che sposti la merce a doppio e paghi dazi doppi e che casualmente il risultato sia identico a quello di chi produce a TW e spedisce direttamente in Europa, ma può essere…

D-Lock

Su Specialized le prove ci sono (il famoso cargo fermatosi a Cipro, che non è propriamente sulla rotta navale dagli USA verso l'Europa ;-))
Può darsi che SC importi da TW in USA e poi riesporti in Europa, spostando la merce e pagando i dazi due volte, e che casualmente il risultato sia identico a quello di chi produce a TW e spedisce direttamente in Europa, ma può essere…

Ah guarda, può essere tutto, ma come dicevo prima, escluse tutte le questioni non di pertinenza della distribuzione, a me importa avere lo stesso trattamento di prima in termini di assistenza e ricambi.

Posso immaginare anche che a questo punto le lungaggini per la consegna della mia siano state dovute al cambio di distinzione, ma anche qui, alla fine i 45 giorni preventivati sono stati rispettati, quindi bene così.

motobimbo

Considerando che nessuna azienda USA vende in Europa ai prezzi USA, non ci conterei 😉

ma non sarà un problema di dazi? 😐

sembola

Ah guarda, può essere tutto, ma come dicevo prima, escluse tutte le questioni non di pertinenza della distribuzione, a me importa avere lo stesso trattamento di prima in termini di assistenza e ricambi.

A me sapere che l'azienda a me fa pagare la bici molto di più che in USA invece fa girare le scatole.

Non è una questione di SC, sia chiaro. La Stumpjumper Expert carbon in USA costa 4400 USD pari a 3580 euro. Cartellino italiano: 5390 euro. Anche col 15% di sconto sono sempre un migliaio di euro in più.
Il tutto giocando sul fatto che se la comperi in USA e te la fai spedire ci paghi sopra il 4,7% di dazio ed il 22% di IVA.

D-Lock

A me sapere che l'azienda a me fa pagare la bici molto di più che in USA invece fa girare le scatole.

Non è una questione di SC, sia chiaro. La Stumpjumper Expert carbon in USA costa 4400 USD pari a 3580 euro. Cartellino italiano: 5390 euro. Anche col 15% di sconto sono sempre un migliaio di euro in più.
Il tutto giocando sul fatto che se la comperi in USA e te la fai spedire ci paghi sopra il 4,7% di dazio ed il 22% di IVA.

Ah ok scusa, io mi riferivo alla distribuzione, argomento di questo thread.

 Per i prezzi, capisco e sono d'accordo, Santa per quello che ho visto non è diversa da altre, io alla fine ho speso come il prezzo di listino usa cambiando il simbolo da dollaro a euro, ma immagino che anche negli Usa i negozi facciano sconti, quindi la differenza permane, anche se non facessero il cambio 1:1.

Non ho mai curiosato sui marchi online, i loro prezzi come sono per le varie nazioni?

kremer

A me sapere che l'azienda a me fa pagare la bici molto di più che in USA invece fa girare le scatole.

Non è una questione di SC, sia chiaro. La Stumpjumper Expert carbon in USA costa 4400 USD pari a 3580 euro. Cartellino italiano: 5390 euro. Anche col 15% di sconto sono sempre un migliaio di euro in più.
Il tutto giocando sul fatto che se la comperi in USA e te la fai spedire ci paghi sopra il 4,7% di dazio ed il 22% di IVA, vale a dire poco meno che dal negoziante ma senza la garanzia.

No, vedi sopra.

I prezzi negli USA però sono sempre tasse escluse, quindi a quei 4400$ devi aggiungerci la loro Iva, che varia da stato a stato.

Inviato dal mio ONEPLUS A5010 utilizzando Tapatalk

sembola

I prezzi negli USA però sono sempre tasse escluse, quindi a quei 4400$ devi aggiungerci la loro Iva, che varia da stato a stato.

Non è una vera e propria IVA, è una tassa comunque ed è vero che c'è in quasi tutti gli stati anche se di importo mediamente di un terzo di quella europea.

Considerando una "forchetta" tra i 6 e l'8 % , i 3580 euro dell' esempio variano tra i 3795 ed i 3866 euro.
Ipotizzando uno sconto del 15% (dalle mie parti irrealistico), parliamo sempre di più di 700 euro di differenza, quasi il 20%.

kremer

Non è una vera e propria IVA, è una tassa comunque ed è vero che c'è in quasi tutti gli stati anche se di importo mediamente di un terzo di quella europea.

Considerando una "forchetta" tra i 6 e l'8 % , i 3580 euro dell' esempio variano tra i 3795 ed i 3866 euro.
Ipotizzando uno sconto del 15% (dalle mie parti irrealistico), parliamo sempre di più di 700 euro di differenza, quasi il 20%.

Ma un confronto equo deve essere fatto escludendo le tasse sulle vendite, perché non é colpa dei produttori se l'iva on Europa é il triplo rispetto agli usa

Inviato dal mio ONEPLUS A5010 utilizzando Tapatalk

drmale

Nell'azione di Focus vedo due ragioni. La prima una ragione di marketing: Focus non ha una grande visibilità in Italia e nemmeno un grande blasone, pochi sanno che dietro a SantaCruz oggi c'è proprio il gruppo Focus. SantaCruz porterebbe il blasone e la visibilità che focus fatica a conquistare.
La seconda è legata alla valutazione del rischi commerciali legati alla distribuzione. Ovviamente portare in casa propria la distribuzione del marchio più blasonato significa mettere in sicurezza la rete distributiva da interruzioni e non conformità, tenere sotto controllo garanzie e ripristini, ecc.. Inoltre se la rete dei negozi rimane quella attuale, potrebbe  significare portare proprio in quelle vetrine, anche obtortocollo, il marchio Focus. Chi vende SC spesso tiene anche tutti marchi alta gamma, e Focus finirebbe per goderne. Non mi pare un'azione scellerata dal punto di vista della proprietà.

barbasma

I confronti dei listini sui vari paesi hanno poco senso in generale, perfino in europa dove ogni stato ha regime fiscale diverso, costo del lavoro diverso ecc.ecc.

Dipendono solo dal posizionamento di mercato che viene definito per il marchio

Ovvero quanto e' disposto a spendere un cliente? Quali sono i marchi concorrenti? Quanto voglio vendere? Quanto posso marginare?

Se santa volesse vendere tante bici da xc si scontrerebbe con trek specy e bmc che nell'xc vendono a palate anche bici da 7/8mila euro…dove l'immagine di santa e' inesistente…

Da noi santa passa per marchio elitario, negli Usa per niente dato che ne hanno almeno altri 10 pari target in concorrenza..intense… pivot…rocky..
 Yeti…

sembola

Ma un confronto equo deve essere fatto escludendo le tasse sulle vendite, perché non é colpa dei produttori se l'iva on Europa é il triplo rispetto agli usa

Premesso che non è un'IVA ma un'altra cosa, sicuramente la diversa tassazione delle imprese e del consumo ha la sua importanza, ma una differenza del genere non è spiegabile solo con questo.

barbasma

Il mercato mtb rispetto ad altri settori outdoor e' strutturalmente "arretrato" causa la presenza ancora degli importatori/distributori e della resistenza di punti vendita che sembrano dei garage.

Dsb non e' saltato perche' non faceva il suo lavoro, anzi lo faceva bene dato che si e' arricchito e si e' creato una immagine molto forte in italia (nel bene e nel male)

Lui vendeva roba che altri si sono rovinati per tentare di vendere.

Ma quando un marchio entra in un gruppo enorme conta solo una cosa, vendere!

Come del resto vendere contava per Dsb!
Anche se ha personalizzato molto il marketing dei suoi prodotti al punto che Dsb = Santa in italia.

 Forse alcun dei suoi "adepti" non compreranno piu' santa solo per questo e come la metteranno i negozi dove si vendeva santa e yeti adesso che la concorrenza sara' feroce e non calmierata?

barbasma

e dopo che l' hai venduta che fai?
Un imprenditore senza impresa?

Guarda Musk prima di Tesla cosa ha fatto… crea.. vendi bene… riparti investi.. crea…vendi bene… riparti investi…

barbasma

Focus non "paghera'" fisicamente nulla dato fa capo ad una holding, potra' gestirlo finanziariamente con comodo all'interno del bilancio del gruppo

Fa una differenza enorme nei margini di manovra.

sembola

Guarda Musk prima di Tesla cosa ha fatto… crea.. vendi bene… riparti investi.. crea…vendi bene… riparti investi…

Oppure ti godi la vita, la famiglia, gli amici.

klasse
klasse

Forse adesso si troveranno le taglie che servono e i modelli.

barbasma

Oppure ti godi la vita, la famiglia, gli amici.

Poraccio… non lo invidio… hahaha

giorgiocat

Bah comunque se Santa è stata venduta a Focus Group (Pon Holding) beh mi sembra naturale che gestiscano "internamente " la distribuzione. In ogni caso usare strutture già esistenti in focus Group sicuramente aumenta il margine o (molto meno probabilmente ) permette di diminuire i prezzi. Perchè avrebbero dovuto tener un altro intermediario di mezzo? A me sembra fosse un passaggio prevedibile

caoos

presto partiranno con la vendita on line https://www.focusitaliagroup.it/it/santa-cruz/ sono curioso di vedere se scenderanno di prezzo…anche se dubito.
Spesso i marchi premium mantengono listini elevati di proposito per lo status symbol

pk71
pk71

Questa è PON Holdings, https://en.m.wikipedia.org/wiki/Pon_Holdings , ditemi se poteva farsi distribuire da DSB?
Abbasseranno i prezzi e venderanno anche porta a porta pur di rientrare negli obiettivi della PON, altrimenti…..caput!
Diventerà come tante altre, sempre che sia stata differente prima…..mah?!

barbasma

presto partiranno con la vendita on line https://www.focusitaliagroup.it/it/santa-cruz/ sono curioso di vedere se scenderanno di prezzo…anche se dubito.
Spesso i marchi premium mantengono listini elevati di proposito per lo status symbol

Intense ha ribassato i prezzi…di tanto.

barbasma

Certo che la scelta di mettere il sito santa come link su in sito dove girano a nastro citybike elettriche… non e' proprio il massimo

pk71
pk71

Ti direi di no ..visto che trattiamo Santa Cruz , le bici ci sono eccome e non poche …

Mi togli una curiosità? sempre che si possa dire :spetteguless:. Immagino che le produzioni non siano su ordinativo e che quindi vengano prodotti X telai per essere montati in parte subito in parte su ordine, correggimi se sbaglio, ma poi alla fine di tutti i giri ci sarà un'invenduto, quello che fine fa? in discarica? resta in collo al distributore?

fitzcarraldo358

Condizioni molto diverse ma risultato identico. E' curioso, non credi?

Esattamente. Ma è curioso che il posizionamento sia identico in Grecia come in UK o in Germania.

a me però non sembra così curioso, dal momento che in UE abbiamo la libera circolazione delle merci… avrebbe senso un prezzo diverso in grecia rispetto alla germania, quando un tedesco può tranquillamente acquistare in grecia e viceversa?

sembola

a me però non sembra così curioso, dal momento che in UE abbiamo la libera circolazione delle merci… avrebbe senso un prezzo diverso in grecia rispetto alla germania, quando un tedesco può tranquillamente acquistare in grecia e viceversa?

Prova a guardare i prezzi delle stesse auto in paesi differenti.
Dimostra che può avere senso, perchè paesi diversi hanno capacità reddituali differenti e se vuoi vendere devi adeguare il prezzo. Certo, le auto sono meno facilmente spostabili di un cartone, ed infatti vi sono realtà del mondo del ciclo  con un listino unico europeo. Ma hanno anche un solo distributore e non uno per paese.

barbasma

Mi togli una curiosità? sempre che si possa dire :spetteguless:. Immagino che le produzioni non siano su ordinativo e che quindi ad inizio stagione vengano prodotti X telai per essere montati in parte subito in parte su ordine, correggimi se sbaglio, ma poi alla fine di tutti i giri ci sarà un'invenduto, quello che fine fa? in discarica? resta in collo al distributore?

Suppongo che prima dsb se le teneva in magazzino e svendeva alla bisogna facendo sconti al negozio…

Adesso cambia tutto, quindi bisogna attendere ma credo funzionera' come per tutti gli altri grossi marchi come trek o specialized che hanno sedi italiane…

pk71
pk71

Suppongo che prima dsb se le teneva in magazzino e svendeva alla bisogna facendo sconti al negozio…

Adesso cambia tutto, quindi bisogna attendere ma credo funzionera' come per tutti gli altri grossi marchi come trek o specialized che hanno sedi italiane…

Non è che mi interessano le SC a sconto. Penso che i produttori buttino molto, molto di più di quello che pensiamo. Poi chi rimane con il cerino in mano sono distributori e negozi in primis.

barbasma

Non è che mi interessano le SC a sconto. Penso che i produttori buttino molto, molto di più di quello che pensiamo. Poi chi rimane con il cerino in mano sono distributori e negozi in primis.

Buttare addirittura non ha senso… in senso assoluto.. ok ovviamente non possono piazzare 1000 telai al 50%… ma se cannano le previsioni di 1000 telai.. meglio che cambino mestiere…

I marchi top piuttosto lasciano i clienti a secco…

La questione e' capire se santa diventera' come trek e specy che saturano il mercato pur di fare numero a tutti i costi… il cliente deve essere soddisfatto a tutti i costi in un mercato dove se aspetti troppo vanno da altri…

Comunque ci sono aziende apposite che ritirano gli stock di invenduto e lo piazzano… e' per quello che online trovi giacche outdoor di marca (vere non tarocche) al 50% a fine stagione…

Ma il mercato mtb ad alto target e' fatto di numeri ridicoli… difficile avanzi tanta roba..

Pero' se guardi gli sconti che volano sui componenti tipo forche fine serie online… ti rendi conto

barbasma

Intanto anche Niner…

http://ninerbikes.life/acquisition/

pk71
pk71

Intanto anche Niner… ha smesso di fare il marchio hipster… senza soldi per stare in piedi… http://ninerbikes.life/acquisition/ http://reviews.mtbr.com/niner-purchase-by-uwhk-limited-complete   UWHK Ltd. was formerly Emersion International, a Hong Kong-based entity. UWHK is an investment firm in premium global outdoor brands and a division of United Wheels Ltd. United Wheels is the majority shareholder in Huffy Corp. We will have common ownership with Huffy, but we are not the same company. Our relationship will be similar to Pon’s ownership of Cervélo and Santa Cruz, or Dorel’s ownership of mass-market bike brands as well as Cannondale. With UWHK’s support, Niner can focus on quality off-road product R&D and effective strategies to maximize gains,” said Bruno Maier, managing director of new business for UWHK, an outdoor-brands investment firm under Cayman Islands-based United Wheels Limited that was formed for purposes of the deal. Che triste fine .. un fondo finanziario delle cayman… Non credo ci sia “crisi, anzi i grossi gruppi finanziari credono in questo mercato, lo dimostrano gli articoli che stiamo commentando, il problema è che di solito quando arrivano loro, nella maggior parte dei casi, resta il marchio se va bene altrimenti nemmeno quello, con buona pace di chi compra marchi di “élite”. Per le rimanenze invece credo che 1000 telai di troppo in un mercato globale non siano niente e che mooolti telai e componenti vadano al macello, se non fosse così si mangerebbero il mercato. Mi ripeto, succederà come nel mercato immobiliare, un giorno Boooom! E rimarrà solo chi è riuscito e… Continua a leggere »

federico.g
federico.g

Se le santacruz avessero prezzi umani “renderebbero di più in Italia, non centra il distributore…

D-Lock

Se le santacruz avessero prezzi umani "renderebbero di più in Italia, non centra il distributore…

Cosa intendi per prezzo umano? E ancora, siamo sicuri che vendendole a un terzo del prezzo ne venderebbero tre volte tante?

federico.g
federico.g

Tre volte tante no ma ne renderebbero di piu, a me piace piace un sacco la bronson secondo me è l’allmontain migliore sul mercato ma se costasse meno la avrei già presa…

sembola

Cosa intendi per prezzo umano?

Prova ad andare dalla signora Cesira a dirgli che la Canyon o la YT a 3000 euro è un "prezzo umano".

federico.g
federico.g

Si ok a con 3000€ non compri neanche il telaio santacruz….

D-Lock

Prova ad andare dalla signora Cesira a dirgli che la Canyon o la YT a 3000 euro è un "prezzo umano".

Ma come, io avevo capito che 3000€ di $brandtedescochevendeonline è il miglior investimento possibile…

D-Lock

solo una precisazione …….. santa non montava le sue bici in california per il nostro mercato, ma arrivavano da bergamo in tante belle scatolette e venivano montate dal sottoscritto e dai vari dealer, la cosa più "scorretta" di tutta questa manovra stà nel fatto che chi come me lavorava con Dsb e distribuiva Santa, non è stato contattato in nessun modo dal gruppo Focus per capire se ci fosse intenzione di continuare con la distribuzione dei loro prodotti, ma si sono rivolti direttamente ai dealer che distribuivano già focus "tagliandoci" fuori senza se e senza ma, sarebbe stata molto più corretta una mail dove il dealer avrebbe potuto decidere se proseguire o meno a seguito delle nuove condizioni, ma così non è stato.

Grazie della precisazione, ma quindi per capire gli attuali rivenditori SC non lo sono più? Solo gli attuali rivenditori Focus? O potete comunque "ridiventare" loro rivenditori con la nuova distribuzione?

Non dico che non ti credo, ma mi pare molto strana come mossa, specie per i clienti che del distributore non sanno nulla, ma sanno chi è il loro negoziante… Devo sentire Pro-M mi sa…

Pietro.68
Pietro.68

E ancora, siamo sicuri che vendendole a un terzo del prezzo ne venderebbero tre volte tante?

aggiungo: per fare pari?
Dovrebbero vendere ad un terzo del prezzo per venderne 4 volte tanto. allora "forse" gli conviene.

drmale

solo una precisazione …….. santa non montava le sue bici in california per il nostro mercato, ma arrivavano da bergamo in tante belle scatolette e venivano montate dal sottoscritto e dai vari dealer, la cosa più "scorretta" di tutta questa manovra stà nel fatto che chi come me lavorava con Dsb e distribuiva Santa, non è stato contattato in nessun modo dal gruppo Focus per capire se ci fosse intenzione di continuare con la distribuzione dei loro prodotti, ma si sono rivolti direttamente ai dealer che distribuivano già focus "tagliandoci" fuori senza se e senza ma, sarebbe stata molto più corretta una mail dove il dealer avrebbe potuto decidere se proseguire o meno a seguito delle nuove condizioni, ma così non è stato. Fino a ieri il motore di ricerca dei rivenditori locali del sito focus group italia non segnalava nessun rivenditore del marchio Santa Cruz, sicuramente è un problema di aggiornamento dei dbase, però è anche strano che non sia stato pianificato per tempo. Santa Cruz è un marchio premium, ma si tratta sempre di un brand che ha si e no 20 anni alle spalle, brand ben più blasonati sono scomparsi alla velocità della luce.In precedenza ho già detto che per Focus, Santacruz può essere utile per tendere a una posizione di marchio premium, ma le operazioni di immagine mal gestiste finiscono per essere dannose. In un mercato sottile come quello delle mtb, Santacruz sparisce senza nemmeno aver capito quello che stava succedendo. Pensate a Cinelli, cioè il… Continua a leggere »

sembola

Tre volte tante no ma ne renderebbero di piu…

Venderne "di più" ma guadagnarci complessivamente meno? A che pro?
Leggiti questo post https://www.mtb-mag.com/forum/threads/santa-cruz-e-dsb-bonandrini-si-separano.364084/page-6#post-8339904 :spetteguless:

sembola

Si ok a con 3000€ non compri neanche il telaio santacruz….

Alla signora Cesira frega nulla, per lei è una pazzia che una bicicletta costi 3000 euro, che al Mercatone ce n'era una bellissima a 119 euro, non è un prezzo "umano".

In un'economia di mercato il prezzo "giusto" è quello che siamo disposti a spendere :medita:

motobimbo

Alla signora Cesira frega nulla, per lei è una pazzia che una bicicletta costi 3000 euro, che al Mercatone ce n'era una bellissima a 119 euro, non è un prezzo "umano".

però è anche vero che la signora Cesira ha cagato circa 10.000 euro per fare il corredo matrimoniale alla figlia con le lenzuola di lino e tutto il resto….

ANDREAMASE

però è anche vero che la signora Cesira ha cagato circa 10.000 euro per fare il corredo matrimoniale alla figlia con le lenzuola di lino e tutto il resto….

e allora poteva anche buttar lì 3/4mila euro per un telaio per il genero, dai….

motobimbo

e allora poteva anche buttar lì 3/4mila euro per un telaio per il genero, dai….

ovvio….specialmente perchè si chiama "SANTA CRUZ"….un nome che è una garanzia all'ombra del cuppolone…..

D-Lock

Tre volte tante no ma ne renderebbero di piu, a me piace piace un sacco la bronson secondo me è l'allmontain migliore sul mercato ma se costasse meno la avrei già presa…

Posso essere cattivo? Costasse meno sarebbe una Jeffsy… [emoji12]

barbasma

Cioé tutti i negozianti SC sono stati segati a parte chi di loro vendeva anche focus?

Mi risulta saranno tutti contattati anche perche' molti negozianti che vendevano tutto il catalogo dsb… quindi yeti e mondraker… vendevano un botto di Santa.. quindi sarebbero masochisti a tagliarli fuori… significa fare in modo che chi comprava santa passi subito a yeti… non c'e' grande differenza di costo sugli allestimenti top…6/8 mila euro in su…

Sono convinto che alcuni clienti dsb non compreranno santa a priori…

Altri invece inizieranno a comprarla adesso proprio perche' dsb e' saltato…

barbasma

Cosa intendi per prezzo umano? E ancora, siamo sicuri che vendendole a un terzo del prezzo ne venderebbero tre volte tante?

Un terzo del prezzo e' assurdo, mica sono le bici del grancasa ..

Ma scendere del 20% gia' apre un varco enorme a chi vuole allestire

Va che solo telaio trek o specy mica costano meno… la questione e' che loro scontano anche del 20… quindi il listino e' farlocco…

fitzcarraldo358

Alla signora Cesira frega nulla

però è anche vero che la signora Cesira….

OT
ma è la Cesira Fantoni che si fa chiamare Cesy Phantoni (col Ph)?

motobimbo

scusate eh….ma solo per il discorso "garanzia"….se è vero com'è vero che ne risponde il venditore per quella legale (lasciamo perdere quella a vita), come possono farli fuori? secondo me è evidente che verranno ricontattati e/o riproposti a condizioni magari diverse, ma comunque contrattabili….una rete così com'è ora non si smantella, sia per ragioni di opportunità e per ragioni legate al prestigio del marchio…..il rivenditore finale esautorato cosa fa nel momento in cui deve fare fronte ad un problema di garanzia?

motobimbo

scusate eh….ma solo per il discorso "garanzia"….se è vero com'è vero che ne risponde il venditore per quella legale (lasciamo perdere quella a vita), come possono farli fuori? secondo me è evidente che verranno ricontattati e/o riproposti a condizioni magari diverse, ma comunque contrattabili….una rete così com'è ora non si smantella, sia per ragioni di opportunità e per ragioni legate al prestigio del marchio…..il rivenditore finale esautorato cosa fa nel momento in cui deve fare fronte ad un problema di garanzia?

barbasma

Inutile anche solo pensarlo, segare un negozio che vende bene il tuo marchio… da scemi.. anzi incentivalo ulteriormente con premi sui numeri… per dargli margine di manovra che prima non aveva…

L'unico rischio e' che focus per vendere santa imponga strutture e altri marchi… allora per alcuni negozi saranno casini…

barbasma

Per altro santa e' un marchio quasi totalmente improntato sul gravity… non che puoi sbatterlo in un negozio di bdc… senza esperienza nel settore….senza vendere tutti i complementi quali caschi… protezioni… abbigliamento… zaini…scarpe…

Sono target di clientela opposti… gestiti attualmente solo da grossi marchi come specy e trek che sono in grado di offrire tutto di tutto… per tutti…

Sarebbe un suicidio commerciale…

teoDH

La cosa più interessante di questo comunicato è sapere che Santa ha aperto la sua sede europea a Morzine…

kiko5

La cosa più interessante di questo comunicato è sapere che Santa ha aperto la sua sede europea a Morzine…

La Santa sede 🙂

ANDREAMASE

La Santa sede 🙂

:}}}:

barbasma

La Santa sede [emoji2]

Win win win win win

wpDiscuz