Fox 32 SC vs. Rock Shox SID WC, la prova sul campo

Fox 32 SC vs. Rock Shox SID WC, la prova sul campo

#32

13/12/2016
Whatsapp
13/12/2016

[ad3]

Dopo l’articolo di presentazione e di paragone dei dettagli tecnici delle nuove forcelle da XC di Fox e Rock Shox, veniamo alla tanto attesa prova sul campo. Sono state montate sulla nostra Focus Raven Max in uso ormai dalla primavera, e provate sui soliti sentieri che usiamo per i test.

File_001

Per rendere il paragone il più preciso possibile, abbiamo inserito lo stesso numero di tokens nella camera d’aria della 32 e della SID: due, per l’esattezza. La pressione ottimale si aggirava attorno ai 61 PSI per entrambe le forcelle. Il tester pesa 70 kg senza vestiti.

L’operazione di apertura della camera d’aria per togliere/mettere i token è piuttosto semplice, differisce solo dagli attrezzi usati: la Fox necessita di una chiave esagonale a testa piatta, mentre la RS fa uso dello stesso attrezzo per fissare il pacco pignoni al mozzo posteriore. I token vanno semplicemente avvitati all’interno del tappo.

F75R9116

Qui sotto il dettaglio della SID.

F75R9120

Se avete letto con attenzione i test singoli di ciascuno forcella (qui e qui), saprete che ci troviamo di fronte a due prodotti molto evoluti e che segnano una vera e propria linea di demarcazione rispetto ai loro predecessori, sia per l’idraulica che per la solidità dell’insieme. In parole povere, non si sbaglia se si acquista l’una o l’altra. Questi i motivi:

  1. la rigidità strutturale di entrambe è avanti anni luce rispetto ai modelli precedenti. Scordatevi di vedere la ruota anteriore che sembra venirvi incontro quando siete in staccata. La guida è molto precisa, soprattutto se abbinata allo standard Boost (perno passante da 110mm al posto dei classici 100mm), perché anche la ruota da 29 sarà più rigida, grazie ad un migliore angolo di campanatura dato proprio da quei 10mm di perno in più.
  2. L’idraulica è stata presa dai modelli da enduro dei due marchi. Sia la 32 che la SID sono molto sensibili ai piccoli urti, sono sostenute nella corsa e, quando si gira sullo scassato, incassano estremamente bene i colpi, considerando che hanno solo 100mm di escursione.
  3. Entrambe sono dotate di comando remoto a manubrio che le blocca completamente. Una caratteristica, questa, essenziale per chi fa gare di XC o granfondo, perché permette di risparmiare energia. Non c’è pericolo di rompere nulla, se ci si dimentica di aprirle prima della discesa, visto che hanno una valvola di sicurezza che impedisce di rovinare l’idraulica.

F75R9134

Leggendo fino a qui sembra che Fox e Rock Shox si siano copiate a vicenda, ma non è il caso, perché le differenze ci sono. Prima di tutto il peso rilevato da noi (cliccare qui per vedere le configurazioni esatte).

Fox 32 Step Cast 29: 1.380 grammi
Rock Shox SID WC 29: 1.550 grammi.

170 grammi sono pochi, ma sono una differenza che può spingere un biker a comprare una al posto dell’altra, in particolare se si vuole montare la bici il più leggera possibile.

La differenza più grande è però quella che si sente sul sentiero: la Fox 32 ha una struttura che dà più feedback al rider. In parole povere, è meno comoda della SID, cioè più sportiva. Se la SID ricorda la Pike per le sue grandi doti di mangiarsi via le asperità e non trasmetterle a chi sta in sella, la 32 ricorda la 36, proprio perché è più diretta nel comportamento, meno propensa a staccare il rider dal terreno. Occhio che non stiamo parlando di rigidità, ma proprio dell’insieme idraulica + telaio.  Se vi può aiutare, la 32 è un po’ più “racing” della SID, quindi anche più stancante sulle lunghe percorrenze come può essere una granfondo.

Allo stesso modo la 32 è più progressiva della SID, a parità di Token, proprio per la filosofia racing di Fox, per cui un fondocorsa significa non avere più riserve ed è da evitare come la peste. È più difficile sfruttare tutta la corsa della 32 rispetto alla SID. Niente di nuovo, se avete usato una qualsiasi forcella Fox saprete di cosa stiamo parlando. Diciamo che, se non si fanno gare a tutta, questa caratteristica può non venire apprezzata perché dei 100 mm se ne usano al massimo 80/90. È vero anche il contrario: se si è in fuorisoglia e con zero tempo per pensare alla linea migliore, la 32 “pensa” per voi ed avrete qualche possibilità in più di non capottarvi.

File_002

Conclusioni

Partendo dal presupposto che stiamo parlando di due forcelle top di gamma dalle ottime prestazioni e che non si sbaglia acquistando l’una o l’altra, le differenze sostanziali stanno nel feeling molto racing della Fox 32, ideale per chi fa gare a tutta, in particolare sulle brevi distanze, a discapito di una certa comodità in più offerta invece dalla Rock Shox SID, che ben si presta a distanze granfondistiche per il semplice fatto di stancare di meno il rider superate le due ore di riding.

In ogni caso, vi dimenticherete delle vostre vecchie forcelle da XC appena monterete sulla vostra bici una di queste due.

Prezzi

I prezzi di listino sono:

Fox 32 SC Factory: 1.159 Euro
Rock Shox SID WC: 1255-1336 Euro

Fox | Rock Shox

[ad45]