Gli itinerari del FAI: i dintorni di Villa della Porta Bozzolo

11

Vi presentiamo il secondo itinerario tra natura e cultura che ci propone Federica Amelio per il FAI (qui trovate il primo). Siamo ancora nel varesotto, ma questa volta in Valcuvia, nei dintorni della bellissima Villa della Porta Bozzolo (descritta nel primo minuto del video-racconto).

L’itinerario, adatto a tutti, vi porterà a scoprire una valle rurale secondaria, poco nota ma ricca di storia. La Valcuvia, tra l’altro, è interamente attraversata dalla pista ciclabile (oggi incompleta) che collega Laveno a Luino, due località turistiche affacciate alla sponda lombarda del Lago Maggiore.
Siamo certi che vi stupirà come un territorio così piccolo (e poco conosciuto) possa nascondere così tanti luoghi speciali, da scoprire e raccontare.

YouTube video

 

  • Lunghezza: 25 km
  • Dislivello: 400 m
  • Durata: 2-3 ore (dipende dalle soste)
  • Difficoltà: facile, il giro è adatto a tutti (mogli comprese!). La maggior parte del percorso è su sterrato e ciclabile. Si segnalano un paio di tratti col fondo un po’ smosso e un paio di salite molto ripide a Cassano Valcuvia per visitare le trincee della Linea Cadorna. Il resto del giro è prevalentemente pianeggiante.
  • Punto di partenza e arrivo: Villa della Porta Bozzolo del FAI, a Casalzuigno (VA)
  • Tappe: 1. Cuveglio (Torre di Canonica) – 2. Ciclabile Laveno-Luino – 3. Azienda Agricola il Vallone – 4. Rancio Cantevria (antica stazione della tramvia) – 5. Cassano Valcuvia (Ridotto di San Giuseppe, Linea Frontiera Nord) – 6. Rancio Valcuvia – 7. Cavona – 8. Cuvio
  • Traccia GPS

 

Commenti

  1. Bravissima! Video realizzato in maniera professionale e con tante belle cose da vedere: va oltre al trail discesistico fino a se stesso ( irrimediabilmente sempre uguale) ma che invece si concentra su elementi culturali e naturalistici che nutrono l'anima. Poi le caprette, come tutti i mammiferi a noi così vicini, sono amiche mie. :-)
  2. Ivo:

    Gradevole video che con leggerezza accosta l'escursionismo alla conoscenza architettonica, storica e paesaggistica, stringendo l'occhio al divertimento della guida nell'uso giocoso della bici. Purtroppo la distanza mi è avversa e non so se avrò occasione di frequentare i luoghi descritti, intanto però i video sono un piacere.
    Grazie per il tuo commento, hai colto nel segno! Con piacere propinerò altri video..!!
Storia precedente

La prospettiva del Flow

Storia successiva

X-Games Real MTB: Semenuk, Zink, Sandler & altri

Gli ultimi articoli in Viaggi e uscite in mountain bike