[Foto Gallery] Tributo di Commencal a Jb Liautard

[Foto Gallery] Tributo di Commencal a Jb Liautard

Francesco Mazza, 22/04/2020
Whatsapp
Francesco Mazza, 22/04/2020

Commencal ha dedicato una serie di pubblicazioni alla sua media crew e a ciascun fotografo e videomaker. In questo primo capitolo, un approfondimento sul fotografo e videomaker Jb Liautard.

[Comunicato stampa]  –  Se seguite un po’ le nostre notizie, avrete notato che COMMENCAL punta forte sulle competizioni. E in particolare sul DH: la Formula 1 della MTB da discesa. Questa è la pratica più impegnativa. Per il rider, ma anche per il materiale. Sia in termini di prestazioni che di affidabilità. È il nostro modo di sviluppare le migliori bici e dimostrarlo al mondo.

Oltre all’energia che dedichiamo alle prestazioni, dedichiamo anche un’enorme quantità di tempo alla produzione di immagini. Durante tutto l’anno, realizziamo servizi fotografici e video. A volte orientati al prodotto, a volte orientati al rider. Pubblichiamo costantemente contenuti. Più di tutti. Per realizzare queste riprese, da alcuni anni, abbiamo creato la nostra media crew. Oggi è composta da 4 artisti. Artisti che vivono il marchio dall’interno, che conoscono i nostri rider meglio di chiunque altro e che partecipano alla genesi dei nostri nuovi telai, delle nostre nuove gamme. Abbiamo deciso di approfittare di questo periodo, abbastanza calmo per loro, per mettere in evidenza il loro talento.

Questo primo capitolo è dedicato a JB. Capace di realizzare video incredibili, la fotografia rimane il suo campo preferito. Premiato al RedBull Illume, vincitore della foto dell’anno su Pinkbike, il suo talento è innegabile. Gli abbiamo chiesto di selezionare i suoi 25 scatti preferiti. E raccontarvi la storia di ciascuna di queste foto. Ecco il risultato.

Testi e foto: Jb Liautard / @jbliautard

Lavoro a stretto contatto con COMMENCAL da 3 anni, girando il mondo per fotografare nuove bici, vivere avventure e raccontare la vita di alcuni riders. Nel corso degli anni ho scattato innumerevoli foto e selezionarne solo 25 è stato abbastanza difficile. Ecco le mie immagini preferite che ho fotografato in questo periodo.

Rémi Thirion – La Palma

Ho scattato questa foto durante la mia prima missione per COMMENCAL sull’isola di La Palma nel 2016. Avevamo trascorso il nostro primo giorno a esplorare l’isola perché non sapevamo nulla del luogo. Fortunatamente, abbiamo avuto una guida che ci ha detto che c’era stato un grande incendio boschivo nell’area alcuni mesi prima e che l’area era ancora in cenere.

Abbiamo deciso di andare lì ed esplorare la zona per vedere come appariva. La foresta era per lo più bruciata e nera ma alcune zone erano coperte da questi aghi arancioni. Una specie di paesaggio inaspettato e surreale, proprio di fronte a noi! Non c’erano sentieri nella foresta, quindi dovevamo trovare le nostre linee per scattare. Ricordo di essermi caricato di così tanta pressione perché sapevo che dovevo fare una bella foto in questo paesaggio unico e fugace, ma non avevo idea di come farlo. Penso che Rémi abbia fatto tutta la magia quando ha iniziato a arrampicarsi su questo burrone. Volevo mantenere il contrasto dei colori naturali dell’area, quindi non ho usato la luce artificiale e abbiamo semplicemente aspettato che il sole sparisse dietro le nuvole per scattare.

Louis Hamilton – Coronet Peak

Coronet Peak è sicuramente uno dei posti più belli in cui sia mai stato. Siamo andati in Nuova Zelanda per girare il video per il nuovo Furious nel 2017. Era la prima volta che ci andavo. La prima cosa che volevamo fotografare era questo hip, nascosto da qualche parte vicino al famoso sentiero Coronet Peak vicino a Queenstown. Louis è dell’Isola del Nord e non aveva mai provato questo salto prima. L’obiettivo era di iniziare le riprese all’alba. Ci siamo svegliati molto presto e abbiamo iniziato a vagare per la zona con i nostri fari per trovare finalmente questo salto. Pensavamo che la parte difficile fosse finita, ma dopo alcuni salti, Louis si schiantò e si ruppe la sella poco prima che il sole sorgesse dalle montagne. Non era certamente l’ideale. Dopo 5 minuti di riflessione, siamo tornati in macchina pensando che la giornata fosse finita. Sulla via del ritorno, abbiamo incontrato altri due ragazzi che sarebbero venuti anche per questo salto. Hanno gentilmente accettato di prestarci una sella. E anche se il tubo era troppo piccolo, lo abbiamo ingrandito con del nastro adesivo. Siamo riusciti a terminare le riprese del mattino grazie a questi ragazzi.

Cécile Ravanel – Tasmania

È stato il peggior giorno di riprese / giro di tutti i tempi. Nel 2017, il la seconda tappa delle EWS si è svolta a Derby, in Tasmania. Dopo dieci giorni di clima perfetto, il giorno della finale è stato sicuramente il peggiore da molto tempo. Una grande tempesta ha colpito la regione, ha piovuto tutto il giorno, fino all’ultima prova. Mentre cercavo di coprire tutta la mia attrezzatura con l’ombrello, ho avuto l’idea di usare i miei flash sotto la pioggia durante la gara. Ho dovuto costruire un’installazione sotto la pioggia e sono corso su un albero in mezzo alla pista per appendere i miei flash sotto un sacchetto di plastica. Fortunatamente, tutto è andato bene e non ci sono stati danni. Ho aspettato Cécile e ho scattato la foto nel momento in cui  i flash si nascondevano sullo sfondo.

Yoann Barelli – Squamish

La costa occidentale del Canada nasconde certamente le foreste più belle che abbia mai visto in vita mia. Capisci rapidamente perché tutto è così verde se ci sei stato in autunno, inverno o primavera. Piove la maggior parte del tempo. Ho scattato questa foto a Squamish nel 2017. Stavamo tornando da una giornata di riprese nella foresta con Yoann e il suo cane Jackson. Era sul lato della strada, poco prima di arrivare a casa. Il British Columbia è davvero vivo in questo periodo dell’anno, il salmone risale i fiumi e puoi facilmente vedere centinaia di aquile che lo pescano.

Rémi Thirion – La Palma

Gli incendi boschivi sono una delle peggiori cose che possono accadere alla natura, ma tra tutti i loro aspetti negativi, però si lasciano dietro una tela vergine. I colori scompaiono e le ceneri coprono tutto, rendendo l’area davvero fotogenica. Ho scattato questa foto sull’isola di La Palma, mentre scattavo per la nuova META V4.2 nel 2016, nella stessa foresta della prima foto di questo articolo, a poche centinaia di metri di distanza. La bici era grigia, come l’abbigliamento di Rémi, che dava l’impressione che l’intera scena fosse naturalmente in bianco e nero.

Antoine Clément – Ardèche

Trascorro molto tempo nella mia macchina, andando a scattare o andando a girare e ho notato questa roccia durante uno dei miei viaggi. Dopo esserci passato più volte davanti, mi sono reso conto che il sole stava tramontando in una posizione perfetta dal mio punto di vista, ma solo durante l’inverno. Così ho chiamato il mio amico e abbiamo deciso di andare lì con le nostre biciclette e dare un’occhiata. Dovevo essere molto lontano e usare una lente lunga per avvicinare lo sfondo. Siamo stati fortunati con il tempo perché il sole stava tramontando esattamente dove l’avevo immaginato, offrendo questo aspetto caldo all’immagine e mostrando solo ombre e strati della montagna.

Jeremy Berthier – Bourgoin

Due cose che mi piacciono della fotografia sono le sagome e i riflessi. Ho voluto usare entrambi in un frame per molto tempo. Dopo molti disegni, sapevo cosa stavo cercando, ma mi ci sono voluti sei mesi per ottenere le condizioni perfette e le idee finali. Il sentiero di Jeremy è un’opera d’arte e questo salto è sicuramente un punto culminante. Sapevo di voler scattare da un lato e ottenere questo riflesso, ma era davvero secco in questo periodo dell’anno. Quindi non c’era acqua intorno.

Quando ho visto una carriola attorno ai salti, ho avuto l’idea di riempirla d’acqua per creare uno specchio. Quel giorno non avevamo un tubo dell’acqua, quindi dovevo andare avanti e indietro con le lattine da un piccolo fossato vicino alla strada. Dopo aver trascorso un bel po ‘di tempo a regolare la carriola e a pulire l’acqua nel pomeriggio, il mio specchio era finalmente pronto per le riprese serali.

Quella sera, siamo stati fortunati ad avere alcuni amici che ci hanno aiutato con il fuoco e la regolazione del fumo. Il lavoro più difficile è stato quello di Jeremy perché doveva girare quasi alla cieca. Andare in bicicletta di notte è così spaventoso e non posso ringraziare abbastanza i riders quando si trovano in queste condizioni. Dopo alcuni tentativi, abbiamo ottenuto questa foto, proprio come l’avevo immaginata all’inizio. È stato davvero fantastico vedere finalmente l’immagine che avevo in testa da mesi, visualizzata sullo schermo della mia macchina fotografica.

William Robert – Green River

Lo Utah è probabilmente uno dei luoghi più emblematici della storia del Freeride. Quando si guida in autostrada attraverso questo stato, il paesaggio sembra sempre lo stesso, anche se il deserto cambia, anche il colore della terra è diverso ed  anche il tempo cambia dopo ogni chilometro percorso. Ho visto così tante foto di Green River nel corso degli anni e come fotografo, questo posto è ovviamente sempre stato nella mia lista. Abbiamo avuto la possibilità di viaggiare lì la scorsa primavera con William Robert e siamo rimasti colpiti da queste rocce marroni posizionate su promontori di terra nera. Quella presente in questa immagine era forse la più bella perché sembrava una meteora. Non c’era nulla di veramente scorrevole, né qualcosa di interessante per regolare l’inquadratura che volevo intorno a lui. Quindi l’unico modo era scattare da un punto basso con un obiettivo molto lungo. E William ha girato su questa cresta a poche decine di metri dalla roccia.

Jéremy Berthier – Lyon

Quando ho trovato questa foresta non troppo lontano da casa, volevo immediatamente fare una foto di un giro, ma volevo anche conservarlo perché non è un paesaggio normale in Francia. Ecco perché Jeremy ha creato un kicker in legno un po’ speciale per questo piano. Quindi non abbiamo dovuto scavare nella foresta. È stato davvero difficile trovare l’equilibrio di salto perfetto e il timing era serrato. Il tempo non era dalla nostra parte perché era davvero nebbioso al mattino. Abbiamo aspettato tra le nuvole forse un’ora e mezza prima che la nebbia si diradasse per appena 10 minuti.

Andreu Lacondeguy – Barcellona

Conosco Andreu da alcuni anni, ma è stata la prima volta che abbiamo avuto l’opportunità di incontrarci quando ha firmato con COMMENCAL all’inizio di quest’anno. A marzo, siamo andati in Catalogna per girare un video di benvenuto e scattare alcune foto. Dopo aver trascorso una giornata a Osor al Pure Riding Bike Park, siamo andati a casa sua, vicino a Barcellona. Questa foto è stata scattata nel suo giardino alla fine della giornata. Ho chiesto ad Andreu se poteva fare questo salto che si trova in basso rispetto alla sua linea, mentre stavamo girando dei video su una linea più in alto. Il trick non è stato difficile da scegliere perché Andreu realizza sicuramente il SuperMan più bello di tutti. Di solito ci sono alcuni tramonti incredibili lì, ma non siamo stati così fortunati con il tempo in questo viaggio. Di conseguenza abbiamo scattato con un cielo nuvoloso, anche se il risultato non è stato poi così male.

Kilian Bron – Isola di Lipari

Questa immagine mi fa sorridere ogni volta che la guardo, probabilmente perché abbiamo riso così tanto fino al nostro luogo di ripresa. Eravamo alle Isole Eolie con Kilian Bron lo scorso dicembre e il nostro unico mezzo di trasporto e l’hotel era una barca a vela. Ciò significava che non avevamo modo di raggiungere le aree per gli scatti. Quindi abbiamo dovuto camminare, chiamare un taxi o, meglio ancora, noleggiare scooter. Il sentiero sul quale stavamo per scattare al tramonto era dall’altra parte dell’isola. Eravamo in ritardo, quindi l’unico modo per arrivare in tempo era portare Kilian con uno degli scooter, che era già piuttosto pesante con 2 ragazzi ciascuno con una borsa con il materiale fotografico. Non siamo stati veloci come sembra!

Jéremy Berthier – Bourgoin

Ci sono posti in cui sei stato così tante volte che non pensi di avere ancora qualcosa da scattare lì. Questo è quello che ho più o meno pensato dopo aver passato ore e ore sui salti di Jeremy alla ricerca di nuove idee negli ultimi 3 anni. Non avevo mai fatto questo salto prima perché è l’ultimo del sentiero e non si trova in un’area direttamente colpita dal tramonto. Ma questa volta, c’era una pozzanghera molto grande proprio accanto. Jéremy aveva dimenticato di chiudere l’acqua il giorno prima, quindi ha riempito questo grande buco fatto dalla pioggia. Tuttavia, c’erano molte foglie morte in superficie, quindi ho trascorso gran parte del pomeriggio a rimuoverle. Abbiamo iniziato a scattare alla fine della giornata con un piccolo gruppo di riders. Il cielo non era incredibile subito dopo il tramonto, quindi abbiamo aspettato un po’ e improvvisamente è diventato rosa. Ho chiesto ai riders di fare qualche altro tentativo nonostante l’oscurità. Alla fine, questa è stata l’immagine migliore.

Daniel Fleury – Isola di Vancouver

Direi che il mio rapporto con nebbia e bagliori è piuttosto forte. Ho scattato questa foto durante un viaggio all’isola di Vancouver con Brendan Howey e Daniel Fleury mentre stavamo girando il video per il nuovo FURIOUS BC. Alla fine della giornata, abbiamo deciso di scattare in clear-cut. Il tempo era così nebbioso che non potevamo nemmeno vedere 15 metri davanti a noi. Ricordo che Brendan e Daniel hanno dovuto togliere gli occhiali per gli scatti a causa della pioggia. Una volta terminato il giro, vidi questi alberi in piedi nel mezzo del nulla. Quindi ho chiesto a Daniel di sedersi lì per un secondo. Ho usato un flash per illuminare l’intera scena, perché senza di essa non avremmo potuto vedere molto.

Paul Couderc – Figeac

Quando parliamo di fotografia in mountain bike, di solito vediamo immagini d’azione. Anche se l’azione è fantastica da girare, mi piace anche fotografare cosa succede prima e dopo un giro. In questa foto, Paul stava lavando la bicicletta sotto la pioggia fuori casa. Conosciamo tutti quella sensazione quando sei stanco della tua giornata in sella alle intemperie e devi ancora pulire la bici prima ancora di fare la doccia. Ho usato due flash con gel arancione per creare un’effetto di retroilluminazione e questo colore.

Paul Couderc – Figeac

Ho provato alcuni concetti con Paul nell’ultimo anno e questa immagine è stata una delle ultime cose che abbiamo provato. Abbiamo avuto l’idea di usare la farina sul kicker per aggiungere più elementi alla foto di un salto classico. Dopo alcuni tentativi, abbiamo notato che la farina sul kicker non era abbastanza. Il fratello di Paul, Adrien, ci ha quindi aiutato lanciando farina nell’aria appena prima del salto. Abbiamo fatto qualche tentativo e abbiamo fatto questa foto l’ultima volta all’ultimo tentativo con l’ultima farina che ci era rimasta.

Jéremy Berthier – Bougoin

I momenti prima dell’alba sono spesso buoni come l’alba stessa. Abbiamo deciso di provare a scattare al mattino sui salti di Jeremy ma non sapevamo davvero che ora aspettarci perché la sua pista è in fondo a una valle. Vivo a mezz’ora da casa sua e durante tutto il viaggio non ho visto nulla a causa della fitta nebbia. Improvvisamente si schiarì quando arrivai lì, ma c’erano ancora alcuni banchi di nebbia nei campi vicino ai salti. Per questo abbiamo fatto alcuni scatti prima dell’alba.

Myriam Nicole – Morzine

La stagione autunnale è la mia preferita. Non ho mai avuto la possibilità di visitare il Cile o il Colorado in questo periodo dell’anno, ma le Alpi sono altrettanto belle. Abbiamo deciso di andare a Morzine con Myriam per una settimana lo scorso ottobre. Con la stagione dei Mondiali, è davvero difficile trovare il tempo di girare con i piloti di DH durante l’anno. Era solo la seconda volta che giravo con Myriam. Il bike park era ovviamente chiuso ma siamo comunque riusciti a scattare alcune foto sulle piste principali. Non sono i più facili da scattare perché sono generalmente abbastanza larghi. Ma almeno è veloce e non abbiamo dovuto costruire nulla. I colori arancioni dell’autunno hanno reso un percorso classico un po’ speciale.

Paul Couderc – Figeac

Alcuni salti sono perfetti per girare ma difficili da fotografare. Questo qui è in fondo a un campo, con una foresta sul lato che nasconde la luce del tramonto. Non ci sono molti modi per ottenere una buona illuminazione, motivo per cui ho scelto di fotografarlo dopo il tramonto con alcuni flash. Volevo usare di nuovo il fumo per mascherare lo sfondo scuro, ma coprire una superficie così grande con del fumo non è affatto facile. Abbiamo dovuto installare molti flash di grandi dimensioni tutti allineati sul lato del salto, in più il fratello di Paul ci ha aiutato a creare fumo lanciando erba sui flash.

William Robert – Les 2 Alpes

Abbiamo lavorato a questo progetto per 2 anni. Sognavo un grande salto in montagna, con una luce perfetta a fine giornata. È più o meno la cornice perfetta nella quale ogni fotografo sogna di scattare una foto in mountain bike, ma non è mai facile da realizzare. Grazie a Les 2 Alpes, siamo stati in grado di scavare una linea su un terreno perfettamente esposto. A causa di problemi tecnici e logistici, William e i suoi due amici avevano solo 4 giorni per scavare l’intera linea e non hanno avuto il tempo di fare il salto più grande che avrebbero voluto. Alla fine, hanno comunque fatto molto. Pochi giorni dopo, siamo tornati con William e gli altri ragazzi del team media per una settimana di riprese. Una linea da sogno, una luce perfetta e William Robert, tutto era pronto per realizzare contenuti meravigliosi. Avevamo un’intera linea per scattare e girare, ma non eravamo mai soddisfatti di scattare questo salto, che era ovviamente il punto più interessante della linea.

Nicolas Mazzoleni – Grenoble

Ho attraversato così spesso questi grandi campi di noci e ho sempre pensato che fossero potenzialmente fantastici per un servizio fotografico. Dopo aver trascorso del tempo su una mappa per trovare il posto perfetto, ho trovato questa stradina dritta nel mezzo di un campo. Poi ho chiesto a un mio amico di unirsi a me una mattina d’inverno per vedere cosa sarebbe stato possibile. Ho portato con me un grande specchio per ottenere questo riflesso nella parte inferiore dell’inquadratura. Era più o meno una foto di allenamento, ma alla fine mi è piaciuta. E non sono mai tornato per scattare altre foto d’azione.

Quinn Hanley e William Robert – Kamloops

Nel 2018, subito dopo il Crankworx Whistler, abbiamo viaggiato 7 giorni nel British Columbia tra Spences Bridge e Kamloops. C’erano stati molti incendi boschivi in ​​tutta la regione, portando a un’atmosfera fumosa in una vasta area. Ricordo di essere atterrato a Vancouver senza riuscire a vedere il suolo dall’aereo fino alla fine. Il fumo era così denso che bloccava la luce del sole e l’unica cosa che potevamo vedere nel cielo era una sfera rossa. Almeno, il fumo nell’aria era interessante per le foto ed è per questo che siamo andati al ranch di Kamloops l’ultima sera del viaggio per scattare un po’ queste condizioni.

Paul Couderc – Figeac

Ci sono volute tre sere per ottenere questa foto perché non avevamo calcolato quanto sarebbe stato difficile. I tempi di uno scatto come questo devono essere molto precisi perché Paul ha dovuto saltare quando ha iniziato a diventare davvero buio, anche se riusciva ancora a vedere un po’. Il nostro primo problema era il fumo. Anche se non c’era vento, notammo che il fumo saliva la collina per i primi dieci minuti, poi scendeva dall’altra parte. Era davvero difficile da controllare e il fumo era troppo basso sulla terra. Il giorno successivo, abbiamo acceso fuochi più grandi in modo che il calore spingesse il fumo più in alto. Sfortunatamente, il vento soffiava verso la macchina foto ed era impossibile per Paul vedere qualcosa. La terza sera, siamo stati fortunati e dato che sapevamo che non erano stati commessi errori, tutto è andato bene.

Jéremy Berthier – Lyon

Quello che mi piace della fotografia è l’incertezza. All’inizio del pomeriggio, ho chiesto a Jérémy Berthier e Nicolas Terrier se erano pronti per le riprese al tramonto sulle loro linee. Tutti abbiamo pensato che fosse una buona idea perché i tramonti spesso sono belli lì. Per ore, il sole offre luce dorata direttamente davanti ai salti. Una volta lì, ho iniziato a cercare una o due idee di foto. Alla fine, nessuno di loro ha funzionato perché sono arrivate le nuvole e sapevamo che il tramonto che stavamo aspettando non si sarebbe verificato. Ero un po’ perso, ma poco prima del buio ha iniziato a piovere e ci siamo concentrati su un salto. Adoro scattare sotto la pioggia con i lampi, ma è sempre difficile per la mia attrezzatura e per i riders. Uno dei miei flash, quello a destra, si è spento per la maggior parte dei tentativi, senza motivo. Non volevo perdere tempo a risolvere il problema. Sono stato fortunato perché all’improvviso ha funzionato di nuovo soltanto per questa foto. Non è stato facile, ma i riders sanno quanto mi piace lavorare in condizioni meteorologiche avverse. Immagino che ormai si siano abituati.

Kilian Bron – Isola di Lipari

Dopo esserci svegliati alle 5 del mattino sulla nostra barca a vela, dovevamo raggiungere la cima di questa collina per l’alba. Guidare l’equivalente di un banco di sabbia alto 100 metri nel bel mezzo della notte e sotto la pioggia non era certamente la migliore strategia per uno scatto, specialmente quando ti aspetti una buona luce per una sessione mattutina. Una volta raggiunta la cima di questa cava di pomice, abbiamo avuto qualche minuto per rifiatare prima che il sole finalmente si presentasse sotto le nuvole. Pioveva ancora e cominciarono ad apparire gli arcobaleni. Il mare blu sullo sfondo non è una laguna, ma il suo colore è dovuto alla sabbia pomice bianca che scende dalla cava verso l’acqua. Ho scattato questa foto dopo la prima discesa di Kilian giù per la collina. Stava risalendo per un altro lato, a perdifiato, su un terreno irregolare che poteva collassare in qualsiasi momento.

Hugo Frixtalon – Sunshine Coast

Questo è stato sicuramente il mio giorno di riprese preferito dell’anno 2019. Abbiamo avuto la possibilità di assistere a un’intera giornata di fitta nebbia sulla Sunshine Coast. È difficile selezionare una singola foto da questo servizio, ma dato che ha vinto il premio Pinkbike Photo of the Year, ho pensato che meritasse il suo posto qui. Abbiamo camminato su questa pista tutto il giorno durante le riprese e questa foto è stata scattata nell’ultima parte perché la luce stava svanendo. Stava diventando troppo buio per scattare, quindi ho provato a fotografare questo salto con i flash e ci siamo arrivati dopo alcuni tentativi.

Commençal

 

Commenti

  1. Che belle foto, non oso immaginare quanto studii e lavoro vi sia dietro ogni singola foto. Bello che commencal abbia dedicato un tributo a che sta dietro la macchina
  2. Articolo stupendo e bellissima idea di Commencal! Scatti da cui emerge una passione e una professionalità davvero grande. Un mago dell'inquadratura e della luce...incantato!